Giallo - thriller - noir

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Descrizione: Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2011

ISBN: 9788831709767

Trama

Le Vostre recensioni

Un romanzone di 670 pagine, quello dell’esordiente Costantini (classe 1952, dirigente della Luiss Guido Carli di Roma), molto sostenuto dall’editore Marsilio dal punto di vista promozionale e capace di ottenere un’entusiastica recensione di Antonio D’Orrico molto ben evidenziata nella fascetta. Per una volta, però, non sono del tutto d’accordo con il guru dei critici italiani (e mio mito personale).

Trovo in “Tu sei il male”, infatti, numerose luci ma anche qualche ombra. Le luci. Michele Balistreri è davvero un bel personaggio. Controverso, sfaccettato, maledetto. Dopo una scapestrata giovinezza passata tra alcol, donne e un impegno diretto in frange di estrema destra, vive una controversa esperienza nei servizi segreti che gli vale una sorta di “redenzione” e un parcheggio in un comodo commissariato della periferia di Roma per finire – decenni dopo – per diventare capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale quando, ormai cinquantenne, è quasi astemio, ha smesso di fumare e conduce una vita praticamente da asceta (se non fosse per gli antidepressivi).
Altro aspetto ben riuscito: l’ambientazione che mette allo scoperto connivenze tra politica e religione romane e/o veramente italiane.

Perché è in quest’ambito che muove i primi passi l’indagine. 11 luglio 1982: è la sera della finale Italia – Germania del mondiale spagnolo.
Ma è anche la sera in cui scompare Elisa Sordi, splendida diciottenne impiegata in una società che fa capo al Vaticano. Siamo ancora nella fase “disimpegnata” di Balistreri, che prende sottogamba le indagini sino a che non è troppo tardi: il corpo di Elisa viene trovato sul greto del Tevere. Un fardello enorme si carica sulle spalle del giovane commissario che, caparbiamente, porta avanti l’indagine. Si abbatterà con impeto di tornado su preti, cardinali e senatori provocando sconquassi molto gravi nelle loro vite. Sconquassi con conseguenze estreme.

Cambio di scena e di mondiali. Finale Italia – Francia a Berlino, 6 luglio 2006. La madre di Elisa Sordi si getta dalla finestra e si uccide. Qualcosa si risveglia in Balistreri. Qualcosa lo risveglia dal torpore ovattato degli antidepressivi. Ricomincia a scavare e, tra vecchi fantasmi e nuove vittime, si imbatte in una realtà infinitamente peggiore di quella che si sarebbe immaginato e intraprende una vera e propria discesa agli inferi che per lui simboleggia il ritrovare se stesso. Dove sono le ombre, quindi? Nel mio modesto parere di lettore, si pone un tema di compattezza: si sarebbero potute eliminare cento – centocinquanta, per non dire duecento, pagine senza che la storia e l’intreccio ne risentissero (serve dire che Balistreri si accende una sigaretta tutte le volte che lo fa? E se A parla con B e poi dice le stesse cose a C serve ripetere il dialogo parola per parola?). Questa “asciugatura” è più un lavoro dell’editor che dell’autore. Marsilio probabilmente ha ancora nelle
orecchie le ovazioni per la Millenium Trilogy. Ma tenere alta la tensione per settecento pagine non semplice.  E’ cosa proprio da Stieg Larsson e da pochi altri. A me, poi, non convince l’idea di fondo. Le
motivazioni che muovono il killer sono limpide, cristalline, ben delineate. Le modalità, invece, mi risultano poco credibili. Di più non posso dire per non rovinarvi la sorpresa… e poi, chi sono io per
contraddire Antonio D’Orrico? Leggetelo e sappiatemi dire, è meglio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Costantini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Costantini Roberto

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Elegie di Patti Smith

Il giovane Theo Decker sta visitando una mostra di pittori fiamminghi al Metropolitan Museum di New York quando accade l'inconcepibile: lo scoppio di una bomba, calcinacci, sangue e grida dappertutto, e per terra decine di corpi senza vita, tra cui quello della madre di Theo. Sconvolto e in stato confusionale, Theo si allontana dal luogo dell'attentato senza che i soccorsi e le forze dell'ordine riescano a intercettarlo. E, per timore di finire affidato ai servizi sociali (il padre ha da tempo abbandonato la famiglia per rifarsi una vita con la nuova fidanzata a Las Vegas), si nasconde nel suo appartamento insieme al pacchetto che una delle vittime gli ha affidato pochi minuti prima di morire. Il tesoro contenuto all'interno, un piccolo prezioso dipinto raffigurante un cardellino, sarà l'unica costante, il centro di gravità permanente nella vita deragliata di Theo, simbolo di un'innocenza impossibile da riscattare. E insieme miccia di una pulsione autodistruttiva destinata a tormentarlo per sempre. Tra i salotti dell'Upper East Side e la desolazione della periferia Las Vegas, tra amori impossibili e vizi inconfessabili, capolavori rubati e vertiginose fughe lungo i canali di Amsterdam.

Il cardellino

Tartt Donna