Giallo - thriller - noir

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Descrizione: Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2011

ISBN: 9788831709767

Trama

Le Vostre recensioni

Un romanzone di 670 pagine, quello dell’esordiente Costantini (classe 1952, dirigente della Luiss Guido Carli di Roma), molto sostenuto dall’editore Marsilio dal punto di vista promozionale e capace di ottenere un’entusiastica recensione di Antonio D’Orrico molto ben evidenziata nella fascetta. Per una volta, però, non sono del tutto d’accordo con il guru dei critici italiani (e mio mito personale).

Trovo in “Tu sei il male”, infatti, numerose luci ma anche qualche ombra. Le luci. Michele Balistreri è davvero un bel personaggio. Controverso, sfaccettato, maledetto. Dopo una scapestrata giovinezza passata tra alcol, donne e un impegno diretto in frange di estrema destra, vive una controversa esperienza nei servizi segreti che gli vale una sorta di “redenzione” e un parcheggio in un comodo commissariato della periferia di Roma per finire – decenni dopo – per diventare capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale quando, ormai cinquantenne, è quasi astemio, ha smesso di fumare e conduce una vita praticamente da asceta (se non fosse per gli antidepressivi).
Altro aspetto ben riuscito: l’ambientazione che mette allo scoperto connivenze tra politica e religione romane e/o veramente italiane.

Perché è in quest’ambito che muove i primi passi l’indagine. 11 luglio 1982: è la sera della finale Italia – Germania del mondiale spagnolo.
Ma è anche la sera in cui scompare Elisa Sordi, splendida diciottenne impiegata in una società che fa capo al Vaticano. Siamo ancora nella fase “disimpegnata” di Balistreri, che prende sottogamba le indagini sino a che non è troppo tardi: il corpo di Elisa viene trovato sul greto del Tevere. Un fardello enorme si carica sulle spalle del giovane commissario che, caparbiamente, porta avanti l’indagine. Si abbatterà con impeto di tornado su preti, cardinali e senatori provocando sconquassi molto gravi nelle loro vite. Sconquassi con conseguenze estreme.

Cambio di scena e di mondiali. Finale Italia – Francia a Berlino, 6 luglio 2006. La madre di Elisa Sordi si getta dalla finestra e si uccide. Qualcosa si risveglia in Balistreri. Qualcosa lo risveglia dal torpore ovattato degli antidepressivi. Ricomincia a scavare e, tra vecchi fantasmi e nuove vittime, si imbatte in una realtà infinitamente peggiore di quella che si sarebbe immaginato e intraprende una vera e propria discesa agli inferi che per lui simboleggia il ritrovare se stesso. Dove sono le ombre, quindi? Nel mio modesto parere di lettore, si pone un tema di compattezza: si sarebbero potute eliminare cento – centocinquanta, per non dire duecento, pagine senza che la storia e l’intreccio ne risentissero (serve dire che Balistreri si accende una sigaretta tutte le volte che lo fa? E se A parla con B e poi dice le stesse cose a C serve ripetere il dialogo parola per parola?). Questa “asciugatura” è più un lavoro dell’editor che dell’autore. Marsilio probabilmente ha ancora nelle
orecchie le ovazioni per la Millenium Trilogy. Ma tenere alta la tensione per settecento pagine non semplice.  E’ cosa proprio da Stieg Larsson e da pochi altri. A me, poi, non convince l’idea di fondo. Le
motivazioni che muovono il killer sono limpide, cristalline, ben delineate. Le modalità, invece, mi risultano poco credibili. Di più non posso dire per non rovinarvi la sorpresa… e poi, chi sono io per
contraddire Antonio D’Orrico? Leggetelo e sappiatemi dire, è meglio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Costantini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Costantini Roberto

Da Il Buono, il Brutto e il Cattivo di Sergio Leone a La città incantata di Hayao Miyazaki, passando per The Elephant Man di David Lynch e Il monello di Charlie Chaplin: 50 film che hanno segnato un epoca. Un libro che farà scoprire ai ragazzi tutta la meraviglia del cinema, sotto la guida di uno dei più grandi maestri italiani della regia. «Se esistesse ancora un me dodicenne, e se avessi qualcuno che mi donasse una lista di cinquanta film da guardare, lo troverei il regalo più bello del mondo.» Quali sono i film da guardare per diventare grandi? Quelli che fanno emozionare, ridere, pensare... e che ogni ragazzo dovrebbe vedere per imparare tutto sul cinema e, perché no, sulla vita? Un libro a cura del regista Giuseppe Tornatore che racconta 50 pellicole imperdibili, dalla saga di Harry Potter, per vivere una grande avventura e scoprire il valore dell'amicizia, a L'attimo fuggente, per capire quanto sia importante affrontare la vita seguendo se stessi. Dai grandi classici che hanno segnato un'epoca fino ai più recenti successi cinematografici, ogni film è presentato da un testo che ne racconta la trama e i temi principali e affiancato da una doppia pagina di approfondimento sul regista e sugli attori, con aneddoti e curiosità sul mondo e sui mestieri del cinema.

50 film per diventare grandi

Tornatore Giuseppe

Bianca, giovane rampolla di una famiglia borghese, scopre per caso di aver suscitato, alcuni anni prima, l’interesse di uno sceicco di nome Rashad. Il loro incontro però non aveva potuto concretizzarsi in quanto l’uomo era rimasto vittima di un attentato che lo aveva lasciato in parte sfigurato. Bianca, incuriosita, rintraccia lo sceicco che la accoglie nel suo sontuoso palazzo in Qatar. Alto e bello, Rashad reca alcune cicatrici ma è rimasto attraente e in forze. Lui però non se ne fa una ragione soffrendo profondamente per la propria condizione. Solo l’amore di Bianca potrà restituirlo alla vita.

Rashad

Panzacchi Francesca

Quanti sono i Bret Easton Ellis del nuovo romanzo in cui l'autore racconta la storia della propria vita? C'è lo scrittore Bret Easton Ellis, giovane, ricco e famoso, che viene a sapere della morte improvvisa di un padre violento proprio mentre la sua carriera naufraga in un mare di degradazione e di droga. C'è lo scrittore Bret Easton Ellis una decina di anni più tardi, insediato in un elegante quartiere residenziale con moglie, figli e governante. C'è il Bret Easton Ellis figlio di Robert Ellis sr, ossessionato dal fantasma del genitore. C'è il Bret Easton Ellis padre di Robert Ellis jr, che tenta disperatamente di evitare il perpetuarsi di un modello distruttivo. E c'è anche uno scrittore senza nome, che è la voce interiore del nuovo Bret Easton Ellis. L'autore giura sull'assoluta verità autobiografica dei fatti narrati: veniamo così a sapere cosa succedeva dietro le quinte del forsennato tour promozionale per Glamorama, ma anche di un invito alla Casa Bianca di Jeb e George W. Bush, suoi grandi fan, nonché di una tormentata storia d'amore con l'attrice Jayne Dennis da cui è nato il piccolo Robby, mai riconosciuto... È per amore del figlio ormai dodicenne, oltre che per condurre una vita più sobria, che lo scrittore decide di sposare Jayne e andare a vivere lontano dalla città. Ma l'idilliaca scena suburbana - padre, madre e due bambini, perché nel frattempo Jayne ha avuto una figlia - è funestata da fatti terrorizzanti quanto inspiegabili: a cominciare da un party di Halloween, per dodici lunghi giorni, gli abitanti della casa di Elsinore Lane sono in balia di forze misteriose, perseguitati da presenze maligne. Mentre il lettore si dibatte nell'incubo ipnotico creato dalla scrittura di Ellis, i figli maschi delle coppie ricche, famose e felici della zona cominciano a scomparire nel nulla... Brillante e più che mai imprevedibile, in Lunar Park Bret Ellis reinventa se stesso e affronta uno dei grandi temi della letteratura di sempre: il difficile, spesso doloroso rapporto tra padri e figli.

LUNAR PARK

Easton Ellis Bret

Ogni giorno Gesù parla al nostro cuore attraverso le letture della messa. Tante volte però non siamo in sintonia con lui per stanchezza o per semplice incomprensione dei testi sacri. Spesso avremmo bisogno di una spiegazione o di un commento chiaro, che ci permetta di capire le letture per poi metterle in pratica. Il messalino, che possiamo portare sempre con noi, ci viene incontro con il commento/meditazione delle letture; ci fa conoscere la vita e l'esempio del santo del giorno; ci guida nella liturgia quotidiana e nelle preghiere della Chiesa. Diviene, così, un compagno di viaggio semplice ed edificante durante tutte le ore del giorno.

Sulla tua parola. Messalino maggio-giugno 2016.

Fusco Roberto