Giallo - thriller - noir

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Descrizione: Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2011

ISBN: 9788831709767

Trama

Le Vostre recensioni

Un romanzone di 670 pagine, quello dell’esordiente Costantini (classe 1952, dirigente della Luiss Guido Carli di Roma), molto sostenuto dall’editore Marsilio dal punto di vista promozionale e capace di ottenere un’entusiastica recensione di Antonio D’Orrico molto ben evidenziata nella fascetta. Per una volta, però, non sono del tutto d’accordo con il guru dei critici italiani (e mio mito personale).

Trovo in “Tu sei il male”, infatti, numerose luci ma anche qualche ombra. Le luci. Michele Balistreri è davvero un bel personaggio. Controverso, sfaccettato, maledetto. Dopo una scapestrata giovinezza passata tra alcol, donne e un impegno diretto in frange di estrema destra, vive una controversa esperienza nei servizi segreti che gli vale una sorta di “redenzione” e un parcheggio in un comodo commissariato della periferia di Roma per finire – decenni dopo – per diventare capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale quando, ormai cinquantenne, è quasi astemio, ha smesso di fumare e conduce una vita praticamente da asceta (se non fosse per gli antidepressivi).
Altro aspetto ben riuscito: l’ambientazione che mette allo scoperto connivenze tra politica e religione romane e/o veramente italiane.

Perché è in quest’ambito che muove i primi passi l’indagine. 11 luglio 1982: è la sera della finale Italia – Germania del mondiale spagnolo.
Ma è anche la sera in cui scompare Elisa Sordi, splendida diciottenne impiegata in una società che fa capo al Vaticano. Siamo ancora nella fase “disimpegnata” di Balistreri, che prende sottogamba le indagini sino a che non è troppo tardi: il corpo di Elisa viene trovato sul greto del Tevere. Un fardello enorme si carica sulle spalle del giovane commissario che, caparbiamente, porta avanti l’indagine. Si abbatterà con impeto di tornado su preti, cardinali e senatori provocando sconquassi molto gravi nelle loro vite. Sconquassi con conseguenze estreme.

Cambio di scena e di mondiali. Finale Italia – Francia a Berlino, 6 luglio 2006. La madre di Elisa Sordi si getta dalla finestra e si uccide. Qualcosa si risveglia in Balistreri. Qualcosa lo risveglia dal torpore ovattato degli antidepressivi. Ricomincia a scavare e, tra vecchi fantasmi e nuove vittime, si imbatte in una realtà infinitamente peggiore di quella che si sarebbe immaginato e intraprende una vera e propria discesa agli inferi che per lui simboleggia il ritrovare se stesso. Dove sono le ombre, quindi? Nel mio modesto parere di lettore, si pone un tema di compattezza: si sarebbero potute eliminare cento – centocinquanta, per non dire duecento, pagine senza che la storia e l’intreccio ne risentissero (serve dire che Balistreri si accende una sigaretta tutte le volte che lo fa? E se A parla con B e poi dice le stesse cose a C serve ripetere il dialogo parola per parola?). Questa “asciugatura” è più un lavoro dell’editor che dell’autore. Marsilio probabilmente ha ancora nelle
orecchie le ovazioni per la Millenium Trilogy. Ma tenere alta la tensione per settecento pagine non semplice.  E’ cosa proprio da Stieg Larsson e da pochi altri. A me, poi, non convince l’idea di fondo. Le
motivazioni che muovono il killer sono limpide, cristalline, ben delineate. Le modalità, invece, mi risultano poco credibili. Di più non posso dire per non rovinarvi la sorpresa… e poi, chi sono io per
contraddire Antonio D’Orrico? Leggetelo e sappiatemi dire, è meglio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Costantini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Costantini Roberto

Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi

Roma, aprile del 1944. L'archeologo Filippo Cavalcanti è incaricato dal Ministero di recarsi a Bressanone per controllare gli imballaggi di un carico di opere d'arte destinate alla Germania. Arrivato sul luogo, l'ormai anziano professore conosce Quintino, un intraprendente ragazzo ischitano spedito al confino in Alto Adige. Vista la situazione incerta in cui versa il Paese e il pericolo che minaccia entrambi, i due decidono di scappare insieme per riportare le opere d'arte a Roma. In un avventuroso viaggio da nord a sud, i due uomini, dalla personalità molto diversa, e nonostante la distanza sociale che li separa, avranno modo di conoscersi da vicino e veder crescere pian piano la stima reciproca. Grazie alle capacità pratiche di Quintino e alla saggezza di Cavalcanti, riusciranno a superare indenni diversi ostacoli ma vivranno anche momenti difficili incontrando sulla strada partigiani, fascisti e nazisti, come pure contadini, monaci e gente comune, disposti ad aiutarli nell'impresa. Giunti finalmente a Roma, che nel frattempo è stata liberata, si rendono conto che i pericoli non sono finiti e decidono così di proseguire il viaggio per mettere in salvo il prezioso carico tra imprevisti e nuove avventure. Paesaggi insoliti, valli fiorite e boschi, risvegliati dall'arrivo di una strana primavera, fanno da sfondo a questa vicenda sul valore dell'amicizia.

Non esistono posti lontani

Faggiani Franco

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco