Narrativa

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio

Descrizione: “Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcianum Press

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788865122310

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“E il suo amore si esprimeva in tutto quello che faceva: dalle torte pomeridiane estive che preparava per noi e per i nostri amici alle occasioni di incontro che creava con parenti e amici, dalla generosità in ambito lavorativo all’attenzione verso le sofferenze del prossimo, dalla sua partecipazione ai nostri giochi d’infanzia alle raccomandazioni piene di affetto che indirizzava a me e a mia sorella”.

Una dichiarazione d’amore, una raccolta di pensieri, un viaggio nel tempo attraverso i ricordi di una vita, la propria e quella della donna che gli ha insegnato ad amare. Sua madre.

Leggere Tundurundù. Pensieri di amore e bellezza. Un anno di facebook è entrare nella dimensione più intima di un uomo, quella in cui il figlio parla alla persona che, più di altre, ha saputo trasmettergli messaggi di amore autentico e incondizionato.

Difficile o quasi impossibile immedesimarsi senza perdere qualcosa della forza dei sentimenti descritti con una devozione quasi religiosa.

La donna tratteggiata in queste pagine, con gli occhi di chi l’ha amata senza riserve, non è solo madre e moglie, ma anche amica, confidente ed esempio di fedeltà alla vita e a Dio, nella malattia e oltre la sofferenza.

Di questo ci parla Marco Eugenio Di Giandomenico, in questo breve testo che si presenta come un diario postumo in cui dà voce ai pensieri di una donna straordinaria, nella sua disarmante umanità. Riflessioni sulla vita e sulla bellezza che resiste – nonostante tutto – al dolore.

Morta nel 2012 all’età di settantanove anni, Olga Maria Vitocco visse i suoi ultimi anni lottando nella malattia, tra atroci sofferenze, ma mostrando il coraggio e la forza che solo animi profondamente ispirati possiedono.

Non è un romanzo ma una semplice confessione, quella di Marco Eugenio Giandomenico, scrittore e opinionista televisivo. Un omaggio alla vita, all’amore e alla bellezza.

La mia anima scorre lenta su percorsi insidiosi…ti sento vicina, come non fossi mai dipartita”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Giandomenico

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Giandomenico Marco Eugenio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Il ventiseienne Garnet Montrose (“Mi chiamo Garnet Montrose. È un nome che sconcerta la gente… ero un gran ballerino… il nome non lega con il cognome… è un nome da donna mentre il cognome suona troppo storico”) vive Come in una tomba, nel romanzo omonimo di James Purdy...

Come in una tomba

Purdy James

Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen

Due poesie di Szymborska Wislawa