Classici

Il turno

Pirandello Luigi

Descrizione: "Il turno" anticipa le prove più mature di Pirandello romanziere. E' un perfetto congegno narrativo in cui il caso, nel ruolo di protagonista, vanifica puntualmente le iniziative dei personaggi ridotti ad automi della "sciocca fantocciata che chiamiamo vita".

Categoria: Classici

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788854134676

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

In questo secondo romanzo Luigi Pirandello ha superato già l’esperienza verista de L’esclusa e crea un’opera decisamente comica.

La vicenda si inserisce perfettamente all’interno delle dinamiche sociali siciliane. La storia tratta, infatti, il tema del matrimonio d’interesse, mentre il turno, menzionato nel titolo, fa riferimento al momento che i diversi personaggi aspettano per poter sposare la bella ma povera Stellina.

I personaggi sono dei “tipi”, ossia connotati da un’unica qualità dominante, come accade nella commedia classica. Troviamo il vecchio stolto e il vecchio furbo; ci sono il giovane innamorato e la giovane innocente; Don Pepè Alletto, rampollo di una nobile famiglia decaduta e innamorato di Stellina Ravì, è poi un perfetto, novecentesco “inetto”.

Don Ravì e Don Alcozer vengono ritratti insieme durante l’incontro avvenuto per stabilire il dettagli delle nozze. In questo caso il riso scaturisce dal contrasto tra due corpi tanto diversi, ma alla fine i due, che dovrebbero incarnare due specifici tipi, finiscono per confondersi l’un l’altro. Se inizialmente sembra Ravì il vecchio furbo e Alcozer quello stolto e ingenuo, con l’evolversi dei fatti i ruoli finisco sostanzialmente per invertirsi. Nello specifico, Don Alcozer è il portavoce del senso del testo: la vita è una fantocciata.

L’osservazione della vita siciliana e borghese domina e si insinua ancor meglio all’interno della storia secondaria che l’autore inserisce nel testo: Ciro Coppa, ad esempio, il cognato di Pepè Alletto, taglia i ponti con la suocera, la quale ha ripudiato sua figlia per non aver obbedito all’ordine di lasciare il marito eccessivamente geloso. L’orgoglio meridionale e il rispetto per la famiglia si mescolano sapientemente con il sentimento della gelosia, permettendo di riprodurre un interessante spaccato della vita insulare.

Si tratta di una commedia ancora lontana dall’umorismo delle opere successive poiché nessun personaggio fa uso della ragione, nemmeno quel Don Ravì che fin dalla prima pagina del romanzo cerca di argomentare le proprie scelte, invocando sempre quella ragione che però racchiude in sé il senso della logica borghese e dell’interesse economico:

Ragioniamo!”.

I personaggi si deridono a vicenda e il lettore ride per le comiche situazioni che il narratore gli propina.

Pirandello ha definito questo testo un romanzo breve o un racconto lungo. Poche ore serviranno al lettore per leggerlo interamente e alla fine non potrà che rimanere stupito di fronte a una commedia così lontana dal Pirandello a cui siamo abituati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Germania, 1943. Hans Heigel, ufficiale di complemento delle SS nella piccola cittadina di Osnabrück, non comprende né condivide l'aggressività con cui il suo Paese si è rialzato dalla prima guerra mondiale; eppure, il timore di ritorsioni sulla propria famiglia e la vita nel piccolo centro, lontana dagli orrori del fronte e dei campi di concentramento, l'hanno convinto a tenere per sé i suoi pensieri, sospingendolo verso una silenziosa convivenza anche con le politiche più aberranti del Reich. Più importante è occuparsi della moglie Ingrid e, soprattutto, dell'amatissima figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può, però, mettere da parte i propri valori per un grigio quieto vivere? Hans lo scopre quando la più terribile delle tragedie che possono capitare a un padre si abbatte su di lui, e contemporaneamente scopre di essere stato destinato al campo di sterminio di Sobibór. Chiudere gli occhi di fronte ai peccati terribili di cui la Germania si sta macchiando diventa d'un tratto impossibile... soprattutto quando tra i prigionieri destinati alle camere a gas incontra Leah, una bambina ebrea che somiglia come una goccia d'acqua a sua figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può spingersi pur di proteggere chi gli sta a cuore? Giorno dopo giorno, Hans si ritrova a escogitare sempre nuovi stratagemmi pur di strappare una prigioniera a un destino già segnato, ingannando i suoi commilitoni, prendendo decisioni terribili, destinate a perseguitarlo per sempre, rischiando la sua stessa vita... Tutto, pur di non perdere un'altra volta ciò che di più caro ha al mondo...

La bambina e il nazista

Forte Franco, Bonfiglioli Scilla

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.

TI PRENDO E TI PORTO VIA

Ammaniti Niccolò