Classici

Il turno

Pirandello Luigi

Descrizione: "Il turno" anticipa le prove più mature di Pirandello romanziere. E' un perfetto congegno narrativo in cui il caso, nel ruolo di protagonista, vanifica puntualmente le iniziative dei personaggi ridotti ad automi della "sciocca fantocciata che chiamiamo vita".

Categoria: Classici

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788854134676

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

In questo secondo romanzo Luigi Pirandello ha superato già l’esperienza verista de L’esclusa e crea un’opera decisamente comica.

La vicenda si inserisce perfettamente all’interno delle dinamiche sociali siciliane. La storia tratta, infatti, il tema del matrimonio d’interesse, mentre il turno, menzionato nel titolo, fa riferimento al momento che i diversi personaggi aspettano per poter sposare la bella ma povera Stellina.

I personaggi sono dei “tipi”, ossia connotati da un’unica qualità dominante, come accade nella commedia classica. Troviamo il vecchio stolto e il vecchio furbo; ci sono il giovane innamorato e la giovane innocente; Don Pepè Alletto, rampollo di una nobile famiglia decaduta e innamorato di Stellina Ravì, è poi un perfetto, novecentesco “inetto”.

Don Ravì e Don Alcozer vengono ritratti insieme durante l’incontro avvenuto per stabilire il dettagli delle nozze. In questo caso il riso scaturisce dal contrasto tra due corpi tanto diversi, ma alla fine i due, che dovrebbero incarnare due specifici tipi, finiscono per confondersi l’un l’altro. Se inizialmente sembra Ravì il vecchio furbo e Alcozer quello stolto e ingenuo, con l’evolversi dei fatti i ruoli finisco sostanzialmente per invertirsi. Nello specifico, Don Alcozer è il portavoce del senso del testo: la vita è una fantocciata.

L’osservazione della vita siciliana e borghese domina e si insinua ancor meglio all’interno della storia secondaria che l’autore inserisce nel testo: Ciro Coppa, ad esempio, il cognato di Pepè Alletto, taglia i ponti con la suocera, la quale ha ripudiato sua figlia per non aver obbedito all’ordine di lasciare il marito eccessivamente geloso. L’orgoglio meridionale e il rispetto per la famiglia si mescolano sapientemente con il sentimento della gelosia, permettendo di riprodurre un interessante spaccato della vita insulare.

Si tratta di una commedia ancora lontana dall’umorismo delle opere successive poiché nessun personaggio fa uso della ragione, nemmeno quel Don Ravì che fin dalla prima pagina del romanzo cerca di argomentare le proprie scelte, invocando sempre quella ragione che però racchiude in sé il senso della logica borghese e dell’interesse economico:

Ragioniamo!”.

I personaggi si deridono a vicenda e il lettore ride per le comiche situazioni che il narratore gli propina.

Pirandello ha definito questo testo un romanzo breve o un racconto lungo. Poche ore serviranno al lettore per leggerlo interamente e alla fine non potrà che rimanere stupito di fronte a una commedia così lontana dal Pirandello a cui siamo abituati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La giornata della terra di i-libri.com

Seduta di fronte all’antica scrivania di rovere, Rachel ascolta a malapena il borbottio dell’anziano notaio che sta sbrigando le formalità testamentarie: lo sguardo è fissato verso la sua eredità. Un muso piegato di lato e pieno di comprensione, due enormi occhi color ghiaccio e un orecchio nero floscio e l’altro bianco e dritto. Gem non è un cane come tutti gli altri, è il border collie dell’eccentrica zia Dot che, morendo, ha deciso di lasciare alla nipote tutti i suoi averi: una grande tenuta in campagna, un rifugio per cani abbandonati e soprattutto Gem, l’amico prediletto. Rachel non è certo un tipo da cani e la sua sofisticata e mondana vita a Londra non l’ha preparata al faticoso lavoro in campagna. Ma tutta la sua vecchia esistenza è appena andata a rotoli, perché la sua relazione con Oliver, che era anche il suo capo, è appena finita e Rachel è rimasta senza lavoro, senza soldi e senza amore. Non tutto però è perduto e, proprio grazie a Gem e al suo amore incondizionato, Rachel scopre di avere un vero e proprio sesto senso nel trovare i padroni più adatti a prendersi cura dei piccoli trovatelli del rifugio. Nathalie e Johnny sono una giovane coppia senza figli e solo le corte zampette di Bertie, un tenero basset hound, possono far tornare il sorriso sulle loro labbra, come quando si sono conosciuti. Zoe crede che la piccola Labrador Toffee sia uno scomodo regalo che l’ex mrito ha fatto si suoi figli, ma presto deve riconoscere che il vero regalo l’ha ricevuto lei. E Bill, un incallito cuore solitario, non sa resistere ai dolci occhi neri della barboncina Lulu, che lo guardano adoranti da sotto i ciuffi di pelo. A tutti loro Rachel dona una nuova opportunità per una vita migliore, ma dovrà essere forte abbastanza da dare una seconda occasione anche al suo cuore spezzato…

IL RIFUGIO DEI CUORI SOLITARI

Dillon Lucy

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

Due racconti sul diverso modo di vivere l'attesa della Vigilia di Natale, introdotti da una poesia di Edmond Rostand. "Il dono di Natale" di Grazia Deledda è ambientato nella Sardegna dei primi del Novecento. Dopo la messa della Vigilia, i cinque fratelli pastori festeggiano, davanti al focolare dell'umile casa, il fidanzamento dell'unica sorella consumando carne arrosto, focacce e una torta di miele. "A.D. 2953" è un racconto distopico in cui un nuovo ordine mondiale ha preso il potere sulla Terra. La razza umana, sfidando le leggi di natura e sostituendosi a Dio, è diventata immortale. C'è ancora, però, una frangia dissidente e una luce di speranza. Seppur così apparentemente lontani, un filo rosso lega i due racconti che, nel finale, ci svelano che il dono più grande è il miracolo della vita.

Luci di Natale

Deledda Grazia