Classici

Il turno

Pirandello Luigi

Descrizione: "Il turno" anticipa le prove più mature di Pirandello romanziere. E' un perfetto congegno narrativo in cui il caso, nel ruolo di protagonista, vanifica puntualmente le iniziative dei personaggi ridotti ad automi della "sciocca fantocciata che chiamiamo vita".

Categoria: Classici

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788854134676

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

In questo secondo romanzo Luigi Pirandello ha superato già l’esperienza verista de L’esclusa e crea un’opera decisamente comica.

La vicenda si inserisce perfettamente all’interno delle dinamiche sociali siciliane. La storia tratta, infatti, il tema del matrimonio d’interesse, mentre il turno, menzionato nel titolo, fa riferimento al momento che i diversi personaggi aspettano per poter sposare la bella ma povera Stellina.

I personaggi sono dei “tipi”, ossia connotati da un’unica qualità dominante, come accade nella commedia classica. Troviamo il vecchio stolto e il vecchio furbo; ci sono il giovane innamorato e la giovane innocente; Don Pepè Alletto, rampollo di una nobile famiglia decaduta e innamorato di Stellina Ravì, è poi un perfetto, novecentesco “inetto”.

Don Ravì e Don Alcozer vengono ritratti insieme durante l’incontro avvenuto per stabilire il dettagli delle nozze. In questo caso il riso scaturisce dal contrasto tra due corpi tanto diversi, ma alla fine i due, che dovrebbero incarnare due specifici tipi, finiscono per confondersi l’un l’altro. Se inizialmente sembra Ravì il vecchio furbo e Alcozer quello stolto e ingenuo, con l’evolversi dei fatti i ruoli finisco sostanzialmente per invertirsi. Nello specifico, Don Alcozer è il portavoce del senso del testo: la vita è una fantocciata.

L’osservazione della vita siciliana e borghese domina e si insinua ancor meglio all’interno della storia secondaria che l’autore inserisce nel testo: Ciro Coppa, ad esempio, il cognato di Pepè Alletto, taglia i ponti con la suocera, la quale ha ripudiato sua figlia per non aver obbedito all’ordine di lasciare il marito eccessivamente geloso. L’orgoglio meridionale e il rispetto per la famiglia si mescolano sapientemente con il sentimento della gelosia, permettendo di riprodurre un interessante spaccato della vita insulare.

Si tratta di una commedia ancora lontana dall’umorismo delle opere successive poiché nessun personaggio fa uso della ragione, nemmeno quel Don Ravì che fin dalla prima pagina del romanzo cerca di argomentare le proprie scelte, invocando sempre quella ragione che però racchiude in sé il senso della logica borghese e dell’interesse economico:

Ragioniamo!”.

I personaggi si deridono a vicenda e il lettore ride per le comiche situazioni che il narratore gli propina.

Pirandello ha definito questo testo un romanzo breve o un racconto lungo. Poche ore serviranno al lettore per leggerlo interamente e alla fine non potrà che rimanere stupito di fronte a una commedia così lontana dal Pirandello a cui siamo abituati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi

A tredici anni un amore che sboccia può sembrare un plagio. Una ragazzina che assiste a una violenza può convincersi di aver riconosciuto il responsabile e far condannare un innocente, rovinandolo e rovinandosi. Perché tutta la vita sarà segnata dalle conseguenze. La ragazzina crescerà, diventerà una scrittrice, ma non si libererà del peso dell'ingiustizia inferta a un innocente, alla propria sorella innamorata e in fin dei conti anche a se stessa.

Espiazione

McEwan Ian

La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

Creatura breve

Galloni Gabriele

La ragazza della palude è il romanzo di un'infanzia segnata dall'abbandono e di una natura che si rivela madre, non matrigna. Ma è anche la storia di una violazione e di un segreto gelosamente custodito, che mette in discussione i confini tra la verità e la menzogna, il bene e il male.

La ragazza della palude

Owens Delia

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery