Narrativa

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

Descrizione: 'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Saggiatore

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788842814474

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nella letteratura ci sono poche famiglie felici…perché, giustamente, la letteratura non è fatta per ritrarre la felicità, ma la disgrazia

(C. Fuentes).

Per lo scrittore messicano Carlos Fuentes la famiglia è il contenitore tragico, in cui l’individuo raramente può trovare la propria realizzazione. Il nucleo familiare, con le sue numerose contraddizioni, diventa la gabbia da cui il singolo desidera fortemente allontanarsi, ma che finisce inevitabilmente per diventare lo specchio del proprio fallimento. Tale convinzione arriva quando, inesorabile, la vita ha fatto il suo corso e l’uomo si trova a dover fare i conti con i segni del tempo.

E’ la disillusione della cantante di boleri e moglie Elvira Morales di fronte alla “paccottiglia della vita coniugale“; è il mondo di miseria e di violenza dei coniugi Cordelia e Alvaro, vittime e carnefici della fine di un amore che ha il sapore acido del disprezzo; è la morale religiosa con il suo retaggio di ipocrisie e riti ancestrali che produce la castrazione di ogni slancio amoroso perchè, come la giovane e bella moglie Ana Fernanda dice, “Amare è non parlare d’amore“; è anche l’amarezza dei giorni perduti e non vissuti degli amanti
Lucila e Manuel.

Fuentes insinua il seme della ribellione nei rapporti tra genitori e figli, tra l’individuo e la società, tra l’aspirazione personale, le naturali inclinazioni ed il comune sentire.

E’ la ribellione silenziosa ed efficace di Marcos, figlio disubbidiente di Isaac Buenaventura “ancorato al suo posto a capotavola”, che non si lascia plasmare da un destino imposto e non condiviso; è quella sofferta ed urgente del padre Generale Marcelino Miles, diviso tra il dovere di annientare un gruppo di rivoluzionari ed il rispetto per il figlio ribelle al loro comando, nella convinzione ancora più rivoluzionaria che “il traditore è esecrabile, il ribelle rispettabile“; è la speranza della madre Dona Medea per un mondo di
pace e normalità in un quartiere dove il crimine è rimasta “l’unica risorsa”.

I racconti di Fuentes, la cui narrazione si dispiega attraverso lettere, testimonianze, flussi di pensieri e di coscienza, sono scanditi da brevi poemi, i cori, che rappresentano “la voce della collettività“, l’urlo disperato degli “umiliati”, degli indifesi e dei discriminati, delle bande giovanili in un Messico che non lascia scampo ai poveri, assoldati spesso dall’esercito del narcotraffico. E’ l’urlo di coloro a cui la società moderna ha tolto la voce.

Tra quei versi c’è tutta la realtà del vivere: le paure, la rassegnazione, l’amarezza, il conflitto, la morte, la rabbia e la miseria. Quelle voci sono figlie di quei contenitori tragici, di quelle gabbie dorate in cui si consumano le vite dei singoli.

L’autore, tra gli altri, de “La morte di Artemio Cruz” e de “L’Ombelico della Luna”, tratteggia in maniera esemplare e dissacrante la famiglia, scardinando convinzioni e certezze, mettendo a nudo miserie e debolezze di un sistema arcaico e crudele, dove i più deboli rimangono intrappolati e i più audaci emarginati.

La sfida di Fuentes è forse quella di destabilizzare il lettore e spingerlo verso una “redenzione” costruttiva della famiglia, quale espressione e realizzazione delle aspirazioni dei suoi componenti, senza alcuna cieca mortificazione degli slanci e delle identità dei singoli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlos

Fuentes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fuentes Carlos

È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona

Amerigo cammina per le vie di Napoli dietro la madre Antonietta, donna di poche parole («le chiacchiere non sono arte sua»), spiando le scarpe della gente. È il suo gioco preferito: scarpa sana, punto vinto, scarpa rotta, punto perso. Le sue, di scarpe, lo fanno camminare un po' storto, perché sono di seconda mano, e mai del numero giusto. Il padre non ce l'ha, è partito per l'America a cercar fortuna, ma in compenso nel vicolo ha molti amici. Tutti lo conoscono e lo chiamano Nobèl, perché parla tanto e sa un sacco di cose, dato che ascolta le storie di chiunque. Un giorno, però, Amerigo deve lasciare il vicolo e soprattutto la madre. È il 1946 e, come migliaia di altri bambini del Sud, sale su uno dei treni che attraversano l'intera penisola per andare a trascorrere un anno in una famiglia del Nord. Il Partito Comunista ha creato una rete di solidarietà per strappare i piccoli alla miseria delle zone più devastate dall'ultima guerra. Prima smarrito e nostalgico, poi sempre più curioso, a Modena Amerigo si affeziona alla nuova famiglia e, attraverso il «papà del Nord», scopre pure un talento per la musica. Sarà proprio questo, al suo ritorno a Napoli, a segnare il distacco doloroso da Antonietta, che non riesce più a capirlo. Fino a quando, cinquant'anni dopo, lui non tenta di ricomporre quella lacerazione, anche se è ormai troppo tardi.

Il treno dei bambini

Ardissone Viola

Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

L'inquietante vicenda di dieci personaggi prigionieri in una villa su un'isola deserta di un ignoto giustiziere. Uno ad uno vengono assassinati.

Dieci piccoli indiani

Christie Agatha