Narrativa

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

Descrizione: 'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Saggiatore

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788842814474

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nella letteratura ci sono poche famiglie felici…perché, giustamente, la letteratura non è fatta per ritrarre la felicità, ma la disgrazia

(C. Fuentes).

Per lo scrittore messicano Carlos Fuentes la famiglia è il contenitore tragico, in cui l’individuo raramente può trovare la propria realizzazione. Il nucleo familiare, con le sue numerose contraddizioni, diventa la gabbia da cui il singolo desidera fortemente allontanarsi, ma che finisce inevitabilmente per diventare lo specchio del proprio fallimento. Tale convinzione arriva quando, inesorabile, la vita ha fatto il suo corso e l’uomo si trova a dover fare i conti con i segni del tempo.

E’ la disillusione della cantante di boleri e moglie Elvira Morales di fronte alla “paccottiglia della vita coniugale“; è il mondo di miseria e di violenza dei coniugi Cordelia e Alvaro, vittime e carnefici della fine di un amore che ha il sapore acido del disprezzo; è la morale religiosa con il suo retaggio di ipocrisie e riti ancestrali che produce la castrazione di ogni slancio amoroso perchè, come la giovane e bella moglie Ana Fernanda dice, “Amare è non parlare d’amore“; è anche l’amarezza dei giorni perduti e non vissuti degli amanti
Lucila e Manuel.

Fuentes insinua il seme della ribellione nei rapporti tra genitori e figli, tra l’individuo e la società, tra l’aspirazione personale, le naturali inclinazioni ed il comune sentire.

E’ la ribellione silenziosa ed efficace di Marcos, figlio disubbidiente di Isaac Buenaventura “ancorato al suo posto a capotavola”, che non si lascia plasmare da un destino imposto e non condiviso; è quella sofferta ed urgente del padre Generale Marcelino Miles, diviso tra il dovere di annientare un gruppo di rivoluzionari ed il rispetto per il figlio ribelle al loro comando, nella convinzione ancora più rivoluzionaria che “il traditore è esecrabile, il ribelle rispettabile“; è la speranza della madre Dona Medea per un mondo di
pace e normalità in un quartiere dove il crimine è rimasta “l’unica risorsa”.

I racconti di Fuentes, la cui narrazione si dispiega attraverso lettere, testimonianze, flussi di pensieri e di coscienza, sono scanditi da brevi poemi, i cori, che rappresentano “la voce della collettività“, l’urlo disperato degli “umiliati”, degli indifesi e dei discriminati, delle bande giovanili in un Messico che non lascia scampo ai poveri, assoldati spesso dall’esercito del narcotraffico. E’ l’urlo di coloro a cui la società moderna ha tolto la voce.

Tra quei versi c’è tutta la realtà del vivere: le paure, la rassegnazione, l’amarezza, il conflitto, la morte, la rabbia e la miseria. Quelle voci sono figlie di quei contenitori tragici, di quelle gabbie dorate in cui si consumano le vite dei singoli.

L’autore, tra gli altri, de “La morte di Artemio Cruz” e de “L’Ombelico della Luna”, tratteggia in maniera esemplare e dissacrante la famiglia, scardinando convinzioni e certezze, mettendo a nudo miserie e debolezze di un sistema arcaico e crudele, dove i più deboli rimangono intrappolati e i più audaci emarginati.

La sfida di Fuentes è forse quella di destabilizzare il lettore e spingerlo verso una “redenzione” costruttiva della famiglia, quale espressione e realizzazione delle aspirazioni dei suoi componenti, senza alcuna cieca mortificazione degli slanci e delle identità dei singoli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlos

Fuentes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fuentes Carlos

"In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

Federica è una donna di quarant'anni separata e madre di due gemellini. Quando la sua amica Lia le consiglia di partire per una vacanza e pubblica un annuncio per trovarle una baby-sitter che la aiuti con i piccoli, Federica ancora non sa cosa il destino ha in serbo per lei. Già, perché a presentarsi è un bel giovane di ventitré anni al cui fascino - come Federica scopre ben presto - è piuttosto difficile resistere. Fin qui nulla di irreparabile, se non fosse per il fatto che anche Tom non sembra affatto indifferente alla sensualità della sua datrice di lavoro... Il ragazzo alla parie una commedia rosa, piccante ed esilarante che diverte, fa sognare ma anche riflettere. Al di là della pura e semplice toy-boy story romantica e sexy, si muovono infatti due protagonisti seducenti, dalle vite complesse: Federica convive quotidianamente con i fantasmi di un matrimonio fallito e con le ansie di una madre single, mentre Tom deve fare i conti con una morbosa situazione familiare. Tra dubbi, incertezze e appassionati momenti di intimità, Federica e Tom dovranno impegnarsi non poco per vincere le difficoltà. E insieme a queste, dovranno affrontare anche il tabù sociale di un rapporto - quello tra una donna matura e un ragazzo - che pure chiede solo di essere vissuto e rispettato "alla pari" di qualsiasi altra forma d'amore.

Il ragazzo alla pari

Gnomo Twins Federica

Con un'analisi antropologica l'autore racchiude nella figura di Arturo - che all'inizio è presentato come un piccolo orfano, per poi ritrovarsi, alla fine della storia, un uomo anziano, saggio e fonte di consigli preziosi per le nuove generazioni - tutte le riflessioni sull'esistenza umana. Infanzia, primi amori, matrimonio, famiglia, lavoro, pensione, vedovanza, sono temi affrontati con vera introspezione psicologica, che costituiscono uno specchio di verità per chiunque si accosti a questa lettura. La vita del protagonista è scandita da una continua lotta con l'oscuro destino, la cui ingovernabilità rispetto alle vite altrui non sarà che un'amara accettazione. Nonostante le rinunce e i dispiaceri, un'energia però è in grado di animare ancora la speranza di Arturo, quella dirompente dell'amore, che lo sosterrà fino a età matura, quando a essa si affiancherà un'altra forza, quella dei ricordi, che come un'ancora gli permetterà di stare a essi aggrappato, come se ancora ogni cosa fosse possibile e in viaggio verso la realizzazione.

Vecchiaia e gioventù

Giancane Gaetano

Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Viva il re!

Travaglio Marco