Narrativa

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

Descrizione: 'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Saggiatore

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788842814474

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nella letteratura ci sono poche famiglie felici…perché, giustamente, la letteratura non è fatta per ritrarre la felicità, ma la disgrazia

(C. Fuentes).

Per lo scrittore messicano Carlos Fuentes la famiglia è il contenitore tragico, in cui l’individuo raramente può trovare la propria realizzazione. Il nucleo familiare, con le sue numerose contraddizioni, diventa la gabbia da cui il singolo desidera fortemente allontanarsi, ma che finisce inevitabilmente per diventare lo specchio del proprio fallimento. Tale convinzione arriva quando, inesorabile, la vita ha fatto il suo corso e l’uomo si trova a dover fare i conti con i segni del tempo.

E’ la disillusione della cantante di boleri e moglie Elvira Morales di fronte alla “paccottiglia della vita coniugale“; è il mondo di miseria e di violenza dei coniugi Cordelia e Alvaro, vittime e carnefici della fine di un amore che ha il sapore acido del disprezzo; è la morale religiosa con il suo retaggio di ipocrisie e riti ancestrali che produce la castrazione di ogni slancio amoroso perchè, come la giovane e bella moglie Ana Fernanda dice, “Amare è non parlare d’amore“; è anche l’amarezza dei giorni perduti e non vissuti degli amanti
Lucila e Manuel.

Fuentes insinua il seme della ribellione nei rapporti tra genitori e figli, tra l’individuo e la società, tra l’aspirazione personale, le naturali inclinazioni ed il comune sentire.

E’ la ribellione silenziosa ed efficace di Marcos, figlio disubbidiente di Isaac Buenaventura “ancorato al suo posto a capotavola”, che non si lascia plasmare da un destino imposto e non condiviso; è quella sofferta ed urgente del padre Generale Marcelino Miles, diviso tra il dovere di annientare un gruppo di rivoluzionari ed il rispetto per il figlio ribelle al loro comando, nella convinzione ancora più rivoluzionaria che “il traditore è esecrabile, il ribelle rispettabile“; è la speranza della madre Dona Medea per un mondo di
pace e normalità in un quartiere dove il crimine è rimasta “l’unica risorsa”.

I racconti di Fuentes, la cui narrazione si dispiega attraverso lettere, testimonianze, flussi di pensieri e di coscienza, sono scanditi da brevi poemi, i cori, che rappresentano “la voce della collettività“, l’urlo disperato degli “umiliati”, degli indifesi e dei discriminati, delle bande giovanili in un Messico che non lascia scampo ai poveri, assoldati spesso dall’esercito del narcotraffico. E’ l’urlo di coloro a cui la società moderna ha tolto la voce.

Tra quei versi c’è tutta la realtà del vivere: le paure, la rassegnazione, l’amarezza, il conflitto, la morte, la rabbia e la miseria. Quelle voci sono figlie di quei contenitori tragici, di quelle gabbie dorate in cui si consumano le vite dei singoli.

L’autore, tra gli altri, de “La morte di Artemio Cruz” e de “L’Ombelico della Luna”, tratteggia in maniera esemplare e dissacrante la famiglia, scardinando convinzioni e certezze, mettendo a nudo miserie e debolezze di un sistema arcaico e crudele, dove i più deboli rimangono intrappolati e i più audaci emarginati.

La sfida di Fuentes è forse quella di destabilizzare il lettore e spingerlo verso una “redenzione” costruttiva della famiglia, quale espressione e realizzazione delle aspirazioni dei suoi componenti, senza alcuna cieca mortificazione degli slanci e delle identità dei singoli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlos

Fuentes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fuentes Carlos


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William