Giallo - thriller - noir

Tutti i sapori del noir

Autori Vari

Descrizione: Dopo aver letto il libro Tutti i sapori del noir di ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online. Recensioni

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni Frilli

Collana: SuperNoir Bross

Anno: 2019

ISBN: 9788869433849

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

È edita presso la casa editrice Frilli la nuova antologia, pensata e scritta in memoria del fondatore: Marco Frilli, e si intitola: Tutti i sapori del noir. Ha una importante quanto gradevole prefazione di Maurizio De Giovanni.

I racconti sono stati scritti e pensati da ben quarantanove autori, tutti che pubblicano presso la stessa casa editrice e ovviamente hanno ben conosciuto l’editore scomparso. Ne emerge spesso un ritratto affettuoso, lungimirante, di un uomo sicuramente burbero, elegante, sempre a spasso in compagnia del suo cane e della sigaretta, competente e preparato. Quasi un padre putativo che guardava sempre alle sue creature cartacee con indubbia sapienza, ma anche con un occhio di riguardo e di affetto, di una rara sensibilità. L’editore è sicuramente una figura determinante nella costituzione e nella vita di un romanzo, un “fantasma che si aggira dovunque sia un libro. Uno spirito speciale, sorridente o avido, visionario o pianificatore, un poltergeist dispettoso che assiste a tutto il processo di lettura con attenzione partecipe: eppure non ha scritto nemmeno una parola, e non leggerà mai il volume perché lo ha letto prima, quando era un informe ammasso di idee e sentimenti.”

Ma, come afferma lo stesso Maurizio De Giovanni, è anche “un sognatore. Cerca di far capire a un esercito di freddi calcolatori, (…) che i soldi non sono la prima cosa; i libri sono frutto di passioni ed emozioni, che sono fatti della stessa materia del sogno”.

In questo caso è un uomo a cui tutti guardano e pensano con sincero rammarico per chi non c’è più; ma è anche un atto doveroso di ringraziamento, una sorta di “album di fotografie dello spirito, istantanee di sorrisi che non saranno dimenticati.”

Chi meglio, dunque, dello stesso figlio può scrivere un degno tributo? Infatti Carlo Frilli nei Delitti alla cena narra, con simpatia e fascino indubbio, la storia di un editore che – invitato a un concorso letterario – conosce proprio Maurizio De Giovanni, Valerio Varesi, Margherita Oggero e la sua stessa autrice Maria Masella. All’interno dello scenario fiabesco di un lago sotto una fitta nevicata, avvengono due omicidi terribili: lo stesso De Giovanni e Valerio Varesi. Un incubo. Ma c’è un quadro sibillino che strizza l’occhio ammiccante e fornisce un suggerimento…

Per non parlare del racconto del curatore dell’antologia: Armando D’Amaro, intitolato L’ultima cena. Ricco di sentimento e di pathos, narra la storia di un clochard e del suo ultimo desiderio soddisfatto da un bell’uomo a spasso con la sua cagnolina…

Impossibile descrivere tutti i racconti di questo testo. Ne consegue una antologia scritta sul filo comune della cucina, dei suoi sapori, della sua intrinseca bellezza. Un connubio perfetto tra giallo e cucina perché “l’arte del cucinare condivide qualcosa di importante con la soluzione del mistero, devi raccogliere gli ingredienti nelle stesse modalità. Se i gialli contengono ricette per omicidi, ben volentieri contengono anche ricette per del buon cibo.”

Un ottimo tributo a uno splendido imprenditore, capace e preparato, di altri tempi, che univa la buona lettura con il buon gusto del vivere e del mangiare, non comune e di rara malia e fascinazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori Vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una vacanza in apparenza convenzionale cambia la vita di quattro persone. Al ritorno da un viaggio in Cina, Marino, un imprenditore criminale, tornerà con un bottino che per lui somiglia all'amore. Sua moglie Felicita non riuscirà più a restare nella noia e nelle menzogne, analizzerà con cinismo il suo matrimonio bianco e con la risorsa dell'autoironia sceglierà di dirsi quello che è diventata, quello che non vuole essere più. Sergio, un inetto e affascinante dipendente dell'imprenditore criminale, scoprirà di saper combattere per quello che riconosce come il suo ultimo amore di carne e mistero. Una ragazza cinese senza identità, che non è stata dichiarata al momento della nascita come circa venticinque milioni di neonate connazionali, sceglierà di non essere più vittima della politica del figlio unico e di molto altro: da martire diventerà predatrice e userà senza pudore il corpo, le culture, la determinazione e qualsiasi altra avventura per salvarsi la vita.

La figlia maschio

Rinaldi Patrizia

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio

Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata.

Una di Luna

De Carlo Andrea

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione e qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante, Federico Baccomo allestisce una commedia caustica e brillante, per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.

LA GENTE CHE STA BENE

Baccomo Federico