Giallo - thriller - noir

Tutti i sapori del noir

Autori Vari

Descrizione: Dopo aver letto il libro Tutti i sapori del noir di ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online. Recensioni

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni Frilli

Collana: SuperNoir Bross

Anno: 2019

ISBN: 9788869433849

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

È edita presso la casa editrice Frilli la nuova antologia, pensata e scritta in memoria del fondatore: Marco Frilli, e si intitola: Tutti i sapori del noir. Ha una importante quanto gradevole prefazione di Maurizio De Giovanni.

I racconti sono stati scritti e pensati da ben quarantanove autori, tutti che pubblicano presso la stessa casa editrice e ovviamente hanno ben conosciuto l’editore scomparso. Ne emerge spesso un ritratto affettuoso, lungimirante, di un uomo sicuramente burbero, elegante, sempre a spasso in compagnia del suo cane e della sigaretta, competente e preparato. Quasi un padre putativo che guardava sempre alle sue creature cartacee con indubbia sapienza, ma anche con un occhio di riguardo e di affetto, di una rara sensibilità. L’editore è sicuramente una figura determinante nella costituzione e nella vita di un romanzo, un “fantasma che si aggira dovunque sia un libro. Uno spirito speciale, sorridente o avido, visionario o pianificatore, un poltergeist dispettoso che assiste a tutto il processo di lettura con attenzione partecipe: eppure non ha scritto nemmeno una parola, e non leggerà mai il volume perché lo ha letto prima, quando era un informe ammasso di idee e sentimenti.”

Ma, come afferma lo stesso Maurizio De Giovanni, è anche “un sognatore. Cerca di far capire a un esercito di freddi calcolatori, (…) che i soldi non sono la prima cosa; i libri sono frutto di passioni ed emozioni, che sono fatti della stessa materia del sogno”.

In questo caso è un uomo a cui tutti guardano e pensano con sincero rammarico per chi non c’è più; ma è anche un atto doveroso di ringraziamento, una sorta di “album di fotografie dello spirito, istantanee di sorrisi che non saranno dimenticati.”

Chi meglio, dunque, dello stesso figlio può scrivere un degno tributo? Infatti Carlo Frilli nei Delitti alla cena narra, con simpatia e fascino indubbio, la storia di un editore che – invitato a un concorso letterario – conosce proprio Maurizio De Giovanni, Valerio Varesi, Margherita Oggero e la sua stessa autrice Maria Masella. All’interno dello scenario fiabesco di un lago sotto una fitta nevicata, avvengono due omicidi terribili: lo stesso De Giovanni e Valerio Varesi. Un incubo. Ma c’è un quadro sibillino che strizza l’occhio ammiccante e fornisce un suggerimento…

Per non parlare del racconto del curatore dell’antologia: Armando D’Amaro, intitolato L’ultima cena. Ricco di sentimento e di pathos, narra la storia di un clochard e del suo ultimo desiderio soddisfatto da un bell’uomo a spasso con la sua cagnolina…

Impossibile descrivere tutti i racconti di questo testo. Ne consegue una antologia scritta sul filo comune della cucina, dei suoi sapori, della sua intrinseca bellezza. Un connubio perfetto tra giallo e cucina perché “l’arte del cucinare condivide qualcosa di importante con la soluzione del mistero, devi raccogliere gli ingredienti nelle stesse modalità. Se i gialli contengono ricette per omicidi, ben volentieri contengono anche ricette per del buon cibo.”

Un ottimo tributo a uno splendido imprenditore, capace e preparato, di altri tempi, che univa la buona lettura con il buon gusto del vivere e del mangiare, non comune e di rara malia e fascinazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori Vari

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Siamo abituati a desiderare. A desiderare cose nuove che ancora non possediamo, rapporti sereni con le persone che abbiamo attorno, soluzioni efficaci per i problemi della vita di tutti i giorni. Siamo dunque convinti che la felicità, sulla terra, stia nel soddisfare questi desideri. Giulio Mozzi nei racconti del suo libro mostra invece una possibilità differente: che i nostri desideri crescano a tal punto da uscire fuori di noi e creare un mondo diverso da quello reale, che a quello reale si sovrappone e che quello reale nasconde. L’immaginazione non può certo prendere il potere e cambiare lo stato delle cose, ma costituire un nido entro cui ripararsi sì. La felicità che ne deriva è di questa vita e non riguarda solo i personaggi del libro, ma tutti noi lettori. Pubblicato originariamente nel 1996 da Einaudi, entrato nella cinquina di finalisti del Premio Strega di quell’anno, La felicità terrena è il libro più importante di Giulio Mozzi e torna disponibile in una nuova edizione con testi inediti e una nota finale d’autore.

LA FELICITA’ TERRENA

Mozzi Giulio

Che cos’è il male oggi? In che modo si può dire che le sue manifestazioni, le sue spinte, le sue modalità di aggredire il tessuto del mondo e delle persone che lo abitano si siano modificate? Zygmunt Bauman, uno dei più grandi pensatori viventi, già nel 1989, con Modernità e olocausto, aveva riletto le atrocità del Terzo Reich sovvertendo l’opinione comune che si fosse trattato un «incidente» della Storia e dimostrando che invece la «società dei giardinieri» della modernità aveva raggiunto con l’olocausto il suo risultato più esemplare. In questo libro Bauman compie un ulteriore decisivo passo avanti nell’identificazione del «male» ai giorni nostri.

Le sorgenti del male

Bauman Zygmunt

Un giorno, uno scrittore famoso scopre che la moglie, corrispondente di guerra, lo ha abbandonato senza lasciare traccia e senza alcuna spiegazione plausibile. Nonostante il successo e un nuovo amore, il pensiero dell'assenza della donna continua a tormentarlo e gli invade la mente fino a gettarlo in un totale smarrimento. E' stata rapita, ricattata, o semplicemente si è stancata del matrimonio? L'inquietudine che gli deriva è tanto forte quanto l'attrazione che lei continua a esercitare su di lui. La ricerca di lei - e del significato della propria vita - porta lo scrittore dalla Francia alla Spagna e alla Croazia, sino a raggiungere gli affascinanti paesaggi desolati dell'Asia Centrale. E ancora di più, lo allontana dalla sicurezza del suo mondo verso un cammino completamente sconosciuto, alla ricerca di un nuovo modo di intendere la natura dell'amore e il potere ineludibile del destino.

Lo Zahir

Coelho Paulo