Narrativa

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim

Descrizione: L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860880857

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Improvvisamente, leggendo il nuovo romanzo di Jim Crace, si scopre che l’America non è più l’America. Non la riconosciamo più. Il mondo non è più lo stesso. Le persone, purtroppo, sì.

L’umanità, privata del progresso, della civiltà, lascia riemergere gli istinti più animaleschi ed è la lotta per la sopravvivenza a guidare le scorribande di predoni, le scelte di chi ha il potere di decretare chi potrà salpare e raggiungere un nuovo continente, la vita, e chi invece sarà condannato a un’esistenza senza speranza in una terra desolata e pericolosa.

In un’epoca in cui si scrive spesso di catastrofi e fine del mondo, l’autore sceglie di saltare il passaggio più morbosamente attraente e spettacolare, la descrizione degli eventi disastrosi, la rivolta della natura e dei morbi che sterminano la popolazione, ed inizia la narrazione dopo tutto questo, quando il mondo di oggi sarà solo un ricordo superstizioso.

Le vicende si evolvono dal punto di vista di due personaggi, un uomo e una donna, le cui strade non fanno che intrecciarsi e perdersi, ampliando così la prospettiva del lettore trasportato in una realtà allucinata ma non incomprensibile.

L’interiorità dei protagonisti, infatti, non è stravolta, disumanizzata, ma è forse l’unico bagliore di speranza che l’autore lasci filtrare attraverso il mondo medioevale che racconta.

Dei due personaggi principali, Margaret e Franklin, colpisce la forza, la semplicità, la pietà: se, come si legge a un certo punto della vicenda “i tempi duri rendono le persone come pietre”, questo non riguarda i protagonisti.

Nella desolazione, Margaret e Franklin rappresentano la speranza, il coraggio dell’altruismo, la riscoperta dei sentimenti che ci rendono davvero umani, il desiderio di maternità, l’amore, il senso di comunità, la coscienza e la lealtà.

Così, in una realtà dove il mare, l’oceano, simbolo eterno di partenza e scoperta, diventa “un occhio enorme che piange” ed è salato “perché nelle lacrime c’è il sale, ecco perché”, è la scelta di restare e non accettare la bestialità dei sopravvissuti ad indicare che ripartendo dalla terra, “andando verso ovest, sarebbero stati liberi”.

Tutto di questa storia resta impresso nella mente, dal paesaggio naturale impazzito e incolto, interrotto solo da qualche lamiera gettata in mezzo ai boschi, alla durezza dei sopravvissuti, dall’umanità dei protagonisti alla maestria con cui l’autore racconta i sentimenti e i desideri di Margaret e Franklin.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jim

Crace

Libri dallo stesso autore

Intervista a Crace Jim

Avremo mai il coraggio di essere noi stessi? Si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.

Splendore

Mazzantini Margaret

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Pilar ritrova a Madrid l'amico d'infanzia. Insieme a lui, che ha girato il mondo facendo esperienza di tutte le religioni, compie un viaggio di sei giorni durante il quale la donna ritrova se stessa attraverso una riflessione mistico-iniziatica. I due si recheranno a Lourdes, dove cementeranno il loro amore alla luce di una fede che esalta i valori della missione nel mondo.

SULLA SPONDA DEL FIUME PIEDRA MI SONO SEDUTA E HO PIANTO

Coelho Paulo