Narrativa

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim

Descrizione: L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860880857

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Improvvisamente, leggendo il nuovo romanzo di Jim Crace, si scopre che l’America non è più l’America. Non la riconosciamo più. Il mondo non è più lo stesso. Le persone, purtroppo, sì.

L’umanità, privata del progresso, della civiltà, lascia riemergere gli istinti più animaleschi ed è la lotta per la sopravvivenza a guidare le scorribande di predoni, le scelte di chi ha il potere di decretare chi potrà salpare e raggiungere un nuovo continente, la vita, e chi invece sarà condannato a un’esistenza senza speranza in una terra desolata e pericolosa.

In un’epoca in cui si scrive spesso di catastrofi e fine del mondo, l’autore sceglie di saltare il passaggio più morbosamente attraente e spettacolare, la descrizione degli eventi disastrosi, la rivolta della natura e dei morbi che sterminano la popolazione, ed inizia la narrazione dopo tutto questo, quando il mondo di oggi sarà solo un ricordo superstizioso.

Le vicende si evolvono dal punto di vista di due personaggi, un uomo e una donna, le cui strade non fanno che intrecciarsi e perdersi, ampliando così la prospettiva del lettore trasportato in una realtà allucinata ma non incomprensibile.

L’interiorità dei protagonisti, infatti, non è stravolta, disumanizzata, ma è forse l’unico bagliore di speranza che l’autore lasci filtrare attraverso il mondo medioevale che racconta.

Dei due personaggi principali, Margaret e Franklin, colpisce la forza, la semplicità, la pietà: se, come si legge a un certo punto della vicenda “i tempi duri rendono le persone come pietre”, questo non riguarda i protagonisti.

Nella desolazione, Margaret e Franklin rappresentano la speranza, il coraggio dell’altruismo, la riscoperta dei sentimenti che ci rendono davvero umani, il desiderio di maternità, l’amore, il senso di comunità, la coscienza e la lealtà.

Così, in una realtà dove il mare, l’oceano, simbolo eterno di partenza e scoperta, diventa “un occhio enorme che piange” ed è salato “perché nelle lacrime c’è il sale, ecco perché”, è la scelta di restare e non accettare la bestialità dei sopravvissuti ad indicare che ripartendo dalla terra, “andando verso ovest, sarebbero stati liberi”.

Tutto di questa storia resta impresso nella mente, dal paesaggio naturale impazzito e incolto, interrotto solo da qualche lamiera gettata in mezzo ai boschi, alla durezza dei sopravvissuti, dall’umanità dei protagonisti alla maestria con cui l’autore racconta i sentimenti e i desideri di Margaret e Franklin.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jim

Crace

Libri dallo stesso autore

Intervista a Crace Jim


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

Tutto lo sforzo che facciamo per dare ordine alla vita è un logorio costante, disperato, che usura i nervi, li sfianca, ma è necessario alla nostra sopravvivenza. "Le età della vita" è proprio questo, è il tentativo di dare ordine al caos, di riordinare i ricordi, le sensazioni, di prendere per le briglie una vita che è sempre sul limite di deragliare. Ambientato negli anni Ottanta a Roma, i fondali della narrazione sono il mercato ittico di via Ostiense, l'università La Sapienza e la metropoli romana. È in queste praterie urbane che il protagonista diventa funambolo della propria vita, mentre gli spazi vuoti vengono controbilanciati da svariate pressioni: il lavoro, l'università, una storia d'amore e l'intenso rapporto con Carmine, figura ai margini della società.Questo scenario acquisisce ulteriore forza grazie al doppio registro linguistico (romanesco e italiano) che ha la capacità di catapultare il lettore all'interno di ogni immagine descritta, dentro ogni inquadratura che viene proposta, nel cuore della narrazione. L'immersione è totale.

Le età della vita

Mantioni Paolo