Narrativa

Con tutto il cuore che mi è rimasto

Nunziato Marina

Descrizione: Marta è una bambina che vive in una famiglia numerosa: lo schiamazzo dei suoi fratelli e le grida continue della madre riempiono di una strana e dissonante musica lo scorrere dei suoi giorni. Ma la sua compagna costante è un forte senso di solitudine: troppo distante la madre, annichilita dallo spettro della povertà che riduce a fastidio il suo senso materno; troppo apatico il padre, una volta partigiano, ora prigioniero dell’intrattabile moglie. Eppure Marta trova nella scrittura e nella curiosità un motivo valido per cui vivere. Proprio quest’ultima la porterà a scoprire in soffitta una strana e vecchia scatola con foto di persone mai viste, ma che prendono vita nei suoi pensieri e si materializzano davanti ai suoi occhi: questo l’evento che cambierà la sua vita. Marta capirà, infatti, di essere una bambina speciale, con un dono: quello di saper ascoltare le anime di chi non c’è più. Ancora una volta però dovrà rendersi conto non c’è posto né per lei né per le sue straordinarie qualità e così, dopo la solitudine familiare, Marta dovrà sperimentare quella di un collegio. Nonostante tutto l’orrore e il dolore che i suoi occhi dovranno ancora sopportare Marta alla fine comprenderà e accetterà il suo dono, diventando donna e madre, riversando sui figli l’amore che nessuno ha mai saputo darle.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea

Collana: Romanzi

Anno: 2014

ISBN: 9788882964221

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Una bambina  e una  giovane donna raccontano in prima persona la loro storia di vita e il loro Dono: la capacità di vedere oltre.

Bambina del dopoguerra, nata da un matrimonio senza amore e a sua volta poco amata dalla madre, una delle due protagoniste vive l’esperienza del collegio come ribelle, vittima di suore non caritatevoli.

La  storia della piccola si contrappone a quella di una giovane donna, immatura sposa di un uomo che la prende a suo piacimento e che lei non ama, perché ha contratto il matrimonio per sfuggire alla fame e al disamore della casa d’origine, condividendo questa sorte con molte altre donne di ogni tempo.

La bambina commette marachelle alla Gianburrasca, scrive candide letterine a Gesù Bambino e il suo rapporto originale con la divinità è narrato con levità e strappa qualche sorriso, magari dopo passaggi in cui il tono è cupo o tragico.

Nella narrazione la scrittrice segue il taglio tipico dei romanzi destrutturati, senza una cronologia lineare, poiché fonde il diario della piccola protagonista a quello della ragazza diventata troppo presto moglie e madre e  questo finisce spesso con lo spiazzare il lettore che fatica a seguire le due vicende parallele.

Chi è la bambina? Chi è la donna ripiegata su se stessa, vittima delle sue visioni? Quale relazione le accomuna?
Solo nell’epilogo la narratrice adulta scioglierà i dubbi che fin dalle prime pagine assalgono il lettore, anche se nell’incipit la piccola sembra dare già delle indicazioni.

A questo libro ci si può accostare con più chiavi di lettura: denuncia per un’infanzia violata, riflessione sulla condizione femminile, passando per il paranormale (soprattutto per chi crede in un contatto con entità che non sono più nella nostra dimensione umana, ma si trovano in una vita parallela).
Fa riflettere, ma non è adatto a tutti…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marina

Nunziato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nunziato Marina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un uomo cammina velocemente sulle sponde del Po. Ha le mani insanguinate. A un certo punto si ferma e lancia una rivoltella nel fiume, dove le acque sono più profonde. Poi si mette a correre. Poco più indietro, sotto i piloni del pontile, c'è un altro uomo con il foro di un proiettile sulla fronte. È il cardinale di Ferrara. Gaetano De Nittis, brillante capitano della Guardia di Finanza, il Corpo più "odiato" d'Italia, si trova a indagare su questa morte eccellente. Il caso lo trascina nelle sabbie mobili degli interessi dei notabili della città, tra intrighi di palazzo, giochi di potere e grossi accordi economici. De Nittis, con la colonna sonora del blues del suo idolo B.B. King, inizia così un'altra indagine "ufficiosa" nel tentativo di scagionare da un'accusa di omicidio un giornalista innocente. Il capitano dovrà fare anche i conti con un misterioso falsario di banconote e con un delitto irrisolto di venti anni prima. Il tutto mentre Rosa, la giovane donna che ama, si trova inaspettatamente faccia a faccia con il suo doloroso passato.

Morte di un cardinale

Regina Paolo

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

Antonio Ligabue, Poe e i delitti della Rue Morgue