Narrativa

Con tutto il cuore che mi è rimasto

Nunziato Marina

Descrizione: Marta è una bambina che vive in una famiglia numerosa: lo schiamazzo dei suoi fratelli e le grida continue della madre riempiono di una strana e dissonante musica lo scorrere dei suoi giorni. Ma la sua compagna costante è un forte senso di solitudine: troppo distante la madre, annichilita dallo spettro della povertà che riduce a fastidio il suo senso materno; troppo apatico il padre, una volta partigiano, ora prigioniero dell’intrattabile moglie. Eppure Marta trova nella scrittura e nella curiosità un motivo valido per cui vivere. Proprio quest’ultima la porterà a scoprire in soffitta una strana e vecchia scatola con foto di persone mai viste, ma che prendono vita nei suoi pensieri e si materializzano davanti ai suoi occhi: questo l’evento che cambierà la sua vita. Marta capirà, infatti, di essere una bambina speciale, con un dono: quello di saper ascoltare le anime di chi non c’è più. Ancora una volta però dovrà rendersi conto non c’è posto né per lei né per le sue straordinarie qualità e così, dopo la solitudine familiare, Marta dovrà sperimentare quella di un collegio. Nonostante tutto l’orrore e il dolore che i suoi occhi dovranno ancora sopportare Marta alla fine comprenderà e accetterà il suo dono, diventando donna e madre, riversando sui figli l’amore che nessuno ha mai saputo darle.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea

Collana: Romanzi

Anno: 2014

ISBN: 9788882964221

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Una bambina  e una  giovane donna raccontano in prima persona la loro storia di vita e il loro Dono: la capacità di vedere oltre.

Bambina del dopoguerra, nata da un matrimonio senza amore e a sua volta poco amata dalla madre, una delle due protagoniste vive l’esperienza del collegio come ribelle, vittima di suore non caritatevoli.

La  storia della piccola si contrappone a quella di una giovane donna, immatura sposa di un uomo che la prende a suo piacimento e che lei non ama, perché ha contratto il matrimonio per sfuggire alla fame e al disamore della casa d’origine, condividendo questa sorte con molte altre donne di ogni tempo.

La bambina commette marachelle alla Gianburrasca, scrive candide letterine a Gesù Bambino e il suo rapporto originale con la divinità è narrato con levità e strappa qualche sorriso, magari dopo passaggi in cui il tono è cupo o tragico.

Nella narrazione la scrittrice segue il taglio tipico dei romanzi destrutturati, senza una cronologia lineare, poiché fonde il diario della piccola protagonista a quello della ragazza diventata troppo presto moglie e madre e  questo finisce spesso con lo spiazzare il lettore che fatica a seguire le due vicende parallele.

Chi è la bambina? Chi è la donna ripiegata su se stessa, vittima delle sue visioni? Quale relazione le accomuna?
Solo nell’epilogo la narratrice adulta scioglierà i dubbi che fin dalle prime pagine assalgono il lettore, anche se nell’incipit la piccola sembra dare già delle indicazioni.

A questo libro ci si può accostare con più chiavi di lettura: denuncia per un’infanzia violata, riflessione sulla condizione femminile, passando per il paranormale (soprattutto per chi crede in un contatto con entità che non sono più nella nostra dimensione umana, ma si trovano in una vita parallela).
Fa riflettere, ma non è adatto a tutti…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marina

Nunziato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nunziato Marina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Siamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. Per scoprire la verità Fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Ambientato al tempo delle stragi di Palermo, L’estate fredda offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

L’estate fredda

Carofiglio Gianrico

La mezza vampira Cat Crawfield è diventata l’agente speciale Cat Crawfield, che lavora per il governo al fine di liberare il mondo dai delinquenti non-morti. Per raggiungere il suo scopo continua a usare tutto quello che Bones, il suo sexy e pericoloso ex, le ha insegnato. Ma quando diventa il bersaglio di un assassino, l’unico che può aiutarla è proprio il vampiro che si è lasciata alle spalle. Rivedere Bones e tornare a frequentarlo risveglia in lei tutte le vecchie emozioni, dal flusso di adrenalina di quando uccidono i vampiri fianco a fianco all’avventata passione che li consumava. Cat cercherà in tutti i modi di resistere a un amore che va contro tutte le regole, e che adesso non trova più solo l’ostacolo di sua madre, ma anche dei suoi colleghi di lavoro. Però ben presto scoprirà che il desiderio non muore mai... e visto che Bones stavolta non ha intenzione di lasciarla andar via, a Cat non resta che tornare a combattere con lui. E non solo... La taglia sulla sua testa assume un significato molto particolare quando si scopre che ha qualcosa a che fare con il padre a lungo cercato e da sempre odiato. Se la sua sopravvivenza dipende dal lavorare in squadra con Bones, rischiando ancora una volta di perdere tutto, Cat non può fare a meno di provarci comunque.

LA REGINA DELLA NOTTE

Frost Jeaniene

Luna

Lory Costabile

Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Antigone

Parrella Valeria