Giallo - thriller - noir

TUTTO DEVE CROLLARE

Cannella Carlo

Descrizione: Crudo e potente: così si presenta questo romanzo fin dalle prime pagine. Un’opera importante, la cui compiutezza sfiora la profondità di una riflessione filosofica sul potere e sulla violenza. È la storia di un affarista senza scrupoli che abbraccia l’ideale del dominio fino a farne la propria ragione di vita. L’uomo fa rapire una bambina, la piccola Isabel, in Amazzonia. La tiene con sé per anni, la sposa e le fa mettere al mondo una figlia, Marta. Intanto, sadico e consapevole, continua a gestire i suoi traffici, in nome di un successo che ai suoi occhi giustifica ogni aberrazione. Quando, anni dopo in Italia, Marta incontrerà Gianmario, un crescendo di tensione drammatica porterà a un finale sorprendente e inaudito.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Perdisa

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883725371

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

In questo romanzo dove nulla è edulcorato, giustificato, perdonato, si fa fatica ad entrare, come ad aprire la porta di un sotterraneo lurido che ti travolge con l’olezzo appena dischiudi la porta.

L’istinto, umano, è di richiuderlo dopo poche pagine. Perché l’autore inizia a raccontare la storia facendo descrivere a uno dei due protagonisti in prima persona e con punto di vista interno lo stupro di una ragazzina, brutale e senza alcuna parvenza di rimorso o pietà.

Vincendo il primo istinto, si scopre il mondo completamente marcio, che non vuole fingere neppure per errore di non essere come appare, di un uomo e di una figlia immersi  in una realtà crudele  e votata alla prevaricazione, in nome del potere, o forse del denaro.

Diviso in tre parti, la voce si sdoppia sulla seconda, dove a continuare il racconto troviamo la figlia del primo io narrante, Marta. Una figura che forse ha il suo lato migliore nel disprezzo per le scelte del padre, ma che pur apparendo inizialmente come un personaggio meno negativo, riserva alla parte finale lo svelamento della più amara  disillusione.

Se si pensasse, però, che in questo romanzo ci sia solo una crudeltà autoreferenziale si andrebbe fuori strada: la vicenda è continuamente lastricata da digressioni complesse e da risvolti politico – sociali di fine elaborazione e questo libro, che deve molto al genere che è stato definito “cannibalismo”, occupa un posto a sé tra le pubblicazioni di questi mesi.

Lecito è domandarsi se ci sia bisogno di tanta violenza, di tanto abbruttimento dell’umana specie per offrire lo spunto a una critica costruttiva; altrettanto comprensibile il dubbio che tanta ferocia descritta in queste pagine non sia che un eccesso calcolato, votato a destare attenzione.

Buon giorno Carlo, grazie per avere accettato questa breve intervista e benvenuto su i-libri.com.

Perché scrivere una storia come “Tutto deve crollare”?

L’intenzione era quella di mettere in scena il Potere, mostrarne il volto, spiegarne le ragioni (perché anche il Potere, anche la violenza, a meno di non interpretarli come una deriva insensata del comportamento umano, hanno purtroppo le loro ragioni, fosse anche una fascinazione perversa per l’estetica della morte). Uno si domanda: perché farlo? La violenza non è intorno a noi? Non ne percepiamo la puzza ogni giorno? Non è ormai radicata nell’ambito di ciò che viene definito come “normale”? No. Può sembrare paradossale ma penso che non sia così. Penso che della violenza sentiamo parlare (e tanto), che ne avvertiamo il peso, ma che non la vediamo. L’effetto prodotto da questa negazione è spiazzante. La reiterazione continua a parlare di violenza (quindi solo a immaginarla), o a rappresentarla nella forma dell’effetto speciale al cinema, produce sulle persone un effetto narcotizzante. Il risultato lo conosciamo: imbarbarimento delle società umane, anestetizzazione della ragione, dispiegamento dell’insensato nel mondo. Per non limitarsi a rifiutarla concettualmente, ma a battersi per vanificarla, la violenza (i suoi effetti, la sua crudezza) dobbiamo subirla con gli occhi. Anche solo attraverso le parole. Subirne la meccanica, la chimica, il gesto. La radicalità della visione (volgare perché volgare è la violenza) è un dovere delle parole. Le parole scritte hanno un dono, sono prive dell’istantaneità, una caratteristica sempre più evidente (e annichilente per la razionalità umana) in un mondo altamente tecnologizzato come il nostro. Permettono cioè di ritornare sull’immagine, carpirne l’essenza. Non scivolano via come una notizia al telegiornale. Se la letteratura si limita a rappresentare il senso di pietà, la commiserazione per l’osceno, e non a dare una visione reale e cruda della violenza, diventa inevitabilmente romantica. In quanto tale poco pericolosa per il “sistema”. In parole povere io rivendico per la letteratura un fine di liberazione collettivo, che inevitabilmente passa attraverso la denuncia del reale. In tutto questo, lo so, c’è una componente “politica” che si può anche non accettare. O se vogliamo un’utopia. Forse un delirio.

Il libro è stato inizialmente pubblicato on line, e solo dopo mesi è stato riedito da Perdisa: è difficile oggi trovare uno spazio editoriale per un’opera come questa?

Per la verità fu difficile trovare spazio anche in rete. I soci di Vibrisselibri, l’associazione presieduta da Giulio Mozzi (per la quale il romanzo fu pubblicato nel 2008), lo rifiutarono in gran parte. Fu solo per l’intervento del presidente del comitato di lettura, Lucio Angelini (paradossalmente uno scrittore di libri per ragazzi) che si riavviò la discussione interna che portò, spaccando letteralmente in due l’Associazione, alla sua pubblicazione. Ci son poi voluti 3 anni, non mesi, per trovare un editore cartaceo disposto a pubblicarlo, grazie all’interessamento di Luigi Bernardi che ha perfino tentato di iscriverlo al premio Strega. Ma se è vero che in questo paese 2 “amici” non si negano a nessuno, a questo libro evidentemente si.

Crede che il suo lavoro sia stato complessivamente capito?

In alcuni casi non è stato capito. In tanti altri non è stato nemmeno letto. Ma non voglio star qui a piagnucolare o fare la vittima. Le cose vanno in un certo modo, chi scrive lo sa, meglio andar dritti per la propria strada che pensare a lamentarsi.

Vede davvero il mondo intorno e dentro di noi contaminato da tanto “male”?

Si.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Cannella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cannella Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Si guardò intorno impotente, quasi implorando gli alberi di parlare e darle le risposte che desiderava. In ginocchio sulla neve, sentì in lontananza il latrare di un cane. L’?eco di un ricordo formò un’immagine nella sua mente: era già stata lì una volta… Sì. Sì… Mentre il sole scivolava dietro gli alberi, nella valle sottostante, Greta si aggrappò alla lapide. E finalmente cominciò a ricordare…”

L’angelo di Marchmont Hall

Riley Lucinda

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo

“Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello ie il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?”

Resta anche domani

Forman Gayle

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO