Narrativa

TUTTO É VANITÁ

Schwarz Christina

Descrizione: Le due amiche d'infanzia Margaret e Letty, entrambe trentacinquenni, sono molto insoddisfatte della propria vita. Margaret decide di dare una svolta alla sua esistenza licenziandosi dal lavoro per dedicarsi anima e corpo alla scrittura, certa di diventare un'autrice di bestseller. Letty, madre di quattro figli, stretta nella morsa della quotidianità, approfittando della promozione del marito, concentra tutti i suoi sforzi nell'apparire e nel farsi accettare dalla "high society" di Los Angeles. Ma Margaret, che non ha una vera storia da raccontare, quasi inconsciamente inizia piano piano a rubare all'amica i suoi momenti di vita per trasporli a sua insaputa nel suo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788804511830

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Quando l’ambizione ti divora e dventa la tua ragione di vita, è facile perdere il controllo.

Margaret non è riuscita a realizzare il suo grande sogno, diventare una scrittrice di successo, e, come spesso accade, si è accontentata di un lavoro che le dà certezze ma non la entusiasma, che le garantisce l’approvazione della “gente comune” ma non è in grado di regalarle la serenità e l’appagamento di cui ha bisogno.

Così, fortemente convinta del proprio talento, decide ad un certo punto di rischiare il tutto e per tutto: lascia l’insegnamento e comincia a dedicarsi esclusivamente alla stesura del suo capolavoro.

Purtroppo ed inaspettatamente, però, l’ispirazione langue… Che fare? Margaret è in preda al panico.

Poi, l’idea: anziché inventare una storia di sana pianta, inizia a rubare particolari dalla vita dell’amica Letty.

In effetti, è qualcosa che fanno un pò tutti gli scrittori: in ogni libro si rispecchia sempre la vita di chi lo ha scritto e delle persone che l’autore ha incontrato sul proprio cammino.

Il problema è che Margaret varca il confine e, per rendere più avvincente il suo romanzo, arriva addirittura a condizionare la vita dll’amica…

Il finale, molto amaro, è una fustigazione della vanità.

Mette tristezza, Margaret, tradita dai suoi sogni e traditrice di ciò che si accorge troppo tardi essere veramente importante.

Ma è davvero responsabile di ciò che è accaduto? O preferisce crederlo per preservare il suo amor proprio e vivere il fallimento come una giusta punizione e non come una vera disfatta?

Voto: 9

Avevo scoperto molto presto che non tolleravo di avere torto. Ero piena di comprensione quando gli altri sbagliavano, ma, sventuratamente, lo facevo soltanto in parte per gentilezza d’animo. Per il resto, la mia capacità di perdonare derivava dalla convinzione che gli altri non potessero essere all’altezza degli scopi smisurati che io mi prefiggevo. Tutti facevano errori, ma io non ero tutti

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Christina

Schwarz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schwarz Christina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo

Questo libro rappresenta prima di tutto la narrazione della vita di una donna decisamente fuori dal comune, Else Kirschner. Vivacissima e trasgressiva, nella Germania della prima metà del Novecento, Else, figlia di genitori ebrei, cresce tenendo fede a due promesse fatte a se stessa: vivere la vita fino in fondo, da protagonista, e avere un figlio da ogni uomo che ama. Ecco allora Fritz, Hans ed Erich, mariti, compagni, amanti, padri rispettivamente di Peter, Bettina e Angelika, tre facce diverse dell'universo maschile egoista, debole e inadeguato. Ed ecco la Prima guerra mondiale, i favolosi anni '20 trascorsi in un frenetico girotondo di concerti, teatri e feste, gli anni '30 e il nazismo, le leggi razziali e l'esilio in Bulgaria. In quegli anni si sperimentano tutte le possibili combinazioni nei rapporti e tutte le possibili trasgressioni. Mille tessere di un puzzle tenute insieme da una donna prorompente, per certi aspetti quasi mitica, sicuramente memorabile. Intellettuali e sognatori, anche gli altri personaggi hanno grande forza realistica, ed è affascinante riconoscere il meccanismo di rimozione della realtà contro qualsiasi evidenza che tanti tedeschi hanno messo in atto durante la dominazione nazista e la guerra. Else cerca in tutti i modi di nascondere ai figli la reale entità della tragedia e così facendo produce disastri. Commosso, il lettore vorrebbe quasi intervenire nella storia per riparare i guasti di una vita spericolata in un mondo tragico.

TU NON SEI COME LE ALTRE MADRI

Schrobsdorff Angelica

La tempesta

Moravia Alberto