Narrativa

TUTTO É VANITÁ

Schwarz Christina

Descrizione: Le due amiche d'infanzia Margaret e Letty, entrambe trentacinquenni, sono molto insoddisfatte della propria vita. Margaret decide di dare una svolta alla sua esistenza licenziandosi dal lavoro per dedicarsi anima e corpo alla scrittura, certa di diventare un'autrice di bestseller. Letty, madre di quattro figli, stretta nella morsa della quotidianità, approfittando della promozione del marito, concentra tutti i suoi sforzi nell'apparire e nel farsi accettare dalla "high society" di Los Angeles. Ma Margaret, che non ha una vera storia da raccontare, quasi inconsciamente inizia piano piano a rubare all'amica i suoi momenti di vita per trasporli a sua insaputa nel suo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788804511830

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Quando l’ambizione ti divora e dventa la tua ragione di vita, è facile perdere il controllo.

Margaret non è riuscita a realizzare il suo grande sogno, diventare una scrittrice di successo, e, come spesso accade, si è accontentata di un lavoro che le dà certezze ma non la entusiasma, che le garantisce l’approvazione della “gente comune” ma non è in grado di regalarle la serenità e l’appagamento di cui ha bisogno.

Così, fortemente convinta del proprio talento, decide ad un certo punto di rischiare il tutto e per tutto: lascia l’insegnamento e comincia a dedicarsi esclusivamente alla stesura del suo capolavoro.

Purtroppo ed inaspettatamente, però, l’ispirazione langue… Che fare? Margaret è in preda al panico.

Poi, l’idea: anziché inventare una storia di sana pianta, inizia a rubare particolari dalla vita dell’amica Letty.

In effetti, è qualcosa che fanno un pò tutti gli scrittori: in ogni libro si rispecchia sempre la vita di chi lo ha scritto e delle persone che l’autore ha incontrato sul proprio cammino.

Il problema è che Margaret varca il confine e, per rendere più avvincente il suo romanzo, arriva addirittura a condizionare la vita dll’amica…

Il finale, molto amaro, è una fustigazione della vanità.

Mette tristezza, Margaret, tradita dai suoi sogni e traditrice di ciò che si accorge troppo tardi essere veramente importante.

Ma è davvero responsabile di ciò che è accaduto? O preferisce crederlo per preservare il suo amor proprio e vivere il fallimento come una giusta punizione e non come una vera disfatta?

Voto: 9

Avevo scoperto molto presto che non tolleravo di avere torto. Ero piena di comprensione quando gli altri sbagliavano, ma, sventuratamente, lo facevo soltanto in parte per gentilezza d’animo. Per il resto, la mia capacità di perdonare derivava dalla convinzione che gli altri non potessero essere all’altezza degli scopi smisurati che io mi prefiggevo. Tutti facevano errori, ma io non ero tutti

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Christina

Schwarz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schwarz Christina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Un sorriso in una lacrima

Otto Eros

Un libro sui giovani, perché i giovani, anche se non sempre lo sanno, stanno male. E non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui. Le famiglie si allarmano, la scuola non sa più cosa fare. Solo il mercato si interessa di loro per condurli sulle vie del divertimento e del consumo, dove ciò che si consuma è la loro stessa vita, che più non riesce a proiettarsi in un futuro capace di far intravedere una qualche promessa. Va da sé che, se il disagio non è del singolo individuo, l'origine non è psicologica ma culturale. Perciò inefficaci appaiono i rimedi elaborati dalla nostra cultura, sia in versione religiosa perché Dio è davvero morto, sia nella versione illuminista perché non sembra che la ragione sia oggi il regolatore dei rapporti tra gli uomini. Resta solo la 'ragione strumentale' che garantisce il progresso tecnico, ma non un ampliamento dell'orizzonte di senso per la latitanza del pensiero e l'aridità del sentimento. C'è una via d'uscita? Si può mettere alla porta l'ospite inquietante? Sì, se sapremo insegnare ai giovani l'arte del vivere, come dicevano i Greci, che consiste nel riconoscere le proprie capacità e nell'esplicitare e vederle fiorire secondo misura. Se proprio attraverso il nichilismo i giovani, adeguatamente sostenuti, sapessero compiere questo primo passo capace di farli incuriosire e innamorare di sé, l'ospite inquietante non sarebbe passato invano.

L’ospite inquietante

Galimberti Umberto

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti.

La sposa

Covacich Mauro