Giallo - thriller - noir

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

Descrizione: Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: De Agostini

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788851153274

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Tutto questo ti darò di Dolores Redondo – Un po’ come accade ne Le fate ignoranti di Ozpeteck, la doppia vita di Alvaro si manifesta – dopo la sua morte – all’ignaro Manuel, uno scrittore (“L’insegnamento… sarebbe tornato, una volta terminata la sua breve avventura con quella grande prostituta della letteratura che era la narrativa”) che ha conosciuto il giovane gallego a una fiera editoriale (“Me lo firmi, gli aveva chiesto porgendogli per l’ennesima volta il libro”) e se ne è innamorato. 

Dal tragico momento in cui Manuel apprende che Alvaro è perito in un incidente stradale, è tutto un susseguirsi di spiacevoli scoperte (“Alvaro desiderava essere sepolto nel cimitero di famiglia”) che gettano un sinistro cono d’ombra su un rapporto coniugale che sembrava perfetto, un crudele senso di estraneità (“Tutti gli apparivano estranei, così come il marchese di Santo Tomé, l’uomo senza la fede al dito o il proprietario di quell’altro cellulare”) e anche il sospetto del tradimento (“Tonino spaccia tutto per campare, ma è anche un noto marchettaro”) e di altro ancora (“Magari si drogava”).

Manuel scopre nell’ordine che Alvaro gli ha mentito sulle sue assenze, appartiene a una famiglia nobile della Galizia, frequentava un postribolo con il fratello Santiago (“Sapevi che quando è morto non portava la fede al dito? Sapevi che andava a puttane con suo fratello?”) e dirigeva una fiorente attività vinicola. Senza contare che Manuel scopre altresì di essere l’erede universale del marito (“Grinan… sono un notaio, mi occupavo degli affari di suo marito e sono il suo esecutore testamentario”) e, perciò, il nuovo proprietario delle sue ricchezze e tenute.

Dispiacere dopo dispiacere, Manuel si lascia convincere dal tenente Noguera (“Era suo… suo marito, lei potrebbe addirittura richiedere un’autopsia”) che l’incidente di Alvaro in realtà è un omicidio (“Presentava una ferita sul fianco destro”) e, in compagnia del poliziotto in pensione e di don Lucas (“Sono stato con Alvaro in seminario”), un prete amico di Alvaro, s’inoltra nei complessi rapporti familiari della nobile stirpe del marito.

Qui emergono un passato di abusi e un presente di menzogne e ipocrisie, ove le apparenze della nobiltà (“Il Corvo… lei è sempre qui a vigilare”) nascondono veleni, inganni e fatti inspiegabili (“Era stato lui a infilargli nelle tasche le gardenie?”).

Il voluminoso romanzo scorre veloce, ma produce un senso di sazietà da eccessi: di malvagità, di presunti fratricidi, di falsità.
Alla fine, la storia – una vera ecatombe per la discendenza del marchese Muniz de Davila – risulta poco credibile, travolta com’è da lutti e menzogne.

Bruno Elpis

Il sito web di Dolores Redondo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dolores

Redondo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Redondo Dolores


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo il successo della trilogia dei noir marsigliesi - Casino totale, Chourmo, Solea - Jean-Claude Izzo, ha scritto questo romanzo altrettanto "nero", altrettanto impregnato di quella nostalgia per una felicità impossibile che è una nota caratteristica della sua scrittura. Il sole dei morenti non è un giallo, come non erano solo dei gialli i suoi romanzi precedenti. È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone. Ma dietro continua a vivere un uomo. E questo uomo, questo barbone, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto l'amore. Il sole dei morenti è la storia di un viaggio e di una vita. Un romanzo struggente, di rara umanità.

Il sole dei morenti

Izzo Jean-Claude

Quando giunge dal suo torbido passato nella sua nuova casa in un tranquillo quartiere inglese, Annie pensa che a ventisette anni la sua vita è finalmente iniziata. Si fissa su Neil, un giovane vicino di casa, scambiando la sua gentilezza per interesse sentimentale, Annie immagina un futuro di coppia assieme a Neil nonostante lui conviva felicemente con Lucy. Portando avanti il proprio programma di miglioramento personale, Annie organizza una catastrofica festa per conoscere i vicini di casa, si regala una nuova acconciatura e inizia a tormentare Lucy frugandole nella spazzatura, calpestandole i fiori e indossando vestiti identici a quelli della rivale. Ma poco alla volta emergono dettagli inquietanti del suo passato: dove sono finiti il. suo ex-marito e la loro figlioletta? Chi sono gli uomini che Annie, cicciottella, ha incontrato attraverso la rivista erotica Abundance? È una vittima della solitudine e di un'infanzia infelice oppure una pericolosa sociopatica bugiarda e con gravi disturbi mentali? Un romanzo straordinario che ci tiene in bilico tra umorismo nero, raffinata indagine su una mente disturbata e un misto di horror tra Stephen King, Patricia Highsmith e Ruth Rendell. Certamente è letteratura di gran classe.

UN CERTO TIPO DI INTIMITA’

Ashworth Jenn

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais

Un romanzo fluviale, comico e insieme profondo: un atto di fede nella forza delle storie, e nella loro capacità di prendere per il collo e raccontare il mondo. Le avventure di Lenore, che si mette alla ricerca della bisnonna, antica studiosa di Wittgenstein, fuggita dalla sua casa di riposo insieme a venticinque tra coetanei e infermieri; del fratello LaVache, piccolo genio con una passione smodata per la marijuana; del pappagallo di famiglia, Vlad l'Impalatore, che recita sermoni cristiani su una Tv via cavo; di Norman Bombardini, re dell'ingegneria genetica, che si ingozza di cibo e sogna di ingurgitare il mondo intero; di Rick Vigorous, il capo e l'amante di Lenore, negazione vivente del suo stesso cognome. Una galleria di personaggi uno piú esilarante e paradossale dell'altro, sullo sfondo di un'America impazzita, grottesca, piú vera del vero. «La scopa del sistema è una grandissima sorpresa, che emerge direttamente dalla tradizione dell'eccesso praticata da Thomas Pynchon in V o da John Irving ne Il mondo secondo Garp. La principale qualità di Wallace è la sua esuberanza - personaggi che sembrano cartoni animati, storie a incastro, coincidenze impossibili, un amore sincero per la cultura pop e soprattutto quello spirito giocoso e quell'umorismo che sembravano scomparsi dalla maggior parte della narrativa piú recente».

LA SCOPA DEL SISTEMA

Foster Wallace David