Narrativa

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

Descrizione: La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2019

ISBN: 9788807033421

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Di Tutto sarà perfetto, l’ultimo romanzo di Lorenzo Marone, abbiamo avuto modo di parlare da queste pagine web in occasione della presentazione milanese del libro presso la Feltrinelli di piazza del Duomo: nel frattempo abbiamo letto il romanzo e oggi torniamo con il nostro commento.

Il complicato, turbolento rapporto tra il figlio Andrea e il padre, il comandante Libero, è giunto alla resa dei conti.
Libero è malato (“Ho il cancro, mica sono zoppo… A tua sorella piace giocare a fare l’infermiera”), Andrea – da tempo latitante nella frequentazione della famiglia d’origine (“Non sono stato un figlio amorevole, proprio come lui non è stato un padre amorevole”) – accetta di passare un fine settimana con il padre, come richiesto dalla sorella Marina: in sua assenza, il figliol prodigo si prenderà cura del padre, un uomo fiero, volitivo, testardo e poco affettuoso (“Un vecchio che non ha voluto accettare le mie scelte, che non ha condiviso nulla della mia vita e non ha mai saputo donarmi una parola di conforto”).

Nonostante le raccomandazioni della puntigliosa sorella (“È scritto in quelle stupide raccomandazioni che ti ha lasciato?”), Andrea spariglia le carte della quieta domestica (“Sì, ho violato la raccomandazione numero 10, e allora?”), in ciò coadiuvato da un complice-avversario (“Il cane nazista , dopo il letto di Marina, ha pensato bene di marchiare anche il divano”): il rissoso bassotto Augusto (“Augusto… è un bassotto di cinque anni viziato e prepotente, re incontrastato della famiglia… Si sarebbe dovuto chiamare Caligola”). Ben presto Andrea scopre che l’allontanamento di Marina non è casuale (“È un anno che Marina non mi liberava della sua presenza, mi mancava l’aria”), ma è stato dolosamente architettato dal padre, disposto a tutto pur di realizzare un segreto desiderio (“Mi piacerebbe tornare a Procida, dove sono nato, dove siamo nati”): quello di tornare un’ultima volta a Procida (“Sai che le tartarughe ritornano sulla spiaggia dove sono nate?”).

Cedendo all’insistenza del padre, Andrea lo accompagna sull’isola e sarà per entrambi l’occasione per scavare tra le pieghe del passato: l’infanzia (“Nessuno ha mai colpa per l’infanzia che si è ritrovato”), le assenze di Libero (“Sai, quando arrivavo qui e vi trovavo sul molo ad attendermi, provavo una sensazione che non ho mai più provato. Non era solo gioia… era gratitudine”), la depressione della madre (“Ai giorni no di nostra madre corrispondevano sempre i giorni sì di Ciccio”), i ricordi dei giochi (la sauna nella Dyane, “Ondina che se ne stava sul suo dondolo a scrutarmi”, Il polpo fra le mani), il primo amore, i fotogrammi scattati dalla fantasia visiva e creativa di Andrea (“Iniziai ad annotare gli scatti sul quaderno”).

Il romanzo copre l’arco temporale di due soli giorni: Andrea e Libero partecipano al matrimonio di un’amica e trascorrono la notte in spiaggia; Andrea e Ondina rivivono l’amore dell’infanzia (“Dell’amore rubato in mezzo a una mangianza”). Poi tutto precipita. L’epilogo – cinque mesi dopo il fine settimana trascorso a Procida – si dispiega a suon di sorprese narrative e tutti i tasselli si ricompongono come nel miglior romanzo di tensione (“Ma perché litigasti con zio Biagio?”).

È un romanzo di formazione (“Il tempo è carnivoro… se gli lasci spazio si prende le tue cose”)?

È un romanzo sulla bellezza (“Tu con la bellezza hai proprio un rapporto speciale, è come se si servisse di te per farsi trovare, farsi guardare”)?

È un omaggio all’amenità dei luoghi (“Il mare di quando si parte dall’isola è diverso da quello di quando si arriva”)?

Sono domande naturali, ma noi non imboccheremo la scorciatoia delle definizioni: il romanzo di Lorenzo Marone è lì, da gustare nell’armonia narrativa (“La vita è un chiaroscuro perenne, ma ogni tanto attorno a noi arriva la luce giusta a illuminare le cose e a renderle perfette. Bisogna accorgersene”), nella caratterizzazione dei personaggi e nella dialettica relazionale (“Mi ritrovo a fare io da padre a chi padre fino in fondo non ha mai saputo esserlo”), nelle frequenti riflessioni esistenziali (“Voglio che disperdiate le mie ceneri nel mare sotto i faraglioni. A casa mia”), nelle incursioni mnestiche. E soltanto abbandonandosi al gusto del racconto, allo stile avvolgente e caldo, ai colori delle fotografie letterarie scattate da una mano sapiente, soltanto allora… Tutto sarà perfetto (“Ci sarà un nuovo piccolo brillio a rendere, seppure per un istante, tutto perfetto”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Marone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marone Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

CREPUSCOLO

Gay William

Gira una voce: che Amundsen coltivi lo stesso proposito, ovvero raggiungere il Polo Sud, ma il norvegese nega. Sarà solo il 12 ottobre,a spedizione già lanciata, che Scott riceverà un laconico telegrammada Amundsen: vado a Sud. Che cos'hanno in comune Robert Falcon Scott e re Giovanni Senza Terra? O il principe Gionata e Ron, l'amico del cuore di Harry Potter? L'essere secondi, in maniere, epoche e pagine differenti. Un ruolo che hanno svolto anche tante donne, eroine nascoste oppure pioniere nella loro tenace esistenza. O ancora musicisti e, naturalmente, atleti. A volte persino intere discipline sportive che raramente brillano sotto i riflettori. Ma seconde sono pure le notizie che potrebbero salire sul podio e offrire una speranza, un coraggio diversi. In questo libro Marilena Lualdi esplora vicende di persone - a volte appunto di eroi - con le loro luci e le loro ombre, senza indossare i panni di storica, ma dedicando loro un'attenzione a volte calpestata, deviata o affievolita dal tempo. Un viaggio che attraversa nazioni e continenti, grazie all'esempio del capitano Scott, morto cento anni fa nell'epica gara per la conquista del Polo Sud.

L’importanza di essere secondi

Lualdi Marilena

In una Venezia magica, si consuma l'ultimo atto di un'antica storia d'amore, rivissuta attraverso l'adagio di un concerto per oboe di un Anonimo del '700, da un uomo e una donna che non hanno mai cessato di amarsi.

Anonimo Veneziano

Berto Giuseppe

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia