Narrativa

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

Descrizione: La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2019

ISBN: 9788807033421

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Di Tutto sarà perfetto, l’ultimo romanzo di Lorenzo Marone, abbiamo avuto modo di parlare da queste pagine web in occasione della presentazione milanese del libro presso la Feltrinelli di piazza del Duomo: nel frattempo abbiamo letto il romanzo e oggi torniamo con il nostro commento.

Il complicato, turbolento rapporto tra il figlio Andrea e il padre, il comandante Libero, è giunto alla resa dei conti.
Libero è malato (“Ho il cancro, mica sono zoppo… A tua sorella piace giocare a fare l’infermiera”), Andrea – da tempo latitante nella frequentazione della famiglia d’origine (“Non sono stato un figlio amorevole, proprio come lui non è stato un padre amorevole”) – accetta di passare un fine settimana con il padre, come richiesto dalla sorella Marina: in sua assenza, il figliol prodigo si prenderà cura del padre, un uomo fiero, volitivo, testardo e poco affettuoso (“Un vecchio che non ha voluto accettare le mie scelte, che non ha condiviso nulla della mia vita e non ha mai saputo donarmi una parola di conforto”).

Nonostante le raccomandazioni della puntigliosa sorella (“È scritto in quelle stupide raccomandazioni che ti ha lasciato?”), Andrea spariglia le carte della quieta domestica (“Sì, ho violato la raccomandazione numero 10, e allora?”), in ciò coadiuvato da un complice-avversario (“Il cane nazista , dopo il letto di Marina, ha pensato bene di marchiare anche il divano”): il rissoso bassotto Augusto (“Augusto… è un bassotto di cinque anni viziato e prepotente, re incontrastato della famiglia… Si sarebbe dovuto chiamare Caligola”). Ben presto Andrea scopre che l’allontanamento di Marina non è casuale (“È un anno che Marina non mi liberava della sua presenza, mi mancava l’aria”), ma è stato dolosamente architettato dal padre, disposto a tutto pur di realizzare un segreto desiderio (“Mi piacerebbe tornare a Procida, dove sono nato, dove siamo nati”): quello di tornare un’ultima volta a Procida (“Sai che le tartarughe ritornano sulla spiaggia dove sono nate?”).

Cedendo all’insistenza del padre, Andrea lo accompagna sull’isola e sarà per entrambi l’occasione per scavare tra le pieghe del passato: l’infanzia (“Nessuno ha mai colpa per l’infanzia che si è ritrovato”), le assenze di Libero (“Sai, quando arrivavo qui e vi trovavo sul molo ad attendermi, provavo una sensazione che non ho mai più provato. Non era solo gioia… era gratitudine”), la depressione della madre (“Ai giorni no di nostra madre corrispondevano sempre i giorni sì di Ciccio”), i ricordi dei giochi (la sauna nella Dyane, “Ondina che se ne stava sul suo dondolo a scrutarmi”, Il polpo fra le mani), il primo amore, i fotogrammi scattati dalla fantasia visiva e creativa di Andrea (“Iniziai ad annotare gli scatti sul quaderno”).

Il romanzo copre l’arco temporale di due soli giorni: Andrea e Libero partecipano al matrimonio di un’amica e trascorrono la notte in spiaggia; Andrea e Ondina rivivono l’amore dell’infanzia (“Dell’amore rubato in mezzo a una mangianza”). Poi tutto precipita. L’epilogo – cinque mesi dopo il fine settimana trascorso a Procida – si dispiega a suon di sorprese narrative e tutti i tasselli si ricompongono come nel miglior romanzo di tensione (“Ma perché litigasti con zio Biagio?”).

È un romanzo di formazione (“Il tempo è carnivoro… se gli lasci spazio si prende le tue cose”)?

È un romanzo sulla bellezza (“Tu con la bellezza hai proprio un rapporto speciale, è come se si servisse di te per farsi trovare, farsi guardare”)?

È un omaggio all’amenità dei luoghi (“Il mare di quando si parte dall’isola è diverso da quello di quando si arriva”)?

Sono domande naturali, ma noi non imboccheremo la scorciatoia delle definizioni: il romanzo di Lorenzo Marone è lì, da gustare nell’armonia narrativa (“La vita è un chiaroscuro perenne, ma ogni tanto attorno a noi arriva la luce giusta a illuminare le cose e a renderle perfette. Bisogna accorgersene”), nella caratterizzazione dei personaggi e nella dialettica relazionale (“Mi ritrovo a fare io da padre a chi padre fino in fondo non ha mai saputo esserlo”), nelle frequenti riflessioni esistenziali (“Voglio che disperdiate le mie ceneri nel mare sotto i faraglioni. A casa mia”), nelle incursioni mnestiche. E soltanto abbandonandosi al gusto del racconto, allo stile avvolgente e caldo, ai colori delle fotografie letterarie scattate da una mano sapiente, soltanto allora… Tutto sarà perfetto (“Ci sarà un nuovo piccolo brillio a rendere, seppure per un istante, tutto perfetto”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Marone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marone Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

AMORI

Reyes Alina

Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

HITLER

Genna Giuseppe