Narrativa

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

Descrizione: La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2019

ISBN: 9788807033421

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Di Tutto sarà perfetto, l’ultimo romanzo di Lorenzo Marone, abbiamo avuto modo di parlare da queste pagine web in occasione della presentazione milanese del libro presso la Feltrinelli di piazza del Duomo: nel frattempo abbiamo letto il romanzo e oggi torniamo con il nostro commento.

Il complicato, turbolento rapporto tra il figlio Andrea e il padre, il comandante Libero, è giunto alla resa dei conti.
Libero è malato (“Ho il cancro, mica sono zoppo… A tua sorella piace giocare a fare l’infermiera”), Andrea – da tempo latitante nella frequentazione della famiglia d’origine (“Non sono stato un figlio amorevole, proprio come lui non è stato un padre amorevole”) – accetta di passare un fine settimana con il padre, come richiesto dalla sorella Marina: in sua assenza, il figliol prodigo si prenderà cura del padre, un uomo fiero, volitivo, testardo e poco affettuoso (“Un vecchio che non ha voluto accettare le mie scelte, che non ha condiviso nulla della mia vita e non ha mai saputo donarmi una parola di conforto”).

Nonostante le raccomandazioni della puntigliosa sorella (“È scritto in quelle stupide raccomandazioni che ti ha lasciato?”), Andrea spariglia le carte della quieta domestica (“Sì, ho violato la raccomandazione numero 10, e allora?”), in ciò coadiuvato da un complice-avversario (“Il cane nazista , dopo il letto di Marina, ha pensato bene di marchiare anche il divano”): il rissoso bassotto Augusto (“Augusto… è un bassotto di cinque anni viziato e prepotente, re incontrastato della famiglia… Si sarebbe dovuto chiamare Caligola”). Ben presto Andrea scopre che l’allontanamento di Marina non è casuale (“È un anno che Marina non mi liberava della sua presenza, mi mancava l’aria”), ma è stato dolosamente architettato dal padre, disposto a tutto pur di realizzare un segreto desiderio (“Mi piacerebbe tornare a Procida, dove sono nato, dove siamo nati”): quello di tornare un’ultima volta a Procida (“Sai che le tartarughe ritornano sulla spiaggia dove sono nate?”).

Cedendo all’insistenza del padre, Andrea lo accompagna sull’isola e sarà per entrambi l’occasione per scavare tra le pieghe del passato: l’infanzia (“Nessuno ha mai colpa per l’infanzia che si è ritrovato”), le assenze di Libero (“Sai, quando arrivavo qui e vi trovavo sul molo ad attendermi, provavo una sensazione che non ho mai più provato. Non era solo gioia… era gratitudine”), la depressione della madre (“Ai giorni no di nostra madre corrispondevano sempre i giorni sì di Ciccio”), i ricordi dei giochi (la sauna nella Dyane, “Ondina che se ne stava sul suo dondolo a scrutarmi”, Il polpo fra le mani), il primo amore, i fotogrammi scattati dalla fantasia visiva e creativa di Andrea (“Iniziai ad annotare gli scatti sul quaderno”).

Il romanzo copre l’arco temporale di due soli giorni: Andrea e Libero partecipano al matrimonio di un’amica e trascorrono la notte in spiaggia; Andrea e Ondina rivivono l’amore dell’infanzia (“Dell’amore rubato in mezzo a una mangianza”). Poi tutto precipita. L’epilogo – cinque mesi dopo il fine settimana trascorso a Procida – si dispiega a suon di sorprese narrative e tutti i tasselli si ricompongono come nel miglior romanzo di tensione (“Ma perché litigasti con zio Biagio?”).

È un romanzo di formazione (“Il tempo è carnivoro… se gli lasci spazio si prende le tue cose”)?

È un romanzo sulla bellezza (“Tu con la bellezza hai proprio un rapporto speciale, è come se si servisse di te per farsi trovare, farsi guardare”)?

È un omaggio all’amenità dei luoghi (“Il mare di quando si parte dall’isola è diverso da quello di quando si arriva”)?

Sono domande naturali, ma noi non imboccheremo la scorciatoia delle definizioni: il romanzo di Lorenzo Marone è lì, da gustare nell’armonia narrativa (“La vita è un chiaroscuro perenne, ma ogni tanto attorno a noi arriva la luce giusta a illuminare le cose e a renderle perfette. Bisogna accorgersene”), nella caratterizzazione dei personaggi e nella dialettica relazionale (“Mi ritrovo a fare io da padre a chi padre fino in fondo non ha mai saputo esserlo”), nelle frequenti riflessioni esistenziali (“Voglio che disperdiate le mie ceneri nel mare sotto i faraglioni. A casa mia”), nelle incursioni mnestiche. E soltanto abbandonandosi al gusto del racconto, allo stile avvolgente e caldo, ai colori delle fotografie letterarie scattate da una mano sapiente, soltanto allora… Tutto sarà perfetto (“Ci sarà un nuovo piccolo brillio a rendere, seppure per un istante, tutto perfetto”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Marone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marone Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna

Giuseppe Berto è stato il primo scrittore italiano ad avere il coraggio di uscire allo scoperto parlando della propria esperienza di depresso cronico. La grandezza de Il male oscuro, tuttavia, non risiede soltanto nel tentativo dell’autore di liberarsi terapeuticamente di un peso e di andare alle radici di un problema medico, ma sta soprattutto nella volontà di rompere il muro di ipocrisia e di indifferenza dietro il quale si era trincerata la società degli anni Sessanta. Attraverso un flusso di coscienza che ricorda La coscienza di Zeno di Italo Svevo, Giuseppe Berto intraprende la ricerca delle cause del "male oscuro" che lo attanaglia, partendo dalla cronaca di alcuni avvenimenti della propria infanzia: dal difficile rapporto con il padre (la cui morte sarà il motivo scatenante della depressione) al complesso di Edipo; dall’ambigua e latente conflittualità sessuale allo smodato desiderio di gloria del protagonista, che gli provocò sempre un forte senso di colpa. Quella di Berto è un’indagine lunga, profonda, non priva di momenti ironici e grotteschi che, dopo aver messo a fuoco gli anni del matrimonio, quelli della nascita della figlia Augusta e della fuga in Calabria a seguito del tradimento della moglie, si soffermano meticolosamente sullo snodo centrale della vita di Berto: la scoperta della psicanalisi e di un terapista che lo aiuterà a guarire da alcuni dei suoi sintomi più dolorosi. Un sapiente miscuglio di comicità e tragicità che ne fa, ancora oggi, un romanzo che per la sua attualità tematica, e la sua umanità, può essere apprezzato in qualsiasi epoca.

Il male oscuro

Berto Giuseppe

La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

Roma, fine anni Settanta: un quartiere appena nato che confina con l'inferno, il sogno della casa popolare che diventa subito incubo. Scilla ha quattro anni quando, sul volto di suo padre, vede disegnarsi la rabbia per la vita che li attende. Ma in un luogo dove ognuno ha un dolore a cui sopravvivere, in uno spazio di abbandono che contamina chi ci vive fino a distruggerlo, c'è anche Renata. Ed ecco che quello spazio si dischiude, poco a poco, e quei palazzoni fatiscenti diventano lo scenario in cui nasce e cresce un rapporto fatto di amicizia, desiderio e paura, un rifugio in cui Scilla e Renata si nascondono da una realtà dove nei vasi fioriscono le siringhe e il riscatto si porta sempre dietro la colpa. Perché dove non ci si può permettere di sognare, la vita corrode ogni legame, separa i destini, allontana le persone. Ma lascia, comunque, la speranza di potersi salvare.

Sangue sporco

Aragona Enrica