Narrativa

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

Descrizione: La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2019

ISBN: 9788807033421

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Di Tutto sarà perfetto, l’ultimo romanzo di Lorenzo Marone, abbiamo avuto modo di parlare da queste pagine web in occasione della presentazione milanese del libro presso la Feltrinelli di piazza del Duomo: nel frattempo abbiamo letto il romanzo e oggi torniamo con il nostro commento.

Il complicato, turbolento rapporto tra il figlio Andrea e il padre, il comandante Libero, è giunto alla resa dei conti.
Libero è malato (“Ho il cancro, mica sono zoppo… A tua sorella piace giocare a fare l’infermiera”), Andrea – da tempo latitante nella frequentazione della famiglia d’origine (“Non sono stato un figlio amorevole, proprio come lui non è stato un padre amorevole”) – accetta di passare un fine settimana con il padre, come richiesto dalla sorella Marina: in sua assenza, il figliol prodigo si prenderà cura del padre, un uomo fiero, volitivo, testardo e poco affettuoso (“Un vecchio che non ha voluto accettare le mie scelte, che non ha condiviso nulla della mia vita e non ha mai saputo donarmi una parola di conforto”).

Nonostante le raccomandazioni della puntigliosa sorella (“È scritto in quelle stupide raccomandazioni che ti ha lasciato?”), Andrea spariglia le carte della quieta domestica (“Sì, ho violato la raccomandazione numero 10, e allora?”), in ciò coadiuvato da un complice-avversario (“Il cane nazista , dopo il letto di Marina, ha pensato bene di marchiare anche il divano”): il rissoso bassotto Augusto (“Augusto… è un bassotto di cinque anni viziato e prepotente, re incontrastato della famiglia… Si sarebbe dovuto chiamare Caligola”). Ben presto Andrea scopre che l’allontanamento di Marina non è casuale (“È un anno che Marina non mi liberava della sua presenza, mi mancava l’aria”), ma è stato dolosamente architettato dal padre, disposto a tutto pur di realizzare un segreto desiderio (“Mi piacerebbe tornare a Procida, dove sono nato, dove siamo nati”): quello di tornare un’ultima volta a Procida (“Sai che le tartarughe ritornano sulla spiaggia dove sono nate?”).

Cedendo all’insistenza del padre, Andrea lo accompagna sull’isola e sarà per entrambi l’occasione per scavare tra le pieghe del passato: l’infanzia (“Nessuno ha mai colpa per l’infanzia che si è ritrovato”), le assenze di Libero (“Sai, quando arrivavo qui e vi trovavo sul molo ad attendermi, provavo una sensazione che non ho mai più provato. Non era solo gioia… era gratitudine”), la depressione della madre (“Ai giorni no di nostra madre corrispondevano sempre i giorni sì di Ciccio”), i ricordi dei giochi (la sauna nella Dyane, “Ondina che se ne stava sul suo dondolo a scrutarmi”, Il polpo fra le mani), il primo amore, i fotogrammi scattati dalla fantasia visiva e creativa di Andrea (“Iniziai ad annotare gli scatti sul quaderno”).

Il romanzo copre l’arco temporale di due soli giorni: Andrea e Libero partecipano al matrimonio di un’amica e trascorrono la notte in spiaggia; Andrea e Ondina rivivono l’amore dell’infanzia (“Dell’amore rubato in mezzo a una mangianza”). Poi tutto precipita. L’epilogo – cinque mesi dopo il fine settimana trascorso a Procida – si dispiega a suon di sorprese narrative e tutti i tasselli si ricompongono come nel miglior romanzo di tensione (“Ma perché litigasti con zio Biagio?”).

È un romanzo di formazione (“Il tempo è carnivoro… se gli lasci spazio si prende le tue cose”)?

È un romanzo sulla bellezza (“Tu con la bellezza hai proprio un rapporto speciale, è come se si servisse di te per farsi trovare, farsi guardare”)?

È un omaggio all’amenità dei luoghi (“Il mare di quando si parte dall’isola è diverso da quello di quando si arriva”)?

Sono domande naturali, ma noi non imboccheremo la scorciatoia delle definizioni: il romanzo di Lorenzo Marone è lì, da gustare nell’armonia narrativa (“La vita è un chiaroscuro perenne, ma ogni tanto attorno a noi arriva la luce giusta a illuminare le cose e a renderle perfette. Bisogna accorgersene”), nella caratterizzazione dei personaggi e nella dialettica relazionale (“Mi ritrovo a fare io da padre a chi padre fino in fondo non ha mai saputo esserlo”), nelle frequenti riflessioni esistenziali (“Voglio che disperdiate le mie ceneri nel mare sotto i faraglioni. A casa mia”), nelle incursioni mnestiche. E soltanto abbandonandosi al gusto del racconto, allo stile avvolgente e caldo, ai colori delle fotografie letterarie scattate da una mano sapiente, soltanto allora… Tutto sarà perfetto (“Ci sarà un nuovo piccolo brillio a rendere, seppure per un istante, tutto perfetto”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Marone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marone Lorenzo

Il mondo poetico e artistico di Ginevra Lilli

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero" è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe "assurdo", e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire.

Lo straniero

Camus Albert

Tutto lo sforzo che facciamo per dare ordine alla vita è un logorio costante, disperato, che usura i nervi, li sfianca, ma è necessario alla nostra sopravvivenza. "Le età della vita" è proprio questo, è il tentativo di dare ordine al caos, di riordinare i ricordi, le sensazioni, di prendere per le briglie una vita che è sempre sul limite di deragliare. Ambientato negli anni Ottanta a Roma, i fondali della narrazione sono il mercato ittico di via Ostiense, l'università La Sapienza e la metropoli romana. È in queste praterie urbane che il protagonista diventa funambolo della propria vita, mentre gli spazi vuoti vengono controbilanciati da svariate pressioni: il lavoro, l'università, una storia d'amore e l'intenso rapporto con Carmine, figura ai margini della società.Questo scenario acquisisce ulteriore forza grazie al doppio registro linguistico (romanesco e italiano) che ha la capacità di catapultare il lettore all'interno di ogni immagine descritta, dentro ogni inquadratura che viene proposta, nel cuore della narrazione. L'immersione è totale.

Le età della vita

Mantioni Paolo