Classici

Ulisse

Joyce James

Descrizione: È il racconto degli avvenimenti vissuti nel corso di una giornata da Leopold Bloom e Stephen Dedalus a Dublino, in un vagabondaggio che ripercorre le tappe dell'Odissea. Episodi, scene e fatti sono costruiti con più o meno evidente parallelismo rispetto all'opera omerica. Il romanzo però non si esaurisce in questo, vuole essere anche una "summa" di tutti gli aspetti dell'uomo moderno e dei suoi rapporti con la società.

Categoria: Classici

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Buck Mulligan

Le Vostre recensioni

Una famosa  interpretazione dell’Ulisse è quella dello scrittore e poeta inglese Thomas Stearns Eliot, secondo il quale “Vi è espressa la distanza tra la mediocre realtà contemporanea e la grandezza eroica del mondo greco”. E ancora:… nell’Ulisse è esaltato il valore del mito in quanto mezzo dell’uomo per riscattare un’esistenza  altrimenti priva di senso…” Ma quella di Eliot, a mio modo di vedere, è una interpretazione intellettualistica e forzatamente romantica (tra l’altro mai avvalorata da J. stesso, per quel che ne posso sapere).

È da dire che la critica letteraria classica ha molto amato gli aspetti epici delle grandi storie, soprattutto quando il linguaggio ne ha supportato e compenetrato le trame. Certo, molti grandi scrittori hanno portato al limite estremo, nelle modalità del narrare, l’esplicita e dichiarata “epica umana”. In essi il linguaggio è a “esclusivo servizio” del racconto e viene elevato a perfetta  arte dello scrivere quando si fonde armonicamente con questo.
Vorrei partire, invece, da un altro punto di vista: quello di un  esploratore di portici bassi e di visioni del mondo a volte limpide a volte nebbiose di conoscenza in progress, di storie minimalistiche e di ambiti da scoprire, espresse attraverso parole pronunciate per comunicare la comprensione di uno spazio-mondo, ma che finiscono per rivelare nel ritmo il loro essere solo prede di quello.

Dunque, nell’evoluzione stilistica di Joyce si potrebbe vedere come si  privilegi, a fronte di altri temi, il  “modo della scrittura” e  l’invenzione di  un nuovo linguaggio che si nasconde nel metalinguaggio per sfidare il criptato e il rimando storico/letterario. Sembra, anzi, che questo “modo” possa prevalere sulla storia, conservandone, di questa, solo l’epicità formale.

Con Joyce la “grande storia” si sfuma; le vicende non prevedono più eroi o passionali vittime/interpreti delle pulsioni e degli sconvolgimenti dell’anima. Essa resta a latere rispetto alla trama e, tutt’al più, aleggia su questa, magari costituendone  un contesto che spesso sa di “spazio-tempo” storico/letterario, ma del quale si libera per inventare la modernità.
Nessuno di noi potrebbe oggettivamente proiettarsi in Enrico IV, in Ettore o Achille o addirittura in don Chisciotte, ma tutti possiamo “vederci” in Dedalus (riservato esploratore della vita), in Bloom (cinico ironizzatore di conformismi protestanti e disincantato mentitore), in Buck Mulligan (blasfemia vivente) o in Molly (fascinosa e seducente fedifraga) e nelle loro vicende minimalistiche.

Dunque, cos’è che, malgrado tutto,  rende i personaggi Joyciani  evocanti o criptici navigatori dell’epica, come sono invece esplicitamente gli eroi Omerici o Riccardo II, Enrico IV, Macbeth o i dimoranti dei gironi infernali? Che cosa li illumina di un alone eroico? Esclusivamente la forma / linguaggio. O, per dir meglio, le forme/linguaggi. Che non descrivono l’aspetto dei personaggi (o lo fanno in minima parte), e tanto meno i  sentimenti e le loro convulsioni;  si limitano ad accompagnarne i movimenti, gli spostamenti e i percorsi: la parola ritmica prima di tutto. In altri termini: le parole astratte che evocano tristezza, malinconia, amore sono nulla se confrontate ai nomi delle persone e delle strade, ai numeri civici e alle date.

A questa parola ritmica è affidato il compito di rendere il senso del racconto, a costo di essere neologismo.  E a volte onomatopeismo.

In Joyce è la forma “linguaggio” che, intrinsecamente, diventa di volta in volta drammatica, evocativa, tragica, ironica, in qualche modo referente formale di una futura (possibile?) letteratura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Joyce

Libri dallo stesso autore

Intervista a Joyce James

Una famiglia italiana con tre bambini allegri viaggia da Torino all'Inghilterra su un'auto dal nome di baleniera. È il 2005, pochi giorni dopo gli attentati a Londra. Il fascino di leggende e antichi misteri, il salmastro delle maree, il profumo di brughiere ventose e assolate, s'intrecciano a un omicidio (scoperto dal protagonista e mai rivelato ai familiari). La vacanza si tinge inaspettatamente di nero. Così pare, fino al finale a sorpresa, introdotto dal ritrovamento di una lettera e un manoscritto e da un incontro. Il lettore mescoli questi ingredienti, si faccia incantare dai loro aromi e viaggi a sua volta, pagina dopo pagina.

Raccontare troppo

Asola Teresio

Un sorriso in una lacrima

Eros Otto

"In quei giorni di combattimento gli aerei russi ci lanciarono sulle nostre linee dei volantini, invitandoci alla diserzione. In tali messaggi ci ricordavano le festività di Natale, le nostre mogli, i nostri figli e i familiari. Ci dicevano: ‘Perché siete venuti qui in Russia a combattere contro un popolo che non ha mai minacciato di invadere l’Italia?’ Quindi concludevano dicendo di tornare a casa o di darci prigionieri.” I racconti di guerra non sono tutti uguali. Ogni ricordo ha la caratteristica di essere l’esperienza di una vita, di una vita che ha potuto raccontare ciò che realmente è successo. Non quindi il racconto dei vincitori, non quello dei vinti ma le parole di un uomo che durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale si è trovato in terra straniera, lontano dai familiari, in un luogo del quale non si conosceva nulla con una sola convinzione: sarà breve. L’unica convinzione che Alfonso Di Michele aveva si è dimostrata errata. “Io, prigioniero in Russia”, edito nel 2008 dalla casa editrice L’Autore Firenze Libri e dopo numerose ristampe edito dalla casa editrice La Stampa Editore, ha venduto 50.000 copie ed è la seconda pubblicazione dell’autore Di Michele Vincenzo, scrittore e giornalista pubblicista. La prima pubblicazione è avvenuta nel 2006 “La famiglia di fatto” e l’ultima risale al 2010 “Guidare oggi”. Tre libri che sottolineano la poliedricità di contenuti e la salda attenzione verso la società. “Io, prigioniero in Russia” è il diario di un uomo che a distanza di 50 anni dagli episodi narrati ha sentito il bisogno di lasciare la sua personale testimonianza. Un’esperienza, quella della campagna in Russia, che ha solcato profondamente lo spirito ed il corpo e che doveva esser raccontata per sottolineare che protagonista della guerra è stato il popolo; per questo “Io, prigioniero in Russia” è sinonimo di “guerra vista con gli occhi dell’uomo comune”. Alfonso Di Michele (1922, Intermesoli fraz. Pietracamela – 1993, Roma) è stato uno dei 10.000 reduci che hanno avuto la fortuna di tornare in Italia, 10.000 su 200.000 soldati inviati per la campagna in Russia. Un diario che amorevolmente il figlio Enzo Di Michele ha curato e pubblicato per condividere questa preziosa documentazione storica su un argomento scottante sul quale si vuole tacere. “C’era la fame; una fame di quelle vere che ti istradava il cervello verso un unico pensiero. Mangiare, mangiare; sempre mangiare. Solo chi ha vissuto una simile esperienza può comprendere quali variegate sensazioni si provano, quando lo stomaco incessantemente ti reclama il cibo. È veramente un’ossessione trascorrere la giornata nel pensare a qualcosa da mettere sotto i denti, e ancora più ossessionante è il pensiero mirato all’escogitare delle possibili soluzioni per procurarsi il cibo.” Tredici capitoli nei quali passo passo Alfonso Di Michele ci racconta della sua vita, di chi era, di quando è partito da Intermesoli piccolo paese alle pendici del Gran Sasso, delle sue speranze, delle sue convinzioni, del gelido freddo russo, della gentilezza delle donne russe, della battaglia, delle differenze con i soldati tedeschi, dei temuti lager dei quali si evita in genere di parlare, della marcia del ‘davai’, della prigionia, del cannibalismo, del tifo petecchiale, della fame ossessiva, degli amici morti per denutrizione, delle mancate informazioni, del ritorno a casa. “Il primo abbraccio fu quello ai miei fratelli e al mio compare allorché mi vennero a prendere per riportarmi a casa. In quel 7 dicembre del 1945, in una notte decisamente invernale con i fiocchi di neve che si aggrappavano delicatamente sui tetti delle case, peraltro già carichi di un consistente strato di manto nevoso, si consumava l’insperato ritorno al mio paese.” Per coloro che volessero saperne di più dell’autore lascio il link diretto che riporta direttamente al suo curatissimo sito nel quale potrete seguire le novità sulle sue pubblicazioni ed eventi: http://www.vincenzodimichele.it/ Vincenzo Di Michele è anche su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Vincenzo-di-Michele/148568031840673?ref=ts&sk=wall

Io, prigioniero in Russia

Di Michele Vincenzo

Presentazione del nuovo numero di Adès