Narrativa

Ultime volontà di Musini Arturo

Falco Antonio

Descrizione: 1981. Arturo Musini, un vecchio e ricchissimo mancato musicista, lascia tutti i suoi averi al Conservatorio e al Teatro torinesi, a patto che rispettino le sue bizzarre clausole testamentarie, compreso d’inumarlo a Pindemonte, uno sperduto borgo alpino dove è nato. Proprio lassù i carabinieri stanno indagando sulla scomparsa del custode del cimitero e sul ritrovamento di uno scheletro. Da qui avrà inizio una serie di accadimenti che sconvolgeranno la quiete del paese trascinandolo in un intrico di accuse e sospetti.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Ciliegio

Collana: NoireGialli

Anno: 2020

ISBN: 9788867717002

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Ultime volontà di Musini Arturo di Antonio Falco

Antonio Falco ha pubblicato, in precedenza, Il cane che avrebbe dovuto chiamarsi Fido e La stella a sei punte (ndr: clicca sui titoli per visualizzare le schede delle opere). Ora torna in libreria con Ultime volontà di Musini Arturo, un libro che segna un’ulteriore, ottima tappa lungo il suo personale percorso di scrittore.

Il testo si legge con curiosità e vivida attenzione, si è catturati da una vicenda che affonda le radici in tempi lontani, ma non lontanissimi. La prosa è  semplice, ma al contempo fresca e precisa nelle descrizioni.

Siamo a Torino nella lontana estate del 1982: l’estate del Mundial, delle gesta degli Azzurri e di un Presidente della Repubblica che con il suo atteggiamento era entrato nel cuore di tutti gli italiani. Arturo Masini, novantaquattrenne, muore e lascia uno strano testamento.

Chi era costui?

Era uno degli ultimi eredi di una casata svizzera che chiamare benestante era dir poco: pareva discendesse da un ramo parallelo a quello dei Savoia. Il patrimonio di famiglia era immenso: si favoleggiava di un piccolo castello tra le Alpi; vi comparivano beni di ogni genere: appartamenti, palazzi e terreni sparsi per tutto il Paese e tanta liquidità, azioni e investimenti di tutti i tipi registrati a nome dell’aspirante musicista.”

Cosa hanno di così strano le “sue ultime volontà”?

“Il morituro aveva deciso di lasciare a becco asciutto i pochi parenti rimasti sulla faccia della terra – ovvero due lontani pronipoti – rendendo eredi universali di tutto ciò che possedeva, beni mobili e immobili, il Conservatorio e l’attiguo Teatro Comunale, i luoghi in cui, nel corso della sua lunga vita, aveva potuto accedere esclusivamente dietro pagamento del biglietto di ingresso, nonostante i suoi fervidi desideri.”

Così la Fondazione e i componenti del direttivo, a partire dallo stesso Presidente del Teatro Comunale e del Conservatorio, si ritrovano improvvisamente a gestire un immenso patrimonio. Per l’istituzione è una ghiotta occasione di miglioramento. Ma le cose improvvisamente si complicano: la bella tomba del defunto, situata in un piccolo paesino di montagna, così ben curata, è più volte presa di mira da attentai che sconvolgono la tranquillità del piccolo centro.  A indagare sono i Carabinieri, in primis il maresciallo Giovanni Calitri, che ha l’arduo compito non solo di scoprire una terribile verità, ma anche di riportare serenità in un luogo da sempre più che pacifico.

È una bella storia, ha una trama ben congegnata ed elaborata che trascina il lettore, con frenesia, in altri luoghi e in altri tempi. Pur essendo a tutti gli effetti un giallo, la narrazione è priva di quella violenza cieca e bruta che spesso caratterizza il genere. Ambientazione e personaggi sono resi bene nelle loro individualità e particolarità. Luci e ombre in un tempo differente dall’attualità rendono la lettura intrigante e avvincente come non mai.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Falco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Falco Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Amleto

Shakespeare William

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte terza

Cucchi Maurizio