Narrativa

Ultime volontà di Musini Arturo

Falco Antonio

Descrizione: 1981. Arturo Musini, un vecchio e ricchissimo mancato musicista, lascia tutti i suoi averi al Conservatorio e al Teatro torinesi, a patto che rispettino le sue bizzarre clausole testamentarie, compreso d’inumarlo a Pindemonte, uno sperduto borgo alpino dove è nato. Proprio lassù i carabinieri stanno indagando sulla scomparsa del custode del cimitero e sul ritrovamento di uno scheletro. Da qui avrà inizio una serie di accadimenti che sconvolgeranno la quiete del paese trascinandolo in un intrico di accuse e sospetti.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Ciliegio

Collana: NoireGialli

Anno: 2020

ISBN: 9788867717002

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Ultime volontà di Musini Arturo di Antonio Falco

Antonio Falco ha pubblicato, in precedenza, Il cane che avrebbe dovuto chiamarsi Fido e La stella a sei punte (ndr: clicca sui titoli per visualizzare le schede delle opere). Ora torna in libreria con Ultime volontà di Musini Arturo, un libro che segna un’ulteriore, ottima tappa lungo il suo personale percorso di scrittore.

Il testo si legge con curiosità e vivida attenzione, si è catturati da una vicenda che affonda le radici in tempi lontani, ma non lontanissimi. La prosa è  semplice, ma al contempo fresca e precisa nelle descrizioni.

Siamo a Torino nella lontana estate del 1982: l’estate del Mundial, delle gesta degli Azzurri e di un Presidente della Repubblica che con il suo atteggiamento era entrato nel cuore di tutti gli italiani. Arturo Masini, novantaquattrenne, muore e lascia uno strano testamento.

Chi era costui?

Era uno degli ultimi eredi di una casata svizzera che chiamare benestante era dir poco: pareva discendesse da un ramo parallelo a quello dei Savoia. Il patrimonio di famiglia era immenso: si favoleggiava di un piccolo castello tra le Alpi; vi comparivano beni di ogni genere: appartamenti, palazzi e terreni sparsi per tutto il Paese e tanta liquidità, azioni e investimenti di tutti i tipi registrati a nome dell’aspirante musicista.”

Cosa hanno di così strano le “sue ultime volontà”?

“Il morituro aveva deciso di lasciare a becco asciutto i pochi parenti rimasti sulla faccia della terra – ovvero due lontani pronipoti – rendendo eredi universali di tutto ciò che possedeva, beni mobili e immobili, il Conservatorio e l’attiguo Teatro Comunale, i luoghi in cui, nel corso della sua lunga vita, aveva potuto accedere esclusivamente dietro pagamento del biglietto di ingresso, nonostante i suoi fervidi desideri.”

Così la Fondazione e i componenti del direttivo, a partire dallo stesso Presidente del Teatro Comunale e del Conservatorio, si ritrovano improvvisamente a gestire un immenso patrimonio. Per l’istituzione è una ghiotta occasione di miglioramento. Ma le cose improvvisamente si complicano: la bella tomba del defunto, situata in un piccolo paesino di montagna, così ben curata, è più volte presa di mira da attentai che sconvolgono la tranquillità del piccolo centro.  A indagare sono i Carabinieri, in primis il maresciallo Giovanni Calitri, che ha l’arduo compito non solo di scoprire una terribile verità, ma anche di riportare serenità in un luogo da sempre più che pacifico.

È una bella storia, ha una trama ben congegnata ed elaborata che trascina il lettore, con frenesia, in altri luoghi e in altri tempi. Pur essendo a tutti gli effetti un giallo, la narrazione è priva di quella violenza cieca e bruta che spesso caratterizza il genere. Ambientazione e personaggi sono resi bene nelle loro individualità e particolarità. Luci e ombre in un tempo differente dall’attualità rendono la lettura intrigante e avvincente come non mai.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Falco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Falco Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

In una notte del 1590 una bambina viene abbandonata davanti alla Casa di Carità di Novara. Viene battezzata Antonia Spagnolini, per via degli occhi e dei capelli nerissimi. Siamo nell’epoca della Controriforma e il vescovo Bascapé impone alla popolazione una stretta osservanza religiosa. Passano gli anni e Antonia è scelta per rappresentare le esposte davanti al vescovo: ma, provata dai preparativi, sviene. Sulla base di voci Antonia inizia a essere indicata come una strega, finché viene denunciata al Sant’Uffizio. Inizia il processo e la ragazza si trova al cospetto dell'Inquisitore con una fila di testimoni pronti a deporre contro di lei.?L’11 settembre del 1610, Antonia viene condannata al rogo.

La chimera

Vassalli Sebastiano

Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all’orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall’immensa bellezza dell’Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson comincia a sentirsi minacciato.

L’occhio del leopardo

Mankell Henning

Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Il rinoceronte

Ionesco Eugène