Narrativa

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Descrizione: Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

Categoria: Narrativa

Editore: Instar

Collana: Dirigibili

Anno: 2009

ISBN: 9788846101013

Trama

Le Vostre recensioni

 

Teresa. Mia moglie si chiamava Teresa. E io la amavo”.

Teresa è  morta in un incidente stradale e, a poche ore dal funerale, suo marito Vittorio si spoglia sul letto con sei cuscini a forma di cuore di Carola, una paziente che conosce appena.

“Un anno fa domani” è il titolo del fortunato romanzo di Sebastiano Mondadori, entrato nella rosa dei dodici finalisti al Premio Strega 2010, titolo che lascia intuire una narrazione su più livelli temporali, resi talvolta confusi da un protagonista che racconta la sua disperazione annebbiato dai fumi dell’alcol. Le parole non si interrompono, i pensieri sembrano un fiume in piena.

Vittorio Congedo è un uomo incoerente, sconclusionato, incapace di tenere le redini della propria vita ed andare avanti, un uomo che preferisce anestetizzare il dolore, anziché affrontarlo. Il fantasma di Teresa continua ad ossessionarlo anche se nel frattempo si è risposato, anche se ha ereditato una fortuna e ha delle figlie da seguire, e la storia si snoda tutta attorno al suo tormento e ai vizi da cui si lascia travolgere.

Interessante la descrizione di Teresa, con i suoi eccessi e la sua personalità complessa e dirompente, un personaggio che appare contraddittorio perché visto sia attraverso gli occhi di un Vittorio ubriaco che attraverso lo sguardo forse più obiettivo delle figlie e della famiglia.

Il finale è  molto riuscito, perché fonde la sorpresa con un senso di incompiutezza che calza perfettamente con l’inquietudine del protagonista.

Se posso esprimervi un mio giudizio “di pancia”, pur non contestando la finezza psicologica e l’originalità della struttura narrativa, con i suoi continui rimbalzi, trovo che il romanzo a tratti “stordisca”… Effetto voluto e ricercato dall’autore, indubbiamente, però a lungo andare rende la lettura un po’ pesante.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Mondadori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mondadori Sebastiano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Su una perla trovata in fondo al mare un pescatore messicano, Kino, costruisce il sogno di una vita migliore, il riscatto dalla miseria e dalla fatica. L'inquietudine e le passioni suscitate dal tocco della fortuna sconvolgono però la sua vita, quella di sua moglie e del suo bambino. Contro la violenza non basta più l'amore di Juana, né la solidarietà di alcuni poveri pescatori, e dalla grande avventura Kino e i suoi torneranno alla fatica di tutti i giorni senza nemmeno l'unico bene che la vita aveva loro dato: la pace con se stessi.

La perla

Steinbeck John

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

IL LEOPARDO

Nesbø Jo

John e Marian, coppia di facoltosi quarantenni, attendono nella loro villa di campagna l'arrivo di Lyle, critico d'arte di New York, nell'anniversario della morte di Tony, fratello di John e compagno di Lyle per nove anni. Quest'ultimo si presenta però insieme a Robert, ventiquattrenne pittore di origini indiane: circostanza fatalmente destinata a trasformare il placido soggiorno che i tre avevano programmato in una sequenza di momenti imbarazzanti e carichi di tensione. Ma se l'ansiosa Marian sem­bra essere l'unica ad accorgersene e John si chiude in un laconico riserbo, Lyle fa di tutto per apparire disinvolto. Il suo ultimo libro, in cui descrive la pittura contemporanea come «un'arte moribonda», ha avuto un successo di pubblico inaspettato, e grazie all’adorazione del giovane Robert si è di nuovo attaccato «alla speranza, al­l’at­tesa, al­l’idea che la sua vita stia per cambiare». Eppure, come Lyle imparerà a proprie spese, «lo scorrere dei giorni leviga il dolore ma non lo consuma: quello che il tempo si porta via è andato, e poi si resta con un qualcosa di freddo e duro, un souvenir che non si perde mai». È infatti nelle situazioni più ordinarie – una cena in giardino, una nuotata nel fiume accanto alla casa – che l'assen­za di Tony si fa insopportabile, costringendo i tre amici a sollevare il velo di falsa naturalezza che maschera ansie ine­spresse e antichi dolori. Anche in questo romanzo avvolgente Cameron si mostra come pochi capace di dosare satira e introspezione, per condurci fino a quel luogo della coscienza dove si celano le domande più dure, sull’im­possibilità di conoscere una persona come sulla incerta base dei rapporti sociali.

IL WEEKEND

Cameron Peter