Giallo - thriller - noir

Un appartamento a Parigi

Musso Guillaume

Descrizione: Parigi, un appartamento senza inquilini nel centro della città, silenzioso, troppo perfetto per non nascondere misteri. Madeline, una giovane poliziotta di Londra, lo prende in affitto per cercare un po' di riposo, dopo una serie di casi non risolti e la crisi della sua storia d'amore. Per un errore tecnico, nella stessa casa arriva anche Gaspard, venuto a Parigi per isolarsi e scrivere in tranquillità la sua nuova opera teatrale. Queste due anime solitarie e irrequiete sono così costrette a vivere assieme per qualche giorno. L'appartamento era di proprietà del celebre pittore Sean Lorenz che lo usava anche come studio, e in quelle stanze si respira ancora la sua passione per i colori e per la luce. Distrutto dall'assassinio del giovane figlio, Lorenz è morto l'anno precedente l'arrivo dei due inquilini, lasciando in eredità tre dipinti, che tuttavia risultano oggi scomparsi. Affascinati dal suo genio e colpiti dai molti misteri che avvolgono la sua vita e, soprattutto, la sua morte, Madeline e Gaspard decidono di unire le forze per ritrovare le opere dell'artista. Ma per arrivare a scoprire il segreto che si nasconde dietro l'enigmatica figura di Sean Lorenz, Madeline e Gaspard dovranno affrontare i loro demoni in un'indagine che li cambierà per sempre.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2017

ISBN: 9788893441841

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Per un equivoco Madeline e Gaspard si ritrovano in Un appartamento a Parigi (“Cursum Perficio era una casa-atelier degli anni Venti”): quello appartenuto al talentuoso pittore Sean Lorenz, ex graffitaro. Prende così il via il nuovo romanzo di Guillaume Musso, per certi versi connesso ad alcuni romanzi precedenti (“Il caso Alice Dixon l’aveva distrutta”) dello scrittore francese.

Entrambi i protagonisti sono alle prese con problemi personali: Madeleine insegue una maternità desiderata, il drammaturgo Gaspard deve scrivere l’ennesima opera, ma la sua misantropia comincia a stargli stretta rispetto a un ciclo vitale privilegiato ma insoddisfacente (“E poi, sei mesi di navigazione attraverso le Cicladi… E lui tornava a rifugiarsi in territorio americano, nel suo chalet nel Montana… E poi c’era quel famoso mese di scrittura a Parigi”). Per contro, i misteri che avvolgono la vita e la morte del pittore sono coinvolgenti, affascinanti, stimolanti e passano attraverso l’ambiguità di due colleghi graffitari, una moglie tanto amata quanto raffigurata (“Le 21 Pénélopes”), un figlioletto che sembra perito nel corso di un tragico rapimento.

Il consueto vortice di avventure rocambolesche (“La zebra è un codice QR”) s’intreccia con il sottofondo artistico (“Il cranio di diamanti di Damien Hirst e le sue tassidermie in formaldeide, le aragoste di Jeff Koons esposte al castello di Versailles… gli spray provocatori di Bansky, l’abete natalizio a forma di sex toy di Paul McCarthy…”) e drammatico, tipico dei romanzi di Guillaume Musso. Nella memoria del lettore queste vicende si mescolano e lasciano un retrogusto ibrido: di déjà vu (“È giunto il tempo di accendere le stelle”), di nostalgia per i primi romanzi che rappresentavano una novità.

Bruno Elpis

Il sito web di Guillaume Musso

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guillaume

Musso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musso Guillaume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery

Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Il caso Meursault

Daoud Kamel

Ci sono scrittrici che hanno fatto della propria vita una storia irripetibile. Dacia Maraini è tra queste, come racconta Concita De Gregorio che, con sguardo tanto intimo quanto acuto, riporta alla luce istantanee senza tempo: i genitori ribelli e coraggiosi Fosco e Topazia, gli amici Pasolini, Callas, Visconti, Moravia e le passioni - il femminismo, il teatro, i viaggi - che hanno abitato l’esistenza di Dacia.

Non chiedermi quando

De Gregorio Concita