Un bambino piangeva

Nove Aldo

Descrizione: Antonello Centanin, in arte Aldo Nove, ha trascorso tutte le estati, dall’infanzia alla prima adolescenza, in Sardegna, un’isola che nel suo immaginario poetico si è trasformata in una terra magica e misteriosa, popolata dalle presenze ancestrali di antichi isolani. Il racconto di Nove segue un doppio registro narrativo, realistico e fantastico allo stesso tempo. Da un lato il giovanissimo Antonello, bambino alla scoperta di una terra lontana e in parte sconosciuta, dall’altro il piccolo Sartàlo, giovane di una tribù indigena perennemente in lotta per la sopravvivenza. Una vicinanza curiosa e inaspettata legherà per sempre le esistenze fragili dei due protagonisti, separati dal tempo, ma non dal destino. Il nonno di Antonello e un vecchio Sikh, Giò, faranno da guida al piccolo. Un romanzo poetico ed evocativo, fantastico e almeno in parte autobiografico.

Categoria:

Editore: Mondadori Electa

Collana: Madeleines

Anno: 2015

ISBN: 9788891801531

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Con “Un bambino piangevaAldo Nove mette in prosa la poesia dei ricordi di quando bambino – Antonello da Viggiù – si recava dal nonno in Sardegna, per due mesi di vacanza a contatto con lo spirito dei luoghi e della natura, nell’essenzialità del rapporto con Giuseppino e con lo strambo amico Giò, un rapporto realizzato anche grazie a racconti ingenui e storie incredibili. 

Dopo un’introduzione ironica nella quale Aldo Nove incorona la Madeleine di Proust, il Capitale di Marx e la Bibbia (“In quanti l’hanno veramente letta?”) come clamorosi bluff letterari (“I libri di più grande successo sono spesso quelli che non legge nessuno”), i ricordi di Antonello – la fine della scuola, la partenza, le notti trascorse con il naso all’insù sul traghetto a guardare le stelle, lo sbarco sull’isola, i tratti percorsi sul dorso dell’asino e gli insegnamenti del nonno – s’intrecciano alle vicende di Saltaro, bambino antico che vive le sofferenze della conquista fenicia, in una cosmogonia fantasiosa e naïf (“Le Janas sono state i primi abitanti della Sardegna. Erano delle donne bellissime e piccole…”).

“Millenni fa…
Un bambino piangeva.
Era Saltaro.
Si era nascosto in una casa delle fate.
Si era infilato lì dentro.
Tra i morti.
La gente della porpora arrivava.

Tra le righe di un breve romanzo, lo spirito del fanciullo – in una poetica che ricorda quella del “riservatissimo Pascoli, il secondo mio grande amore letterario” – s’incanala nello stupore delle scoperte infantili (“In uno di questi libri… trovai una domanda: Ma le cose, quando noi le guardiamo, restano ferme?”), nella critica alla società della TV e dei centri commerciali, in una visione della storia personale ed elementare (“Lo sterminio che si chiama storia e che avrebbe portato nuovi regni e desolazioni, imperi come onde del mare in burrasca a succedersi l’una all’altra, ricamare sulla stoffa liquida dei millenni”).

Finale intenso, con occhi e cuore puntati a oriente, all’insegna della ricomposizione di un’unità filosofica identitaria e cosmica: nella voluptas flendi, al canto salmodiante dei versi in sanscrito de “Il gran gioiello della discriminazione”, nella luce (“Ero una stella”) e – sarò pessimista? – nella consolazione che solo la letteratura può offrire:

“Non piangere, Amore.
Non piangere più.
Mi stingeva tra le sue braccia, e tutto il mondo era soltanto un gioco”.

Sono lontani i tempi del cannibalismo di Aldo Nove, la strada della poesia sembra essere senza ritorno.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

La giornata della terra di i-libri.com

La storia di un ragazzino che cresce in un piccolo paese del Centro Italia. Dalla guerra partigiana al Sessantotto.

Saltatempo

Benni Stefano