Un bambino piangeva

Nove Aldo

Descrizione: Antonello Centanin, in arte Aldo Nove, ha trascorso tutte le estati, dall’infanzia alla prima adolescenza, in Sardegna, un’isola che nel suo immaginario poetico si è trasformata in una terra magica e misteriosa, popolata dalle presenze ancestrali di antichi isolani. Il racconto di Nove segue un doppio registro narrativo, realistico e fantastico allo stesso tempo. Da un lato il giovanissimo Antonello, bambino alla scoperta di una terra lontana e in parte sconosciuta, dall’altro il piccolo Sartàlo, giovane di una tribù indigena perennemente in lotta per la sopravvivenza. Una vicinanza curiosa e inaspettata legherà per sempre le esistenze fragili dei due protagonisti, separati dal tempo, ma non dal destino. Il nonno di Antonello e un vecchio Sikh, Giò, faranno da guida al piccolo. Un romanzo poetico ed evocativo, fantastico e almeno in parte autobiografico.

Categoria:

Editore: Mondadori Electa

Collana: Madeleines

Anno: 2015

ISBN: 9788891801531

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Con “Un bambino piangevaAldo Nove mette in prosa la poesia dei ricordi di quando bambino – Antonello da Viggiù – si recava dal nonno in Sardegna, per due mesi di vacanza a contatto con lo spirito dei luoghi e della natura, nell’essenzialità del rapporto con Giuseppino e con lo strambo amico Giò, un rapporto realizzato anche grazie a racconti ingenui e storie incredibili. 

Dopo un’introduzione ironica nella quale Aldo Nove incorona la Madeleine di Proust, il Capitale di Marx e la Bibbia (“In quanti l’hanno veramente letta?”) come clamorosi bluff letterari (“I libri di più grande successo sono spesso quelli che non legge nessuno”), i ricordi di Antonello – la fine della scuola, la partenza, le notti trascorse con il naso all’insù sul traghetto a guardare le stelle, lo sbarco sull’isola, i tratti percorsi sul dorso dell’asino e gli insegnamenti del nonno – s’intrecciano alle vicende di Saltaro, bambino antico che vive le sofferenze della conquista fenicia, in una cosmogonia fantasiosa e naïf (“Le Janas sono state i primi abitanti della Sardegna. Erano delle donne bellissime e piccole…”).

“Millenni fa…
Un bambino piangeva.
Era Saltaro.
Si era nascosto in una casa delle fate.
Si era infilato lì dentro.
Tra i morti.
La gente della porpora arrivava.

Tra le righe di un breve romanzo, lo spirito del fanciullo – in una poetica che ricorda quella del “riservatissimo Pascoli, il secondo mio grande amore letterario” – s’incanala nello stupore delle scoperte infantili (“In uno di questi libri… trovai una domanda: Ma le cose, quando noi le guardiamo, restano ferme?”), nella critica alla società della TV e dei centri commerciali, in una visione della storia personale ed elementare (“Lo sterminio che si chiama storia e che avrebbe portato nuovi regni e desolazioni, imperi come onde del mare in burrasca a succedersi l’una all’altra, ricamare sulla stoffa liquida dei millenni”).

Finale intenso, con occhi e cuore puntati a oriente, all’insegna della ricomposizione di un’unità filosofica identitaria e cosmica: nella voluptas flendi, al canto salmodiante dei versi in sanscrito de “Il gran gioiello della discriminazione”, nella luce (“Ero una stella”) e – sarò pessimista? – nella consolazione che solo la letteratura può offrire:

“Non piangere, Amore.
Non piangere più.
Mi stingeva tra le sue braccia, e tutto il mondo era soltanto un gioco”.

Sono lontani i tempi del cannibalismo di Aldo Nove, la strada della poesia sembra essere senza ritorno.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary

Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell'edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie "made in Italy", una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d'oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l'Os de Mort, di professione "assistente contrario", cuochi e contrabbandieri, l'astuto prevosto e l'azzimato avvocato... Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.

GALEOTTO FU IL COLLIER

Vitali Andrea

Un giorno nella vita del giovane miliardario Eric Packer. Un'odissea contemporanea, surreale, sullo sfondo di un'oscura minaccia e del crollo dei mercati mondiali. Dopo Underworld e Body Art, DeLillo ci offre un romanzo caustico e affascinante, ambientato in un presente che è già futuro. «Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici» disse lei. «Ecco perché il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo».

COSMOPOLIS

DeLillo Don

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas