Saggi

Un genitore in più

Juul Jesper

Descrizione: In questo libro Jesper Juul condensa numerosi spunti di riflessione e indirizza il lettore verso possibili soluzioni relative alle questioni che più di frequente caratterizzano i rapporti nelle famiglie ricostituite, sostitutive, patchwork o, nelle parole dell'autore, famiglie bonus, quelle cioè in cui si intrecciano le relazioni dei figli con i nuovi partner dei propri genitori. Il bonus è il vantaggio dato dall'ingresso di un nuovo adulto in un nucleo familiare dopo una separazione. Il loro ruolo non è semplice: Jesper Juul propone alcuni accorgimenti per coglierne le migliori opportunità e non cadere nelle trappole più comuni, illustrando le une e le altre con interessanti esempi tratti dalla sua esperienza di terapeuta della famiglia. Rivolgendosi ai nuovi adulti che si introducono nella famiglia del partner, Juul invita a riflettere su alcuni temi basilari: l'importanza di scegliere con cura quando e come introdurre un nuovo adulto nella vita familiare; la necessità di un buon contatto, nel rispetto dei limiti altrui e dei propri; l'inutilità di recitare la parte degli educatori e l'invito a divenire amici adulti; il ruolo degli ex partner, ma non ex genitori; la necessità di condividere la responsabilità dei loro precedenti insuccessi nelle relazioni di coppia; la necessaria consapevolezza che nessun consiglio potrà servire, se l'amore e la disponibilità verso gli altri, i figli, non andranno di pari passo con la voglia di maturare e di crescere insieme con loro.

Categoria: Saggi

Editore: Urra

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788850330591

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Sottotitolo: <<Vivere con un partner separato e i suoi figli>>.

La società cambia, i termini ‘patrigno’ e ‘matrigna’ sono destinati a rimanere sempre più confinati nel mondo delle fiabe, nella loro concezione anacronistica dei ruoli familiari.

Noi, nel tentativo di dribblare la valenza negativa di questi termini, che hanno attribuito al genitore ‘sostitutivo’ un ruolo decisamente maligno e malvagio nei confronti di ‘figliastro’ o ‘figliastra’ (interessante, dal punto di vista etimologico/filologico, chiedersi perché mai il vocabolario destini a certe condizioni familiari una denominazione vagamente spregiativa con i suffissi “-igno/a” e “-astro/a”), ci accostiamo con interesse a neologismi come “madre bonus” o “padre bonus” (che poi sarebbero i genitori acquisiti a seguito della separazione dei propri genitori), ‘famiglia patchwork’ (che sarebbe la famiglia sostitutiva o ricostituita, che subentra a quella nucleare tradizionale, a seguito di una separazione) o ‘sparring partner’.

In una società nella quale le famiglie allargate o ‘derivate’ sono numericamente importanti e statisticamente in crescita, ci pensa un terapeuta scandinavo, Jesper Juul, a scongelare la freddezza con la quale la tradizione talvolta considera queste spesso intricate forme familiari. E lo fa con una prima raccomandazione, già nel prologo al suo saggio breve: “Nella tua nuova famiglia, non portare solo il tuo amore e il tuo senso di responsabilità; metti in valigia anche la tua voglia di crescere, la tua intelligenza e la tua disponibilità ad affrontare la crisi.”

Il saggio di Juul tenta di rispondere ad alcune elementari, ma fondamentali domande che si pongono gli adulti quando affrontano una nuova relazione sentimentale dopo il fallimento di un matrimonio con figli: quando la neo-formazione familiare può cominciare a vivere insieme? Come farsi accettare dai figli del/la nuovo/a compagno/a? Quale ruolo assumere con costoro? Quello di amico, di genitore, di responsabile? Come relazionarsi con l’ex partner?

Inutile dire che il lavoro di Juul si innesta su una situazione quasi sempre problematica, per tutta una serie di motivi. Ve ne propongo una sintesi, con una rielaborazione del tutto personale, ma attingendo in modo letterale al testo.

PRIMO: “Non arrivi a casa del tuo partner come una principessa o un principe, che deve salvare la persona che ama da una vita da single”.

SECONDO: Si parte da un fallimento: “Ti troverai quindi a nuotare in un mare infestato di squali, dove gli squali sono sentimenti feriti, tradimenti, gelosia, meschinità, sete di vendetta, irresponsabilità infantilismi, suscettibilità …”

TERZO: “A te non può sfuggire l’evidenza che l’uomo o la donna che ami, e con il quale stai facendo progetti di vita, sia o sia stato almeno in parte responsabile del guaio in cui si è venuto a trovare.”

Dunque bisogna agire senza troppe mistificazioni e con alcune consapevolezze. Tipo:

“Per crescere, un bambino sano deve poter esprimere la sua rabbia, il suo dolore e la sua frustrazione”.

Tra gli aspetti più problematici dell’amore c’è il fatto che quasi nessuno riesce a sopportare di vedere le persone che ama soffrire o stare male”.

E ancora:

“Qualsiasi tentativo di competere per avere il primo posto sarebbe inutile, (i figli) hanno già vinto due volte: quando sono nati e nel momento della separazione.”

“Il tuo partner ha molto più potere di te nel rapporto con i suoi figli, oltre al fatto che spesso deve condividere quel potere con il suo ex.”

La trattazione è disseminata di consigli, anche per indicare come non oltrepassare “i limiti del bambino violandone lo spazio intimo, dove solo i genitori biologici … possono accedere” o per rispettare ‘la legge psicologica del pendolo’: “Tutte le relazioni affettive sono regolate da un pendolo che oscilla tra l’unione e il distacco”.

Cito alcuni di questi consigli, che mi hanno colpito per semplicità ed efficacia:

“Dimentica le battute a effetto e non ostentare il tuo amore per i bambini, perché nella relazione è solo dall’autenticità che scaturiscono, contatto, fiducia e amicizia”.

“Agire è meglio che discutere …”

“Spesso il bisogno di momenti e spazi per sé è tanto forte da entrare in collisione con il tuo bisogno di stare insieme”.

Quindi: un’analisi interessante, a volte effettuata in chiave teorica, a volte riferita a casi pratici; uno strumento che costituisce un tentativo di evitare alle famiglie patchwork di cadere “nelle stesse trappole che insidiano le famiglie nucleari tradizionali”. Proponendo anche una metodologia concreta: quella delle riunioni di famiglia …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jesper

Juul

Libri dallo stesso autore

Intervista a Juul Jesper

La storia di Brooke Shields, una delle donne più belle del mondo, che partorisce a 38 anni la piccola Rowan e non smette di piangere dal primo istante in cui gliela mettono in braccio e scivola in una tremenda depressione da cui si riprenderà solo molti mesi dopo, e quella di Valentina Vezzali, il "cobra", che dopo appena diciotto giorni dalla nascita del figlio Pietro riprende gli incontri di scherma e le bastano tre mesi di allenamento per vincere i campionati del mondo. La storia delle madri di Plaza de Mayo, a cui la dittatura argentina ha rubato i figli, capaci di un amore assoluto per le proprie creature scomparse, perché l'amore materno perfetto è solo quello per chi non c'è più, e quella di Mercè Anglada, ostetrica di 44 anni, che per aver dedicato l'intera vita a far nascere i figli degli altri non si è mai sposata e non ne ha mai avuti di propri. Storie di madri e di maternità, storie di amore e di paura, storie di gioia e di terribili depressioni. Concita De Gregorio compie un viaggio, attraverso venti racconti di maternità, in una realtà circondata da moltissimi luoghi comuni, per cercare di dare voce a una realtà silenziosa: la fatica di essere madri in un mondo in cui per le madri non c'è posto.

Una madre lo sa

De Gregorio Concita

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

A che ora muori?

Carabba Simone

Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin