Saggi

Un genitore in più

Juul Jesper

Descrizione: In questo libro Jesper Juul condensa numerosi spunti di riflessione e indirizza il lettore verso possibili soluzioni relative alle questioni che più di frequente caratterizzano i rapporti nelle famiglie ricostituite, sostitutive, patchwork o, nelle parole dell'autore, famiglie bonus, quelle cioè in cui si intrecciano le relazioni dei figli con i nuovi partner dei propri genitori. Il bonus è il vantaggio dato dall'ingresso di un nuovo adulto in un nucleo familiare dopo una separazione. Il loro ruolo non è semplice: Jesper Juul propone alcuni accorgimenti per coglierne le migliori opportunità e non cadere nelle trappole più comuni, illustrando le une e le altre con interessanti esempi tratti dalla sua esperienza di terapeuta della famiglia. Rivolgendosi ai nuovi adulti che si introducono nella famiglia del partner, Juul invita a riflettere su alcuni temi basilari: l'importanza di scegliere con cura quando e come introdurre un nuovo adulto nella vita familiare; la necessità di un buon contatto, nel rispetto dei limiti altrui e dei propri; l'inutilità di recitare la parte degli educatori e l'invito a divenire amici adulti; il ruolo degli ex partner, ma non ex genitori; la necessità di condividere la responsabilità dei loro precedenti insuccessi nelle relazioni di coppia; la necessaria consapevolezza che nessun consiglio potrà servire, se l'amore e la disponibilità verso gli altri, i figli, non andranno di pari passo con la voglia di maturare e di crescere insieme con loro.

Categoria: Saggi

Editore: Urra

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788850330591

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Sottotitolo: <<Vivere con un partner separato e i suoi figli>>.

La società cambia, i termini ‘patrigno’ e ‘matrigna’ sono destinati a rimanere sempre più confinati nel mondo delle fiabe, nella loro concezione anacronistica dei ruoli familiari.

Noi, nel tentativo di dribblare la valenza negativa di questi termini, che hanno attribuito al genitore ‘sostitutivo’ un ruolo decisamente maligno e malvagio nei confronti di ‘figliastro’ o ‘figliastra’ (interessante, dal punto di vista etimologico/filologico, chiedersi perché mai il vocabolario destini a certe condizioni familiari una denominazione vagamente spregiativa con i suffissi “-igno/a” e “-astro/a”), ci accostiamo con interesse a neologismi come “madre bonus” o “padre bonus” (che poi sarebbero i genitori acquisiti a seguito della separazione dei propri genitori), ‘famiglia patchwork’ (che sarebbe la famiglia sostitutiva o ricostituita, che subentra a quella nucleare tradizionale, a seguito di una separazione) o ‘sparring partner’.

In una società nella quale le famiglie allargate o ‘derivate’ sono numericamente importanti e statisticamente in crescita, ci pensa un terapeuta scandinavo, Jesper Juul, a scongelare la freddezza con la quale la tradizione talvolta considera queste spesso intricate forme familiari. E lo fa con una prima raccomandazione, già nel prologo al suo saggio breve: “Nella tua nuova famiglia, non portare solo il tuo amore e il tuo senso di responsabilità; metti in valigia anche la tua voglia di crescere, la tua intelligenza e la tua disponibilità ad affrontare la crisi.”

Il saggio di Juul tenta di rispondere ad alcune elementari, ma fondamentali domande che si pongono gli adulti quando affrontano una nuova relazione sentimentale dopo il fallimento di un matrimonio con figli: quando la neo-formazione familiare può cominciare a vivere insieme? Come farsi accettare dai figli del/la nuovo/a compagno/a? Quale ruolo assumere con costoro? Quello di amico, di genitore, di responsabile? Come relazionarsi con l’ex partner?

Inutile dire che il lavoro di Juul si innesta su una situazione quasi sempre problematica, per tutta una serie di motivi. Ve ne propongo una sintesi, con una rielaborazione del tutto personale, ma attingendo in modo letterale al testo.

PRIMO: “Non arrivi a casa del tuo partner come una principessa o un principe, che deve salvare la persona che ama da una vita da single”.

SECONDO: Si parte da un fallimento: “Ti troverai quindi a nuotare in un mare infestato di squali, dove gli squali sono sentimenti feriti, tradimenti, gelosia, meschinità, sete di vendetta, irresponsabilità infantilismi, suscettibilità …”

TERZO: “A te non può sfuggire l’evidenza che l’uomo o la donna che ami, e con il quale stai facendo progetti di vita, sia o sia stato almeno in parte responsabile del guaio in cui si è venuto a trovare.”

Dunque bisogna agire senza troppe mistificazioni e con alcune consapevolezze. Tipo:

“Per crescere, un bambino sano deve poter esprimere la sua rabbia, il suo dolore e la sua frustrazione”.

Tra gli aspetti più problematici dell’amore c’è il fatto che quasi nessuno riesce a sopportare di vedere le persone che ama soffrire o stare male”.

E ancora:

“Qualsiasi tentativo di competere per avere il primo posto sarebbe inutile, (i figli) hanno già vinto due volte: quando sono nati e nel momento della separazione.”

“Il tuo partner ha molto più potere di te nel rapporto con i suoi figli, oltre al fatto che spesso deve condividere quel potere con il suo ex.”

La trattazione è disseminata di consigli, anche per indicare come non oltrepassare “i limiti del bambino violandone lo spazio intimo, dove solo i genitori biologici … possono accedere” o per rispettare ‘la legge psicologica del pendolo’: “Tutte le relazioni affettive sono regolate da un pendolo che oscilla tra l’unione e il distacco”.

Cito alcuni di questi consigli, che mi hanno colpito per semplicità ed efficacia:

“Dimentica le battute a effetto e non ostentare il tuo amore per i bambini, perché nella relazione è solo dall’autenticità che scaturiscono, contatto, fiducia e amicizia”.

“Agire è meglio che discutere …”

“Spesso il bisogno di momenti e spazi per sé è tanto forte da entrare in collisione con il tuo bisogno di stare insieme”.

Quindi: un’analisi interessante, a volte effettuata in chiave teorica, a volte riferita a casi pratici; uno strumento che costituisce un tentativo di evitare alle famiglie patchwork di cadere “nelle stesse trappole che insidiano le famiglie nucleari tradizionali”. Proponendo anche una metodologia concreta: quella delle riunioni di famiglia …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jesper

Juul

Libri dallo stesso autore

Intervista a Juul Jesper


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un mondo dominato dal Nuovo Ordine, il regime autoritario che ha abrogato le leggi democratiche e proibito qualsiasi forma di libertà, due ragazzi lottano per la propria sopravvivenza e per la salvezza dell'umanità intera... Hanno combattuto con coraggio, ma hanno fallito. E adesso Whit e Wisty Allgood sono costretti ad assistere impotenti all'esecuzione dei loro genitori. Ed è solo l'inizio. Nel giro di pochissimi giorni, le guardie nel Nuovo Ordine fanno irruzione nel quartier generale della Resistenza, portando via tutti coloro che avevano aiutato i fratelli Allgood. Potendo contare solo sulle proprie forze, Whit e Wisty decidono allora di tentare il tutto per tutto, sferrando un attacco direttamente contro l'Unico tra gli Unici. E ben presto si rendono conto con orrore che ogni incantesimo lanciato su di lui non ha nessun effetto, se non quello di renderlo ancora più forte...

Witch & Wizard – Il fuoco

Patterson James

James Purdy e la sua scrittura rimangono un rebus oggi come ieri. Amato da autori che non potrebbero essere più diversi - tra gli altri Jonathan Franzen, Gore Vidal e David Means che firma l'introduzione a questo libro -, non ha mai incontrato il favore del grande pubblico né lo ha mai ricercato. Forse proprio perché non l'abbiamo capito meriterebbe ancora un'altra chance per confonderci e sviarci, per mostrarci come la letteratura possa ancora essere un oggetto misterioso che prescinde da regole di scrittura fissate come fossero le tavole del tempio. La prosa di Purdy potrebbe suonare anacronistica, con le sue didascalie, il suo marchiano "tell don't show", questi personaggi che fulminano a bruciapelo gli interlocutori con domande sul senso delle cose, stridenti nella loro chiarezza e crudeli nel loro essere stralunate. I neon di un cinema notturno piuttosto equivoco squillano "uomini uomini uomini", e nella sala buia qualche marchettaro è intento a conoscere col tatto corpi e fremiti propri e altrui. Così come gli Holden efebici che perlustrano gli anfratti più bui di un parco sordido varcano quel territorio di confine che è l'omosessualità, allo stesso modo la lingua di Purdy sta e si misura fra ciò che dice e ciò che esclude dall'esser detto, ciò che rimane fuori ma soprattutto sotto l'abito di parole confezionato da questo formalissimo sarto letterario. Sotto una spessa patina di urbanità e manierismi, pulsa una voragine di desiderio e gli interpreti azzimati e ossequiosi di queste turpitudini mai esibite, ma solo ruminate e vissute, hanno un'onomastica e una "quirkin"...

Non chiamarmi col mio nome

Purdy James

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo