Narrativa

UN GIORNO

Nicholls David

Descrizione: È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2010

ISBN: 9788854504202

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

“Lui le posò una mano leggera sulla nuca e nello stesso istante lei gli appoggiò una mano leggera sul fianco, e si baciarono lì per la strada in mezzo alla gente che correva a casa nella luce estiva,il bacio più dolce che avrebbero mai provato nella loro vita. Ecco dove inizia tutto. Tutto parte da qui, oggi.”

Emma e Dexter. Si incontrano l’ultimo giorno di università, si sono appena laureati. Hanno concluso una tappa importante della loro vita e sono pronti ad affrontare il futuro, a “cercare di cambiare qualcosa”. E’ il 15 luglio 1988, i due ragazzi , un po’ ubriachi e un po’ euforici, si baciano, finiscono a letto, mescolano per un momento le loro esistenze e poi ognuno per la sua strada: lui a rincorrere una vita fatta di divertimenti, di sregolatezza, di superficialità; lei a cercare di realizzare quei sogni che a volte sembrano decisamente irraggiungibili. Sarà questa data speciale, il 15 luglio, a scandire la storia di Emma e Dexter, a mostrarceli di anno in anno intenti a costruirsi il proprio futuro ma sempre con il pensiero rivolto all’altro. Com’è possibile non riconoscere l’amore quando è così vicino? Quando devi respingere con forza la sensazione che sì, sei davvero innamorata e che sì forse è proprio quella la donna giusta per te! Eppure Emma e Dexter non riescono a confessarsi il loro amore. Sembra che abbiano paura di essere davvero felici o meglio, sembra che abbiano paura di farsi troppo male. Non si accorgono di quanto stanno bene insieme, di quanto si completino, di quanto sono felici quando riescono ad essere veramente se stessi. Così gli anni passano fra liti, gelosie, successi, fallimenti, gioie, delusioni, piccoli compromessi, amori sbagliati, scelte coraggiose ma, alla fine, sono sempre Dex ed Em:

“Perché  siamo…noi. Siamo Dex ed Em. No?”

Un giorno è un romanzo di forti sentimenti e di grande passione. I personaggi sono costruiti con estrema ‘verità’ tanto che, come ha commentato Jonathan Coe: “quando chiudiamo il libro abbiamo la sensazione di conoscerli quanto i nostri amici più cari”. Emma e Dexter ci regalano emozioni intense, ci ricordano che la conquista dell’amore è possibile solo se ci si mette in gioco fino in fondo, se si sconfiggono le paure e le piccole meschinità che fanno parte del nostro essere, se si accetta di correre il rischio di rimanere delusi.

Lo stile con cui è condotta la narrazione è semplice ma accattivante. L’autore, senza mai essere banale, costruisce una trama dove riesce ad amalgamare efficacemente la malinconia di fondo della storia, il grottesco di alcune situazioni, la dolcezza e profondità dei sentimenti e, in conclusione, la sorpresa di un finale davvero commovente.

David Nicholls, attore, scrittore ed autore televisivo, è stato avvicinato dal Times a grandi nomi della letteratura inglese del calibro di Jonathan Coe e Nick Hornby. L’edizione originale del romanzo, in corso di traduzione in tutto il mondo, è uscita in Gran Bretagna nel giugno del 2009 riscuotendo uno straordinario successo di critica, tanto da rimanere per dieci settimane nella classifica dei bestseller.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Nicholls

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nicholls David

Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una profonda riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell'infelicità nella pienezza dell'accettazione della vita e della sua bellezza.

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Coelho Paulo

“Pasolini” è un colloquio immaginario tra due artisti che parte da un assunto fantastico: Pasolini è vivo, e ha delle cose da dire. Molte. Essenziali. Ma è davvero lui? O un fantasma, un attore, un mitomane? Quel che è certo è che la sua conversazione con Davide Toffolo vibra di quel senso, di quell’acutezza che ne hanno reso immortale lo spirito. Toffolo cerca Pasolini tra le pagine dei suoi libri, nei ritagli di stampa, nelle interviste e ne cattura perfettamente l’essenza: la rabbia, l’inalienabile solitudine, la feroce irriducibilità del poeta sono tutte tra le pagine di quest’intenso ritratto della grazia pasoliniana a opera di uno dei più anticonformisti artisti del paese.

Pasolini

Toffolo Davide

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

1498, Milano. Leonardo da Vinci aveva atteso con ansia quel primo incontro con Frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate nel monastero francescano, nell’attesa che questi arrivi, Leonardo si sofferma su un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie e di richiami alla geometria euclidea che lo colpisce infinitamente, di certo era stato il frate a scegliere ogni dettaglio. Per Leonardo, da sempre interessato a ogni branca del sapere, la matematica, il cui studio gli è stato precluso, rimaneva la regina di ogni scienza. Dal francescano avrebbe finalmente potuto apprendere quel sapere. L’incontro tra i due uomini, però, è funestato dalla morte del vicino di cella di Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini giunti in Italia in seguito alla rovinosa crociata condotta da Sigismondo Malatesta. Quei volumi sono di grandissimo interesse anche per Leonardo e Pacioli. Insieme, da Milano a Mantova, da Firenze a Urbino, attraversando un’Italia ormai al tramonto della felice epoca pacifica e indipendente, i due si metteranno sulle tracce dell’assassino e Leonardo scoprirà il misterioso enigma nascosto nel quadro che raffigura Pacioli.

La biblioteca segreta di Leonardo

Fioretti Francesco