Narrativa

UN GIORNO

Nicholls David

Descrizione: È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2010

ISBN: 9788854504202

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

“Lui le posò una mano leggera sulla nuca e nello stesso istante lei gli appoggiò una mano leggera sul fianco, e si baciarono lì per la strada in mezzo alla gente che correva a casa nella luce estiva,il bacio più dolce che avrebbero mai provato nella loro vita. Ecco dove inizia tutto. Tutto parte da qui, oggi.”

Emma e Dexter. Si incontrano l’ultimo giorno di università, si sono appena laureati. Hanno concluso una tappa importante della loro vita e sono pronti ad affrontare il futuro, a “cercare di cambiare qualcosa”. E’ il 15 luglio 1988, i due ragazzi , un po’ ubriachi e un po’ euforici, si baciano, finiscono a letto, mescolano per un momento le loro esistenze e poi ognuno per la sua strada: lui a rincorrere una vita fatta di divertimenti, di sregolatezza, di superficialità; lei a cercare di realizzare quei sogni che a volte sembrano decisamente irraggiungibili. Sarà questa data speciale, il 15 luglio, a scandire la storia di Emma e Dexter, a mostrarceli di anno in anno intenti a costruirsi il proprio futuro ma sempre con il pensiero rivolto all’altro. Com’è possibile non riconoscere l’amore quando è così vicino? Quando devi respingere con forza la sensazione che sì, sei davvero innamorata e che sì forse è proprio quella la donna giusta per te! Eppure Emma e Dexter non riescono a confessarsi il loro amore. Sembra che abbiano paura di essere davvero felici o meglio, sembra che abbiano paura di farsi troppo male. Non si accorgono di quanto stanno bene insieme, di quanto si completino, di quanto sono felici quando riescono ad essere veramente se stessi. Così gli anni passano fra liti, gelosie, successi, fallimenti, gioie, delusioni, piccoli compromessi, amori sbagliati, scelte coraggiose ma, alla fine, sono sempre Dex ed Em:

“Perché  siamo…noi. Siamo Dex ed Em. No?”

Un giorno è un romanzo di forti sentimenti e di grande passione. I personaggi sono costruiti con estrema ‘verità’ tanto che, come ha commentato Jonathan Coe: “quando chiudiamo il libro abbiamo la sensazione di conoscerli quanto i nostri amici più cari”. Emma e Dexter ci regalano emozioni intense, ci ricordano che la conquista dell’amore è possibile solo se ci si mette in gioco fino in fondo, se si sconfiggono le paure e le piccole meschinità che fanno parte del nostro essere, se si accetta di correre il rischio di rimanere delusi.

Lo stile con cui è condotta la narrazione è semplice ma accattivante. L’autore, senza mai essere banale, costruisce una trama dove riesce ad amalgamare efficacemente la malinconia di fondo della storia, il grottesco di alcune situazioni, la dolcezza e profondità dei sentimenti e, in conclusione, la sorpresa di un finale davvero commovente.

David Nicholls, attore, scrittore ed autore televisivo, è stato avvicinato dal Times a grandi nomi della letteratura inglese del calibro di Jonathan Coe e Nick Hornby. L’edizione originale del romanzo, in corso di traduzione in tutto il mondo, è uscita in Gran Bretagna nel giugno del 2009 riscuotendo uno straordinario successo di critica, tanto da rimanere per dieci settimane nella classifica dei bestseller.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Nicholls

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nicholls David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Opera curata da Alessandra Grandelis

Quando verrai sarò quasi felice. Lettere a Elsa Morante (1947-1983)

Moravia Alberto

"Dopo essere stato nelle sue mani, dottore, nessuno può più affermare di essere padrone della propria anima" dirà un giorno a Dario Asfar il ricchissimo finanziere Wardes, affidandosi ancora una volta alle cure di quel medico ambiguo quanto fascinoso. A Parigi c'è chi lo accusa di sfruttare la credulità del prossimo. Eppure, nella sua sala d'aspetto continuano a fare la fila le signore della buona società, ansiose di sottoporsi al suo " metodo " una sorta di psicoanalisi annacquata a uso mondano - per guarire da mali molto spesso immaginari. Del resto, se il dottor Asfar è riuscito a diventare ricco e celebre, è proprio perché, nel momento in cui stava per arrendersi alla miseria e all'emarginazione, ha capito che "queste malattie nervose, queste turbe psichiche, queste inspiegabili fobie, che di certo nessun dottore saprebbe guarire, rappresentano un campo di ampio, illimitato successo ". Certo, è dovuto scendere a compromessi talvolta ignobili con la propria coscienza; e ha finito - lui, il "meteco", il "medicastro" malvestito, che, giunto da uno di quei porti dell'Oriente che formicolano di commerci di ogni genere, sognava di trovare in Occidente il proprio riscatto - per non tirarsi indietro di fronte a nessuna richiesta, neanche la più scellerata. Non poteva, e non solo perché aveva una moglie e un figlio da mantenere: ma perché era anche lui un "lupo affamato"...

Il signore delle anime

Némirovsky Irène

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Lei

Veladiano Mariapia