Narrativa

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred

Descrizione: È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865591161

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

“Con semplicità e onestà affrontó e confessó l’abbandono di tutti i principi che l’avevano guidata nella vita: in un solo giorno, al primo scorcio di tentazione, non solo era caduta, ma piuttosto precipitata a capofitto nel peccato. A nulla valevano i lunghi anni di rettitudine, perchè non era mai stata tentata prima. I locali pieni di vita la allettavano; la musica la stregava; i covi del vizio la incantavano. Voleva addirittura gustare ancora il meraviglioso drink preparato da Tony, che dava un tal senso di sicurezza e potenza… Non c’erano scuse. Non poteva negare che la via della perdizione, condannata da genitori e principi morali, era molto più piacevole del solitario sentiero della virtù: il suo senso morale aveva fallito la prova” Londra, anni Trenta.

In una fredda giornata di novembre, Miss Pettigrew, avvolta in un orrendo e vecchio cappotto marrone, si reca sfiduciata all’agenzia di collocamento.  Ed ecco che, proprio quando meno se l’aspetta, la direttrice le annuncia che forse c’è un umpiego che fa al caso suo: Miss LaFosse, al 5 di Onslow Mansions, ha bisogno di un’istitutrice.

“Avevo quasi perso la speranza, di questi tempi non ci sono molti impieghi per una come me”.

Ebbene com’è Miss Pettigrew?

“… una spigolosa signora di mezza età e di media statura, magra per la scarsità di pasti nutrienti, con un’espressione timida e frustrata e un evidente timore negli occhi, se qualcuno si fosse dato la pena di guardare. Ma al mondo non c’era più un parente, nè un amico, che si curasse di sapere se Miss Perttigrew era viva o morta”.

Così ci viene presentata Ginevra Pettigrew nelle prime pagine: una donna non più giovane, scialba e sola, che non ha mai conosciuto l’amore.

Le basta peró suonare timidamente alla porta di Miss LaFosse in un giorno qualunque perchè le si spalanchi davanti agli occhi un mondo meravigliosamente diverso, eccitante e pieno di sorprese.

Non è mai troppo tardi per scoprire la vita… Purchè ci si lasci andare, imparando ad allentare la presa di tanto in tanto e a lasciare spazio al destino.

Il romanzo di Winifred Watson è un’irresistibile commedia inglese che si nutre di equivoci e coincidenze e convince anche il lettore più scettico dell’esistenza di infinite opportunità in cui quotidianamente incappiamo senza accorgercene.

Quando Miss LaFosse compare sulla soglia in un seducente négligé e Ginevra nota il”fulgore esotico” della sua casa, decide quasi subito di accantonare, almeno per un pó, pregiudizi e convenzioni, anche se il suo rigido senso morale è messo a dura prova dalle abitudini evidentemente libertine della  bella signorina, che riceve in sequenza due aitanti giovanotti e le parla addirittura di un terzo pretendente.

“Il cuore le martellava in petto, le guance erano arrossate, si sentiva mancare per l’agitazione, ma non aveva mai provato tanta eccitazione in vita sua: finalmente succedeva qualcosa”.

Ginevra trova esaltante la possibilità di assistere alle vicende piccanti e avventurose che colorano la vita di Miss LaFosse e dei suoi amici e sceglie di farsi in regalo: una giornata da leoni, vissuta seguendo semplicemente il corso degli eventi, un ricordo da custodire nel cuore che possa scaldarla nei tetri e banali giorni a venire.

Non immagina, peró, che da spettatrice diventerà addirittura protagonista e verrà letteralmente risucchiata da quella vita che ha sempre avuto il timore di vivere. “Un giorno di gloria per Miss Pettigrew” è stato pubblicato per la prima volta nel 1938, è uscito in Italia per Neri Pozza nel 2008 e ha anche ispirato un film.

Lo consiglio, soprattutto a chi ha voglia di evadere: per l’ottimismo che infonde, per i sorrisi che strappa con un umorismo intelligente, per l’atmosfera surreale che rasserena e rilassa.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Winifred

Watson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Watson Winifred


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Su una perla trovata in fondo al mare un pescatore messicano, Kino, costruisce il sogno di una vita migliore, il riscatto dalla miseria e dalla fatica. L'inquietudine e le passioni suscitate dal tocco della fortuna sconvolgono però la sua vita, quella di sua moglie e del suo bambino. Contro la violenza non basta più l'amore di Juana, né la solidarietà di alcuni poveri pescatori, e dalla grande avventura Kino e i suoi torneranno alla fatica di tutti i giorni senza nemmeno l'unico bene che la vita aveva loro dato: la pace con se stessi.

La perla

Steinbeck John