Narrativa

UN GIORNO MI TROVERAI

Edwards Kim

Descrizione: Regione dei Finger Lakes, stato di New York. È una notte di luna piena. Lucy Jarret è di fronte alle acque del lago, illuminate dai riflessi del cielo. Le sembra ancora di vedere il padre nella sua ultima notte di vita, seduto nel giardino di casa, l’aria pensierosa e turbata, pochi istanti prima di salire su quella barca che l’avrebbe portato alla morte. Sono passati anni da allora, anni in cui Lucy ha cercato di dimenticare, di farsene una ragione, senza mai riuscirci. Lucy è tornata a casa, dopo un lungo periodo in Giappone. Nella grande tenuta in riva al lago tutto è rimasto come allora, i fiori di melo pallidi come le stelle e le stanze buie, rimaste sempre chiuse da quella terribile notte. In un anfratto, sommersa tra i vecchi strumenti di pesca del padre, Lucy scopre per caso alcune lettere, risalenti ai primi anni del secolo, e una coperta da neonato, con un ricamo di lune e fiori. Un figura identica a quella delle preziose vetrate della chiesa del paese dove compare una donna misteriosa, dai grandi occhi azzurri, con in mano un mazzo di iris della stessa varietà che crescono nel giardino di Lucy. Chi è questa donna? E chi è Rose, colei che firma le lettere misteriose? Lucy lo deve scoprire a tutti i costi. È convinta che lì, nei frammenti della vita dimenticata di due donne, e forse in quelli di una bambina abbandonata, si nasconda un segreto terribile. Un segreto che ha portato suo padre verso una strada senza ritorno.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811686262

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Non si può guardare serenamente al futuro senza prima sciogliere i nodi del passato, e Lucy da un po’ fatica a dormire, anche tra le braccia di Yoshi.

I terremoti che di tanto in tanto scuotono il bel villaggio giapponese in cui vive sono poca cosa rispetto all’inquietudine che sente dentro di sé: forse è arrivato il momento di raccogliere i frammenti della sua storia e fare i conti con il senso di colpa che non ha mai avuto il coraggio di affrontare.

Così, quando viene a sapere che la madre ha avuto un piccolo incidente, decide di tornare per qualche tempo al Lago dei Sogni, e qui, sullo sfondo di un paesaggio che sembra immoto e malinconico, scopre che il mondo della sua infanzia è invece completamente cambiato… Keegan, il suo ex ragazzo, ha un bellissimo bambino; suo fratello Blake lavora con lo zio Art, e sua madre pare intenzionata a vendere la casa: “Tutto quello che mia madre aveva detto aveva un senso, eppure odiavo l’idea che qualcun altro vivesse in quelle stanze, anche se era vero che non volevo viverci io”.

Solo lei, dunque, non è riuscita a buttarsi alle spalle i ricordi dolorosi e andare avanti? Lei sola non riesce a perdonarsi?

Se solo quella notte maledetta avesse accompagnato suo padre a pescare… Ma sarebbe servito davvero? Cos’era successo veramente quella notte?

Era caduto, così aveva stabilito l’autopsia, battendo la testa sulla barca, ed era scivolato sott’acqua, un incidente assurdo che non si poteva spiegare del tutto né annullare. Giorni dopo avevano recuperato la sua canna da pesca, impigliata tra i giunchi ai bordi della palude”.

Disorientata e spaventata dopo uno strano sogno, Lucy comincia a girovagare per la casa immersa nel silenzio e, forzando una piccola serratura, apre un armadietto nascosto che custodisce un mucchio di carte impolverate.

È così, per puro caso, che si ritrova tra le mani la prima lettera di Rose…

Chi sia Rose lo lascio scoprire a voi, perché è su di lei e sul suo rapporto con la famiglia di Lucy che si incentra la trama sapientemente tessuta da Kim Edwards.

“Un giorno mi troverai” è la storia di un viaggio interiore che parte dalla ricerca per giungere all’accettazione, e l’autrice ci invita a seguire Lucy e vivere con lei ogni segreto ed ogni scoperta passo dopo passo.

L’intreccio è fine e complesso, e la galleria dei personaggi molto varia e curata. Sullo sfondo, un suggestivo paese frutto della fantasia, ma ispirato alla regione dei Finger Lakes, dove la Edwards è cresciuta. Il mistero di Rose incuriosisce e fa scorrere le pagine (quasi sempre) senza noia, grazie anche ad una scrittura fluida e attenta.

Da leggere? Perché no… ma non si tratta di un libro memorabile.

Vi propongo questo splendido passaggio:

L’ultimo scatolone mi aspettava sul tavolo in noce, come promesso. Dalle tende filtrava la luce, che disegnava dei motivi sul legno lucido. L’aria sapeva di polvere e carta vecchia. File e file di libri erano allineate sugli scaffali e io vagai con lo sguardo sui dorsi rigidi, pensando a come erano umani i libri, pieni di idee e di immagini, mondi immaginati, mondi percepiti; pieni di impronte, risate improvvise e anche sospiri di lettori. M’intimidiva pensare a tutti quegli autori che si affannavano con una parola o una frase e annotavano i loro pensieri per persone che non avrebbero mai conosciuto. Allo stesso modo m’intimidivano i resti raccolti negli scatoloni: ricevute, appunti scribacchiati, fotografie senza scritte, tutto quanto tenuto insieme dal tessuto di vite ormai terminate e svanite”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kim

Edwards

Libri dallo stesso autore

Intervista a Edwards Kim

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène

Venezia, fine del Cinquecento. In una città tentacolare e spietata l'amore e i buoni sentimenti di Michele e Bianca - un giovane muratore e la sua sposa piena di promesse - non bastano a farli vivere sereni. Per sfuggire a un'accusa ingiusta, Michele è costretto a lasciare Venezia e a imbarcarsi su una galera. Bandito dalla Serenissima, rematore su una nave che vaga per il Mediterraneo carica di zecchini e di spezie, con molti dell'equipaggio che addirittura ignorano la sua destinazione finale, senza nessuna speranza di ritornare a breve, Michele è destinato a vivere straordinarie avventure nei porti e gli angiporti del mare nostrum. E tuttavia prove ancora più dure e incontri non meno straordinari toccheranno a Bianca che rimane a Venezia, sola, giovane e bella... La terra e il mare, Oriente e Occidente, due vite e un unico grande amore, agli albori del mondo moderno: storico tra i più autorevoli, vincitore del Premio Strega, Barbero ha scritto un romanzo che si pone al livello dei migliori bestseller d'intrattenimento degli ultimi anni.

Gli occhi di Venezia

Barbero Alessandro

"Mio caro Marwan..." È l'inizio della lettera che un padre scrive al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano "lingue che non conosciamo". I ricordi di un passato fatto di semplici sicurezze, la fattoria dei nonni, i campi costellati di papaveri, le passeggiate nelle strade di Homs si mescolano a un futuro incerto, alla ricerca di una nuova casa, dove "nessuno ci ha invitato", dove chi la abita ci ha detto di "portare altrove le nostre disgrazie". Un futuro di attesa e di terrore, che comincerà al sorgere del sole, quando dovranno affrontare quel mare, vasto e indifferente. Questa lettera è un grande atto d'amore e nelle parole che la compongono c'è la vita. Speranza e paura, felicità e dolore. Impossibile non riconoscersi, non pensare che al posto di quel padre e quel bambino potremmo esserci noi. Impossibile non sapere che tutto questo, comunque, ci riguarda.

Preghiera del mare

Hosseini Khaled