Narrativa

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda

Descrizione: Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Le onde

Anno: 2017

ISBN: 9788893441865

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l’inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l’amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte. Così, il 7 settembre 1943, dopo i mesi passati nel campo di transito di Westerbork, sale su un treno per Auschwitz da cui, quasi trentenne, non farà più ritorno. In questo appassionante ritratto, che si legge come un romanzo di grande intensità, Edgarda Ferri racconta l’animo ribelle e poetico di Etty Hillesum, gli anni della gioventù e della guerra affrontati con uno spirito mai esausto, un “umanesimo radicale” che ha trovato nelle pagine del suo diario e delle sue lettere un’altissima interpretazione letteraria. Considerata uno dei simboli della Shoah, la vita e l’opera di Etty Hillesum sono diventate fonti di ispirazione contro l’oblio della memoria, esempi di altruismo e solidarietà capaci di sopravvivere alle atrocità della storia. Questo libro ci trasporta con intimità e rispetto nei suoi momenti privati, nelle scelte coraggiose, nel cuore tormentato di una donna dalla forza indomita e mai dimenticata. (da Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore – Vita di Esther Hillesum di Edgarda Ferri ed La nave di Teseo).

Il 18 ottobre, in un pomeriggio milanese al Chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro, si è tenuto un incontro con la scrittrice e giornalista Edgarda Ferri, che ha presentato il suo ultimo libro dedicato a Etty Hillesum. Insieme all’autrice sono intervenute la giornalista Natalia Aspesi e l’attrice Franca Nuti.
L’incontro si è rivelato fin da subito interessante e appassionante. Le letture di Franca Nuti, una voce calda e avvolgente, hanno permesso al pubblico di accostarsi alla figura di Etty Hillesum attraverso un’atmosfera intima e familiare. «Più che bella, Etty è interessante. Intelligente, brillante, di temperamento impetuoso, ha studiato e assimilato il pensiero e la filosofia di Rilke e di Jung. Dà lezioni di russo e traduce per una piccola casa editrice Puŝkin, Gogol’, Dostoevskij. Scrive racconti, saggi, poesie. Vuole viaggiare, conoscere, parlare con la gente e diventare scrittrice».


La storia di questo personaggio, uno dei simboli della Shoa, è raccontata nel libro partendo dalle lettere e dal diario che Etty ha composto dal 1941 fino alla sua scomparsa.
Edgarda Ferri ha indagato, in modo magistrale, nelle vicende personali e storiche di una donna che ha coniugato desideri passionali e realtà martirizzante attraverso scelte non convenzionali, frutto di uno sviluppo interiore particolarmente travagliato.
Questa opera, che sfugge a una definizione univoca (non è un romanzo, non è un saggio) si è rivelata, poco a poco, attraverso le domande di Natalia Aspesi. Abbiamo scoperto una scrittrice, la Ferri, che non si è limitata a una ricostruzione puntuale (fin dove possibile) degli accadimenti, basata su ricerche dettagliate e ipotesi saldamente corroborate da un’ampia ricchezza documentale. Ha testimoniato del suo bisogno interiore, durante il lavoro, di recarsi nei luoghi stessi di Etty Hillesum. Finanche a poter osservare un angolo di mondo da una particolare finestra. L’autrice ha confessato il mutamento che ha generato in lei questo coinvolgimento, questa discesa emotiva nelle profondità della vita personale di Etty. Edgarda Ferri, che sebbene bambina ai tempi della Shoa si porta dentro il disagio di non aver potuto fare nulla per impedirla, risponde così a una nostra domanda “dopo questo libro non posso più essere la stessa di prima, quello che mi consola è che sono migliore, che ho scoperto con certezza la vocazione, la motivazione ultima della mia scrittura”: quella di essere uno strumento umano capace di dare voce a una creatura lontana, ma forse non troppo, che voce non avrebbe più.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edgarda

Ferri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferri Edgarda

Intervista a Martina Gatto

"Non ti ho mai conosciuto davvero, padre. Uomo sparito, fantasma di un fantasma. Hai carne di vento, pelle di nebbia. Non ti riconosco eppure sei me centomila volte al giorno." Siamo su una montagna ostile, fa molto freddo. Giona non ha ricordi. Ha poco più di quattordici anni e vive in un villaggio aspro e desolato insieme al nonno Alvise. Il vecchio, spietato e rigoroso, è l'uomo che domina il paese e impone al ragazzo compiti apparentemente assurdi e punizioni mortificanti. In possesso unicamente di un logoro maglione rosso, Giona esegue con angosciata meticolosità gli ordini del vecchio, sempre gli stessi gesti, fino a quando, un giorno, non riesce a scappare. La fuga si rivelerà per lui un'inesorabile caduta agli inferi, inframmezzata da ricordi della sua famiglia, che sembrano appartenere a una vita precedente, e da apparizioni stravolte. In un clima di allucinata sospensione temporale, il paese è in procinto di crollare su se stesso e la terra sembra sprofondare pian piano sotto i piedi del ragazzo. La verità è quella che appare? Solo un decisivo cambio di passo consentirà al lettore di raggiungere la svolta finale e comprendere davvero che cos'è l'inverno di Giona. Filippo Tapparelli, qui al suo esordio letterario, ha scritto un giallo onirico lontano da virtuosismi stilistici e intriso di atmosfere di perturbante ambiguità, descritte con potenza evocativa.

L’inverno di Giona

Tapparelli Filippo

Un crimine, due diari, la vittima e il suo assassino.Una donna diabolica e affascinante trascina il commissario Cristiani nel vortice del delitto.

Diario di un delitto d’amore

Panzacchi Francesca

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna