Narrativa

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda

Descrizione: Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Le onde

Anno: 2017

ISBN: 9788893441865

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l’inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l’amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte. Così, il 7 settembre 1943, dopo i mesi passati nel campo di transito di Westerbork, sale su un treno per Auschwitz da cui, quasi trentenne, non farà più ritorno. In questo appassionante ritratto, che si legge come un romanzo di grande intensità, Edgarda Ferri racconta l’animo ribelle e poetico di Etty Hillesum, gli anni della gioventù e della guerra affrontati con uno spirito mai esausto, un “umanesimo radicale” che ha trovato nelle pagine del suo diario e delle sue lettere un’altissima interpretazione letteraria. Considerata uno dei simboli della Shoah, la vita e l’opera di Etty Hillesum sono diventate fonti di ispirazione contro l’oblio della memoria, esempi di altruismo e solidarietà capaci di sopravvivere alle atrocità della storia. Questo libro ci trasporta con intimità e rispetto nei suoi momenti privati, nelle scelte coraggiose, nel cuore tormentato di una donna dalla forza indomita e mai dimenticata. (da Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore – Vita di Esther Hillesum di Edgarda Ferri ed La nave di Teseo).

Il 18 ottobre, in un pomeriggio milanese al Chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro, si è tenuto un incontro con la scrittrice e giornalista Edgarda Ferri, che ha presentato il suo ultimo libro dedicato a Etty Hillesum. Insieme all’autrice sono intervenute la giornalista Natalia Aspesi e l’attrice Franca Nuti.
L’incontro si è rivelato fin da subito interessante e appassionante. Le letture di Franca Nuti, una voce calda e avvolgente, hanno permesso al pubblico di accostarsi alla figura di Etty Hillesum attraverso un’atmosfera intima e familiare. «Più che bella, Etty è interessante. Intelligente, brillante, di temperamento impetuoso, ha studiato e assimilato il pensiero e la filosofia di Rilke e di Jung. Dà lezioni di russo e traduce per una piccola casa editrice Puŝkin, Gogol’, Dostoevskij. Scrive racconti, saggi, poesie. Vuole viaggiare, conoscere, parlare con la gente e diventare scrittrice».


La storia di questo personaggio, uno dei simboli della Shoa, è raccontata nel libro partendo dalle lettere e dal diario che Etty ha composto dal 1941 fino alla sua scomparsa.
Edgarda Ferri ha indagato, in modo magistrale, nelle vicende personali e storiche di una donna che ha coniugato desideri passionali e realtà martirizzante attraverso scelte non convenzionali, frutto di uno sviluppo interiore particolarmente travagliato.
Questa opera, che sfugge a una definizione univoca (non è un romanzo, non è un saggio) si è rivelata, poco a poco, attraverso le domande di Natalia Aspesi. Abbiamo scoperto una scrittrice, la Ferri, che non si è limitata a una ricostruzione puntuale (fin dove possibile) degli accadimenti, basata su ricerche dettagliate e ipotesi saldamente corroborate da un’ampia ricchezza documentale. Ha testimoniato del suo bisogno interiore, durante il lavoro, di recarsi nei luoghi stessi di Etty Hillesum. Finanche a poter osservare un angolo di mondo da una particolare finestra. L’autrice ha confessato il mutamento che ha generato in lei questo coinvolgimento, questa discesa emotiva nelle profondità della vita personale di Etty. Edgarda Ferri, che sebbene bambina ai tempi della Shoa si porta dentro il disagio di non aver potuto fare nulla per impedirla, risponde così a una nostra domanda “dopo questo libro non posso più essere la stessa di prima, quello che mi consola è che sono migliore, che ho scoperto con certezza la vocazione, la motivazione ultima della mia scrittura”: quella di essere uno strumento umano capace di dare voce a una creatura lontana, ma forse non troppo, che voce non avrebbe più.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edgarda

Ferri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferri Edgarda


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

LA E SENZA ACCENTO

Geena

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

Le emozioni, in questo romanzo, ci sono tutte. Poi ci sono coraggio, dolore e piacere. La protagonista è l'ombra. L'ombra da cui ognuno di noi cerca di fuggire, ma che poi ci prende. Ma cosa fare quando la tua parte nascosta finisce dentro il corpo della persona che ami? Forse, non resta che mollare le cime dal pontile e salpare verso la follia. E qual è la follia? Quella di ritrovarsi all'Inferno senza aver peccato? Oppure affidarsi a un sistema non strutturato per la presa in cura, che si affida alla tecnica, che non approfondisce e non si pone troppe domande? In questo romanzo il tempo sembra scandire la vita, ma il tempo qui non c'è. La vita ha un sapore magico e nella vita c'è qualcosa di più forte di tutte le emozioni e di tutti i sistemi, un amore, qualcosa che va contro la morte. Qualcosa che non muore. Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.

Il Signore delle Mosche

Golding William