Libri per ragazzi

Un grande spettacolo

Rinaldi Patrizia

Descrizione: Armando vive con la madre e il fratello minore, Andrea, un ragazzino un po' particolare, appassionatissimo di wrestling perché "vincono sempre i buoni". Sull'onda della sua ostinazione, la famiglia assiste a uno spettacolo di wrestling e da quel momento tutto cambia nella loro vita. Armando si trova ad affrontare l'imprevisto di una madre-atleta, di un primo amore che non sboccia e di un fratello molto speciale, a cui dedicare attenzione. Tra incertezze, delusioni e successi, si consoliderà la sua voglia di essere protagonista dello spettacolo della vita. Età di lettura: da 11 anni.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Lapis

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788878745667

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Un grande spettacolo di Patrizia Rinaldi – Armando, il ragazzo narratore (“Ero il figlio che deve farcela da solo”), e il fratellino Andrea (“Un medico… usò un termine scientifico per dire la tua scarsa voglia di stare con gli altri”) sono alle prese con la separazione di mamma e papà e con i problemi economici familiari.
Armando vive con intensità inesperta il primo amore per la compagna Antonia (l’amore per sempre); Andrea ha una grande passione, il wrestling, e si destreggia con le registrazioni, alle quali trasmette le sue riflessioni che attingono alle verità dell’infanzia (“Questa registrazione è per il gatto Arcangelo… Sei scappato come mostro padre, io lo sapevo che chiamarti Arcangelo non era una buona idea”).

Proprio per la passione sportiva di Andrea, la famiglia si imbarca nell’avventura che culminerà in Un grande spettacolo finale, durante il quale la redistribuzione dei ruoli – il buono Gabriel Wild Angel, il cattivo Joe Jam e… a quale categoria appartiene la mamma, in arte Anna Green Winning? (“I ruoli di nostra madre avevano preso la china della perfidia”) – si compirà secondo lo schematismo della logica incontaminata che sembra risiedere soltanto nei più giovani (“I piccoli non hanno ancora tutti quei ragionamenti che rovinano i giochi, i grandi perciò sbagliano a non andare appresso ai piccoli”).

La “scrittrice premio Andersen” Patrizia Rinaldi regala un’avventura indimenticabile, durante la quale si sviluppano concetti (“Il problema con i pregiudizi è che hanno una specie di difesa autoimmune per continuare a vivere in santa pace. Ovvero i pregiudizi sanno che nessuno vuole dire agli altri e a sé di averli e così loro si mimetizzano e assumono forme bizzarre o incomprensibili”) e si realizzano sorprese (“Il futuro ci avrebbe sorpresi. Il futuro lo fa”) per ogni tipo di lettore.

Bruno Elpis

A questo link trovate il nostro commento a “La figlia maschio” di Patrizia Rinaldi

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrizia

Rinaldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rinaldi Patrizia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

In una Istanbul labirintica e malinconica, un giovane avvocato scopre improvvisamente che la moglie è svanita nel nulla. Anche il fratellastro di lei, un celebre giornalista, è introvabile. Inizia così un giallo filosofico che porterà l'improvvisato detective a scoprire ciò che non avrebbe mai voluto sapere.

IL LIBRO NERO

Pamuk Ohran

Venite con me. Catechismo per l’iniziazione cristiana dei fanciulli (8-10 anni)

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella