Narrativa

Un matrimonio americano

Jones Tayari

Descrizione: Celestial e Roy sono l’incarnazione del sogno americano: lui, pur provenendo da una famiglia della classe operaia della Louisiana, è riuscito a frequentare il college e ritagliarsi un posto nella società come dirigente, lei è una promettente artista emergente. Sposati da appena diciotto mesi, hanno una splendida casa ad Atlanta e stanno cercando di avere un figlio. Durante una visita ai genitori di Roy, la giovane coppia pernotta in un hotel. Dopo un litigio di poco conto, Roy esce dalla stanza per prendere del ghiaccio. Nella hall dell’albergo incontra una donna con un braccio fasciato, che gli chiede una mano per risolvere un problema con il condizionatore della propria stanza. Dopo aver scambiato quattro chiacchiere con la sconosciuta, Roy torna da Celestial, si riappacificano e si addormentano. All’alba vengono svegliati dalla polizia che butta giù la porta della stanza e arresta Roy con l’accusa di stupro. Ad additarlo come il proprio aggressore è la donna a cui ha prestato aiuto la sera precedente. La donna è bianca, Roy e Celestial sono afro-americani. Roy viene condannato a dodici anni per un crimine che non ha commesso, solo e unicamente in virtù del colore della sua pelle e del pregiudizio che ne consegue. Benché fieramente indipendente, Celestial si ritrova all’improvviso sola, povera e disarmata, trovando conforto in André, un amico d’infanzia da sempre innamorato di lei. Dopo cinque anni di carcere, la condanna di Roy viene commutata e lui si ritrova libero, pronto a tornare ad Atlanta e a riprendere in mano la propria vita, inconsapevole dei cambiamenti avvenuti negli anni della sua detenzione.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2018

ISBN: 9788854518025

Trama

Le Vostre recensioni

Già nel titolo di questo romanzo di Tayari Jones si dischiude il tema conduttore del libro: le dinamiche di coppia in Un matrimonio americano e sullo sfondo gli stati americani del sud, Georgia e Louisiana, come ambientazione. Nonostante il razzismo entri prepotentemente nella storia, a causa dell’errore giudiziario di cui è vittima il protagonista maschile (afroamericano) Roy accusato ingiustamente di stupro e condannato in carcere a dimostrazione del fatto che “in America nessun nero è davvero al sicuro”,  il libro racconta principalmente della crisi matrimoniale tra lo stesso Roy e la moglie Celestial.  La coppia è l’equivalente del “sogno americano” per la gente di colore: entrambi hanno studiato al college, sono benestanti (in particolare Celestial è imprenditrice di successo che ha aperto un negozio di bambole che realizza personalmente), vivono in una zona residenziale della città di Atlanta, ma la loro relazione è inevitabilmente ostacolata dalla condanna subita. La lontananza crea fratture insanabili, come lascia intendere Celestial negli scambi epistolari intrattenuti con il marito in carcere: “Se avessimo messo una moneta in un vasetto per ogni giorno in cui siamo stati sposati, e ne avessimo tolta una per ogni giorno che siamo stati separati, il vasetto si sarebbe svuotato molto tempo fa”.

L’autrice mette al centro della scena le vicende personali della coppia, i reciproci turbamenti e le sofferenze che, nonostante le apparenze, non sono solamente quelle di Roy dietro alle sbarre, ma anche quelle della moglie. La Jones riesce a farlo piuttosto bene, avvalendosi dello stratagemma di raccontare in prima persona, alternando sapientemente la narrazione dal punto di vista di Roy, di Celestial e di un terzo amico comune. Questa tecnica, oltre a creare una forte empatia con i personaggi, incentiva in qualche modo il lettore a schierarsi con le ragioni di uno oppure dell’altro, in quanto ognuno degli attori in gioco ha l’indubbio pregio di risultare assolutamente credibile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tayari

Jones

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jones Tayari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Londra, 1940. Mentre nel cielo incrociano gli Spitfire e i Messerschmitt di Göring, il dottor Haggard riceve la visita di James Vaughan, un giovane aviatore che gli si presenta con una frase letale: «Penso che lei abbia conosciuto mia madre». Strappato di colpo alle sue fiale di morfina e al culto feticistico di una donna perduta per sempre, Haggard intraprende una lunga, tormentosa confessione, raccontando per la prima volta la vicenda che tre anni prima ha distrutto la sua vita. Ma nel ricostruire il décor e le atmosfere di un amore feroce e claustrofobico, tutto consumato fra stanze in penombra, strade immerse nella nebbia, teatri d’anatomia popolati dai fantasmi di un’ossessione, Haggard si rende conto di avere ancora una volta liberato una forza oscura e terribile, una forza che ora lo spinge irresistibilmente verso il ragazzo e che l’inquietante somiglianza fra questi e sua madre non basta a spiegare. Ed è come se le pagine di questo intenso romanzo fossero avvolte dall’aura di un morbo senza nome – lo stesso che (forse) abita nell’amore e che sembra trasformare Vaughan in qualcos’altro e noi nei voyeur della sua trasformazione.

IL MORBO DI HAGGARD

McGrath Patrick

La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

LA NAUSEA

Sartre Jean-Paul

Amleto

Shakespeare William