Narrativa

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara

Descrizione: «Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788866320128

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Ormai tutti in attesa di partire per le vacanze? La lettura di due romanzi di recente pubblicazione potrebbe offrirvi l’occasione di fare un breve (ma intenso) viaggio low cost nella vita delle persone che passano la loro esistenza proprio accanto a noi.

Non si tratta certamente di due opere d’evasione: Un pirata piccolo piccolo di Amara Lakhous (Edizioni e/o) e Denti guasti di Matteo De Simone (Hacca) son due libri molto diversi ma egualmente illuminati da grande intelligenza e lucidità emotiva, diversamente segnati dall’attuale panorama storico, che vede le giovani generazioni in lotta per la riconquista della propria identità ed emancipazione.

Nel primo, Un pirata piccolo piccolo, entriamo forzatamente nel monologo interiore di Hassinu, un impiegato delle poste di Algeri, vittima come tanti di un regime culturale (e non solo, ahimè) che lo priva delle libertà fondamentali, di un respiro di libertà che appare soffocato persino nella rappresentazione spaziale della storia: la sua quotidianità è schiacciata, incasellata in luoghi che limitano la sua prospettiva e lo portano a tormentar sé stesso in un’inesauribile flusso di imprecazioni, rimbrotti, invocazioni e scongiuri tanto ossessivi quanto umoristici.

Il tempo narrativo, dilatato a dismisura dal monologo del protagonista, copre in realtà tre soli giorni, ed è davvero notevole come in un così breve percorso riesca a svelare così tanto dell’indole di Hassinu, dell’anelito di una generazione, dei rigurgiti di un’ideologia religiosa formalmente inossidabile eppure messa in discussione proprio nella sua rigidità impositiva.

Se Lakhous in questa opera abbandona momentaneamente i panni di scrittore migrante per dar voce alle sue origini in una realtà lontana dall’Italia, il secondo romanzo, Denti guasti, è ambientato a Torino e intreccia meravigliosamente le storie di “casa nostra” con le vicende di Silviu e Roman, due giovanissimi moldavi.

Il romanzo si apre proprio sull’arrivo in Italia dei due ragazzi, descrivendo situazioni e soprusi ormai pienamente parte dell’immaginario collettivo, ma raccontate con una nitidezza tanto immediata da far impallidire. E l’evoluzione della loro esperienza a Torino non è certamente delle più edulcorate: Matteo De Simone stupisce per come riesce a descrivere storie già ascoltate come se venissero narrate per la prima volta.

Dall’altra parte della storia, Giulia e la sua vita imperfetta e dolorosa, ai limite di una anormalità non ancora abbastanza palese da concederle l’aiuto del prossimo: una fotografia di tantissime persone, proprio accanto a noi, schiacciate in un’esistenza ai margini dell’infelicità, non abbastanza tragica per catapultarla lontano dalla vergogna e dalla solitudine ed accoglierla nella vita degli altri, come persona “davvero” sfortunata e quindi da sostenere, guidare, ascoltare.

Una madre alcolizzata ma che ancora riesce a lavorare, un padre che non c’è più, Giulia cresce in fretta e impara a prendersi cura del fratellino. Un’inclinazione alla disponibilità che la avvicina ad un comune e poco raccomandabile immigrato, Roman, e le permette di conoscerlo. Tanti sogni nel cassetto, facili fughe sintetiche dalla realtà, che la fanno sospirare guardando il suo reality show preferito, inclinazione condita dall’autore nell’intreccio del romanzo con la più amara disillusione.

Due letture consigliate, in quanto ottimi romanzi prima di tutto, ma anche perché istruttivi: una breve occhiatina – senza moralismi o ideologia – nella realtà degli altri.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amara

Lakhous

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lakhous Amara

La storia che ha cambiato la vita di Paul Casey è semplice: un amore finito, il primo, che non ha mai smesso di perseguitarlo. Paul incontra Susan al tennis club, un’estate, tornato a casa dall’università. Ha diciannove anni, lei quaranta. Tutto intorno a lui sembra noioso e convenzionale: sono i primi anni Sessanta, i Beatles non sono ancora esplosi, la protesta studentesca è lontana e non c’è nulla da contestare. Susan è originale, spiritosa, intelligente, diversa, e Paul inizia a frequentarla perché ha l’impressione di ribellarsi a qualcosa. Ma lentamente scopre che la vita di quella donna nasconde sacche di ordinario squallore, ed essendo un idealista intriso di fantasie romantiche decide di “salvarla”, senza avere ben chiaro cosa significhi. Rinuncia alla carriera legale e s’adatta a un lavoro d’ufficio, prova a inventarsi una vita stabile con lei. Ma non basta. A Susan serve molto di più, e Paul sceglie la fuga. E così facendo chiude per sempre la partita con l’amore. Julian Barnes delinea con la consueta feroce dolcezza il ritratto di un uomo debole e disilluso e di una donna meravigliosamente fragile. Lasciandoci alla fine con un dubbio irrisolvibile: è meglio avere amato e sofferto oppure essere rimasti al riparo dal dolore senza amare mai?

L’unica storia

Barnes Julian

"Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

La Sposa giovane

Baricco Alessandro