Narrativa

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara

Descrizione: «Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788866320128

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Ormai tutti in attesa di partire per le vacanze? La lettura di due romanzi di recente pubblicazione potrebbe offrirvi l’occasione di fare un breve (ma intenso) viaggio low cost nella vita delle persone che passano la loro esistenza proprio accanto a noi.

Non si tratta certamente di due opere d’evasione: Un pirata piccolo piccolo di Amara Lakhous (Edizioni e/o) e Denti guasti di Matteo De Simone (Hacca) son due libri molto diversi ma egualmente illuminati da grande intelligenza e lucidità emotiva, diversamente segnati dall’attuale panorama storico, che vede le giovani generazioni in lotta per la riconquista della propria identità ed emancipazione.

Nel primo, Un pirata piccolo piccolo, entriamo forzatamente nel monologo interiore di Hassinu, un impiegato delle poste di Algeri, vittima come tanti di un regime culturale (e non solo, ahimè) che lo priva delle libertà fondamentali, di un respiro di libertà che appare soffocato persino nella rappresentazione spaziale della storia: la sua quotidianità è schiacciata, incasellata in luoghi che limitano la sua prospettiva e lo portano a tormentar sé stesso in un’inesauribile flusso di imprecazioni, rimbrotti, invocazioni e scongiuri tanto ossessivi quanto umoristici.

Il tempo narrativo, dilatato a dismisura dal monologo del protagonista, copre in realtà tre soli giorni, ed è davvero notevole come in un così breve percorso riesca a svelare così tanto dell’indole di Hassinu, dell’anelito di una generazione, dei rigurgiti di un’ideologia religiosa formalmente inossidabile eppure messa in discussione proprio nella sua rigidità impositiva.

Se Lakhous in questa opera abbandona momentaneamente i panni di scrittore migrante per dar voce alle sue origini in una realtà lontana dall’Italia, il secondo romanzo, Denti guasti, è ambientato a Torino e intreccia meravigliosamente le storie di “casa nostra” con le vicende di Silviu e Roman, due giovanissimi moldavi.

Il romanzo si apre proprio sull’arrivo in Italia dei due ragazzi, descrivendo situazioni e soprusi ormai pienamente parte dell’immaginario collettivo, ma raccontate con una nitidezza tanto immediata da far impallidire. E l’evoluzione della loro esperienza a Torino non è certamente delle più edulcorate: Matteo De Simone stupisce per come riesce a descrivere storie già ascoltate come se venissero narrate per la prima volta.

Dall’altra parte della storia, Giulia e la sua vita imperfetta e dolorosa, ai limite di una anormalità non ancora abbastanza palese da concederle l’aiuto del prossimo: una fotografia di tantissime persone, proprio accanto a noi, schiacciate in un’esistenza ai margini dell’infelicità, non abbastanza tragica per catapultarla lontano dalla vergogna e dalla solitudine ed accoglierla nella vita degli altri, come persona “davvero” sfortunata e quindi da sostenere, guidare, ascoltare.

Una madre alcolizzata ma che ancora riesce a lavorare, un padre che non c’è più, Giulia cresce in fretta e impara a prendersi cura del fratellino. Un’inclinazione alla disponibilità che la avvicina ad un comune e poco raccomandabile immigrato, Roman, e le permette di conoscerlo. Tanti sogni nel cassetto, facili fughe sintetiche dalla realtà, che la fanno sospirare guardando il suo reality show preferito, inclinazione condita dall’autore nell’intreccio del romanzo con la più amara disillusione.

Due letture consigliate, in quanto ottimi romanzi prima di tutto, ma anche perché istruttivi: una breve occhiatina – senza moralismi o ideologia – nella realtà degli altri.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amara

Lakhous

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lakhous Amara

Nel 1900 lo scrittore islandese Valdimar Ásmundsson cominciò a tradurre il celebre Dracula, il capolavoro gotico del 1897 di Bram Stoker. Fu pubblicato lo stesso anno con una prefazione di Stoker, ma nessuno al di fuori dell'Islanda ne aveva mai letta una pagina. Fino a quando, un secolo dopo, il ricercatore Hans De Roos fece una scoperta sensazionale: Ásmundsson non si era limitato a tradurre Dracula, ma - con l'aiuto dell'autore - ne aveva scritto una versione diversa, rielaborando la trama e aggiungendo nuovi personaggi. Il risultato è un romanzo più breve, più erotico e forse persino più ricco di suspense dell'originale. Tanti sono i misteri che circondano questo manoscritto: e se fosse un'altra versione della storia del conte Dracula, a cui Bram Stoker stava lavorando in segreto e che per più di un secolo è riuscito abilmente a nascondere? La prefazione di Dacre Stoker, pronipote ed erede dell'autore, le annotazioni del ricercatore de Ross sul contesto storico e letterario e una postfazione dello studioso John Edgar Browning forniscono indizi interessanti...

I poteri delle tenebre – Dracula

Stoker Bram - Asmundsson Valdimar

Cronache di un’illusione

Nicola D'Avino

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

La Locanda dell’Ultima Solitudine

Barbaglia Alessandro

Bianca, giovane rampolla di una famiglia borghese, scopre per caso di aver suscitato, alcuni anni prima, l’interesse di uno sceicco di nome Rashad. Il loro incontro però non aveva potuto concretizzarsi in quanto l’uomo era rimasto vittima di un attentato che lo aveva lasciato in parte sfigurato. Bianca, incuriosita, rintraccia lo sceicco che la accoglie nel suo sontuoso palazzo in Qatar. Alto e bello, Rashad reca alcune cicatrici ma è rimasto attraente e in forze. Lui però non se ne fa una ragione soffrendo profondamente per la propria condizione. Solo l’amore di Bianca potrà restituirlo alla vita.

Rashad

Panzacchi Francesca