Narrativa

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

Descrizione: Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896999004

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il libro appena pubblicato da Laurana è il terzo romanzo di Massimo Cassani; un’opera abbastanza breve (168 pagine) che racconta, semplicemente, la storia di un uomo che potrebbe rappresentare molti altri invisibili, individui solitari (o solipsisti, come si autodefinisce il protagonista), emarginati dalla vita affettiva e sociale per autoesclusione, o forse, solo per inadeguatezza emotiva.

Non è facile scrivere (e soprattutto far leggere, ahimè) un libro impregnato di solitudine, perché come realisticamente e un po’ amaramente si legge nel romanzo, “La solitudine è una specie di vergogna da nascondere, come l’alcolismo, i calzini bucati o il conto corrente in rosso”.

Da questo punto di vista, la storia raccontata da Massimo Cassani è controcorrente, coraggiosa, intelligente: non ci sono consolazioni che strizzino l’occhio al gradimento del lettore, non è semplice fare il tifo per il protagonista, non risulta spontanea la comprensione delle sue vicende e delle sue decisioni. Il senso di estraneità è ben sottolineato dalla scelta di non dare un nome al personaggio, che rimane anonimo, narratore in prima persona di una vita fatta di silenzi, affetti inespressi, felicità rifiutata o forse non raggiunta.

Eppure la storia cattura, si vorrebbe prendere il protagonista a brutto muso e fornirgli qualche consiglio di autostima, inculcargli un po’ di ottimismo, incoraggiarne la svolta emotiva. E proprio quando sembra che la sorte, in qualche modo, sia riuscita a trasformarsi in un motivatore, a sostituirsi come da nostro desiderio ad un amico che lo possa spronare a cambiare atteggiamento verso gli altri, ecco che il libro, crudelmente, esce dallo schema del romanzo a lieto fine e presenta, brutalmente, i lineamenti di una realtà cattiva, ma purtroppo possibile e probabilmente più realistica.

Forse non desideriamo un bagno di fredda realtà, ma Un po’ più lontano, che di certo non vi consolerà se cercate svago o buoni sentimenti, è un libro che ha davvero alcune pregevoli qualità: è scritto benissimo, con una prosa essenziale eppure molto incisiva, racconta la solitudine che tutti noi, prima o poi, abbiamo provato e senza dubbio lascia qualcosa su cui riflettere. Anche come stimolo positivo, su ciò che non vogliamo. Sempre che non si soffra di solipsismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Cassani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassani Massimo

Jean Perdu ha cinquant'anni e una libreria galleggiante ormeggiata sulla Senna, la "Farmacia letteraria": per lui, infatti, ogni libro è una medicina dell'anima. Da ventun anni vive nel ricordo dell'amata Manon, arrivata a Parigi dalla Provenza e sparita all'improvviso lasciandogli soltanto una lettera, che Jean non ha mai avuto il coraggio di aprire. Ora vive solo in un palazzo abitato dai personaggi più vari: la pianista solitaria che improvvisa concerti al balcone per tutto il vicinato, il giovanissimo scrittore in crisi creativa, la bella signora malinconica tradita e abbandonata dal marito fedifrago. Per ciascuno Jean Perdu trova la cura in un libro: per tutti, salvo se stesso. Finché decide di mettersi in viaggio per cercare la donna della sua vita. Verso la Provenza e una nuova felicità.

Una piccola libreria a Parigi

George Nina

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

IL LEOPARDO

Nesbø Jo

Buon compleanno Barbara, dalla redazione di www.i-libri.com

Aurora nel buio

Baraldi Barbara