Narrativa

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

Descrizione: Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896999004

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il libro appena pubblicato da Laurana è il terzo romanzo di Massimo Cassani; un’opera abbastanza breve (168 pagine) che racconta, semplicemente, la storia di un uomo che potrebbe rappresentare molti altri invisibili, individui solitari (o solipsisti, come si autodefinisce il protagonista), emarginati dalla vita affettiva e sociale per autoesclusione, o forse, solo per inadeguatezza emotiva.

Non è facile scrivere (e soprattutto far leggere, ahimè) un libro impregnato di solitudine, perché come realisticamente e un po’ amaramente si legge nel romanzo, “La solitudine è una specie di vergogna da nascondere, come l’alcolismo, i calzini bucati o il conto corrente in rosso”.

Da questo punto di vista, la storia raccontata da Massimo Cassani è controcorrente, coraggiosa, intelligente: non ci sono consolazioni che strizzino l’occhio al gradimento del lettore, non è semplice fare il tifo per il protagonista, non risulta spontanea la comprensione delle sue vicende e delle sue decisioni. Il senso di estraneità è ben sottolineato dalla scelta di non dare un nome al personaggio, che rimane anonimo, narratore in prima persona di una vita fatta di silenzi, affetti inespressi, felicità rifiutata o forse non raggiunta.

Eppure la storia cattura, si vorrebbe prendere il protagonista a brutto muso e fornirgli qualche consiglio di autostima, inculcargli un po’ di ottimismo, incoraggiarne la svolta emotiva. E proprio quando sembra che la sorte, in qualche modo, sia riuscita a trasformarsi in un motivatore, a sostituirsi come da nostro desiderio ad un amico che lo possa spronare a cambiare atteggiamento verso gli altri, ecco che il libro, crudelmente, esce dallo schema del romanzo a lieto fine e presenta, brutalmente, i lineamenti di una realtà cattiva, ma purtroppo possibile e probabilmente più realistica.

Forse non desideriamo un bagno di fredda realtà, ma Un po’ più lontano, che di certo non vi consolerà se cercate svago o buoni sentimenti, è un libro che ha davvero alcune pregevoli qualità: è scritto benissimo, con una prosa essenziale eppure molto incisiva, racconta la solitudine che tutti noi, prima o poi, abbiamo provato e senza dubbio lascia qualcosa su cui riflettere. Anche come stimolo positivo, su ciò che non vogliamo. Sempre che non si soffra di solipsismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Cassani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassani Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo romanzo si svolge dall’inizio degli anni sessanta al 1984 tra una casa editrice milanese e un museo parigino dove è esposto il pendolo di Foucault. Si svolge dal 1943 al 1945 in un paesino tra Langhe e Monferrato. Si svolge tra il 1344 e il 2000 lungo il percorso del piano dei Templari e dei Rosa-Croce per la conquista del mondo. Si svolge interamente la notte del 23 giugno 1984, prima in piedi nella garitta del periscopio, poi in piedi nella garitta della statua della Libertà al Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi. Si svolge la notte tra il 26 e il 27 giugno dello stesso anno nella stessa casa di campagna che Jacopo Belbo, il protagonista, ha ereditato da suo zio Carlo, mentre Pim rievoca le sequenze temporali di cui si è detto sopra. In sintesi: tre redattori editoriali, a Milano, dopo avere frequentato troppo a lungo autori “a proprie spese” che si dilettano di scienze occulte, società segrete e complotti cosmici, decidono di inventare, senza alcun senso di responsabilità, un Piano. Ma qualcuno li prende sul serio.

Il pendolo di Foucault

Eco Umberto

«Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Gli inquilini

Malamud Bernard

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq

Venezia, maggio 1313. Mentre fervono i preparativi per la festa della Sensa, che culminerà con lo Sposalizio del Mare, l'acqua alta trascina in piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Un anziano ebreo ingiustamente accusato dell'omicidio si toglie la vita in carcere, lasciando sul muro della cella una frase latina che non svela nulla. Ma allora perché si è dato la pena di scriverla con il sangue? La macabra scoperta sembra in qualche modo collegata al Sefer-ha-Razim, il Libro dei Misteri, dettato secondo la leggenda dall'angelo Raziel a Noè che lo trascrisse su una tavoletta di zaffiro. Questo è il mistero che Mondino de' Liuzzi, medico anatomista dello Studium di Bologna, è chiamato a risolvere a Venezia. Ma subito Mondino si scontra con il nobile che ha ordinato l'arresto dell'ebreo, con la donna che ama, con quella che ha amato e forse ama ancora e persino con il suo amico Gerardo. Il giovane, che un tempo aveva fatto parte dell'ordine dei Templari, si rifiuta di aiutarlo, perché anche lui ha una missione da compiere: mettere in salvo la mappa per raggiungere le misteriose Terre Australi al di là dell'oceano, di cui qualcuno ha trovato traccia nel Liber Floridus di Lamberto di Saint-Omer. Ha inizio così una vicenda d'intrigo e di morte, in cui Mondino sfidando il potere di Venezia, e a rischio della sua stessa vita, dovrà sciogliere l'enigma di una stirpe di custodi che risale ai tempi del diluvio, in un'implacabile corsa contro il tempo.

Il libro dell’angelo

Colitto Alfredo