Narrativa

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

Descrizione: Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896999004

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il libro appena pubblicato da Laurana è il terzo romanzo di Massimo Cassani; un’opera abbastanza breve (168 pagine) che racconta, semplicemente, la storia di un uomo che potrebbe rappresentare molti altri invisibili, individui solitari (o solipsisti, come si autodefinisce il protagonista), emarginati dalla vita affettiva e sociale per autoesclusione, o forse, solo per inadeguatezza emotiva.

Non è facile scrivere (e soprattutto far leggere, ahimè) un libro impregnato di solitudine, perché come realisticamente e un po’ amaramente si legge nel romanzo, “La solitudine è una specie di vergogna da nascondere, come l’alcolismo, i calzini bucati o il conto corrente in rosso”.

Da questo punto di vista, la storia raccontata da Massimo Cassani è controcorrente, coraggiosa, intelligente: non ci sono consolazioni che strizzino l’occhio al gradimento del lettore, non è semplice fare il tifo per il protagonista, non risulta spontanea la comprensione delle sue vicende e delle sue decisioni. Il senso di estraneità è ben sottolineato dalla scelta di non dare un nome al personaggio, che rimane anonimo, narratore in prima persona di una vita fatta di silenzi, affetti inespressi, felicità rifiutata o forse non raggiunta.

Eppure la storia cattura, si vorrebbe prendere il protagonista a brutto muso e fornirgli qualche consiglio di autostima, inculcargli un po’ di ottimismo, incoraggiarne la svolta emotiva. E proprio quando sembra che la sorte, in qualche modo, sia riuscita a trasformarsi in un motivatore, a sostituirsi come da nostro desiderio ad un amico che lo possa spronare a cambiare atteggiamento verso gli altri, ecco che il libro, crudelmente, esce dallo schema del romanzo a lieto fine e presenta, brutalmente, i lineamenti di una realtà cattiva, ma purtroppo possibile e probabilmente più realistica.

Forse non desideriamo un bagno di fredda realtà, ma Un po’ più lontano, che di certo non vi consolerà se cercate svago o buoni sentimenti, è un libro che ha davvero alcune pregevoli qualità: è scritto benissimo, con una prosa essenziale eppure molto incisiva, racconta la solitudine che tutti noi, prima o poi, abbiamo provato e senza dubbio lascia qualcosa su cui riflettere. Anche come stimolo positivo, su ciò che non vogliamo. Sempre che non si soffra di solipsismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Cassani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassani Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Per Tom è l'ultimo giorno di vacanza in Uruguay prima di tornare a Buenos Aires, dove insegna inglese, quando sulla spiaggia si imbatte in un pinguino coperto di petrolio. Riesce a salvarlo, ma nel momento in cui tenta di ricondurlo al mare, il pinguino inizia a seguirlo. Tom non se la sente di abbandonarlo e lo porta a Buenos Aires con sé. Così ha inizio la grande amicizia fra Tom e Juan Salvador il pinguino, fatta di corse su una motocicletta per vedere il mare, di cene a base di pesce crudo e partite della squadra di rugby, nella scuola in cui il professore insegna e di cui l'animale diventa la mascotte. Perché Juan Salvador è un pinguino speciale e cambia la vita di tutti quelli che lo conoscono. Soprattutto quella di un ragazzo che ha troppa paura dell'acqua: insieme a lui, forse, anche il pinguino troverà il coraggio di tornare a nuotare...

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Michell Tom

Ognuno nasce con un fato, quello di Roswita è essere l’unica in grado di fermare la malefica Dea Irmin. Roswita è un’adolescente volitiva, cresciuta in un bosco, nascosta al mondo da Iosò, una misteriosa anziana che chiama nonna. Trascorre le sue giornate a studiare e a giocare nella natura insieme all’inseparabile Lupa; e non sospetta il perché del suo isolamento. Fin quando un giorno un incontro inaspettato la stravolge… ma lui è il principe Fredric dei Noctiluca, figlio della malefica Irmin. In un susseguirsi di eventi, intrighi e misteri, Roswita dovrà combattere per il proprio amore e per la salvezza del mondo rinunciando per sempre alla propria innocenza. Un romanzo dalla prosa delicata ma incisiva, scritto con maestria, che conduce in luoghi incantati e al contempo infernali. Lacrime d’Ametista è un fantasy fiabesco, destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore dei lettori. «L’amore può trascinare tutto con sé, anche l’odio più feroce».

Lacrime d’ametista

Perullo Donatella

Antonello Centanin, in arte Aldo Nove, ha trascorso tutte le estati, dall’infanzia alla prima adolescenza, in Sardegna, un’isola che nel suo immaginario poetico si è trasformata in una terra magica e misteriosa, popolata dalle presenze ancestrali di antichi isolani. Il racconto di Nove segue un doppio registro narrativo, realistico e fantastico allo stesso tempo. Da un lato il giovanissimo Antonello, bambino alla scoperta di una terra lontana e in parte sconosciuta, dall’altro il piccolo Sartàlo, giovane di una tribù indigena perennemente in lotta per la sopravvivenza. Una vicinanza curiosa e inaspettata legherà per sempre le esistenze fragili dei due protagonisti, separati dal tempo, ma non dal destino. Il nonno di Antonello e un vecchio Sikh, Giò, faranno da guida al piccolo. Un romanzo poetico ed evocativo, fantastico e almeno in parte autobiografico.

Un bambino piangeva

Nove Aldo