Narrativa

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

Descrizione: Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896999004

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il libro appena pubblicato da Laurana è il terzo romanzo di Massimo Cassani; un’opera abbastanza breve (168 pagine) che racconta, semplicemente, la storia di un uomo che potrebbe rappresentare molti altri invisibili, individui solitari (o solipsisti, come si autodefinisce il protagonista), emarginati dalla vita affettiva e sociale per autoesclusione, o forse, solo per inadeguatezza emotiva.

Non è facile scrivere (e soprattutto far leggere, ahimè) un libro impregnato di solitudine, perché come realisticamente e un po’ amaramente si legge nel romanzo, “La solitudine è una specie di vergogna da nascondere, come l’alcolismo, i calzini bucati o il conto corrente in rosso”.

Da questo punto di vista, la storia raccontata da Massimo Cassani è controcorrente, coraggiosa, intelligente: non ci sono consolazioni che strizzino l’occhio al gradimento del lettore, non è semplice fare il tifo per il protagonista, non risulta spontanea la comprensione delle sue vicende e delle sue decisioni. Il senso di estraneità è ben sottolineato dalla scelta di non dare un nome al personaggio, che rimane anonimo, narratore in prima persona di una vita fatta di silenzi, affetti inespressi, felicità rifiutata o forse non raggiunta.

Eppure la storia cattura, si vorrebbe prendere il protagonista a brutto muso e fornirgli qualche consiglio di autostima, inculcargli un po’ di ottimismo, incoraggiarne la svolta emotiva. E proprio quando sembra che la sorte, in qualche modo, sia riuscita a trasformarsi in un motivatore, a sostituirsi come da nostro desiderio ad un amico che lo possa spronare a cambiare atteggiamento verso gli altri, ecco che il libro, crudelmente, esce dallo schema del romanzo a lieto fine e presenta, brutalmente, i lineamenti di una realtà cattiva, ma purtroppo possibile e probabilmente più realistica.

Forse non desideriamo un bagno di fredda realtà, ma Un po’ più lontano, che di certo non vi consolerà se cercate svago o buoni sentimenti, è un libro che ha davvero alcune pregevoli qualità: è scritto benissimo, con una prosa essenziale eppure molto incisiva, racconta la solitudine che tutti noi, prima o poi, abbiamo provato e senza dubbio lascia qualcosa su cui riflettere. Anche come stimolo positivo, su ciò che non vogliamo. Sempre che non si soffra di solipsismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Cassani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassani Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

"Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Miramar

Mahfuz Nagib

Uno strano rapporto, quello che lega il protagonista e io narrante di questo romanzo, uno scrittore scorbutico e arrabbiato con il mondo, in crisi creativa, e Davide Yalta, un paralitico dotato di un senso dell'umorismo molto particolare, e a tratti sinceramente sgradevole. Un'amicizia, se tale si può definire, nata da un incontro casuale in un bar in un giorno di temporale e vissuta tra cene e situazioni imbarazzanti, soprattutto per il narratore. Davide Yalta infatti non fa nulla per rendersi simpatico: usa il suo handicap come un'arma contro le persone "normali", se ne fa scudo e ci gioca prendendo in giro tutto e tutti, alla faccia di ogni correttezza politica, vera o presunta. Quando tra i due uomini si mette di mezzo una donna, un'affascinante vicina di casa di Yalta da lui corteggiata, la situazione si complica...

La sfida

Vichi Marco

Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime."

UN UOMO

Fallaci Oriana