Esordienti

Un sorriso in una lacrima

Otto Eros

Descrizione:

Categoria: Esordienti

Editore: Kimerik

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788860964731

Trama

Le Vostre recensioni

Chi almeno una volta non ha pensato di mettere ” nero su bianco ” la propria vita?

Eros Otto è il giovane autore di: – Un sorriso in una lacrima, (da Kimerik Editrice). L’autore ha il merito di raccontare, attraverso la scrittura, emozioni e traumi che per molti è difficile persino immaginare. Senza inibizioni e senza vergogna, il Volume mette in evidenza sofferenze, ansie e sentimenti che un adolescente (Eros) prova a causa di un trauma psichico di origine sessuale subito durante la sua infanzia.

Non solo dall’epilogo del libro, ma soprattutto dalla sua stessa pubblicazione, si evince il coraggio che questo giovane scrittore siciliano ha dimostrato nei confronti della vita; a mio avviso dunque gli va riconosciuto il merito di essere riuscito non solo a guarire da ferite così profonde, ma anche quello di essersi proposto come esempio a persone che hanno vissuto esperienze analoghe.

Al di là del contenuto del suo libro e indipendentemente dal fatto che il volume possa essere apprezzato o meno, ritengo che Eros Otto attraverso questa pubblicazione, abbia dimostrato praticamente che talvolta è possibile riappropriarsi della propria vita, anche quando questa viene messa duramente alla prova.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eros

Otto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Otto Eros


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina

Farfalla

In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

«Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di Moby Dick. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro…». Questo l’inizio folgorante della Conversazione su Tiresia, un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film. Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.

Conversazione su Tiresia

Camilleri Andrea