Racconti

Un tango sulla Senna e altre piccole gioie di questo mondo

Delerm Philippe

Descrizione: Un tango sulla Senna è una raccolta di racconti folgoranti, un inno alle trascurabili (ma fondamentali) gioie della vita, quelle che ci rendono liberi anche nei momenti più tragici della nostra Storia. Piaceri come un mojito bevuto in un bistrot, la sorpresa di un temporale improvviso, l’impercettibile movimento delle labbra di un bambino che impara a leggere, un pomeriggio al mare prolungato all’infinito; piaceri grandi come la nostalgia, l’amore, la felicità. Sono tanti i buoni motivi per stare al mondo: li conosciamo e sappiamo che esistono, ma non sembrano mai tanto belli come quando ce li racconta Philippe Delerm.

Categoria: Racconti

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Parole

Anno: 2016

ISBN: 9788820060411

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Un tango sulla Senna e altre piccole gioie di questo mondo: microracconti di Philippe Delerm che colgono momenti (”Sì, la vita è una commedia leggera, con le sue gag, molte beffe in società e un pizzico di solitudine”), luoghi (L’area picnic: “L’asepsi del paesaggio, il vuoto dell’istante suscitano inaspettatamente una sensazione profonda di esistere”) e stati d’animo (“Ci sentiamo talmente pervasi , abitati nell’intimo da questa realtà che credevamo di poter disprezzare”).

Parigi la fa da padrona (Buon Natale: “In questa bancarella di anticaglie all’aperto”) con i suoi angoli e particolari (I lucchetti sono d’oro: “Alcuni lucchetti sparsi sul parapetto del Pont des Arts… Sulla Senna, che scorre senza mai prosciugarsi, lontano dal pont Mirabeau, dalla malinconia di Apollinaire”) che creano atmosfere e nostalgie (“Siamo di nuovo qui, dopo tanti anni. Il sorriso che ci sale sulle labbra è quello del tempo che non esiste. Tutto il contrario della nostalgia. Siamo rimasti intatti, tondi come la pallina rossa di Natale, ugualmente abbagliati”), attitudini (“Poi in pochi anni i lucchetti hanno invaso tutto”) e prospettive (“Tutti i messaggi contigui disegnano una barriera d’oro, un arco sul fiume…”).

Luxembourg in controluce, Un tango sulla Senna, In terza balconata all’Olympia… I racconti si susseguono e, come i momenti della vita, alcuni restano, altri no…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Philippe

Delerm

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delerm Philippe

Grida il mio nome

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

AMORI

Reyes Alina

Un ricercatore in filosofia si imbatte del tutto casualmente nel nome di Gaspard Languenhaert, oscuro filosofo del Settecento propugnatore di una singolare quanto esclusiva "filosofia dell'egoismo", dottrina in base alla quale il mondo non esiste in quanto fatto oggettivo, ma è semplicemente una proiezione mentale dell'individuo. Attraverso le scoperte del ricercatore, quindi, il lettore viene a conoscenza della strana dottrina dell'uomo che affermava di essere l'unica entità realmente esistente, e della vita assurdamente comica da lui condotta in un mondo che non è "vero"... Il tutto culmina in un finale a sorpresa che giustifica pienamente come il mondo, negato dal filosofo, non abbia conservato del filosofo alcuna traccia. “La scuola degli egoisti” esce dalla fucina del miglior Schmitt, uno Schmitt d'antan (1994) che ha da poco lasciato la carriera di professore universitario di filosofia per dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Il suo stile veloce e incisivo ci porta con altrettanta facilità a ragionare su concetti che danno le vertigini e a ridere di gusto per le avventure del filosofo convinto di essere l'unico autore della realtà, un filosofo che ci rimane malissimo quando constata che la realtà esterna non corrisponde alla sua volontà, e che ha seri problemi a gestire una Scuola degli Egoisti dove ogni singolo affiliato è graniticamente convinto di essere l'unica cosa vera al mondo!

LA SCUOLA DEGLI EGOISTI

Schmitt Eric-Emmanuel