Narrativa

UNA CANZONE CHE TI STRAPPA IL CUORE

O'Connor Joseph

Descrizione: Nella Dublino chiusa e retrograda del 1907, una giovanissima attrice ha intrecciato una relazione con un uomo più anziano, il drammaturgo più importante del teatro dove la ragazza lavora. Ribelle, irriverente, bella, corteggiata da tutti, Molly Allgood proviene da una quartiere popolare, e sogna un futuro da star in America. Il suo amore, John Millington Synge, è un genio inquieto, ultimo discendente di quella che è stata una ricca famiglia di proprietari terrieri, un poeta dal linguaggio forte e dalle passioni tempestose. Ma la sua vita è ostacolata dalle convenzioni dell’età edoardiana e dalla madre austera e timorata di Dio con la quale vive. La relazione tra John e Molly, ostacolata dagli amici e dalla famiglia, è turbolenta, a volte crudele, spesso sofferta. Molti anni dopo, una donna anziana attraversa una Londra sconvolta dalla tempesta. Natale è alle porte. Mentre la donna vaga tra le macerie dei recenti bombardamenti, un vortice di neve di ricordi e desideri perduti sembra turbinarle intorno. Da una delle più grandi voci della narrativa irlandese contemporanea. Un indimenticabile romanzo sull’amore che sfida tutte le convenzioni, anche quelle religiose, una commovente storia di abbandoni e riconciliazioni, un omaggio all’arte stessa di narrare.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860886309

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Recitare è respirare: il corpo dà la vita. Una ragione piccola, ma non nulla, per continuare a esistere in questo mondo malvagio dove le ferite abbondano, e il corpo cede, e le speranze frustate dell’infanzia non sono mai lontane. E’ un atto di pietà, la cosa che lei fa tutte le sere. Respira per lui: gli concede di morire provvisoriamente...”

Un grande talento narrativo quello di Joseph O’Connor che, con il romanzo “Una canzone che ti strappa il cuore”, mette in scena una dolcissima e tormentata storia d’amore ambientata nella Dublino degli inizi del secolo scorso. I protagonisti sono due personaggi storici: Synge, pseudonimo di Edmund John Millington, il più grande drammaturgo irlandese del Novecento, e Maire O’Neill, nome d’arte dell’attrice Molly Allgood.

La storia fra i due è difficile: complicata dalla differenza di età, di estrazione sociale, di religione; eppure diventa una parte fondamentale delle loro vite, le completa, le rende appagate, le consola là dove diventa straziante dovere fare i conti anche con la malattia e la morte.
Il racconto si apre molti anni dopo la morte di Synge: Molly/Maire ormai vecchia è persa dietro i fantasmi dei ricordi, tristemente alla deriva in un mondo dove il prima e il dopo si sovrappongono, dove la presenza della persona amata si affaccia in ogni pensiero, in ogni atteggiamento e in ogni sguardo dato al mondo. La voce di Synge la rincorre ovunque, le “corregge ancora la grammatica”, la consiglia, la osserva da una fotografia appoggiata su di una mensola.
Il racconto procede condotto da un narratore esterno ed è attraverso le sue parole che noi rincorriamo l’amore tra “la donna fatata e il “vagabondo”, tra passato e presente, tra sogno e realtà, tra verità e illusione.

Anche se, come avverte l’autore, gran parte degli avvenimenti di questo libro sono inventati e gli stessi personaggi hanno subito profonde distorsioni rispetto alla verità storica, il romanzo di O’Connor riesce a farci gustare il sapore di un’epoca culturale estremamente vivace anche se contraddittoria. Non possiamo non avvertire lo stridere di una vita letteraria spregiudicata e innovativa con il perdurare di convezioni sociali obsolete e irritanti a cui lo stesso Synge, scrittore dal linguaggio forte, capace di opere di grande impatto, fondatore, insieme a Yeats e a Lady Augusta Gregory, dell’Abbey Theatre di Dublino, si piega senza porsi domande e senza rendersi conto, spesso, della loro crudeltà.

Sento i richiami delle rondini di mare. Che suono meraviglioso. Vieni con me sulla scogliera, che restiamo a guardarle per un’ora? Non diremo niente. Fa’ che sia il mare tutti i nostri discorsi. Solo i gabbiani e le barche dei pescatori che escono, e i palamiti che si sgretolano nella scia. Caro, io bacio questo foglio. Portalo alle tue labbra. Ho quasi paura di mandartelo. Non so perché. Sta sorgendo il sole.

la tua Fatina
E’ commovente scoprire a poco a poco la storia di un amore così profondo e delicato ma nello stesso tempo capace di slanci di passione e di tenerezze infantili. Ed è, ancora, con profonda partecipazione che ci accostiamo alla figura di Molly, quasi a volerla proteggere, come si farebbe con una cara nonna. Soffriamo con lei quando la sua solitudine diventa assoluta ma anche, permettetemi, sotto sotto non possiamo non provare una sorta di ‘invidia': perdere un amore, il vero amore, è una tragedia; vivere senza trovare una persona da amare in modo così completo, forse, è ancora più sconfortante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Joseph

O'connor

Libri dallo stesso autore

Intervista a O'Connor Joseph


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

II re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

Il peso della farfalla

De Luca Erri

Thomas Lourdes, linguista di fama mondiale, si reca ad Alessandria d’Egitto per esaminare un’antichissima campana, sulla quale sono incise delle scritte in una lingua sconosciuta. Alla frustrazione di non riuscire a decifrare quel testo misterioso, però, ben presto si aggiunge la certezza di essere diventato l’obiettivo di un’organizzazione disposta a tutto pur di impossessarsi dello straordinario reperto archeologico. Perché quella campana è uno strumento di volontà divina…

IL CODICE ATLANTIDE

Brokav Charles

Intensa, chiara e potente, cosí si presenta questa che è l'opera prima dello scrittore sudafricano vincitore, per ben due volte, del Booker Prize. Nelle due novelle di Terre al crepuscolo sono già evidenti tutte le qualità di Coetzee, confermate nei suoi successivi lavori. Il protagonista del primo racconto, Progetto Vietnam, è un ricercatore che studia i risultati del condizionamento ideologico dell'informazione negli anni del conflitto vietnamita. La storia di Jacobus Coetzee, invece, ricrea l'ambiente boero del Settecento, ripercorrendo la vicenda biografica di un uomo di frontiera che giura vendetta ai nativi ottentotti, rei di non avergli portato il rispetto dovuto a un bianco. Legati dal comune tema della riflessione sul potere, i due testi procedono nel solco della tradizione di Cuore di tenebra di Conrad ed esplorano il concetto di ossessione sottolineandone lo stretto legame con la colonizzazione, sia essa del 1760 o del 1970.

TERRE AL CREPUSCOLO

Coetzee John Maxwell

Dalla nascita palermitana alla formazione torinese, fino al definitivo trasferimento a Roma, Sandra Petrignani ripercorre la vita di una grande protagonista del panorama culturale italiano. Ne segue le tracce visitando le case che abitò, da quella siciliana di nascita alla torinese di via Pallamaglio – la casa di Lessico famigliare – all’appartamento dell’esilio a quello romano in Campo Marzio, di fronte alle finestre di Italo Calvino. Incontra diversi testimoni, in alcuni casi ormai centenari, della sua avventura umana, letteraria, politica, e ne rilegge sistematicamente l’opera fin dai primi esercizi infantili. Un lavoro di studio e ricerca che restituisce una scrittrice complessa e per certi aspetti sconosciuta, cristallizzata com’è sempre stata nelle pagine autobiografiche, ma reticenti, dei suoi libri più famosi. Accanto a Natalia – così la chiamavano tutti, semplicemente per nome – si muovono prestigiosi intellettuali che furono suoi amici e compagni di lavoro: Calvino appunto, Giulio Einaudi e Cesare Pavese, Elsa Morante e Alberto Moravia, Adriano Olivetti e Cesare Garboli, Carlo Levi e Lalla Romano e tanti altri. Perché la Ginzburg non è solo l’autrice di un libro-mito o la voce – corsara quanto quella di Pasolini – di tanti appassionati articoli che facevano opinione e suscitavano furibonde polemiche. Narratrice, saggista, commediografa, infine parlamentare, Natalia è una “costellazione” e la sua vicenda s’intreccia alla storia del nostro paese (dalla grande Torino antifascista dove quasi per caso, in un sottotetto, nacque la casa editrice Einaudi, fino al progressivo sgretolarsi dei valori resistenziali e della sinistra). Un destino romanzesco e appassionante il suo: unica donna in un universo maschile a condividere un potere editoriale e culturale che in Italia escludeva completamente la parte femminile. E donna vulnerabile, e innamorata di uomini problematici. A cominciare dai due mariti: l’eroe e cofondatore della Einaudi, Leone Ginzburg, che sacrificò la vita per la patria, lasciandola vedova con tre figli in una Roma ancora invasa dai tedeschi, e l’affascinante, spiritoso anglista e melomane Gabriele Baldini che la traghettò verso una brillante mondanità: uomini fuori dall’ordinario ai quali ha dedicato nei suoi libri indimenticabili ritratti.

La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg

Petrignani Sandra