Narrativa

UNA CANZONE CHE TI STRAPPA IL CUORE

O'Connor Joseph

Descrizione: Nella Dublino chiusa e retrograda del 1907, una giovanissima attrice ha intrecciato una relazione con un uomo più anziano, il drammaturgo più importante del teatro dove la ragazza lavora. Ribelle, irriverente, bella, corteggiata da tutti, Molly Allgood proviene da una quartiere popolare, e sogna un futuro da star in America. Il suo amore, John Millington Synge, è un genio inquieto, ultimo discendente di quella che è stata una ricca famiglia di proprietari terrieri, un poeta dal linguaggio forte e dalle passioni tempestose. Ma la sua vita è ostacolata dalle convenzioni dell’età edoardiana e dalla madre austera e timorata di Dio con la quale vive. La relazione tra John e Molly, ostacolata dagli amici e dalla famiglia, è turbolenta, a volte crudele, spesso sofferta. Molti anni dopo, una donna anziana attraversa una Londra sconvolta dalla tempesta. Natale è alle porte. Mentre la donna vaga tra le macerie dei recenti bombardamenti, un vortice di neve di ricordi e desideri perduti sembra turbinarle intorno. Da una delle più grandi voci della narrativa irlandese contemporanea. Un indimenticabile romanzo sull’amore che sfida tutte le convenzioni, anche quelle religiose, una commovente storia di abbandoni e riconciliazioni, un omaggio all’arte stessa di narrare.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860886309

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Recitare è respirare: il corpo dà la vita. Una ragione piccola, ma non nulla, per continuare a esistere in questo mondo malvagio dove le ferite abbondano, e il corpo cede, e le speranze frustate dell’infanzia non sono mai lontane. E’ un atto di pietà, la cosa che lei fa tutte le sere. Respira per lui: gli concede di morire provvisoriamente...”

Un grande talento narrativo quello di Joseph O’Connor che, con il romanzo “Una canzone che ti strappa il cuore”, mette in scena una dolcissima e tormentata storia d’amore ambientata nella Dublino degli inizi del secolo scorso. I protagonisti sono due personaggi storici: Synge, pseudonimo di Edmund John Millington, il più grande drammaturgo irlandese del Novecento, e Maire O’Neill, nome d’arte dell’attrice Molly Allgood.

La storia fra i due è difficile: complicata dalla differenza di età, di estrazione sociale, di religione; eppure diventa una parte fondamentale delle loro vite, le completa, le rende appagate, le consola là dove diventa straziante dovere fare i conti anche con la malattia e la morte.
Il racconto si apre molti anni dopo la morte di Synge: Molly/Maire ormai vecchia è persa dietro i fantasmi dei ricordi, tristemente alla deriva in un mondo dove il prima e il dopo si sovrappongono, dove la presenza della persona amata si affaccia in ogni pensiero, in ogni atteggiamento e in ogni sguardo dato al mondo. La voce di Synge la rincorre ovunque, le “corregge ancora la grammatica”, la consiglia, la osserva da una fotografia appoggiata su di una mensola.
Il racconto procede condotto da un narratore esterno ed è attraverso le sue parole che noi rincorriamo l’amore tra “la donna fatata e il “vagabondo”, tra passato e presente, tra sogno e realtà, tra verità e illusione.

Anche se, come avverte l’autore, gran parte degli avvenimenti di questo libro sono inventati e gli stessi personaggi hanno subito profonde distorsioni rispetto alla verità storica, il romanzo di O’Connor riesce a farci gustare il sapore di un’epoca culturale estremamente vivace anche se contraddittoria. Non possiamo non avvertire lo stridere di una vita letteraria spregiudicata e innovativa con il perdurare di convezioni sociali obsolete e irritanti a cui lo stesso Synge, scrittore dal linguaggio forte, capace di opere di grande impatto, fondatore, insieme a Yeats e a Lady Augusta Gregory, dell’Abbey Theatre di Dublino, si piega senza porsi domande e senza rendersi conto, spesso, della loro crudeltà.

Sento i richiami delle rondini di mare. Che suono meraviglioso. Vieni con me sulla scogliera, che restiamo a guardarle per un’ora? Non diremo niente. Fa’ che sia il mare tutti i nostri discorsi. Solo i gabbiani e le barche dei pescatori che escono, e i palamiti che si sgretolano nella scia. Caro, io bacio questo foglio. Portalo alle tue labbra. Ho quasi paura di mandartelo. Non so perché. Sta sorgendo il sole.

la tua Fatina
E’ commovente scoprire a poco a poco la storia di un amore così profondo e delicato ma nello stesso tempo capace di slanci di passione e di tenerezze infantili. Ed è, ancora, con profonda partecipazione che ci accostiamo alla figura di Molly, quasi a volerla proteggere, come si farebbe con una cara nonna. Soffriamo con lei quando la sua solitudine diventa assoluta ma anche, permettetemi, sotto sotto non possiamo non provare una sorta di ‘invidia': perdere un amore, il vero amore, è una tragedia; vivere senza trovare una persona da amare in modo così completo, forse, è ancora più sconfortante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Joseph

O'connor

Libri dallo stesso autore

Intervista a O'Connor Joseph


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Virginia Woolf scrisse che il greco antico è una lingua «che ci tiene schiavi, che ci seduce e ci attira» pur nella sua irreparabile incomprensione. Sì, perché il greco oggi non lo comprendiamo più: la sua unicità è scomparsa per sempre. La lingua greca era, innanzitutto, un modo di vedere il mondo: un mondo in cui non esisteva il tempo delle cose, ma il come, l’aspetto. In cui i numeri delle parole erano tre, singolare plurale e duale – due per gli occhi, due per gli amanti –, ed esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l’ottativo. Non esisteva il futuro, il greco moderno ha dovuto inventarlo. Il nostro modo di pensare è così diverso che il greco antico non è più parte di noi – linguisticamente siamo orfani. O meglio, diseredati. Queste Lezioni di greco nascono dalla cocciutaggine di chi ha a lungo studiato la lingua greca per rintracciarne il significato profondo – e per dare, nel 2016, significato a chi a questa lingua si avvicina. Nascono soprattutto dalla volontà di mettere fine a ogni paura, soggezione, separazione tra gli italiani moderni e i greci antichi. Si tratta quindi di un viaggio intimo del lettore nelle particolarità del greco antico, con la convinzione che solo l’immaginazione, la fantasia e l’ironia, supportate dalla conoscenza, ci possano liberare dalla schiavitù di una lingua che da millenni ci seduce senza capirla – e trasformarla in amore.

La lingua geniale

Marcolongo Andrea

Croce rossa

Puliafito Alberto

Dove sono gli uomini, fisicamente e psicologicamente? Soprattutto a fare cosa, dove se non qui, e perché? Perché le donne sono tutte in giro, tutte in viaggio, tutte da qualche parte, spesso tra di loro, intente a fare o progettare qualcosa, mentre gli uomini sembra che si siano chiusi in casa, a doppia mandata, e non rispondano neppure a chi bussa con forza alle loro porte? Dove sono i protagonisti della scena, gli uomini del Mediterraneo, quelli che trovavi sempre al centro della piazza, al centro della spiaggia, al centro del bar, al centro della scena? Perché sul palco ora sembra che ci siano soltanto donne? Perché gli uomini non escono dai percorsi codificati del lavoro e della società? Perché sono sempre protetti da convenzioni e ruoli codificati, e quando non lo sono entrano subito in difficoltà? Perché gli uomini non parlano (se non di alcuni, pochi, argomenti estranei tanto a loro quanto a me), perché non chiamano, perché sembrano chiusi, rassegnati, stanchi prima ancora di aver iniziato a fare qualsiasi cosa? Per parlare degli uomini, oggi più che mai, occorre parlare con le donne, ascoltare le loro storie, farsi raccontare le loro avventure e disavventure, sfidando le leggi della riservatezza, tentando di collegare fatti e circostanze che ogni donna considera isolati, per cui spesso prova sentimenti di colpa, e che invece sono profondamente collegati tra loro.

Dove sono gli uomini?

Perotti Simone

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento un poeta di origini greche, Costantinos Kavafis si fa portavoce della storia della città di Alessandria, del suo destino di straordinario sviluppo e inarrestabile decadenza. Con una voce malinconica, consapevole di qualcosa che è andato perso per sempre, Kavafis decide di raccogliere le sue poesie in un corpus collettivo, il suo "Canone": 154 componimenti brevi divisi in scritti filosofici, storici ed erotici. Se con le prime due sezioni, il poeta alessandrino si fa conoscere ed apprezzare per lo stile e per i memorabili ritratti di personaggi del passato, è con la terza che raggiunge una grande notorietà, per quanto prevalentemente postuma. La scabrosità esibita di alcuni testi, l'esplicita omosessualità, la ricercata inattualità e l'eccentrica solitudine dell'autore, gli hanno infatti valso critiche e difficoltà in vita, superate infine dal riconoscimento di una superiore purezza stilistica e sentimentale, distillata nella musicalità di componimenti di assoluta perfezione formale. Il Canone, proposto qui nella nuova traduzione di Massimo Scorsone, innalza Kavafis tra i più prestigiosi poeti del Novecento e mostra tutta l'originalità di una voce irrequieta, commovente e capace di parlare ancora oggi al nostro cuore.

Le poesie di Kostantinos Kavafis

Kavafis Konstantinos