Letteratura femminile

Una comunità perduta

Descrizione: Un senatore dell’antica Roma, giunto al termine della vita, decide di intraprendere la sua ultima impresa: il racconto della storia dell’umanità. La sua narrazione si incentra sul popolo delle Cleft, una comunità ormai scomparsa di donne che vivevano in una sorta di paradiso terrestre, procreando senza essere fecondate dagli uomini e mettendo al mondo solo bambine, destinate a perpetuare la loro specie. Ma la nascita inattesa di una creatura strana e sconosciuta, un maschietto, infrange per sempre l’armonia della piccola comunità, mettendone a repentaglio l’esistenza stessa.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Fanucci

Collana: Collezione Vintage

Anno: 2007

ISBN: 9788834713822

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Senza maschi, o Monsters, non avevano nemmeno bisogno di pensare a loro stesse come Cleft; senza l’opposto, inutile affermare la propria identità. Quando era venuto al mondo il primo piccolo Monster, era nata anche la contrapposizione tra maschi e femmine; prima c’erano semplicemente essere umani.

Di questo si tratta. Di un romanzo a tutti gli effetti al femminile. L’origine della specie umana per Doris Lessing è una comunità perduta di sole femmine, le Cleft appunto, da cui tutto ha avuto origine.

I miti a noi più noti, come la nascita di Afrodite dalla spuma del mare, sembrano avere origini ben più antiche. Le Cleft sono creature marine, dai corpi  modellati dalle onde del mare, vissute millenni fa e capaci di procreare senza essere fecondate dagli uomini.

Donne che generano donne, senza traccia di soggetti maschili, vivono in una sorta di paradiso naturale, tra le grotte e il mare, nella più completa pace e tranquillità, dedite solo alla cura reciproca e ad accudire le più giovani, tra riti ancestrali e bagni di sole, forse su qualche isola del Mediterraneo.

Vivevano sulle rive di un mare dalle tiepide acque, su un’isola in effetti molto vasta, ma senza allontanarsi mai dai quei luoghi. Erano creature marine, si nutrivano di pesce, alghe e frutti che crescevano in prossimità della spiaggia. […] Il loro era un eterno presente. Da quanto tempo? Domanda inutile. 

Ma qualcosa, un giorno, accade. Qualcosa non torna. Viene generato il primo maschio, un essere mostruoso dotato di un orribile apparato genitale, incapace di generare. Ecco il primo piccolo  Monster capace di destabilizzare, con il suo pianto irrequieto e il suo corpo deforme, la comunità femminile. Alla prima nascita anomala ne seguiranno altre, ma i piccoli Monsters, anziché venire subito uccisi, vengono torturati e abbandonati al loro destino sulla cima del monte, in balia delle aquile. Con il passare del tempo, i piccoli maschi – messi in salvo dagli stessi rapaci e allattati da giovani cerve – diverranno uomini e il loro destino si completerà, irrimediabilmente, con quello delle Cleft.

Erano selvaggi e irrequieti, quei primi maschi, nostri progenitori così remoti.

La fusione inevitabile delle due comunità avrà inizio con l’accoppiamento – a volte decisamente violento e promiscuo – tra maschi e femmine, per poi proseguire attraverso un progressivo adattamento delle due distinte comunità ai reciproci ritmi e inclinazioni. Le Cleft smetteranno di procreare autonomamente e verranno fecondate solo dai Monsters.

Le femmine persero la capacità di farsi ingravidare da un vento fecondatore, o da un’onda che recava in sé la fertilità; non concepivano se non a opera dei maschi. Sia agli uni che alle altre ci volle un po’ per comprenderlo. A un certo punto nelle femmine dev’essere intervenuta questa consapevolezza, probabilmente dolorosa: che, cioè, non potevano avere figli senza i maschi.

La magia della comunità delle femmine lascerà il posto a una nuova realtà ben lontana dalla pace a cui le Cleft erano abituate. Oltre alle evidenti differenze fisiche, tra maschi e femmine ci sono abissi mentali e comportamentali tali da rendere inevitabile il conflitto.

Tutti i bambini nascevano nelle caverne che dominavano la spiaggia, e giocavano in mezzo all’acqua, senza pericoli. La maggior parte delle femmine viveva nelle caverne, non amando il luogo in cui di solito dimoravano i maschi.

 La storia o il mito delle Cleft viene raccontata da un anziano senatore dell’antica Roma, dedito allo studio di questa comunità e alla ricostruzione delle testimonianze, talvolta confuse e frammentarie, di chi visse quel passato remoto, lontano dal presente e dai più noti racconti mitologici.

Doris Lessing afferma il primato femminile nella creazione del genere umano: il primo uomo è stato generato da una donna, capace di vivere in armonia con le proprie simili senza il disordine ancestrale e la violenza primitiva dei maschi. Il primo incontro fisico tra uomo e donna è stato uno stupro e un assassinio, quello dei Monsters ai danni di una giovane Cleft che “non era abituata a provare panico o allarme; probabilmente non aveva mai urlato in vita sua, e si sentiva talmente sconvolta da non riuscire a reagire.”

Difficile accettare il cambiamento per le Cleft, soprattutto le più anziane, e dolorosa è la consapevolezza che, insieme alla fine della loro pacifica e forse un po’ noiosa esistenza, ha avuto termine anche l’epoca della loro più completa libertà.

 Le dinamiche “familiari” raccontate dall’autrice sono molto attuali: i conflitti tra la Cleft e il Monster, ci ricordano i classici e dolorosi litigi di coppia e i segni lasciati dallo scontro non sono, oggi, diversi da quelli che si verificavano in quella comunità primitiva.

Quelle stesse dinamiche, più o meno naturali, nei rapporti tra uomo e donna tornano a far scrivere Doris Lessing, che in questo romanzo del 2007 – a tratti molto duro – ci incanta con una storia decisamente d’altri tempi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Dario Cosentino ci porta a spasso nella sua Milano, quella che lo ha accolto quando era studente e di cui nel tempo ha esplorato le zone più famose e gli angoli più remoti, le vie imbellettate e i quartieri autentici.

Milano mia

Cosentino Dario

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

MANCARSI

De Silva Diego

L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro