Narrativa

Una diabolica celeste

Violet Enrico

Descrizione: Celeste Ardemagni, hacker per passione, è una ragazza solitaria e dallo humor tagliente. La sua vita scorre tranquilla fino al giorno in cui incontra Vitaliano Spatuzzo, un improbabile fotomodello che le suggerisce l'idea giusta per fare soldi a palate. Una truffa mediatica che coinvolgerà la famosa attrice Bianca Del Prado, donna sensibile e problematica sul viale del tramonto. Il piano sembra funzionare ma una segretaria sull'orlo di una crisi di nervi, un manager senza scrupoli e un latitante mafioso troppo attratto dalle donne, complicheranno le cose fino a scatenare una serie di eventi imprevedibili (e disastrosi).

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898067183

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Celeste Ardemagni è una hacker, con parecchi problemi relazionali e alla ricerca di guai.

Vitaliano Cannuccia è un fotomodello, tanto bello quanto scemo.

Bianca Del Pardo è un’attrice sul viale del tramonto, alla ricerca di nuova fama.

Intorno a loro si incrociano tutta un’altra serie di personaggi che contribuiranno a rendere l’intera avventura narrata da Violet una spirale di disastri e umorismo.

Il progetto per ridare a Bianca la fama perduta consiste nel trovare un uomo bellissimo e intelligentissimo che passi 5 giorni con lei e che insieme concepiscano un figlio. Celeste, con le sue abilità da hacker, decide di mettere a punto una truffa che porterà a lei e a Vitaliano un bel po’ di soldi. La bellezza di Vitaliano e la sua intelligenza sono tutto quello che serve. Col gioco di squadra, Celeste pensa di poter gestire la situazione.

Il piano sembra funzionare abbastanza bene, fino a quando però non entrano in gioco un mafioso latitante e una segretaria frustrata che ha perso il lavoro proprio grazie alla truffa messa a punto da Celeste. E così tutta una serie di imprevisti e di sfortune ci trascina attraverso follie represse, furti di identità, prostituzione, fughe in Sri Lanka, tentati omicidi, omicidi veri e fallimenti epici.

Una diabolica celeste è un libro che sembra trascinarci in un continuo nonsense dall’inizio alla fine. Non capiamo bene se Celeste ci sta simpatica o meno. Non sappiamo se tifare per lei o meno. Idem con Vitaliano e con Bianca. Alla fine, dopo un po’ di risate, di interrogativi latenti e un finale che potrebbe non soddisfare tutti, capiamo che non c’è niente di stupido in queste pagine. Con qualche aggiunta fantasiosa,Violet ci ha raccontato una storia che si adatta perfettamente ai nostri tempi: la bellezza vuota, il dominio della tecnologia, la mancanza di amore.

E vista così, la leggera insoddisfazione lasciata dal finale scema un po’. Perché il fatto che non si tratti proprio di un lieto fine non ha niente di amaro. Anzi, siamo quasi soddisfatti, perché ci viene confermato che le cose così come stanno andando proprio non funzionano. E Violet, raccontandoci di Celeste, Vitaliano e compagnia bella e di tutti i loro fallimenti, ce lo dice chiaro e tondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Enrico

Violet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Violet Enrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, fine anni Settanta: un quartiere appena nato che confina con l'inferno, il sogno della casa popolare che diventa subito incubo. Scilla ha quattro anni quando, sul volto di suo padre, vede disegnarsi la rabbia per la vita che li attende. Ma in un luogo dove ognuno ha un dolore a cui sopravvivere, in uno spazio di abbandono che contamina chi ci vive fino a distruggerlo, c'è anche Renata. Ed ecco che quello spazio si dischiude, poco a poco, e quei palazzoni fatiscenti diventano lo scenario in cui nasce e cresce un rapporto fatto di amicizia, desiderio e paura, un rifugio in cui Scilla e Renata si nascondono da una realtà dove nei vasi fioriscono le siringhe e il riscatto si porta sempre dietro la colpa. Perché dove non ci si può permettere di sognare, la vita corrode ogni legame, separa i destini, allontana le persone. Ma lascia, comunque, la speranza di potersi salvare.

Sangue sporco

Aragona Enrica

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle

Un ragazzo è affetto da una strana sindrome: soffre di empatia, è capace di immedesimarsi nelle storie degli altri. Inizia così un viaggio nel mondo del possibile, nel labirinto dei sentimenti mai provati, delle cose mai accadute eppure reali più del reale stesso. Questo "io" coraggioso e impertinente va e viene dal passato, fa incursione in un futuro di cui abbiamo già nostalgia, e ritorna con un inventario di storie sull'autunno del mondo, sui Minotauri rinchiusi in ognuno di noi, sulle particelle elementari del rimpianto, sul sublime che può essere ovunque.

FISICA DELLA MALINCONIA

Gospodinov Georgi

Cape May, New Jersey, autunno 1986. Un uomo siede nella veranda di una casa che si affaccia sulla baia del Delaware. Vent'anni addietro è stato un musicista "quasi" famoso e, per un tempo brevissimo, ha assaporato l'inebriante essenza della celebrità, prima di rendersi conto di avere altre aspirazioni, di voler percorrere un sentiero solitario per raggiungere il proprio "paradiso". Per anni si è lasciato scivolare addosso le opportunità e le illusioni dell'esistenza, ha aspettato, sicuro che, alla fine, la "grande occasione" si sarebbe presentata. Ed è proprio ciò che è accaduto, alcune ore prima: all'improvviso, la porta del paradiso si è socchiusa. Lei si è finalmente accorta dei suoi innumerevoli messaggi ed è andata a cercarlo: è arrivata fin lì, gli ha parlato, gli ha dato un appuntamento. S'incontreranno alle undici del giorno dopo nella piccola stazione di Cape May: è da lì che inizierà il suo viaggio verso il futuro. Adesso lui deve soltanto sistemare alcune cose e "far passare la notte": domattina ci saranno soltanto la strada lungo il mare, la ricerca di un parcheggio, la stazione, i binari, una locomotiva e... lei. Sì, lei.

DOVE IO NON SONO

D'Amico Ilaria