Narrativa

Una diabolica celeste

Violet Enrico

Descrizione: Celeste Ardemagni, hacker per passione, è una ragazza solitaria e dallo humor tagliente. La sua vita scorre tranquilla fino al giorno in cui incontra Vitaliano Spatuzzo, un improbabile fotomodello che le suggerisce l'idea giusta per fare soldi a palate. Una truffa mediatica che coinvolgerà la famosa attrice Bianca Del Prado, donna sensibile e problematica sul viale del tramonto. Il piano sembra funzionare ma una segretaria sull'orlo di una crisi di nervi, un manager senza scrupoli e un latitante mafioso troppo attratto dalle donne, complicheranno le cose fino a scatenare una serie di eventi imprevedibili (e disastrosi).

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898067183

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Celeste Ardemagni è una hacker, con parecchi problemi relazionali e alla ricerca di guai.

Vitaliano Cannuccia è un fotomodello, tanto bello quanto scemo.

Bianca Del Pardo è un’attrice sul viale del tramonto, alla ricerca di nuova fama.

Intorno a loro si incrociano tutta un’altra serie di personaggi che contribuiranno a rendere l’intera avventura narrata da Violet una spirale di disastri e umorismo.

Il progetto per ridare a Bianca la fama perduta consiste nel trovare un uomo bellissimo e intelligentissimo che passi 5 giorni con lei e che insieme concepiscano un figlio. Celeste, con le sue abilità da hacker, decide di mettere a punto una truffa che porterà a lei e a Vitaliano un bel po’ di soldi. La bellezza di Vitaliano e la sua intelligenza sono tutto quello che serve. Col gioco di squadra, Celeste pensa di poter gestire la situazione.

Il piano sembra funzionare abbastanza bene, fino a quando però non entrano in gioco un mafioso latitante e una segretaria frustrata che ha perso il lavoro proprio grazie alla truffa messa a punto da Celeste. E così tutta una serie di imprevisti e di sfortune ci trascina attraverso follie represse, furti di identità, prostituzione, fughe in Sri Lanka, tentati omicidi, omicidi veri e fallimenti epici.

Una diabolica celeste è un libro che sembra trascinarci in un continuo nonsense dall’inizio alla fine. Non capiamo bene se Celeste ci sta simpatica o meno. Non sappiamo se tifare per lei o meno. Idem con Vitaliano e con Bianca. Alla fine, dopo un po’ di risate, di interrogativi latenti e un finale che potrebbe non soddisfare tutti, capiamo che non c’è niente di stupido in queste pagine. Con qualche aggiunta fantasiosa,Violet ci ha raccontato una storia che si adatta perfettamente ai nostri tempi: la bellezza vuota, il dominio della tecnologia, la mancanza di amore.

E vista così, la leggera insoddisfazione lasciata dal finale scema un po’. Perché il fatto che non si tratti proprio di un lieto fine non ha niente di amaro. Anzi, siamo quasi soddisfatti, perché ci viene confermato che le cose così come stanno andando proprio non funzionano. E Violet, raccontandoci di Celeste, Vitaliano e compagnia bella e di tutti i loro fallimenti, ce lo dice chiaro e tondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Enrico

Violet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Violet Enrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht

Il protagonista di Samsa innamorato, un giorno, si sveglia in un letto e scopre con orrore di essersi trasformato in un essere umano. Non ricorda nulla della sua vita precedente. Sa solo che si chiama Gregor Samsa. Che fine ha fatto lo spesso carapace che lo proteggeva? E perché adesso è ricoperto da questa sottile, delicata pelle rosa? Chi, o cosa, era prima di quel risveglio? Insomma, adesso Samsa dovrà adattarsi alla nuova e "mostruosa" condizione di uomo. Quando però alla sua porta bussa una ragazza il cui fisico è deformato da un'enorme gobba, Samsa dovrà fare i conti con qualcos'altro di sconosciuto: il desiderio e l'erotismo visto con gli occhi nuovi di chi sa andare oltre le apparenze. Habara, il protagonista di Shahrazàd, è un uomo solo, confinato in una casa nella quale gli è vietato ogni contatto col mondo. Non sapremo mai perché, e in fondo non è importante: quello che sappiamo è che il suo unico svago sono le visite regolari di una donna misteriosa che lo rifornisce di libri, musica, film... e sesso. Ma soprattutto gli racconta delle storie, come faceva Shahrazàd nelle Mille e una notte. E in queste storie Habara si tuffa come un bambino, finalmente libero.

Uomini senza donne

Murakami Haruki

Si dice che il problema sia di chi resta, non di chi se ne va. Emilie se n'è andata, portata via da un cancro. Alessio le è sopravvissuto. Sono passati otto anni ed è ora che tutto ha inizio. "Le 13 cose" ci afferra dalle prime righe e ci trascina in un piccolo paese di provincia che pare evacuato, sempre pronto a riversarsi in un al di là parallelo simile a un campo sfollati. Alessio Valentino, protagonista suo malgrado, lega la propria vita ad assurdi vicini di casa e a personaggi improbabili. Figure sghembe e grottesche che innescano intrecci e situazioni inneggianti alla vita più stramba. Il suo mondo sembra uno sgangherato e divertente luna park, di quelli che stanno alle periferie dell'esistenza, dove la pena e la catarsi si tengono abbracciati, come amanti su un ottovolante per cui non hanno pagato il biglietto.

LE 13 COSE

Turati Alessandro

Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa. Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber. C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

Dopo

Zan Koethi