Narrativa

Una diabolica celeste

Violet Enrico

Descrizione: Celeste Ardemagni, hacker per passione, è una ragazza solitaria e dallo humor tagliente. La sua vita scorre tranquilla fino al giorno in cui incontra Vitaliano Spatuzzo, un improbabile fotomodello che le suggerisce l'idea giusta per fare soldi a palate. Una truffa mediatica che coinvolgerà la famosa attrice Bianca Del Prado, donna sensibile e problematica sul viale del tramonto. Il piano sembra funzionare ma una segretaria sull'orlo di una crisi di nervi, un manager senza scrupoli e un latitante mafioso troppo attratto dalle donne, complicheranno le cose fino a scatenare una serie di eventi imprevedibili (e disastrosi).

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898067183

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Celeste Ardemagni è una hacker, con parecchi problemi relazionali e alla ricerca di guai.

Vitaliano Cannuccia è un fotomodello, tanto bello quanto scemo.

Bianca Del Pardo è un’attrice sul viale del tramonto, alla ricerca di nuova fama.

Intorno a loro si incrociano tutta un’altra serie di personaggi che contribuiranno a rendere l’intera avventura narrata da Violet una spirale di disastri e umorismo.

Il progetto per ridare a Bianca la fama perduta consiste nel trovare un uomo bellissimo e intelligentissimo che passi 5 giorni con lei e che insieme concepiscano un figlio. Celeste, con le sue abilità da hacker, decide di mettere a punto una truffa che porterà a lei e a Vitaliano un bel po’ di soldi. La bellezza di Vitaliano e la sua intelligenza sono tutto quello che serve. Col gioco di squadra, Celeste pensa di poter gestire la situazione.

Il piano sembra funzionare abbastanza bene, fino a quando però non entrano in gioco un mafioso latitante e una segretaria frustrata che ha perso il lavoro proprio grazie alla truffa messa a punto da Celeste. E così tutta una serie di imprevisti e di sfortune ci trascina attraverso follie represse, furti di identità, prostituzione, fughe in Sri Lanka, tentati omicidi, omicidi veri e fallimenti epici.

Una diabolica celeste è un libro che sembra trascinarci in un continuo nonsense dall’inizio alla fine. Non capiamo bene se Celeste ci sta simpatica o meno. Non sappiamo se tifare per lei o meno. Idem con Vitaliano e con Bianca. Alla fine, dopo un po’ di risate, di interrogativi latenti e un finale che potrebbe non soddisfare tutti, capiamo che non c’è niente di stupido in queste pagine. Con qualche aggiunta fantasiosa,Violet ci ha raccontato una storia che si adatta perfettamente ai nostri tempi: la bellezza vuota, il dominio della tecnologia, la mancanza di amore.

E vista così, la leggera insoddisfazione lasciata dal finale scema un po’. Perché il fatto che non si tratti proprio di un lieto fine non ha niente di amaro. Anzi, siamo quasi soddisfatti, perché ci viene confermato che le cose così come stanno andando proprio non funzionano. E Violet, raccontandoci di Celeste, Vitaliano e compagnia bella e di tutti i loro fallimenti, ce lo dice chiaro e tondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Enrico

Violet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Violet Enrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna

Una vacanza in apparenza convenzionale cambia la vita di quattro persone. Al ritorno da un viaggio in Cina, Marino, un imprenditore criminale, tornerà con un bottino che per lui somiglia all'amore. Sua moglie Felicita non riuscirà più a restare nella noia e nelle menzogne, analizzerà con cinismo il suo matrimonio bianco e con la risorsa dell'autoironia sceglierà di dirsi quello che è diventata, quello che non vuole essere più. Sergio, un inetto e affascinante dipendente dell'imprenditore criminale, scoprirà di saper combattere per quello che riconosce come il suo ultimo amore di carne e mistero. Una ragazza cinese senza identità, che non è stata dichiarata al momento della nascita come circa venticinque milioni di neonate connazionali, sceglierà di non essere più vittima della politica del figlio unico e di molto altro: da martire diventerà predatrice e userà senza pudore il corpo, le culture, la determinazione e qualsiasi altra avventura per salvarsi la vita.

La figlia maschio

Rinaldi Patrizia

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta