Narrativa

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Descrizione: Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Categoria: Narrativa

Editore: Https://bookabook.it

Collana:

Anno: 2017

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una diagonale perfetta, l’ultimo romanzo di Antonella Di Martino, pubblicato con la formula Bookabook – un nuovo modo di fare editoria, è un testo che colpisce per la particolarità della struttura: passato e presente s’intrecciano, come le orbite di satelliti e pianeti (“Sono allineati come soldatini. Sembra una coincidenza straordinaria, vero? … Si muovono sempre sulle stesse orbite, quindi prima o poi devono incrociarsi”) che intitolano i capitoli (“La Luna non è un satellite, ma una compagna di viaggio dlela nostra Terra”), e le fila della trama si annodano a ricomporre un legame attuale e a medicare un trauma rimasto sospeso per gli strani meccanismi di protezione che psiche e rapporti umani frappongono.

Eleonora è una bambina sensibile e originale: vive con difficoltà il suo essere eccellente (“Era la prima della classe, eppure non riusciva a comprendere qualcosa che tutti gli altri sapevano, senza averlo mai studiato sui libri”), ama paragonare le persone agli animali (“Quel viso non c’era più, sostituito da una faina pallida con due lampi azzurri riflessi dalle lenti. Aveva finalmente incontrato il suo animale”), sodalizza con due compagne che la deludono, subisce l’aggressione di due ragazze che offendono il padre giudice (“Sentiva risuonare nella sua testa gli insulti rivolti al padre”)… Trova conforto in Sara, una donna ebrea che l’aiuta nella difficile lotta per l’adattamento alla vita e che diviene il suo riferimento, in parte sostituendo il ruolo interpretato da una madre troppo razionale e un po’ oppressiva (“Non riuscirò mai a diventare come vuoi tu…”). Tuttavia Sara sparisce misteriosamente e all’improvviso, proprio il giorno in cui il padre giudice subisce un attentato.

Eleonora, divenuta avvocato affermato e brillante, è alle prese con una separazione difficile dal marito che ancora ama (“Aveva abbandonato Marco, la casa delle marionette e l’atelier”). I ricordi riaffiorano e s’intersecano nel loro flusso inarrestabile con la radiografia della relazione coniugale e dei rapporti familiari. La convergenza delle coincidenze (“Le coincidenze sono le cicatrici del destino”, C.R. Zafòn, citato con Milan Kundera nell’incipit del romanzo)  e delle azioni umane si realizza nella “casa delle marionette”, il luogo che calamita amore, affetti e riflessioni di ampio respiro sulla libertà dell’uomo nell’universo (“L’universo è composto da astri, particelle e marionette!”).

Il dramma personale di Eleonora viene proiettato dalla scrittura di Antonella su sfondo astrale e riecheggia secoli di importanti riflessioni filosofiche, che riportano ai temi essenziali: della felicità, della libertà, del diritto alla diversità.

Buno Elpis

_________________________

Restate sintonizzati: nei prossimi giorni parleremo con l’autrice di questo romanzo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Martino

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Martino Antonella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Un Julien Sorel all’epoca della crisi»: così venne presentato, alla sua comparsa nelle librerie francesi, il protagonista di questo romanzo. Come l’eroe di Stendhal, Jean-Luc Daguerne non ha che un desiderio: «afferrare il mondo a piene mani», diventare uno di quelli che gestiscono il potere e gli affari. Per riuscirci accetterà di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, e persino di tradire il suo unico vero amico. Fino al giorno in cui ritroverà dentro di sé, con stupore e sgomento, «quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore» che per anni ha dovuto negare e soffocare. Allora cercherà, con una sorta di furioso accanimento, di farsi amare dalla sola donna tra le cui braccia abbia sentito riemergere la propria fragilità di bambino, e si chiederà che senso abbia avuto quella lotta convulsa, rabbiosa, per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa: «Il successo, quando è lontano, ha la bellezza del sogno, ma non appena si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino».

La preda

Némirovsky Irène

Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella

Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un’indagine per fare chiarezza sull’accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l’opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffi nati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell’Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l’annuncio dell’arrivo di un enigmatico vendicatore… Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.

Il libro segreto di Dante

Fioretti Francesco