Narrativa

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Descrizione: Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Categoria: Narrativa

Editore: Https://bookabook.it

Collana:

Anno: 2017

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una diagonale perfetta, l’ultimo romanzo di Antonella Di Martino, pubblicato con la formula Bookabook – un nuovo modo di fare editoria, è un testo che colpisce per la particolarità della struttura: passato e presente s’intrecciano, come le orbite di satelliti e pianeti (“Sono allineati come soldatini. Sembra una coincidenza straordinaria, vero? … Si muovono sempre sulle stesse orbite, quindi prima o poi devono incrociarsi”) che intitolano i capitoli (“La Luna non è un satellite, ma una compagna di viaggio dlela nostra Terra”), e le fila della trama si annodano a ricomporre un legame attuale e a medicare un trauma rimasto sospeso per gli strani meccanismi di protezione che psiche e rapporti umani frappongono.

Eleonora è una bambina sensibile e originale: vive con difficoltà il suo essere eccellente (“Era la prima della classe, eppure non riusciva a comprendere qualcosa che tutti gli altri sapevano, senza averlo mai studiato sui libri”), ama paragonare le persone agli animali (“Quel viso non c’era più, sostituito da una faina pallida con due lampi azzurri riflessi dalle lenti. Aveva finalmente incontrato il suo animale”), sodalizza con due compagne che la deludono, subisce l’aggressione di due ragazze che offendono il padre giudice (“Sentiva risuonare nella sua testa gli insulti rivolti al padre”)… Trova conforto in Sara, una donna ebrea che l’aiuta nella difficile lotta per l’adattamento alla vita e che diviene il suo riferimento, in parte sostituendo il ruolo interpretato da una madre troppo razionale e un po’ oppressiva (“Non riuscirò mai a diventare come vuoi tu…”). Tuttavia Sara sparisce misteriosamente e all’improvviso, proprio il giorno in cui il padre giudice subisce un attentato.

Eleonora, divenuta avvocato affermato e brillante, è alle prese con una separazione difficile dal marito che ancora ama (“Aveva abbandonato Marco, la casa delle marionette e l’atelier”). I ricordi riaffiorano e s’intersecano nel loro flusso inarrestabile con la radiografia della relazione coniugale e dei rapporti familiari. La convergenza delle coincidenze (“Le coincidenze sono le cicatrici del destino”, C.R. Zafòn, citato con Milan Kundera nell’incipit del romanzo)  e delle azioni umane si realizza nella “casa delle marionette”, il luogo che calamita amore, affetti e riflessioni di ampio respiro sulla libertà dell’uomo nell’universo (“L’universo è composto da astri, particelle e marionette!”).

Il dramma personale di Eleonora viene proiettato dalla scrittura di Antonella su sfondo astrale e riecheggia secoli di importanti riflessioni filosofiche, che riportano ai temi essenziali: della felicità, della libertà, del diritto alla diversità.

Buno Elpis

_________________________

Restate sintonizzati: nei prossimi giorni parleremo con l’autrice di questo romanzo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Martino

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Martino Antonella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset