Narrativa

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Descrizione: Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Categoria: Narrativa

Editore: Https://bookabook.it

Collana:

Anno: 2017

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una diagonale perfetta, l’ultimo romanzo di Antonella Di Martino, pubblicato con la formula Bookabook – un nuovo modo di fare editoria, è un testo che colpisce per la particolarità della struttura: passato e presente s’intrecciano, come le orbite di satelliti e pianeti (“Sono allineati come soldatini. Sembra una coincidenza straordinaria, vero? … Si muovono sempre sulle stesse orbite, quindi prima o poi devono incrociarsi”) che intitolano i capitoli (“La Luna non è un satellite, ma una compagna di viaggio dlela nostra Terra”), e le fila della trama si annodano a ricomporre un legame attuale e a medicare un trauma rimasto sospeso per gli strani meccanismi di protezione che psiche e rapporti umani frappongono.

Eleonora è una bambina sensibile e originale: vive con difficoltà il suo essere eccellente (“Era la prima della classe, eppure non riusciva a comprendere qualcosa che tutti gli altri sapevano, senza averlo mai studiato sui libri”), ama paragonare le persone agli animali (“Quel viso non c’era più, sostituito da una faina pallida con due lampi azzurri riflessi dalle lenti. Aveva finalmente incontrato il suo animale”), sodalizza con due compagne che la deludono, subisce l’aggressione di due ragazze che offendono il padre giudice (“Sentiva risuonare nella sua testa gli insulti rivolti al padre”)… Trova conforto in Sara, una donna ebrea che l’aiuta nella difficile lotta per l’adattamento alla vita e che diviene il suo riferimento, in parte sostituendo il ruolo interpretato da una madre troppo razionale e un po’ oppressiva (“Non riuscirò mai a diventare come vuoi tu…”). Tuttavia Sara sparisce misteriosamente e all’improvviso, proprio il giorno in cui il padre giudice subisce un attentato.

Eleonora, divenuta avvocato affermato e brillante, è alle prese con una separazione difficile dal marito che ancora ama (“Aveva abbandonato Marco, la casa delle marionette e l’atelier”). I ricordi riaffiorano e s’intersecano nel loro flusso inarrestabile con la radiografia della relazione coniugale e dei rapporti familiari. La convergenza delle coincidenze (“Le coincidenze sono le cicatrici del destino”, C.R. Zafòn, citato con Milan Kundera nell’incipit del romanzo)  e delle azioni umane si realizza nella “casa delle marionette”, il luogo che calamita amore, affetti e riflessioni di ampio respiro sulla libertà dell’uomo nell’universo (“L’universo è composto da astri, particelle e marionette!”).

Il dramma personale di Eleonora viene proiettato dalla scrittura di Antonella su sfondo astrale e riecheggia secoli di importanti riflessioni filosofiche, che riportano ai temi essenziali: della felicità, della libertà, del diritto alla diversità.

Buno Elpis

_________________________

Restate sintonizzati: nei prossimi giorni parleremo con l’autrice di questo romanzo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Martino

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Martino Antonella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

E' un libro, un semplice libro antico. Ma custodisce un segreto. Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297, da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo. Che è riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero. Che, nel corso del XVI secolo, ha illuminato la strada di un teologo, i sogni di un visionario e le parole di un genio. È un libro, un semplice libro antico. Ma sta per scatenare l'inferno. Perché quel libro dovrebbe trovarsi nella Biblioteca dei Morti, la sconfinata raccolta di volumi in cui è riportata la data di nascita e di morte di tutti gli uomini vissuti dall'VIII secolo in poi. E, dopo essere rimasto sepolto sotto la polvere della Storia per oltre settecento anni, adesso è riemerso ed è diventato un'ossessione per Will Piper, deciso a cancellare il dolore che la Biblioteca ha portato nella sua vita; per Henry Spence, che ha dedicato la sua esistenza alla soluzione dell'enigma e che ormai ha i giorni contati; per Malcolm Frazier, il capo della sicurezza della Biblioteca, determinato a uccidere pur d'impedire al mondo di conoscere la verità. Un'ossessione che inevitabilmente porta altro dolore, altri enigmi, altro sangue. È un libro, un semplice libro antico. Ma è il Libro delle Anime. E il suo segreto è il nostro destino.

IL LIBRO DELLE ANIME

Cooper Glenn

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Pubblicati originariamente su rivista tra il 1835 e il 1842, i sei racconti di Edgar Allan Poe che qui proponiamo, Berenice, Morella, Ligeia, Il crollo della casa Usher, Eleonora, Il ritratto ovale sono tra i piú noti capolavori del genere horror. Tutti incentrati su una esangue, inquietante figura femminile, in essi si riflette al meglio la sapienza stilistica di Poe, il cui "cattivo gusto" - come ha scritto Giorgio Manganelli - mescolato d'astrazione e stravaganza produce risultati "impossibili" assolutamente insuperabili.

Il crollo della casa Usher