Narrativa

Una donna

Aleramo Sibilla

Descrizione: Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880728

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una donna di Sibilla Aleramo viene spesso qualificata come l’opera più rappresentativa del femminismo italiano. In verità, più che essere il manifesto di una corrente di pensiero, Una donna è il diario analitico e particolareggiato di una presa di coscienza autonoma e personale, che conduce l’autrice ad anatomizzare la storia della propria infelicità alla luce dell’impulso alla ribellione contro i soprusi dell’altro sesso. 

L’infanzia è contrassegnata da figure genitoriali (“L’amore per mio padre mi dominava unico. Alla mamma volevo bene, ma per il babbo avevo un’adorazione illimitata”) che risulteranno determinanti per l’indole della scrittrice. Il trasferimento in una città di provincia sul mare accresce il disagio della madre (“Presente come non mai, e insieme assente, come dopo una suprema rinuncia”) che tenta il suicidio (“Che cosa poteva aver provocato quell’eccesso di disperazione”).
Dinnanzi a tanta debolezza, la giovane Sibilla si contrappone con fierezza (“Alcune vecchie facevano il segno della croce quando io passavo”), mentre la figura del padre muta i connotati (“Mio padre, l’esemplare raggiante, si trasformava d’un tratto in un oggetto d’orrore”).
Le nozze senza amore sono un ripiego (“Appartenevo ad un uomo, dunque?”) e un’altra occasione per sperimentare il tradimento maschile (“Leggevo un telegramma, firmato con un diminutivo femminile”). La vita sembra accanirsi contro Sibilla (“Un germe di vita nuova… m’aveva abbandonata”), contro sua mamma che viene ricoverata (“Non si poteva lasciar oltre la malata accanto ai fanciulli spauriti”): mentre la giovane donna pensa a come reagire (“Evadere dalla vita, smarrire la strada che conduce al porto della pazzia…”), la maternità (“Poi il palpito in me d’una nuova vita e l’attesa ineffabile”) con le sue conseguenze (“I nervi ne risentivano, sempre dolorosamente tesi”) e un’idea d’infedeltà (“Il pensiero di quell’uomo entrava ormai in tutte le occupazioni della mia giornata”) inoculano il primo germe della ribellione (“I miei vent’anni insorsero”) alla soggezione (“Ogni notte di me si faceva strazio”) in un rapporto fallimentare.
Un tentativo di suicidio (“Nella credenza v’era una boccetta di laudano, quasi piena”) chiude la prima parte del romanzo.

Nella seconda parte scattano la protesta personale (“Avevo dato l’addio alla vita… la donna che io ero stata fino a quella notte doveva morire”) e l’insurrezione culturale, che durante un  viaggio a Venezia e in Tirolo si manifesta in occasioni di lettura (“Trovai in un libro una causa di salvezza”) e scrittura (“E scrissi per un’ora, per due, non so”).
Ormai è tempo di maturazione ideologica (“Il giovane che mia sorella amava… Il socialismo penetrava mercé sua nel paese”), di consapevolezza (“La buona madre non deve essere, come la mia, una semplice creatura di sacrificio: deve essere una donna, una persona umana”), di riscatto (“Il mio pensiero s’era indugiato… su questa parola: emancipazione…”).
Il marito reagisce violentemente alle prime pubblicazioni della protagonista (“Buttò tutto sul fuoco”), che persegue il desiderio legittimo di affrancarsi a Roma (“Città di esaltamento e di pace!”) tramite frequentazioni (“Il profeta, come la direttrice di Muller sorridendo lo designava”) che provocano la sorda gelosia del marito (“La sua non era più gelosia: era un livore oscuro, era umiliazione, era mania d’imporsi, come per sfida, vedendo affermarsi la possibilità della mia indipendenza”) e la benevola istigazione di un amico (“Non tornare laggiù”).

Nella parte terza, a Milano, si compie il processo di autocoscienza (“Essere adoprata come una cosa di piacere”), che tuttavia non può esplicarsi pienamente per paura (“Per mio figlio, per non correre il rischio d’esser privata di mio figlio”), per motivi economici (“Mi pervenne il rifiuto dell’autorizzazione maritale per riscuotere l’eredità di mio zio”: ventimila lire, che  avrebbero regalato l’indipendenza economica) e istituzionali (“Questa era la legge”)…

Una donna è una storia molto triste, rimane un documento storico e una pietra miliare letteraria nel tortuoso e aspro percorso, che anche oggi sembra subire le tragiche battute d’arresto, le offese e le vergogne che variamente denominiamo: stalking, femminicidio, violenze…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sibilla

Aleramo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aleramo Sibilla


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente "in crescendo" sembra fermarsi in riverente pausa davanti alla sacralità del tempio mondiale della Lirica, il Teatro alla Scala, e alla quiete della casa di riposo Giuseppe Verdi, dove anziani musicisti vivono di musica e di ricordi. Ma quel mondo apparentemente rarefatto nasconde storie di invidie, sesso, denaro, potere e tradimenti: l'assassinio "quasi perfetto" del potente sovrintendente è come un terremoto che sconquassa la superficie patinata e porta alla luce quel sommerso di odio e intrighi. Il sovrintendente viene trovato di prima mattina dal suo segretario particolare nel suo studio, riverso sulla scrivania, privo di vita, senza una goccia di sangue. Ma i primi rilievi tolgono subito ogni dubbio: non si tratta di morte accidentale. La scottante indagine viene affidata alla giovane e determinata capitana dei carabinieri Doriana Messina. Single per sofferta scelta in nome dell'Arma, la capitana è amata e stimata dai suoi stretti collaboratori, ma deve invece destreggiarsi tra le invidie di colleghi che la vedono come ostacolo alla loro carriera, e le avance più o meno esplicite di uomini che non vogliono perdersi l'esperienza della donna in divisa, magari con il valore aggiunto di manette e pistola. A Doriana si affianca come consulente del PM la psicologa e amica Giorgia del Rio con cui ha collaborato nel corso di una precedente indagine. Grazie a lei e ai racconti della sua anziana amica musicista che vive a Casa Verdi, si scopre che in quei giorni...

Il delitto di via Filodrammatici

Bezzon Emiliano

IL CICLISTA IMPENITENTE – di Giancarlo Pauletto

È nel Sahara più profondo la soluzione all'enigma delle origini della civiltà egizia? È lì che bisogna andare per trovare le tracce delle conoscenze «soprannaturali» che gli egizi avevano in materia di astronomia e di astrologia? E quello che sostiene Robert Bauval che, sovvertendo le tesi dell’archeologia accademica, trova sorprendenti collegamenti fra gli antichi egizi e una popolazione nera che è vissuta nel Sahara migliaia di anni prima dell'ascesa dei faraoni e che ha edificato dei complessi megalitici misteriosi. La scoperta recente di località come Gilf Kebir, Uwainat e Nabta Playa dimostra, a differenza di quanto Hanno sempre ritenuto gli egittologi «ufficiali», che gli egizi si sono spinti a distanze «impossibili» e hanno intessuto relazioni con regni dell'Africa subsahariana di cui restano tracce nei geroglifici ritrovati nelle piramidi. Ma quale segreto condividevano queste popolazioni e quella egizia? Qual è il significato astronomico dei complessi megalitici e del posizionamento delle piramidi? Quale messaggio hanno voluto trasmettere ai posteri? Unendo storiografia, archeologia, linguistica, archeoastronomia e lo studio dell'allineamento dei grandi edifici egizi, Bauval scrive un capitolo affascinante e assolutamente inedito su una civiltà che ancora conserva molti misteri irrisolti.

Il mistero della genesi

Brophy Thomas

Esme ama ogni angolo di New York e soprattutto il suo posto speciale: The Owl, la piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon amasse passare pomeriggi d'inverno. Un luogo che può nascondere insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway. Tra quei vecchi e polverosi scaffali Esme si sente felice. Ed è lì che il destino decide di sorriderle. Sulla vetrina della libreria è appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. La più grande passione di Esme è la lettura, ma non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Eppure ad aiutarla ci sono i sui curiosi colleghi: George che crede ancora che le parole possano cambiare i mondo; Linda che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. E poi c'è Luke timido e taciturno che comunica con lei con la sua musica, con le note della sua chitarra. Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: il Mago di Oz può salvare una giornata storta, il Giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell scopre del bambino e vuole tornare con lei...

Lo strano caso dell’apprendista libraia

Meyler Deborah