Narrativa

Una donna

Aleramo Sibilla

Descrizione: Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880728

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una donna di Sibilla Aleramo viene spesso qualificata come l’opera più rappresentativa del femminismo italiano. In verità, più che essere il manifesto di una corrente di pensiero, Una donna è il diario analitico e particolareggiato di una presa di coscienza autonoma e personale, che conduce l’autrice ad anatomizzare la storia della propria infelicità alla luce dell’impulso alla ribellione contro i soprusi dell’altro sesso. 

L’infanzia è contrassegnata da figure genitoriali (“L’amore per mio padre mi dominava unico. Alla mamma volevo bene, ma per il babbo avevo un’adorazione illimitata”) che risulteranno determinanti per l’indole della scrittrice. Il trasferimento in una città di provincia sul mare accresce il disagio della madre (“Presente come non mai, e insieme assente, come dopo una suprema rinuncia”) che tenta il suicidio (“Che cosa poteva aver provocato quell’eccesso di disperazione”).
Dinnanzi a tanta debolezza, la giovane Sibilla si contrappone con fierezza (“Alcune vecchie facevano il segno della croce quando io passavo”), mentre la figura del padre muta i connotati (“Mio padre, l’esemplare raggiante, si trasformava d’un tratto in un oggetto d’orrore”).
Le nozze senza amore sono un ripiego (“Appartenevo ad un uomo, dunque?”) e un’altra occasione per sperimentare il tradimento maschile (“Leggevo un telegramma, firmato con un diminutivo femminile”). La vita sembra accanirsi contro Sibilla (“Un germe di vita nuova… m’aveva abbandonata”), contro sua mamma che viene ricoverata (“Non si poteva lasciar oltre la malata accanto ai fanciulli spauriti”): mentre la giovane donna pensa a come reagire (“Evadere dalla vita, smarrire la strada che conduce al porto della pazzia…”), la maternità (“Poi il palpito in me d’una nuova vita e l’attesa ineffabile”) con le sue conseguenze (“I nervi ne risentivano, sempre dolorosamente tesi”) e un’idea d’infedeltà (“Il pensiero di quell’uomo entrava ormai in tutte le occupazioni della mia giornata”) inoculano il primo germe della ribellione (“I miei vent’anni insorsero”) alla soggezione (“Ogni notte di me si faceva strazio”) in un rapporto fallimentare.
Un tentativo di suicidio (“Nella credenza v’era una boccetta di laudano, quasi piena”) chiude la prima parte del romanzo.

Nella seconda parte scattano la protesta personale (“Avevo dato l’addio alla vita… la donna che io ero stata fino a quella notte doveva morire”) e l’insurrezione culturale, che durante un  viaggio a Venezia e in Tirolo si manifesta in occasioni di lettura (“Trovai in un libro una causa di salvezza”) e scrittura (“E scrissi per un’ora, per due, non so”).
Ormai è tempo di maturazione ideologica (“Il giovane che mia sorella amava… Il socialismo penetrava mercé sua nel paese”), di consapevolezza (“La buona madre non deve essere, come la mia, una semplice creatura di sacrificio: deve essere una donna, una persona umana”), di riscatto (“Il mio pensiero s’era indugiato… su questa parola: emancipazione…”).
Il marito reagisce violentemente alle prime pubblicazioni della protagonista (“Buttò tutto sul fuoco”), che persegue il desiderio legittimo di affrancarsi a Roma (“Città di esaltamento e di pace!”) tramite frequentazioni (“Il profeta, come la direttrice di Muller sorridendo lo designava”) che provocano la sorda gelosia del marito (“La sua non era più gelosia: era un livore oscuro, era umiliazione, era mania d’imporsi, come per sfida, vedendo affermarsi la possibilità della mia indipendenza”) e la benevola istigazione di un amico (“Non tornare laggiù”).

Nella parte terza, a Milano, si compie il processo di autocoscienza (“Essere adoprata come una cosa di piacere”), che tuttavia non può esplicarsi pienamente per paura (“Per mio figlio, per non correre il rischio d’esser privata di mio figlio”), per motivi economici (“Mi pervenne il rifiuto dell’autorizzazione maritale per riscuotere l’eredità di mio zio”: ventimila lire, che  avrebbero regalato l’indipendenza economica) e istituzionali (“Questa era la legge”)…

Una donna è una storia molto triste, rimane un documento storico e una pietra miliare letteraria nel tortuoso e aspro percorso, che anche oggi sembra subire le tragiche battute d’arresto, le offese e le vergogne che variamente denominiamo: stalking, femminicidio, violenze…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sibilla

Aleramo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aleramo Sibilla


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

Lorenzo Milani nasce a Firenze nel 1923, in una famiglia colta e benestante. Ma molto presto inizia a lavorare dentro di lui un'inquietudine, una ribellione radicale per le diseguaglianze che vede intorno a sé, per i privilegi assurdi dei quali sente di godere e i compromessi morali che ogni vita borghese porta con sé. Così, mentre la guerra infuria, entra in seminario e, venticinquenne, viene ordinato prete. Da qui comincia il suo percorso di educatore e "incendiario" predicatore, culminata negli anni in cui a Barbiana darà vita alla sua scuola straordinaria e scriverà Esperienze pastorali condannato dal Sant'Uffizio - e Lettera a una professoressa, un testo fondamentale dal '68 a oggi. Eraldo Affinati, cerca tracce della vita di don Milani ripercorrendone i passi, i luoghi, incontrando chi lo conobbe. A queste pagine alterna capitoli in cui racconta di "altri don Milani" incontrati in tutto il mondo: figure di insegnanti e testimoni della possibilità di un'educazione fondata sull'esempio personale, su un rigore che si coniuga con una profonda empatia.

L’uomo del futuro

Affinati Eraldo

Proprio mentre i giornali annunciano che Joào Ubaldo Ribeiro sta scrivendo un libro sulla lussuria, lo scrittore riceve un manoscritto. Sono gli originali del testo che viene pubblicato e permettono al pubblico di conoscere la storia di un personaggio eccezionale in tutti i sensi: CLB, una donna di 68 anni di Rio de Janeiro che nella sua vita non si è mai tirata indietro quando si è trattato dei piaceri e delle infinite possibilità del sesso. Impudico e provocatore, Joào Ubaldo Ribeiro (1941), il grande maestro della letteratura brasiliana, il celebre autore tradotto in più di sedici paesi, ha dedicato un libro alla lussuria, provando che sotto l’Equatore il peccato non esiste.

LUSSURIA

Ribeiro João Ubaldo

Il cavaliere inesistente

Calvino Italo