Giallo - thriller - noir

Una giornata nera

Costa Aldo

Descrizione: Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Lucciole

Anno: 2020

ISBN: 9788829705146

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Una giornata nera è l’ultimo libro che Aldo Costa ha pubblicato prima di morire prematuramente all’età di 59 anni. Un libro che ho gustato, letto con impeto e interesse sin dalle prime pagine. Sull’onda di Friedrich Durrenmatt e Patricia Highsmith si dipana una vicenda che cattura immediatamente il lettore per l’atmosfera, soprattutto di attesa, snervante e al contempo ricca di malia, così ben descritta.

La storia è semplice: una coppia, mai chiamata per nome, ma sempre con un generico lei o lui, sta iniziando una breve vacanza in costiera. L’aria tra i due è pesante: “Il silenzio della donna soffia sulle braci di un senso di colpa, ma è un senso di colpa maschile quello con cui si misura, e non durerà a lungo. È una ferita aperta.

Ad un tratto, lungo una curva si nota una strana costruzione, che sembra quasi un’oasi in mezzo al deserto del nulla: “La costruzione spunta dopo una curva. Sembra davvero appoggiata sul nulla con metà edificio aggettante, mantenuto al suo posto da alcuni sostegni sottili e obliqui, di cui non si scorgono le fondazioni.”

I due decidono di fermarsi.  Appare l’oste, che immediatamente si rivela “asfissiante, inopportuno e intempestivo. L’oste è il personaggio più autentico da quando sono partiti.” Chiedono un caffè e lui tranquillamente porta loro ogni sorta di vivande. Perché si comporta così? Chi è veramente? E questo strano bar cosa cela in realtà? Ecco la partenza di quella che sarà una concatenazione di eventi che avranno un climax finale che stupisce e inorridisce.

Il libro è avvincente, scritto con una prosa che cattura, ricca di dialoghi serrati. Nella costruzione perfetta della storia nulla è come appare e si coglie un senso di attesa che pare non finire mai.  È il ritratto di “un giorno qualsiasi”, ad un ritmo che rivela un’innata sapienza narrativa dell’autore che colpisce dritto al cuore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Costa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Costa Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Etor è il personaggio nato dalla matita del disegnatore, writer e motion grapher Totore Nilo, e rappresenta il suo "alter ego", il Totore Nilo/bambino, raffigurato con casco e occhiali da aviatore e accompagnato dal suo immancabile aeroplano. Il casco è magico e consente di viaggiare nello spazio e nel tempo, per evadere dalla banalità, dal grigiore, dalle tante gabbie metaforiche e psicologiche che condizionano la vita dell'uomo. Età di lettura: da 7 anni.

Etor nel paese delle carabattole salvate

Pezzetta Cristiana

Rosso di Ilaria Spes in una video-poesia di Luigi Maria Corsanico

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO