Narrativa

UNA GOCCIA TRA DUE OCEANI

Corrà Marcello

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Sangel

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897040392

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Nel sottotitolo dell’opera, l’autore, lo scultore Marcello Corrà, afferma chiaramente la propria intenzione: un viaggio per l’anima, dove spazio e tempo si rincorrono sul profilo di una goccia d’acqua.

La goccia è quella che si può disegnare su una carta geografica qualsiasi congiungendo Malpensa con Dubai, l’isola di Maurizio, il Madagascar, il Sud Africa, le isole di Sant’Elena e Ascensione e di nuovo Milano. Una goccia tra i due oceani, appunto, Atlantico e Indiano, che Corrà percorre in un mese e mezzo e che descrive in un minuzioso, quotidiano, dettagliato diario di viaggio.

Una precisazione: dimenticate Chatwin o Terzani, non pensate nemmeno a Into the wild. Il viaggio che intraprende e che ci descrive Corrà è quello che potrebbe fare ciascuno di noi, così come le avventure e disavventure che capitano nel lungo tragitto. Per sua esplicita dichiarazione, nulla che abbia a che fare col vagabonding, anzi qualcosa di organizzato già in partenza. L’impressione è che il viaggio di Corrà sia fatto a tanti “oggi”, forse per aprire una serie di parentesi intime e personali tra uno ieri e un domani. Forse, ripeto. Chi può dirlo? Anche il motivo del viaggio è intimo e personale (il viaggio è fatto “per” l’anima, non “nell’anima” o “dell’anima). Improvvisamente, però, mentre racconta i suoi spostamenti, Corrà torna a rivolgersi a una “Piccola”, cui dedica l’opera in una sorta di proemio, che è chiaramente lontana. Lontana nello spazio (dall’Africa alla Russia… un mondo da percorrere) e anche nei sentimenti (anche qui, un mondo da percorrere). Un viaggio normale, un diario normale, una meta particolare.

L’idea iniziale è raggiungere Sant’Elena, ma il tragitto, poi, porterà proprio Sant’Elena a essere la meta meno visitata. Perché le cose non vanno sempre come si vuole, sembra dirci Corrà. C’è una sorta di ritualità quasi catartica in questo viaggio. Tanti oggi messi in fila per creare un futuro e per esorcizzare un passato che, volenti o nolenti, non tornerà. La presa di coscienza dell’autore è chiara, in questo senso. E anche noi lettori ce ne avvediamo assieme a lui, in mezzo a descrizioni sempre ridotte all’essenziale e a una serie di gesti e momenti quotidiani in cui, invece, ci riconosciamo facilmente.

Quante volte siamo tornati con le tasche piene di sassi raccolti nei nostri viaggi? Il nostro modo per portarci via qualcosa da dove siamo stati, per ripercorrere la parte finale della “goccia” con qualcosa in più che certamente pesa ma che si può riguardare in ogni istante. Corrà no, non lo farà. Lui i suoi sassi li regalerà. A chi? Perché? A voi la scoperta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcello

Corrà

Libri dallo stesso autore

Intervista a Corrà Marcello


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Torna finalmente disponibile “Il male naturale” di Giulio Mozzi. un libro di racconti bello e intenso, scritto da quello che è oggi in Italia il maestro riconosciuto della forma breve. Pubblicato originariamente nel 1998, “Il male Naturale” è straordinario per lo sguardo che contiene: uno sguardo attentissimo alle cose che crediamo di conoscere (l'amore, l'amicizia, il dolore dell'abbandono, la speranza negli eventi che verranno) e che, messe in pagina da Mozzi, ci sembra di capire per la prima volta. In ogni momento siamo lì, con i suoi personaggi, e attraverso le loro vite sentiamo che la nostra si fa più ricca di esperienza e di sentimento. I temi a volte sgradevoli - la pedofilia, la morte in giovane età, l'alcolismo e altri ancora - portarono il libro a un fraintendimento e a una interpellanza parlamentare promossa da un deputato che lo giudicò “a carattere pornografico". La conseguenza fu che la Mondadori privò del suo sostegno il volume, facendolo sparire dalle librerie e privando i lettori della possibilità di leggere un libro che è, semplicemente, molto bello. Per questo Laurana Editore ritiene che sia un atto di civiltà ripubblicarlo: per restituirlo ai suoi destinatari, cui in questi lunghi anni non è potuto giungere. Questa nuova edizione è corredata da due testi scritti appositamente: uno dello stesso Mozzi, che racconta cosa accadde nel 1998, e uno scritto di Demetrio Paolin, che delinea l'importanza di Mozzi come scrittore-maestro per la generazione successiva.

Il male naturale

Mozzi Giulio

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

E’ questione di pelle

Gabriella Franceschini

Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

SENZA LUCE

Bernardi Luigi