Narrativa

UNA GOCCIA TRA DUE OCEANI

Corrà Marcello

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Sangel

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897040392

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Nel sottotitolo dell’opera, l’autore, lo scultore Marcello Corrà, afferma chiaramente la propria intenzione: un viaggio per l’anima, dove spazio e tempo si rincorrono sul profilo di una goccia d’acqua.

La goccia è quella che si può disegnare su una carta geografica qualsiasi congiungendo Malpensa con Dubai, l’isola di Maurizio, il Madagascar, il Sud Africa, le isole di Sant’Elena e Ascensione e di nuovo Milano. Una goccia tra i due oceani, appunto, Atlantico e Indiano, che Corrà percorre in un mese e mezzo e che descrive in un minuzioso, quotidiano, dettagliato diario di viaggio.

Una precisazione: dimenticate Chatwin o Terzani, non pensate nemmeno a Into the wild. Il viaggio che intraprende e che ci descrive Corrà è quello che potrebbe fare ciascuno di noi, così come le avventure e disavventure che capitano nel lungo tragitto. Per sua esplicita dichiarazione, nulla che abbia a che fare col vagabonding, anzi qualcosa di organizzato già in partenza. L’impressione è che il viaggio di Corrà sia fatto a tanti “oggi”, forse per aprire una serie di parentesi intime e personali tra uno ieri e un domani. Forse, ripeto. Chi può dirlo? Anche il motivo del viaggio è intimo e personale (il viaggio è fatto “per” l’anima, non “nell’anima” o “dell’anima). Improvvisamente, però, mentre racconta i suoi spostamenti, Corrà torna a rivolgersi a una “Piccola”, cui dedica l’opera in una sorta di proemio, che è chiaramente lontana. Lontana nello spazio (dall’Africa alla Russia… un mondo da percorrere) e anche nei sentimenti (anche qui, un mondo da percorrere). Un viaggio normale, un diario normale, una meta particolare.

L’idea iniziale è raggiungere Sant’Elena, ma il tragitto, poi, porterà proprio Sant’Elena a essere la meta meno visitata. Perché le cose non vanno sempre come si vuole, sembra dirci Corrà. C’è una sorta di ritualità quasi catartica in questo viaggio. Tanti oggi messi in fila per creare un futuro e per esorcizzare un passato che, volenti o nolenti, non tornerà. La presa di coscienza dell’autore è chiara, in questo senso. E anche noi lettori ce ne avvediamo assieme a lui, in mezzo a descrizioni sempre ridotte all’essenziale e a una serie di gesti e momenti quotidiani in cui, invece, ci riconosciamo facilmente.

Quante volte siamo tornati con le tasche piene di sassi raccolti nei nostri viaggi? Il nostro modo per portarci via qualcosa da dove siamo stati, per ripercorrere la parte finale della “goccia” con qualcosa in più che certamente pesa ma che si può riguardare in ogni istante. Corrà no, non lo farà. Lui i suoi sassi li regalerà. A chi? Perché? A voi la scoperta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcello

Corrà

Libri dallo stesso autore

Intervista a Corrà Marcello

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

Sicilia, 1743. Il loro legame viene da lontano, e ha radici profonde. È nato quando, ancora bambine, Agata e Annuzza hanno imparato l'arte tutta femminile del ricamo sotto lo sguardo severo di suor Mendola; è cresciuto nutrendosi delle avventure del Cid e Ximena, lette insieme in giardino, ad alta voce, in bocca il sapore dolce di una gremolata alla fragola; ha resistito alle capriole del destino, che hanno fatto di Agata la sposa di Girolamo e di Annuzza una giovane donna ancora libera dalle soggezioni e dalle gioie del matrimonio. Ora, mentre un'epidemia di peste sta decimando la popolazione di Messina, le due amiche coltivano a distanza il loro rapporto in punta di penna, perché la paura del contagio le ha allontanate dalla città ma non ha spento la voglia di far parte l'una della vita dell'altra. E anche se è lo stesso uomo ad accendere i loro desideri, e il cuore scalpita per imporre le proprie ragioni, Agata e Annuzza sapranno difendere dalla gelosia e dalle convenzioni del mondo la loro amicizia, che racconta meglio di qualunque altro sentimento le donne che hanno scelto di essere.

Trio

Maraini Dacia

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan