Classici

Una peccatrice

Verga Giovanni

Descrizione: Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Categoria: Classici

Editore: La Fenice

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788888596037

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un testo secondario rispetto ai romanzi veristi che seguiranno, ma già forte dell’impersonalità e dell’approccio oggettivo alla realtà che sarà proprio de I Malavoglia e del Mastro Don Gesualdo.

La vicenda ricostruita grazie al contributo di uno dei personaggi a cui i protagonisti di questa storia  hanno confidato i loro turbamenti e passioni, è centrale. La storia si narra da sé ed il lettore ne è lo spettatore inerme: il giovane Pietro Brusio e la contessa Narcisa Valderi, moglie del Conte di Prato, sono gli artefici e al contempo le vittime del loro destino d’amore.

Si tratta di due giovani alle prese con un sentimento confuso e mutevole, vinti dalla passione lacerante dell’amore romantico ed ideale che toglie il sonno e, spesso, il senno.

Pietro Brusio trascorre le sue notti  ad ammirare delirante la sua irraggiungibile amata sotto i veroni della casa di lei, fino a struggersi e distruggersi per il sentimento non corrisposto. Il giovane troverà tuttavia proprio nell’amata la forza e l’ispirazione  creativa che lo condurranno verso la rinascita e il successo: la scrittura della sofferta opera teatrale “Gilberto” gli porterà fortuna oltre all’ammirazione del mondo aristocratico da cui, fino a quel momento, era rimasto escluso. Quello stesso mondo in cui ritroverà l’amata Narcisa la quale, dopo aver a stento riconosciuto nell’artista il folle che trascorreva le notti insonni sotto la sua finestra, si innamorerà di lui e abbandonerà il marito. “Quest’uomo io l’amo…poiché la sua celebrità è opera mia!…opera di cui posso andare superba!…Partite per la guerra, signore, a farvi uccidere per me o a ritornare generale d’armata, e allora…ma allora soltanto…forse…io vi amerò come sento che amo in questo momento quell’uomo!”.

Il tripudio della passione che ne seguirà si concluderà in pochi mesi di delirante poesia, per lasciare a Narcisa le sole ceneri dell’amore di Pietro. Il lento ma progressivo allontanamento del giovane sarà per la donna l’inizio della distruzione e la sua inevitabile fine, a cui seguirà per Pietro il fallimento dei propri sogni di gloria e il ritorno alla mediocrità di una vita a cui aveva cercato invano di fuggire.

Quello che io piango, Narcisa, è l’amore che ho provato e non posso più trovare…[…] Io avrei paura, rimanendoti più a lungo vicino, che la stanchezza dell’animo non vincesse anche il desiderio ineffabile che ho di questo amore“.

Il Verga di queste pagine è per me un ritorno al passato, ai giorni della scuola in cui I Malavoglia, le novelle e il verismo erano oggetto di studio, mentre meno spazio era dato alla produzione giovanile dello scrittore catanese dall’animo ancora tardoromantico.

Una peccatrice, romanzo del periodo fiorentino che precede, per composizione, quelli veristi, ci regala tuttavia una scrittura già matura e consapevole e in essa è già presente il germe della moderna mitologia dei “vinti”.

Nello sviluppo stesso della storia d’amore, sofferta sin dalle prime pagine, è evidente al lettore il suo tragico destino: la passione bruciante e accecante di Pietro per Narcisa non potrà che portare alla fine impietosa dei suoi protagonisti.

Nessun lieto fine quindi, ma non poteva essere diversamente. La bellezza del romanzo non sta nello scontato e banale coronamento del sogno, ma nel convulso e pieno scorrere dei sentimenti che si alternano e si inseguono in un gioco esasperato e disperato di grande fascino e incanto.

Cosa c’è di più reale di una passione che si spegne, di un amore che finisce, di un’illusione che si arena? E’ proprio la fedeltà al reale a rendere questa storia moderna più di tanta letteratura d’evasione amorosa dei nostri giorni. Certo altri tempi e altro sentire, ma l’innegabile intensità di queste pagine sono un esempio di bravura e di alta letteratura di cui si è perso purtroppo il ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Verga

Libri dallo stesso autore

Intervista a Verga Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio

Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Bianca come il latte rossa come il sangue

D'Avenia Alessandro

Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo