Classici

Una peccatrice

Verga Giovanni

Descrizione: Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Categoria: Classici

Editore: La Fenice

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788888596037

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un testo secondario rispetto ai romanzi veristi che seguiranno, ma già forte dell’impersonalità e dell’approccio oggettivo alla realtà che sarà proprio de I Malavoglia e del Mastro Don Gesualdo.

La vicenda ricostruita grazie al contributo di uno dei personaggi a cui i protagonisti di questa storia  hanno confidato i loro turbamenti e passioni, è centrale. La storia si narra da sé ed il lettore ne è lo spettatore inerme: il giovane Pietro Brusio e la contessa Narcisa Valderi, moglie del Conte di Prato, sono gli artefici e al contempo le vittime del loro destino d’amore.

Si tratta di due giovani alle prese con un sentimento confuso e mutevole, vinti dalla passione lacerante dell’amore romantico ed ideale che toglie il sonno e, spesso, il senno.

Pietro Brusio trascorre le sue notti  ad ammirare delirante la sua irraggiungibile amata sotto i veroni della casa di lei, fino a struggersi e distruggersi per il sentimento non corrisposto. Il giovane troverà tuttavia proprio nell’amata la forza e l’ispirazione  creativa che lo condurranno verso la rinascita e il successo: la scrittura della sofferta opera teatrale “Gilberto” gli porterà fortuna oltre all’ammirazione del mondo aristocratico da cui, fino a quel momento, era rimasto escluso. Quello stesso mondo in cui ritroverà l’amata Narcisa la quale, dopo aver a stento riconosciuto nell’artista il folle che trascorreva le notti insonni sotto la sua finestra, si innamorerà di lui e abbandonerà il marito. “Quest’uomo io l’amo…poiché la sua celebrità è opera mia!…opera di cui posso andare superba!…Partite per la guerra, signore, a farvi uccidere per me o a ritornare generale d’armata, e allora…ma allora soltanto…forse…io vi amerò come sento che amo in questo momento quell’uomo!”.

Il tripudio della passione che ne seguirà si concluderà in pochi mesi di delirante poesia, per lasciare a Narcisa le sole ceneri dell’amore di Pietro. Il lento ma progressivo allontanamento del giovane sarà per la donna l’inizio della distruzione e la sua inevitabile fine, a cui seguirà per Pietro il fallimento dei propri sogni di gloria e il ritorno alla mediocrità di una vita a cui aveva cercato invano di fuggire.

Quello che io piango, Narcisa, è l’amore che ho provato e non posso più trovare…[…] Io avrei paura, rimanendoti più a lungo vicino, che la stanchezza dell’animo non vincesse anche il desiderio ineffabile che ho di questo amore“.

Il Verga di queste pagine è per me un ritorno al passato, ai giorni della scuola in cui I Malavoglia, le novelle e il verismo erano oggetto di studio, mentre meno spazio era dato alla produzione giovanile dello scrittore catanese dall’animo ancora tardoromantico.

Una peccatrice, romanzo del periodo fiorentino che precede, per composizione, quelli veristi, ci regala tuttavia una scrittura già matura e consapevole e in essa è già presente il germe della moderna mitologia dei “vinti”.

Nello sviluppo stesso della storia d’amore, sofferta sin dalle prime pagine, è evidente al lettore il suo tragico destino: la passione bruciante e accecante di Pietro per Narcisa non potrà che portare alla fine impietosa dei suoi protagonisti.

Nessun lieto fine quindi, ma non poteva essere diversamente. La bellezza del romanzo non sta nello scontato e banale coronamento del sogno, ma nel convulso e pieno scorrere dei sentimenti che si alternano e si inseguono in un gioco esasperato e disperato di grande fascino e incanto.

Cosa c’è di più reale di una passione che si spegne, di un amore che finisce, di un’illusione che si arena? E’ proprio la fedeltà al reale a rendere questa storia moderna più di tanta letteratura d’evasione amorosa dei nostri giorni. Certo altri tempi e altro sentire, ma l’innegabile intensità di queste pagine sono un esempio di bravura e di alta letteratura di cui si è perso purtroppo il ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Verga

Libri dallo stesso autore

Intervista a Verga Giovanni

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

RISVEGLIO

Rice Anna

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

Amélie torna in Giappone ma abbandona i tragicomici panni di impiegata nella multinazionale Yumimoto, vicenda narrata in Stupore e Tremori, e si concentra sulle peripezie sentimentali di quel periodo. Rinri è il suo fidanzato giapponese, bello e ricco, li lega un amore bizzarro ma non privo di poesia, raccontato con il solito umorismo, affondando lo sguardo chirurgico che le è proprio nell'incandescente universo dell'amore. Ma l'emozione più grande e la relazione più forte è ancora una volta quella che lega l'autrice al paese in cui è nata, e dove ha trascorso gli anni mitici dell'infanzia.

Né di Eva né di Adamo

Nothomb Amélie