Classici

Una peccatrice

Verga Giovanni

Descrizione: Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Categoria: Classici

Editore: La Fenice

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788888596037

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un testo secondario rispetto ai romanzi veristi che seguiranno, ma già forte dell’impersonalità e dell’approccio oggettivo alla realtà che sarà proprio de I Malavoglia e del Mastro Don Gesualdo.

La vicenda ricostruita grazie al contributo di uno dei personaggi a cui i protagonisti di questa storia  hanno confidato i loro turbamenti e passioni, è centrale. La storia si narra da sé ed il lettore ne è lo spettatore inerme: il giovane Pietro Brusio e la contessa Narcisa Valderi, moglie del Conte di Prato, sono gli artefici e al contempo le vittime del loro destino d’amore.

Si tratta di due giovani alle prese con un sentimento confuso e mutevole, vinti dalla passione lacerante dell’amore romantico ed ideale che toglie il sonno e, spesso, il senno.

Pietro Brusio trascorre le sue notti  ad ammirare delirante la sua irraggiungibile amata sotto i veroni della casa di lei, fino a struggersi e distruggersi per il sentimento non corrisposto. Il giovane troverà tuttavia proprio nell’amata la forza e l’ispirazione  creativa che lo condurranno verso la rinascita e il successo: la scrittura della sofferta opera teatrale “Gilberto” gli porterà fortuna oltre all’ammirazione del mondo aristocratico da cui, fino a quel momento, era rimasto escluso. Quello stesso mondo in cui ritroverà l’amata Narcisa la quale, dopo aver a stento riconosciuto nell’artista il folle che trascorreva le notti insonni sotto la sua finestra, si innamorerà di lui e abbandonerà il marito. “Quest’uomo io l’amo…poiché la sua celebrità è opera mia!…opera di cui posso andare superba!…Partite per la guerra, signore, a farvi uccidere per me o a ritornare generale d’armata, e allora…ma allora soltanto…forse…io vi amerò come sento che amo in questo momento quell’uomo!”.

Il tripudio della passione che ne seguirà si concluderà in pochi mesi di delirante poesia, per lasciare a Narcisa le sole ceneri dell’amore di Pietro. Il lento ma progressivo allontanamento del giovane sarà per la donna l’inizio della distruzione e la sua inevitabile fine, a cui seguirà per Pietro il fallimento dei propri sogni di gloria e il ritorno alla mediocrità di una vita a cui aveva cercato invano di fuggire.

Quello che io piango, Narcisa, è l’amore che ho provato e non posso più trovare…[…] Io avrei paura, rimanendoti più a lungo vicino, che la stanchezza dell’animo non vincesse anche il desiderio ineffabile che ho di questo amore“.

Il Verga di queste pagine è per me un ritorno al passato, ai giorni della scuola in cui I Malavoglia, le novelle e il verismo erano oggetto di studio, mentre meno spazio era dato alla produzione giovanile dello scrittore catanese dall’animo ancora tardoromantico.

Una peccatrice, romanzo del periodo fiorentino che precede, per composizione, quelli veristi, ci regala tuttavia una scrittura già matura e consapevole e in essa è già presente il germe della moderna mitologia dei “vinti”.

Nello sviluppo stesso della storia d’amore, sofferta sin dalle prime pagine, è evidente al lettore il suo tragico destino: la passione bruciante e accecante di Pietro per Narcisa non potrà che portare alla fine impietosa dei suoi protagonisti.

Nessun lieto fine quindi, ma non poteva essere diversamente. La bellezza del romanzo non sta nello scontato e banale coronamento del sogno, ma nel convulso e pieno scorrere dei sentimenti che si alternano e si inseguono in un gioco esasperato e disperato di grande fascino e incanto.

Cosa c’è di più reale di una passione che si spegne, di un amore che finisce, di un’illusione che si arena? E’ proprio la fedeltà al reale a rendere questa storia moderna più di tanta letteratura d’evasione amorosa dei nostri giorni. Certo altri tempi e altro sentire, ma l’innegabile intensità di queste pagine sono un esempio di bravura e di alta letteratura di cui si è perso purtroppo il ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Verga

Libri dallo stesso autore

Intervista a Verga Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania

Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat