Classici

Una peccatrice

Verga Giovanni

Descrizione: Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Categoria: Classici

Editore: La Fenice

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788888596037

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un testo secondario rispetto ai romanzi veristi che seguiranno, ma già forte dell’impersonalità e dell’approccio oggettivo alla realtà che sarà proprio de I Malavoglia e del Mastro Don Gesualdo.

La vicenda ricostruita grazie al contributo di uno dei personaggi a cui i protagonisti di questa storia  hanno confidato i loro turbamenti e passioni, è centrale. La storia si narra da sé ed il lettore ne è lo spettatore inerme: il giovane Pietro Brusio e la contessa Narcisa Valderi, moglie del Conte di Prato, sono gli artefici e al contempo le vittime del loro destino d’amore.

Si tratta di due giovani alle prese con un sentimento confuso e mutevole, vinti dalla passione lacerante dell’amore romantico ed ideale che toglie il sonno e, spesso, il senno.

Pietro Brusio trascorre le sue notti  ad ammirare delirante la sua irraggiungibile amata sotto i veroni della casa di lei, fino a struggersi e distruggersi per il sentimento non corrisposto. Il giovane troverà tuttavia proprio nell’amata la forza e l’ispirazione  creativa che lo condurranno verso la rinascita e il successo: la scrittura della sofferta opera teatrale “Gilberto” gli porterà fortuna oltre all’ammirazione del mondo aristocratico da cui, fino a quel momento, era rimasto escluso. Quello stesso mondo in cui ritroverà l’amata Narcisa la quale, dopo aver a stento riconosciuto nell’artista il folle che trascorreva le notti insonni sotto la sua finestra, si innamorerà di lui e abbandonerà il marito. “Quest’uomo io l’amo…poiché la sua celebrità è opera mia!…opera di cui posso andare superba!…Partite per la guerra, signore, a farvi uccidere per me o a ritornare generale d’armata, e allora…ma allora soltanto…forse…io vi amerò come sento che amo in questo momento quell’uomo!”.

Il tripudio della passione che ne seguirà si concluderà in pochi mesi di delirante poesia, per lasciare a Narcisa le sole ceneri dell’amore di Pietro. Il lento ma progressivo allontanamento del giovane sarà per la donna l’inizio della distruzione e la sua inevitabile fine, a cui seguirà per Pietro il fallimento dei propri sogni di gloria e il ritorno alla mediocrità di una vita a cui aveva cercato invano di fuggire.

Quello che io piango, Narcisa, è l’amore che ho provato e non posso più trovare…[…] Io avrei paura, rimanendoti più a lungo vicino, che la stanchezza dell’animo non vincesse anche il desiderio ineffabile che ho di questo amore“.

Il Verga di queste pagine è per me un ritorno al passato, ai giorni della scuola in cui I Malavoglia, le novelle e il verismo erano oggetto di studio, mentre meno spazio era dato alla produzione giovanile dello scrittore catanese dall’animo ancora tardoromantico.

Una peccatrice, romanzo del periodo fiorentino che precede, per composizione, quelli veristi, ci regala tuttavia una scrittura già matura e consapevole e in essa è già presente il germe della moderna mitologia dei “vinti”.

Nello sviluppo stesso della storia d’amore, sofferta sin dalle prime pagine, è evidente al lettore il suo tragico destino: la passione bruciante e accecante di Pietro per Narcisa non potrà che portare alla fine impietosa dei suoi protagonisti.

Nessun lieto fine quindi, ma non poteva essere diversamente. La bellezza del romanzo non sta nello scontato e banale coronamento del sogno, ma nel convulso e pieno scorrere dei sentimenti che si alternano e si inseguono in un gioco esasperato e disperato di grande fascino e incanto.

Cosa c’è di più reale di una passione che si spegne, di un amore che finisce, di un’illusione che si arena? E’ proprio la fedeltà al reale a rendere questa storia moderna più di tanta letteratura d’evasione amorosa dei nostri giorni. Certo altri tempi e altro sentire, ma l’innegabile intensità di queste pagine sono un esempio di bravura e di alta letteratura di cui si è perso purtroppo il ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Verga

Libri dallo stesso autore

Intervista a Verga Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il diario del ritorno sul palco di un giovane musicista dopo un periodo di lontananza dai riflettori. Un diario sincero e fragile, scandito a ritmo di musica, di poche settimane destinate a segnare l'esistenza del protagonista. Poche settimane vissute fra la quotidianità di un lavoro qualunque, le serate in sala prove o in tour con i compagni di una vita e la ricerca di una stabilità emotiva. Costantemente in bilico fra le inquietudini di un passato in eterno ritorno e l'esigenza di un nuovo equilibrio e nuovi lampi di serenità. Un romanzo crudo e diretto, figlio del caos di questi anni senza identità.

SUONANDO PEZZI DI VETRO

Bonfanti Roberto

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio

Ventiquattro interventi scientifici su Moravia e Pasolini

Moravia, Pasolini e il conformismo

Favaro Angelo e AA.VV.