Una più uno

Moyes Jojo

Descrizione: Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus stranieri

Anno: 2015

ISBN: 9788804647188

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

In “Una più uno” di Jojo Moyes, Jess è una madre single, ha due lavori che non molla mai, cerca sempre di far in modo che per i suoi figli le cose vadano bene e che non sentano il peso di tutte le difficoltà in cui vivono. Ed è un ‘genio informatico’ che per un clamoroso errore di giudizio si ritrova a doversi nascondere per un po’, rifuggendo la sua vecchia benestante vita a Londra. Tanzie, figlia di Jess, è una bambina speciale, brillante con i numeri, che fatica a inserirsi nella società. Nicky, figliastro di Jess (che ha deciso di prendersi cura di lui nonostante la separazione dal marito), è un teenager alle prese con tutti i problemi dell’età, sommati al carico emotivo del non essere stato voluto dai propri genitori.

Queste quattro persone, per una serie di eventi che, come dico sempre, non vi racconto perché il libro va letto, si ritrovano a passare un bel po’ di tempo insieme, diretti verso una città della Scozia, dove Tanzie deve partecipare alle Olimpiadi di matematica (unica speranza per lei di entrare in una scuola adatta alle sue capacità).
Nonostante la diffidenza di Jess, lo snobismo di Ed, il mal d’auto di Tanzie e un cane puzzolente, l’avventura trasforma queste persone in una famiglia, in una tribù. Inconsapevolmente. E in tutte le famiglie, di sangue o meno, siamo sempre uno più uno, no? Si accettano i difetti, si diventa materasso per attutire la caduta di un altro, ci si aiuta. Si dorme in macchina se si deve, si aiuta un ragazzino a vendicarsi dei bulli che lo tormentano, anche se è illegale, si corre come i pazzi in una città sconosciuta alla ricerca di un paio di occhiali nuovi per permettere a una ragazzina, che sostanzialmente è un’estranea, di realizzare il proprio sogno. Si accetta l’orgoglio dell’altro, si condividono le umiliazioni. E si scoprono i tradimenti. Per poi capire che ci sono tradimenti e tradimenti. E quindi – perché famiglia è famiglia, e amore è amore – si perdonano.

Ho avuto la fortuna di leggere questo libro in lingua originale – The One Plus One - e l’ho letto tutto d’un fiato, sperando che la traduzione italiana, uscita il 2 gennaio con il titolo “Una più uno”, abbia rispettato lo stile della Moyes, che avevo apprezzato già in “Io prima di te”. La Moyes ha la straordinaria capacità di farti desiderare, già dopo pochissime pagine, di entrare nel suo libro e di vivere con i suoi personaggi, abbracciarli forte e sostenerli in tutti gli alti e i bassi che vivono tra le pagine. È una scrittrice che scrive di empatie creando empatia. Sembra leggera, superficiale, ma poi ti va dritta nel cuore e ti commuove.

Una più uno è un libro per chi ama le storie che hanno dell’incredibile, ma che poi sono spudoratamente vere, le storie d’amore non ovvie, i lieto fine non scontati e i personaggi che ti fanno sinceramente ridere. È un libro di una tenerezza sconcertante, delicato e allo stesso tempo divertente. Ci parla dell’importanza di fare parte di una tribù, di essere amati e di amare, perché da soli non abbiamo nessun senso.

 Qui il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Una più uno (The One Plus One) - Jojo Moyes - righevaghe

[…] Continua qui! […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jojo

Moyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moyes Jojo

Londra, fine Ottocento: la giovane Mina Murray convive segretamente dall'infanzia con un dono inquietante, la capacità di leggere i pensieri e di vedere presenze invisibili agli altri. Quando il suo fidanzato Jonathan si allontana per lavoro, chiamato da un misterioso Conte, Mina raggiunge la sua amica Lucy nello Yorkshire: qui, tra leggende sugli spiriti locali e macabre avventure notturne, scopre la sessualità disordinata dell'amica, fidanzata con un Lord ma amante di un focoso pittore americano. Poco dopo il matrimonio con il Lord, Lucy viene a mancare: al funerale Mina conosce il dottor Seward, direttore dell'ospedale psichiatrico in cui Lucy è morta. Da alcune lettere, Mina scopre che Lucy era stata ricoverata a forza dal marito e sottoposta da Seward a torture spaventose per curarla, e decide di indagare. Nel manicomio sono ricoverate donne “isteriche”, curate con vere e proprie torture, spesso a sfondo sessuale. Mina viene imprigionata da Seward e sottoposta alle stesse torture che hanno ucciso Lucy, ma viene liberata da una belva misteriosa e si risveglia in casa del Conte. Qui troverà la spiegazione alle sue facoltà sovrannaturali, mentre il Conte che veglia su di lei la preparerà allo scontro finale tra il bene e il male, suggellato da un vampiresco patto di sangue.

DRACULA IN LOVE

Essex Karen

Tutto ruota attorno a una latteria, che la giovane Belinda vuole aprire nel centro di un delizioso paesino medievale. Certo, il paesino più che delizioso sembra sonnolento, a causa di una giunta comunale poco attiva; certo, nel negozio che Belinda sta ristrutturando si dice aleggi la presenza di un fantasma. Ma la ragazza vuol cambiar vita a tutti i costi, per superare il divorzio dei suoi, per riprendersi da una delusione amorosa, per rompere con tanti legami. La circonda una folla di personaggi divertenti e scombinati, sinceri e misteriosi... come la vita.

BORGO PROPIZIO

Limone Loredana

"Pride and Prejudice" è certamente l'opera più popolare e più famosa di Jane Austen, un vero e proprio "long-seller". Attraverso la storia delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, lo sguardo acuto della scrittrice, sorretto da un'ironia tanto più spietata quanto più sottile, annota e analizza fatti, incidenti, parole di un microcosmo popolato da personaggi che avranno molto da insegnare a Dickens e Thackeray.

Orgoglio e pregiudizio

Austen Jane

Arturo Bandini, immigrato, attaccabrighe, ribelle, megalomane, sprezzante, sempre in lite con tutti, è in cerca della donna giusta. "La strada per Los Angeles" è il primo capolavoro di Fante. Arturo Bandini è alle prese per la prima volta con quelli che poi i lettori si abitueranno a riconoscere come i suoi eterni problemi: essere amato dalle donne e diventare un grande scrittore. Ma una cosa è la realtà, un'altra i sogni, e il romanzo, nonostante il tono spassoso, è anche un bruciante documento autobiografico, il resoconto di una difficilissima gavetta artistica e sentimentale. Poco piú che adolescente, è costretto, per sopravvivere, a lavori umilianti e faticosi, Arturo è armato solo della forza dei suoi desideri. Rifiutato dagli editori per i contenuti sessuali che, a metà degli anni Trenta, rendevano rischiosa la pubblicazione, il romanzo rimase sepolto in un cassetto fin dopo la morte di Fante, e venne pubblicato solo nel 1985. Oggi "La strada per Los Angeles" è considerato, dai lettori e dai critici, uno dei vertici dell'arte comica di John Fante, e un tassello indispensabile della saga di Bandini.

La strada per Los Angeles

Fante John