Una più uno

Moyes Jojo

Descrizione: Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus stranieri

Anno: 2015

ISBN: 9788804647188

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

In “Una più uno” di Jojo Moyes, Jess è una madre single, ha due lavori che non molla mai, cerca sempre di far in modo che per i suoi figli le cose vadano bene e che non sentano il peso di tutte le difficoltà in cui vivono. Ed è un ‘genio informatico’ che per un clamoroso errore di giudizio si ritrova a doversi nascondere per un po’, rifuggendo la sua vecchia benestante vita a Londra. Tanzie, figlia di Jess, è una bambina speciale, brillante con i numeri, che fatica a inserirsi nella società. Nicky, figliastro di Jess (che ha deciso di prendersi cura di lui nonostante la separazione dal marito), è un teenager alle prese con tutti i problemi dell’età, sommati al carico emotivo del non essere stato voluto dai propri genitori.

Queste quattro persone, per una serie di eventi che, come dico sempre, non vi racconto perché il libro va letto, si ritrovano a passare un bel po’ di tempo insieme, diretti verso una città della Scozia, dove Tanzie deve partecipare alle Olimpiadi di matematica (unica speranza per lei di entrare in una scuola adatta alle sue capacità).
Nonostante la diffidenza di Jess, lo snobismo di Ed, il mal d’auto di Tanzie e un cane puzzolente, l’avventura trasforma queste persone in una famiglia, in una tribù. Inconsapevolmente. E in tutte le famiglie, di sangue o meno, siamo sempre uno più uno, no? Si accettano i difetti, si diventa materasso per attutire la caduta di un altro, ci si aiuta. Si dorme in macchina se si deve, si aiuta un ragazzino a vendicarsi dei bulli che lo tormentano, anche se è illegale, si corre come i pazzi in una città sconosciuta alla ricerca di un paio di occhiali nuovi per permettere a una ragazzina, che sostanzialmente è un’estranea, di realizzare il proprio sogno. Si accetta l’orgoglio dell’altro, si condividono le umiliazioni. E si scoprono i tradimenti. Per poi capire che ci sono tradimenti e tradimenti. E quindi – perché famiglia è famiglia, e amore è amore – si perdonano.

Ho avuto la fortuna di leggere questo libro in lingua originale – The One Plus One - e l’ho letto tutto d’un fiato, sperando che la traduzione italiana, uscita il 2 gennaio con il titolo “Una più uno”, abbia rispettato lo stile della Moyes, che avevo apprezzato già in “Io prima di te”. La Moyes ha la straordinaria capacità di farti desiderare, già dopo pochissime pagine, di entrare nel suo libro e di vivere con i suoi personaggi, abbracciarli forte e sostenerli in tutti gli alti e i bassi che vivono tra le pagine. È una scrittrice che scrive di empatie creando empatia. Sembra leggera, superficiale, ma poi ti va dritta nel cuore e ti commuove.

Una più uno è un libro per chi ama le storie che hanno dell’incredibile, ma che poi sono spudoratamente vere, le storie d’amore non ovvie, i lieto fine non scontati e i personaggi che ti fanno sinceramente ridere. È un libro di una tenerezza sconcertante, delicato e allo stesso tempo divertente. Ci parla dell’importanza di fare parte di una tribù, di essere amati e di amare, perché da soli non abbiamo nessun senso.

 Qui il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Una più uno (The One Plus One) - Jojo Moyes - righevaghe

[…] Continua qui! […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jojo

Moyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moyes Jojo

Questo è un libro che parla di fuga, di viaggi, di migrazioni. Dell'impossibilità di rimanere. Del bisogno di cercare e di trovare un altro luogo. Dieci narratori, dieci importanti firme, ci raccontano storie di fuga, di ricerca di un mondo in cui valga la pena di vivere. Non ci sono buoni e cattivi, ma donne, uomini e bambini che cappano. Scappano dalla fame, dalla miseria, dalla guerra, dalla morte. Donne e uomini e intere famiglie che abbandonano il loro passato, superano frontiere in cerca di una speranza. Persone che lottano perché vogliono vivere. Persone che hanno il desiderio di un futuro migliore. Racconti. Storie immaginate, inventate, non vere. Ma appunto per questo universali, perché le raccolgono tutte.

Sotto un altro cielo

Autori vari

Camilla è una giovane ragazza che vive in una piccola città di provincia dell'Italia centrale. Non la si può definire certo una bellezza. Anzi è solo un'altra ragazza invisibile. Dopo la maturità in un istituto tecnico in cui si è diplomata come segretaria d'azienda, non ha conservato le amicizie. Camilla ha un dono che ancora non conosce. Porta fortuna a chi le sta intorno e, involontariamente, realizza dei piccoli sogni. Per se stessa Camilla non desidera troppo. Sa che non avrà accanto un ragazzo bello come quelli della televisione o come Bruno, il figlio del padrone della fabbrica di infissi per cui lavora. Bruno è un ragazzo gentile, sembra avere la testa sulle spalle e, soprattutto, ha due occhi che quando Camilla li incrocia, deglutisce a fatica. Non è una sorpresa per la timida Camilla scoprire che il giovane è fidanzato, ovviamente con la più bella ragazza della provincia. Un giorno per lei arriva l'occasione di cambiare vita. Roma e un futuro diverso da immaginare. Nella grande città trova lavoro come impiegata alle poste e, anche lì, dispensa frammenti di fortuna a tutta la gente che comincia a conoscerla e a volerle bene. Camilla non legge tanti libri ma ogni mattina, prima di andare a lavoro, apre una pagina a caso di un fotoromanzo e ci punta sopra il dito. La frase pronunciata dall'attore o dall'attrice di turno, su cui cade il suo indice, le farà da guida per tutta la giornata. Una mattina l'interprete di Passione senza confini ha sentenziato che "l'amore arriva senza avvertire"...

Camilla portafortuna

Ceccarelli Stefano

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Terroni

Aprile Pino