Poesia

Una presentazione per Riccardo Magni

Magni Riccardo

Descrizione: «Humanitas. Ecco quello che si troverà in queste poesie. Semplicemente l'uomo; l'uomo che vaga alla ricerca di sé e delle cause ultime e prime sin dalla notte dei tempi; l'uomo che aspira al cielo e all'infinito pur rimanendo nel suo platonico carcere di carne e apparenze; l'uomo che accende l'intelletto, va oltre la realtà, addentrandosi nelle pianure dell'anima e del pensiero, per elevarsi dalla propria condizione terrena e raggiungere un'armonia e un equilibrio spirituale apparentemente lontani e difficilmente afferrabili».

Categoria: Poesia

Editore: Prometheus

Collana:

Anno: 2020

ISBN: 9788882202705

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

È una notevole emozione scoprire tanta bellezza poetica in un autore giovanissimo. In effetti siamo immersi in una realtà ricca di talenti, ma capita che spostiamo lo sguardo più facilmente sui limiti e le restrizioni, di ogni genere, che ci assillano quotidianamente. È bello cogliere un’occasione come questa per alzare lo sguardo e godere di un respiro decisamente più ampio. Per tutto il mese di marzo Riccardo Magni sarà ospite di Parole di Lana, e potremo approfondire la sua conoscenza attraverso alcune interviste in diretta.

Riccardo Magni nasce il 10 maggio 1998 a Milano e vive ad Abbiategrasso. Presso il capoluogo lombardo frequenta il Liceo classico Manzoni, diplomandosi a pieni voti. Nel 2019, ottiene la Laurea Triennale presso l’Università degli Studi di Milano con 110 e lode, discutendo una tesi dal titolo Il poeta ellenistico tra Eros e Muse, avendo come relatore il Professor Giuseppe Zanetto. Attualmente, è iscritto al primo anno del corso magistrale di Filologia, letterature e storia dell’antichità. Appassionato di letteratura, è inoltre amante della musica e del teatro. Tra il 2017 e il 2019, viene premiato in diversi concorsi di poesia a livello nazionale e alcune sue liriche vengono pubblicate in antologie poetiche, tra cui …E tu puoi contribuire con un verso, del gruppo Rinascimento Poetico, a cura di Paolo Gambi. Nel giugno 2020 esce il suo primo libro di poesie intitolato Humanitas ed edito dalla Prometheus editrice di Milano di Damiana Rigamonti. La collana in cui l’opera viene pubblicata è EOS, il cui direttore editoriale è il Professor Francesco Solitario, Professore di Estetica e di Filosofia dell’arte contemporanea presso l’Università di Siena/ Arezzo. Humanitas è un viaggio umano, giocato tra il collettivo e l’individuale, tra l’antico e il moderno. Il cammino si articola in quattro sezioni. La prima, Mimesis, parla dell’arte, della prima consapevolezza artistica appresa dall’uomo. La seconda riguarda il mondo antico ed è intitolata Mediterraneo, dove l’uomo vive in stretto contatto con la natura e in profonda armonia. Poi l’uomo antico sfuma nella contemporaneità all’interno della terza sezione intitolata Esodi, che parla di esodi non solo fisici di persone che abbandonano la propria terra in cerca di una vita migliore, ma anche esodi metafisici delle coscienze che rifiutano di riconoscere l’umanità dell’altro. Infine, dopo questo cammino collettivo, si giunge a una dimensione più individuale, più intima. L’ultima sezione è A me stesso ed è un focus sull’autore, come tassello di un mosaico più ampio, caratterizzato da un percorso totalmente originale e personale. Per il futuro, sono già in lavorazione nuovi progetti poetici, letterari e artistici.

Premi

- Il 2 dicembre 2017, presso il Teatro Mario Spina di Castiglion Fiorentino, ottiene il primo premio della Sezione Giovani del Premio Wilde.
– Il 24 febbraio 2018, presso il Museo Nicolis di Villafranca di Verona, un suo inedito viene premiato con la medaglia d’oro.
– All’inizio del 2018, collabora con la sezione filatelica di Poste Italiane ed è l’autore di tre poesie inedite che sono state pubblicate su tre cartoline racchiuse in un cofanetto diffuso in 1200 esemplari. Questo progetto è stato accompagnato da uno speciale annullo filatelico, il cui piastrino, riportante una frase di Riccardo Magni, è oggi conservato presso il Museo Storico della Comunicazione di Roma.
Il 24 novembre del 2018, riceve il secondo premio nella Sezione Poesia Inedita del Premio Milano International.
– Nel marzo 2019, riceve il diploma di merito per un suo inedito alla XII edizione del Premio nazionale Albero Andronico, la cui premiazione si è tenuta in Campidoglio.
– Nel 2019, tre suoi inediti sono pubblicati nell’Enciclopedia di poesia italiana (Vol. 9) della Fondazione Mario Luzi.

Pubblicazioni:

Enciclopedia di Poesia Contemporanea, Vol. 7, Fondazione Mario Luzi, 2016.
Enciclopedia di Poesia Contemporanea, Vol. 9, Fondazione Mario Luzi, 2018.
Autori Vari, Il Federiciano 2018, Aletti Editore, 2018.
Autori Vari, 4° Premio Internazionale Salvatore Quasimodo, Vol. II, Aletti Editore, 2018.
Paolo Gambi (a cura di), Rinascimento Poetico, …E tu puoi contribuire con un verso, 2020.
Riccardo Magni, Humanitas, Prometheus editrice, 2020.

 Riccardo Magni

Contatti:

riccardomagnipoesia (Instagram)
Riccardo Magni (Facebook)

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Riccardo

Magni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magni Riccardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

HITLER

Genna Giuseppe

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

DE PROFUNDIS – di Oscar Wilde

Scultore è colui che plasma, modella, incide la materia, sia essa pietra, ferro, legno, bronzo, terra o altro ancora. Il suo lavoro è volto a realizzare un soggetto già ben definito nella sua mente, frutto di disegni, modelli, progetti. Io non mi ritengo scultore, ma piuttosto l'esecutore di progetti, modelli, disegni di una grande maestra: la natura. Miei collaboratori sono il vento, la pioggia, il gelo, il fulmine, il passare inesorabile del tempo. Quante volte ci siamo chiesti se un albero può provare delle emozioni: ebbene io sono convinto di si, anzi può amare così tanto da dar forma a questo amore nelle sue radici che rimarranno anche dopo la sua morte, così come le radici del nostro passato rimangono vive dentro di noi, se sapremo interrogarci sul trascorrere inesorabile del tempo e con gli occhi spalancati sul mondo tornare bambini a sognare l'universo.

L’anima segreta del bosco – Il poeta del legno

Germena Luca