Poesia

Una presentazione per Riccardo Magni

Magni Riccardo

Descrizione: «Humanitas. Ecco quello che si troverà in queste poesie. Semplicemente l'uomo; l'uomo che vaga alla ricerca di sé e delle cause ultime e prime sin dalla notte dei tempi; l'uomo che aspira al cielo e all'infinito pur rimanendo nel suo platonico carcere di carne e apparenze; l'uomo che accende l'intelletto, va oltre la realtà, addentrandosi nelle pianure dell'anima e del pensiero, per elevarsi dalla propria condizione terrena e raggiungere un'armonia e un equilibrio spirituale apparentemente lontani e difficilmente afferrabili».

Categoria: Poesia

Editore: Prometheus

Collana:

Anno: 2020

ISBN: 9788882202705

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

È una notevole emozione scoprire tanta bellezza poetica in un autore giovanissimo. In effetti siamo immersi in una realtà ricca di talenti, ma capita che spostiamo lo sguardo più facilmente sui limiti e le restrizioni, di ogni genere, che ci assillano quotidianamente. È bello cogliere un’occasione come questa per alzare lo sguardo e godere di un respiro decisamente più ampio. Per tutto il mese di marzo Riccardo Magni sarà ospite di Parole di Lana, e potremo approfondire la sua conoscenza attraverso alcune interviste in diretta.

Riccardo Magni nasce il 10 maggio 1998 a Milano e vive ad Abbiategrasso. Presso il capoluogo lombardo frequenta il Liceo classico Manzoni, diplomandosi a pieni voti. Nel 2019, ottiene la Laurea Triennale presso l’Università degli Studi di Milano con 110 e lode, discutendo una tesi dal titolo Il poeta ellenistico tra Eros e Muse, avendo come relatore il Professor Giuseppe Zanetto. Attualmente, è iscritto al primo anno del corso magistrale di Filologia, letterature e storia dell’antichità. Appassionato di letteratura, è inoltre amante della musica e del teatro. Tra il 2017 e il 2019, viene premiato in diversi concorsi di poesia a livello nazionale e alcune sue liriche vengono pubblicate in antologie poetiche, tra cui …E tu puoi contribuire con un verso, del gruppo Rinascimento Poetico, a cura di Paolo Gambi. Nel giugno 2020 esce il suo primo libro di poesie intitolato Humanitas ed edito dalla Prometheus editrice di Milano di Damiana Rigamonti. La collana in cui l’opera viene pubblicata è EOS, il cui direttore editoriale è il Professor Francesco Solitario, Professore di Estetica e di Filosofia dell’arte contemporanea presso l’Università di Siena/ Arezzo. Humanitas è un viaggio umano, giocato tra il collettivo e l’individuale, tra l’antico e il moderno. Il cammino si articola in quattro sezioni. La prima, Mimesis, parla dell’arte, della prima consapevolezza artistica appresa dall’uomo. La seconda riguarda il mondo antico ed è intitolata Mediterraneo, dove l’uomo vive in stretto contatto con la natura e in profonda armonia. Poi l’uomo antico sfuma nella contemporaneità all’interno della terza sezione intitolata Esodi, che parla di esodi non solo fisici di persone che abbandonano la propria terra in cerca di una vita migliore, ma anche esodi metafisici delle coscienze che rifiutano di riconoscere l’umanità dell’altro. Infine, dopo questo cammino collettivo, si giunge a una dimensione più individuale, più intima. L’ultima sezione è A me stesso ed è un focus sull’autore, come tassello di un mosaico più ampio, caratterizzato da un percorso totalmente originale e personale. Per il futuro, sono già in lavorazione nuovi progetti poetici, letterari e artistici.

Premi

- Il 2 dicembre 2017, presso il Teatro Mario Spina di Castiglion Fiorentino, ottiene il primo premio della Sezione Giovani del Premio Wilde.
– Il 24 febbraio 2018, presso il Museo Nicolis di Villafranca di Verona, un suo inedito viene premiato con la medaglia d’oro.
– All’inizio del 2018, collabora con la sezione filatelica di Poste Italiane ed è l’autore di tre poesie inedite che sono state pubblicate su tre cartoline racchiuse in un cofanetto diffuso in 1200 esemplari. Questo progetto è stato accompagnato da uno speciale annullo filatelico, il cui piastrino, riportante una frase di Riccardo Magni, è oggi conservato presso il Museo Storico della Comunicazione di Roma.
Il 24 novembre del 2018, riceve il secondo premio nella Sezione Poesia Inedita del Premio Milano International.
– Nel marzo 2019, riceve il diploma di merito per un suo inedito alla XII edizione del Premio nazionale Albero Andronico, la cui premiazione si è tenuta in Campidoglio.
– Nel 2019, tre suoi inediti sono pubblicati nell’Enciclopedia di poesia italiana (Vol. 9) della Fondazione Mario Luzi.

Pubblicazioni:

Enciclopedia di Poesia Contemporanea, Vol. 7, Fondazione Mario Luzi, 2016.
Enciclopedia di Poesia Contemporanea, Vol. 9, Fondazione Mario Luzi, 2018.
Autori Vari, Il Federiciano 2018, Aletti Editore, 2018.
Autori Vari, 4° Premio Internazionale Salvatore Quasimodo, Vol. II, Aletti Editore, 2018.
Paolo Gambi (a cura di), Rinascimento Poetico, …E tu puoi contribuire con un verso, 2020.
Riccardo Magni, Humanitas, Prometheus editrice, 2020.

 Riccardo Magni

Contatti:

riccardomagnipoesia (Instagram)
Riccardo Magni (Facebook)

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Riccardo

Magni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magni Riccardo

Quando Darcy McCall perde l'adorata zia Molly, l'ultima cosa che si aspetta è ricevere in eredità... un'isoletta in mezzo al mare! Sperduta al largo delle coste occidentali dell'Irlanda, l'isola di Tara è rimasta disabitata per anni ma, secondo le ultime volontà della zia, Darcy dovrà restarci a vivere per almeno dodici mesi se vuole ereditare la proprietà. Un bel colpo, non c'è che dire, per la povera ragazza, che improvvisamente dovrà dire addio alla frenetica vita metropolitana e abbandonare per sempre le sue belle décolleté con il tacco, in cambio di un paio di comodissime galosce antipioggia! Una volta sull'isola, Darcy non dovrà affrontare soltanto i mille problemi pratici di una landa di terra in mezzo al mare, ma si troverà alle prese anche con una difficile scelta: chi, tra l'affascinante Conor e il testardo Dermot - due abitanti dei quali l'isola si è popolata dopo il suo arrivo - saprà farla sentire davvero a casa?

COLAZIONE DA DARCY

McNamara Ali

“Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello ie il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?”

Resta anche domani

Forman Gayle

Una casa di famiglia, sull'Appennino bolognese. Una vecchia casa. Gli animali sono una presenza nota. Non si tratta sempre di animali domestici, o quantomeno la loro domesticità è lontana dalla nozione tradizionale. Se nell'annus mirabilis 1992 quella di topi, arvicole e ratti era stata una vera e propria invasione, il dibattito si riapre quando arrivano i piccioni con il vaiolo: la sorella del narratore, dolce animalista, si fa in quattro per curarli, e nondimeno cura, almeno idealmente, i topi, anzi i ratti che turbano la quiete della magione. Uno in particolare, piuttosto abitudinario, compare sempre sullo stesso ripiano della libreria, dal che sorge spontaneo il sospetto che il topo sia un osservatore consapevole delle cose umane. Ugo Cornia parte da qui per una scorribanda dentro tutte le convivenze che hanno a che fare con figure animali. Alle derattizzazioni e alle stragi di volatili innocenti fan seguito storie di gatti (il cacciatore di prede Cito, l'avventuroso Cionci, la depressa Pinzia), e di cani (il setter cieco Billo e Tobi, il cane pazzo della sorella). Attraverso gli animali Cornia ricostruisce la storia di famiglia, dove con le bestie si parla, si confligge, si fanno patti, si stabiliscono confini, dove attraverso le bestie si dispiegano il labirinto emotivo degli affetti, le stagioni di un'esistenza, lo spazio delle assenze e la sequenza delle morti.

Animali (topi gatti cani e mia sorella)

Cornia Ugo

Parigi, un appartamento senza inquilini nel centro della città, silenzioso, troppo perfetto per non nascondere misteri. Madeline, una giovane poliziotta di Londra, lo prende in affitto per cercare un po' di riposo, dopo una serie di casi non risolti e la crisi della sua storia d'amore. Per un errore tecnico, nella stessa casa arriva anche Gaspard, venuto a Parigi per isolarsi e scrivere in tranquillità la sua nuova opera teatrale. Queste due anime solitarie e irrequiete sono così costrette a vivere assieme per qualche giorno. L'appartamento era di proprietà del celebre pittore Sean Lorenz che lo usava anche come studio, e in quelle stanze si respira ancora la sua passione per i colori e per la luce. Distrutto dall'assassinio del giovane figlio, Lorenz è morto l'anno precedente l'arrivo dei due inquilini, lasciando in eredità tre dipinti, che tuttavia risultano oggi scomparsi. Affascinati dal suo genio e colpiti dai molti misteri che avvolgono la sua vita e, soprattutto, la sua morte, Madeline e Gaspard decidono di unire le forze per ritrovare le opere dell'artista. Ma per arrivare a scoprire il segreto che si nasconde dietro l'enigmatica figura di Sean Lorenz, Madeline e Gaspard dovranno affrontare i loro demoni in un'indagine che li cambierà per sempre.

Un appartamento a Parigi

Musso Guillaume