Giallo - thriller - noir

Una storia disonesta di furfanti, gatti, commissari e altro ancora

Frascati Daniela

Descrizione: 1970. Due capolavori rubati, il mistero di un furto mai indagato e perseguito svelato a distanza di anni. Un furfante che sono due, due commissari che non fanno per uno; una vecchia che presta soldi a strozzo e un gatto nero vendicatore. Tutto in un giallo un po' hard boiled ironico e divertente.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Scatole Parlanti

Collana: Voci

Anno: 2022

ISBN: 9788832814774

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una storia disonesta di furfanti, gatti, commissari e altro ancora di Daniela Frascati

Una storia disonesta di furfanti, gatti, commissari e altro ancora di Daniela Frascati prende spunto da un fatto di cronaca del 2014 (“Ritrovate due tele di Gauguin e Bonnard. Un operaio le aveva acquistate a un’asta di oggetti smarriti delle Fs” – ndr: puoi leggere il relativo articolo a questo link), il cui antecedente risale al 1970, nella Roma della vigilia degli anni di piombo.

A Londra, in modo rocambolesco, vengono trafugati due capolavori: Fruits sur une table ou nature morte au petit chien di Paul Gauguin e La femme aux deux fauteuils di Pierre Bonnard. ma la scena si sposta ben presto nella capitale italiana.

I furfanti del romanzo sono tanti.
Il committente del furto è un politico, il senatore chiamato Sua Eccellenza (“Quell’ometto tirato a lucido come la sua testa, piccola e sferica simile a una palla da bowling… uno dei più influenti politici nel labirintico potere della città”), che incarna l’arroganza, la prepotenza e la disonestà del potere politico.
Al suo fianco, c’è la criminalità organizzata (“Il suo braccio destro, la parte cattiva. Quel Ninetto er Macellaro che non si chiamava così per caso”), temibile e temuta (“Quella è gente de Roma nord, non è delinquenza spicciola… So’ la manodopera della Roma nera”).
L’autore del furto è un trafficone (“Con le sue simpatie e connivenze con la rinata destra eversiva”) dalla doppia identità: Ruby Handle alias Porfirio Manicone (“Come Handle poteva regalarsi quei momenti di leggerezza, come Porfirio Manicone, la sua vera identità, doveva avere paura persino dell’ombra che gli passava accanto”), che s’innamora di Patricia, un’impiegata dell’ambasciata britannica (“Lei nemmeno immaginava che razza di uomo fosse”), alla quale viene nascosta la doppia vita del lestofante (“La fuga a Londra, il giro degli espatriati e dei passaporti falsi, il furto del Gauguin andato a male e le minacce e i pestaggi con cui lo tenevano ancora sottoposto”), che forse vorrebbe redimersi (“Patricia era l’unica cosa bella che gli fosse capitata da anni”), ma è troppo invischiato nei traffici illeciti…
Infine, c’è la cravattara (“È una vecchia che presta i soldi a strozzo”), una delle due sorelle Catulli (“Giacinta… alta e segaligna, lo sguardo che sembrava mercurio liquido, freddo e guizzante. Vestita di nero…”): un’anomala esponente della categoria (“I cravattari, quelli veri che strozzano con il nodo scorsoio dei ricatti e delle angherie“), nemica giurata dei felini che invece sua sorella ama. A lei si rivolge Porfirio, sull’orlo della disperazione.

I gatti del titolo sono i randagi che l’altra sorella Catulli – quella un po’ svanita e stralunata, Ortensia – amministra con affetto, attirandosi anche le ire del condominio. E, particolare non da poco, nello sgabuzzino della portineria ove la gattara opera, viene rinvenuto il cadavere della cravattara… Tra i mici,  spicca un bel gattone nero (“Lui è Codamozza...”).

I commissari sono due: quello in carica, il titolare (“Il commissario Giacomo De Rosa non aveva mai davvero superato quel colpo”), reduce da una delusione sentimentale con Corinne.
E Salvatore Pedace, il pensionato che non si rassegna all’inattivià e si affianca al titolare per dargli manforte.

In un’atmosfera romana (“Era un riccetto che sembrava uscito da un film di Pasolini. Strafottente e simpatico”) e romanesca (“La corte romana nun vo’ pecore senza lana”) anni Settanta, tra ironia descrittiva (“Tutti… erano ormai morti. Terra pe’ ceci, si dice a Roma“), ottima caratterizzazione sia dell’atmosfera (“Le ottobrate romane sono dolci anche la sera“), sia dei personaggi e sotto un soffuso velo di nostalgia (“Davanti alla Vespa… Andiamo con questa?! Come in Vacanze romane…“) per i tempi andati (“la rasatura con quelle pezze calde delle vecchie barberie“), non rimane che scoprire cosa altro ancora riservino la penna e la fantasia di Daniela Frascati, che in questo romanzo diverte e si diverte, virando dalle sue opere precedenti e dimostrando di saper intrattenere il lettore anche con storie “di genere”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniela

Frascati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Frascati Daniela

Limonov non è un personaggio inventato. Esiste davvero: «è stato teppista in Ucraina, idolo dell'underground sovietico, barbone e poi domestico di un miliardario a Manhattan, scrittore alla moda a Parigi, soldato sperduto nei Balcani; e adesso, nell'immenso bordello del dopo comunismo, vecchio capo carismatico di un partito di giovani desperados. Lui si vede come un eroe, ma lo si può considerare anche una carogna: io sospendo il giudizio» si legge nelle prime pagine di questo libro. E se Carrère ha deciso di scriverlo è perché ha pensato «che la sua vita romanzesca e spericolata raccontasse qualcosa, non solamente di lui, Limonov, non solamente della Russia, ma della storia di noi tutti dopo la fine della seconda guerra mondiale». La vita di Eduard Limonov, però, è innanzitutto un romanzo di avventure: al tempo stesso avvincente, nero, scandaloso, scapigliato, amaro, sorprendente, e irresistibile. Perché Carrère riesce a fare di lui un personaggio a volte commovente, a volte ripugnante – a volte perfino accattivante. Ma mai, assolutamente mai, mediocre. Che si trascini gonfio di alcol sui marciapiedi di New York dopo essere stato piantato dall'amatissima moglie o si lasci invischiare nei più grotteschi salotti parigini, che vada ad arruolarsi nelle milizie filoserbe o approfitti della reclusione in un campo di lavoro per temprare il «duro metallo di cui è fatta la sua anima», Limonov vive ciascuna di queste esperienze fino in fondo, senza mai chiudere gli occhi, con una temerarietà e una pervicacia che suscitano rispetto. Ed è senza mai chiudere gli occhi che Emmanuel Carrère attraversa questa esistenza oltraggiosa, e vi si immerge e vi si rispecchia come solo può fare chi, come lui, ha vissuto una vita che ha qualcosa di un «romanzo russo».

LIMONOV

Carrère Emmanuel

Il silenzio di Calli è popolato di immagini. Qualcosa di terribile le ha strappato la voce, ma non è riuscito a mettere a freno la sua fantasia. Il bosco è un rifugio per lei, ne conosce tutti gli angoli, sa dare un nome a ogni singolo rumore. Ma un giorno qualcuno la trascina fra quegli alberi così familiari, e per la prima volta si sente smarrita. Petra è la sua migliore amica, la compagna di giochi che la comprende alla perfezione. Qualcosa di molto più forte delle parole le unisce. Tutto accade una tranquilla mattina d'estate, e mentre sorge l'alba in una piccola cittadina dell'Iowa, due famiglie scoprono che le loro bambine sono scomparse. Antonia ha provato a essere la madre perfetta per Calli, nei limiti di un matrimonio che la lega a un uomo assente e spesso irascibile. E ora teme che in gioco ci sia ben altro che la voce di sua figlia. In un crescendo di tensione e colpi di scena, le due famiglie si confrontano con i propri limiti, con timori ancestrali e con il peso di segreti troppo difficili da rivelare, perché nulla è ciò che sembra... Una storia profonda raccontata, dove la fantasia e l'amicizia riescono a scalfire il più fìtto dei silenzi.

IL PESO DEL SILENZIO

Gudenkauf Heather

Break the Silence ITA è un progetto formato da quattro ragazze: Mariachiara Cataldo, fondatrice e project manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale in Economia e Management, Francesca Valentina Penotti, social media manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale in Economia e Management, Giulia Chinigò, event manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea in Beni Culturali, e Francesca Sapey, content manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale CAM. Il progetto nasce a Torino il 7 giugno 2020 sulla pagina Instagram @breakthesilence_ ITA e in seguito sulla pagina Facebook Break The Silence ITA e si propone di operare insieme all'aiuto di esperti nel campo verso una maggior sensibilizzazione ed educazione riguardo alla violenza sessuale e di genere. Il nostro artista è Tommaso Sgrizzi che si propone di raccontare l'intimità e le relazioni tramite illustrazioni

Break the silence

AA. VV.

“La moglie del colonnello” è il terzo romanzo di Montaner, pubblicato per la prima volta in Italia, dopo aver riscosso un grande successo di critica e di pubblico in Spagna, USA e America Latina. L’edizione inglese è stata un best-seller di vendite sul portale Amazon. È la storia tragica e universale di un adulterio e delle sue conseguenze, raccontata con una prosa chiara e diretta. Montaner approfitta di un tema universale come l’adulterio, per analizzare la repressione della sessualità a Cuba. “La moglie del colonnello” è un romanzo erotico, un thriller carico di suspense, che parla d’amore, adulterio, desiderio e solitudine, esplorando i meandri della sessualità umana. Nella seconda parte il libro è ambientato in una Roma ricca di fascino e di rovine d’un glorioso passato.

LA MOGLIE DEL COLONNELLO

Montaner Carlos Alberto