Narrativa

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Descrizione: L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2016

ISBN: 9788823513242

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una storia quasi perfetta. Per molti il Don Giovanni rimane quello rappresentato da Kierkegaard in “Aut aut”: l’interprete dello stadio estetico, indifferente ai valori morali, che non crede alle leggi etiche tradizionali. Per lui sono fondamentali i valori della bellezza e del piacere, ai quali subordina tutto. Proteso verso il soddisfacimento di desideri sempre nuovi, considera il mondo uno spettacolo da godere: vive del momento, fugge i legami con il passato, non ha speranza per il futuro.
Il “seduttore” per eccellenza è Don Giovanni, il libertino dell’omonima opera di Mozart, rappresentato dalla musica, l’arte  che più stimola i sensi perché a essi si rivolge senza mediazioni di concetti e parole.

Mariapia Veladiano fornisce la sua interpretazione del dongiovanni in Una storia quasi perfetta e ne coglie l’essenza pericolosa (“Ci sono donne morte per lui”) nella relazione tra il seduttore e Bianca.
Proprietario di un atelier di moda (“Tutte qui siamo state a letto con lui, disse Claire”), conquista la donna adulandone l’opera di disegnatrice (“Piove… si bagnano le cartellette e i disegni”): nel romanzo, i due si raccontano le rispettive storie, ma l’ombra dell’opportunismo si allarga sul contratto che il donnaiolo stipula per legare a sé la propria conquista, apparentemente la parte debole del rapporto (“Io non posso…  cadere”).
Gabriele, il figlioletto di Bianca, dimostra apertamente la sua ostilità verso l’intruso (“Il bambino lo guardava senza paura, con … ostilità… una durezza adulta, vecchia quasi”) e istintivamente cerca di difendere la madre dal pericolo incombente.
Quando scatta l’ora della fine (“Un’overdose di verità. Troppa intimità. Doveva chiudere appena possibile, appena firmati i contratti”), sarà una scena di maternità ad allontanare il dongiovanni dalla scena (“Non sarebbe mai stato amato così”).

Mariapia Veladiano parteggia visibilmente per la sensibilità femminile, senza infierire sul maschio alfa, regalandogli un profilo sofisticato. Lo stile è ipnotico, ricco di allusioni acquatiche e floreali, e riserva un capovolgimento di sorte e ruoli tra predatore e preda: una nemesi del demiurgo-scrittore, che in un libro, sì, può riequilibrare il gioco delle parti e delle contrapposizioni sessuali. Che dire, a questo punto, della realtà? Sarà possibile anche in essa trasferire questo sortilegio creativo?

Bruno Elpis

 Questo è il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Poesie del coraggio

Un romanzo fluviale, comico e insieme profondo: un atto di fede nella forza delle storie, e nella loro capacità di prendere per il collo e raccontare il mondo. Le avventure di Lenore, che si mette alla ricerca della bisnonna, antica studiosa di Wittgenstein, fuggita dalla sua casa di riposo insieme a venticinque tra coetanei e infermieri; del fratello LaVache, piccolo genio con una passione smodata per la marijuana; del pappagallo di famiglia, Vlad l'Impalatore, che recita sermoni cristiani su una Tv via cavo; di Norman Bombardini, re dell'ingegneria genetica, che si ingozza di cibo e sogna di ingurgitare il mondo intero; di Rick Vigorous, il capo e l'amante di Lenore, negazione vivente del suo stesso cognome. Una galleria di personaggi uno piú esilarante e paradossale dell'altro, sullo sfondo di un'America impazzita, grottesca, piú vera del vero. «La scopa del sistema è una grandissima sorpresa, che emerge direttamente dalla tradizione dell'eccesso praticata da Thomas Pynchon in V o da John Irving ne Il mondo secondo Garp. La principale qualità di Wallace è la sua esuberanza - personaggi che sembrano cartoni animati, storie a incastro, coincidenze impossibili, un amore sincero per la cultura pop e soprattutto quello spirito giocoso e quell'umorismo che sembravano scomparsi dalla maggior parte della narrativa piú recente».

LA SCOPA DEL SISTEMA

Foster Wallace David