Narrativa

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Descrizione: L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2016

ISBN: 9788823513242

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una storia quasi perfetta. Per molti il Don Giovanni rimane quello rappresentato da Kierkegaard in “Aut aut”: l’interprete dello stadio estetico, indifferente ai valori morali, che non crede alle leggi etiche tradizionali. Per lui sono fondamentali i valori della bellezza e del piacere, ai quali subordina tutto. Proteso verso il soddisfacimento di desideri sempre nuovi, considera il mondo uno spettacolo da godere: vive del momento, fugge i legami con il passato, non ha speranza per il futuro.
Il “seduttore” per eccellenza è Don Giovanni, il libertino dell’omonima opera di Mozart, rappresentato dalla musica, l’arte  che più stimola i sensi perché a essi si rivolge senza mediazioni di concetti e parole.

Mariapia Veladiano fornisce la sua interpretazione del dongiovanni in Una storia quasi perfetta e ne coglie l’essenza pericolosa (“Ci sono donne morte per lui”) nella relazione tra il seduttore e Bianca.
Proprietario di un atelier di moda (“Tutte qui siamo state a letto con lui, disse Claire”), conquista la donna adulandone l’opera di disegnatrice (“Piove… si bagnano le cartellette e i disegni”): nel romanzo, i due si raccontano le rispettive storie, ma l’ombra dell’opportunismo si allarga sul contratto che il donnaiolo stipula per legare a sé la propria conquista, apparentemente la parte debole del rapporto (“Io non posso…  cadere”).
Gabriele, il figlioletto di Bianca, dimostra apertamente la sua ostilità verso l’intruso (“Il bambino lo guardava senza paura, con … ostilità… una durezza adulta, vecchia quasi”) e istintivamente cerca di difendere la madre dal pericolo incombente.
Quando scatta l’ora della fine (“Un’overdose di verità. Troppa intimità. Doveva chiudere appena possibile, appena firmati i contratti”), sarà una scena di maternità ad allontanare il dongiovanni dalla scena (“Non sarebbe mai stato amato così”).

Mariapia Veladiano parteggia visibilmente per la sensibilità femminile, senza infierire sul maschio alfa, regalandogli un profilo sofisticato. Lo stile è ipnotico, ricco di allusioni acquatiche e floreali, e riserva un capovolgimento di sorte e ruoli tra predatore e preda: una nemesi del demiurgo-scrittore, che in un libro, sì, può riequilibrare il gioco delle parti e delle contrapposizioni sessuali. Che dire, a questo punto, della realtà? Sarà possibile anche in essa trasferire questo sortilegio creativo?

Bruno Elpis

 Questo è il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A che ora muori?

Carabba Simone

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah

"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato." (Raffaele La Capria)

NON ORA, NON QUI

De Luca Erri