Narrativa

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Descrizione: L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2016

ISBN: 9788823513242

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una storia quasi perfetta. Per molti il Don Giovanni rimane quello rappresentato da Kierkegaard in “Aut aut”: l’interprete dello stadio estetico, indifferente ai valori morali, che non crede alle leggi etiche tradizionali. Per lui sono fondamentali i valori della bellezza e del piacere, ai quali subordina tutto. Proteso verso il soddisfacimento di desideri sempre nuovi, considera il mondo uno spettacolo da godere: vive del momento, fugge i legami con il passato, non ha speranza per il futuro.
Il “seduttore” per eccellenza è Don Giovanni, il libertino dell’omonima opera di Mozart, rappresentato dalla musica, l’arte  che più stimola i sensi perché a essi si rivolge senza mediazioni di concetti e parole.

Mariapia Veladiano fornisce la sua interpretazione del dongiovanni in Una storia quasi perfetta e ne coglie l’essenza pericolosa (“Ci sono donne morte per lui”) nella relazione tra il seduttore e Bianca.
Proprietario di un atelier di moda (“Tutte qui siamo state a letto con lui, disse Claire”), conquista la donna adulandone l’opera di disegnatrice (“Piove… si bagnano le cartellette e i disegni”): nel romanzo, i due si raccontano le rispettive storie, ma l’ombra dell’opportunismo si allarga sul contratto che il donnaiolo stipula per legare a sé la propria conquista, apparentemente la parte debole del rapporto (“Io non posso…  cadere”).
Gabriele, il figlioletto di Bianca, dimostra apertamente la sua ostilità verso l’intruso (“Il bambino lo guardava senza paura, con … ostilità… una durezza adulta, vecchia quasi”) e istintivamente cerca di difendere la madre dal pericolo incombente.
Quando scatta l’ora della fine (“Un’overdose di verità. Troppa intimità. Doveva chiudere appena possibile, appena firmati i contratti”), sarà una scena di maternità ad allontanare il dongiovanni dalla scena (“Non sarebbe mai stato amato così”).

Mariapia Veladiano parteggia visibilmente per la sensibilità femminile, senza infierire sul maschio alfa, regalandogli un profilo sofisticato. Lo stile è ipnotico, ricco di allusioni acquatiche e floreali, e riserva un capovolgimento di sorte e ruoli tra predatore e preda: una nemesi del demiurgo-scrittore, che in un libro, sì, può riequilibrare il gioco delle parti e delle contrapposizioni sessuali. Che dire, a questo punto, della realtà? Sarà possibile anche in essa trasferire questo sortilegio creativo?

Bruno Elpis

 Questo è il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène

Per migliaia di chilometri, in auto, a piedi, su traghetti, bus e funivie, una carovana piena di colori tenta di stare dietro al ritmo furibondo imposto dai ciclisti che in tre settimane girano tutta l'Italia, dalla costiera amalfitana agli aspri profili del Vajont. Fa parte della carovana anche uno scrittore, che fin da bambino sognava di partecipare al Giro d'Italia e affronta questa avventura con entusiasmo assoluto, pronto a infiammarsi per l'epica che il ciclismo da sempre sprigiona. Ma presto scoprirà che la tenacia e la passione dei corridori sono solo una parte della storia. Perché sarà proprio tutto quello che accade intorno alla corsa a rendere il viaggio strepitoso. Lungo le strade secondarie, nel cuore selvatico o cementificato della provincia italiana, si rischia di perdersi a ogni bivio mentre si incontrano folle festanti e personaggi clamorosi, paesini pazzeschi come la gente che li abita, assessori dediti alla promozione di figlie cantanti, pompieri ballerini di break dance, maturi musicisti da pianobar che cercano di infilarsi in casting riservati agli adolescenti, oscuri poeti a caccia di editori... le mille impossibili follie che solo la vita vera ci può regalare. Alla passione ardente per il ciclismo - grandissima metafora della fatica e della gloria nascosta a ogni curva della vita - Fabio Genovesi unisce il suo impareggiabile umorismo, facendo di queste pagine la cronaca di un'impresa sportiva straordinaria e insieme il racconto stralunato e memorabile del nostro Paese, delle sue debolezze e dei suoi grandi sogni.

TUTTI PRIMI SUL TRAGUARDO DEL MIO CUORE

Genovesi Fabio

Uno scrittore senza nome è nella sua vecchia casa di Ferrara, alle prese con gli appunti di storie che non ha mai pubblicato. Utilizzando libri, canzoni e ricordi cerca di comporre innumerevoli tessere in un mosaico unitario, utilizzando i mondiali di calcio come innesco narrativo...

In un cielo di stelle rotte

Mazzoni Lorenzo

VENGO E MI SPIEGO

Astori Diego