Narrativa

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Descrizione: L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2016

ISBN: 9788823513242

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una storia quasi perfetta. Per molti il Don Giovanni rimane quello rappresentato da Kierkegaard in “Aut aut”: l’interprete dello stadio estetico, indifferente ai valori morali, che non crede alle leggi etiche tradizionali. Per lui sono fondamentali i valori della bellezza e del piacere, ai quali subordina tutto. Proteso verso il soddisfacimento di desideri sempre nuovi, considera il mondo uno spettacolo da godere: vive del momento, fugge i legami con il passato, non ha speranza per il futuro.
Il “seduttore” per eccellenza è Don Giovanni, il libertino dell’omonima opera di Mozart, rappresentato dalla musica, l’arte  che più stimola i sensi perché a essi si rivolge senza mediazioni di concetti e parole.

Mariapia Veladiano fornisce la sua interpretazione del dongiovanni in Una storia quasi perfetta e ne coglie l’essenza pericolosa (“Ci sono donne morte per lui”) nella relazione tra il seduttore e Bianca.
Proprietario di un atelier di moda (“Tutte qui siamo state a letto con lui, disse Claire”), conquista la donna adulandone l’opera di disegnatrice (“Piove… si bagnano le cartellette e i disegni”): nel romanzo, i due si raccontano le rispettive storie, ma l’ombra dell’opportunismo si allarga sul contratto che il donnaiolo stipula per legare a sé la propria conquista, apparentemente la parte debole del rapporto (“Io non posso…  cadere”).
Gabriele, il figlioletto di Bianca, dimostra apertamente la sua ostilità verso l’intruso (“Il bambino lo guardava senza paura, con … ostilità… una durezza adulta, vecchia quasi”) e istintivamente cerca di difendere la madre dal pericolo incombente.
Quando scatta l’ora della fine (“Un’overdose di verità. Troppa intimità. Doveva chiudere appena possibile, appena firmati i contratti”), sarà una scena di maternità ad allontanare il dongiovanni dalla scena (“Non sarebbe mai stato amato così”).

Mariapia Veladiano parteggia visibilmente per la sensibilità femminile, senza infierire sul maschio alfa, regalandogli un profilo sofisticato. Lo stile è ipnotico, ricco di allusioni acquatiche e floreali, e riserva un capovolgimento di sorte e ruoli tra predatore e preda: una nemesi del demiurgo-scrittore, che in un libro, sì, può riequilibrare il gioco delle parti e delle contrapposizioni sessuali. Che dire, a questo punto, della realtà? Sarà possibile anche in essa trasferire questo sortilegio creativo?

Bruno Elpis

 Questo è il sito dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Ritrovato nell'archivio di famiglia e presentato per la prima volta ai lettori, questo romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco conserva intatto il fascino della sua scrittura ironica e una struttura appassionante da vero noir all'italiana. La vicenda di questo libro è essa stessa un romanzo: il manoscritto dell'«Isola degli Idealisti» scompare insieme ad altri testi nel 1943, quando la Mondadori, per la quale era stato scritto, sposta in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Figura tra le opere in via di pubblicazione elencate da Scerbanenco per ottenere asilo in Svizzera, ed è l'unico ad essere stato ritrovato, in uno degli archivi che raccolgono le carte dello scrittore. Un romanzo ritrovato nello stile del migliore Scerbanenco: tagliente, incisivo, sensuale e pittorico. I protagonisti, il padre Antonio e i suoi figli Celestino e Carla, ricchi e raffinati medici, vivono circondati da domestici più o meno fidati in una casa su una piccola isola in mezzo a un lago, e qui si nutrono di arte e di cultura. La loro tranquillità viene disturbata da Guido e Beatrice, due ladri professionisti, che Celestino, appassionato di matematica e filosofia morale, decide di rieducare. Nonostante le apparenze, e malgrado le resistenze dei due ladri, l'esito di questo bizzarro esperimento sociale si dimostrerà imprevedibile: il disincanto dell'uno, la nostalgia di casa dell'altra si mescolano ai furti, alle piccole bugie e alle vere tragedie che intrecciano le storie di due famiglie così diverse.

L’isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio

Circondata dalle inseparabili amiche – le Donne del Club Omicidi – la detective Lindsay Boxer ha finalmente coronato il suo sogno d’amore, sposando l’agente dell’FBI Joe Molinari. L’eco della marcia nuziale si è appena spenta che già Lindsay deve tornare al suo difficile lavoro, perché un caso delicato richiede tutta la sua esperienza di investigatrice e di donna. È stata ritrovata un’adolescente in fin di vita: dai primi accertamenti è chiaro che ha partorito da poco, ma lei non ha alcuna intenzione di dire che cosa è stato del bambino né chi sia il padre. Mentre menzogne e false piste si sovrappongono, Lindsay cerca la verità, soprattutto per salvare la vita del neonato scomparso. Anche per il procuratore Yuki Castellano c’è un caso difficile, nel quale si gioca la carriera. Yuki rappresenta la pubblica accusa nel processo contro la dottoressa Candace Martin, imputata per l’omicidio del marito. Yuki è certa della sua colpevolezza, ma il processo riserverà più di un colpo di scena... Per fortuna c’è sempre il momento in cui le quattro amiche possono ritrovarsi da Susie’s per un margarita e qualche tacos, per parlare di lavoro e di uomini, di problemi e di sogni e trovare insieme una soluzione ai difficili casi che le impegnano. Perché la loro forza sta nella loro straordinaria amicizia.

La cerimonia

Patterson James

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco