Narrativa

UNA VITA ALLO SBANDO

Tyler Anne

Descrizione: Nella profonda America della fine degli anni sessanta, Evie Decker è una ragazza timida e leggermente sovrappeso, orfana di madre. Evie vive con il padre, un professore di matematica che fatica a comprenderla, e passa le giornate a leggere romanzi rosa e ascoltare la radio. E proprio alla radio Evie scopre la voce seducente di un cantautore rock, Bertram «Drumstrings» Casey, di cui si innamora perdutamente. Evie comincia a seguite Casey a tutti i concerti, e per farsi notare arriva a incidersi sulla fronte il suo nome con una forbicina da unghie. La trovata sembra avere successo e attira le attenzioni di Casey sulla piccola e scialba Evie, che riesce così a conquistare l’uomo dei suoi sogni. È un momento di felicità per la ragazza, ma proprio quando tutto sembra andare per il verso giusto, suo padre muore di infarto e la vita di Evie viene sconvolta di nuovo…

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2011

ISBN: 9788860884657

Recensito da Stefania De Paolis

Le Vostre recensioni

Una vita allo sbando è solo il terzo romanzo della Tyler, scritto nel 1970, ma leggendolo già si capisce perfettamente perché la scrittrice statunitense abbia poi vinto un Premio Pulitzer (nel 1989)  con il suo Lezioni di respiro.

 

Con la sua scrittura pacata e corrosiva la Tyler ci porta all’interno delle storie, in mezzo ai suoi personaggi, gente comune a cui poi ci affezioniamo.

Ed è proprio in questo modo che viviamo la storia di Evie eDrum, due ragazzi della provincia americana, entrambi emarginati ,ognuno a suo modo: lei, diciassette anni grassa e goffa, lui originale ed egocentrico cantante rock agli esordi. Lei si invaghisce di lui, lo segue ai concerti nei locali di periferia e, alla fine, stanca della propria invisibilità, compie il gesto estremo che le guadagna la sua attenzione e il suo amore.

 

Ma Drum è solo un egoista in cerca di conferme: la sua vita, l’unica che concepisce, è fatta di serate all’Unicorn e scene di una vita casalinga di plastica. Evie invece va avanti, cresce, matura, trova una propria identità. Il finale, amaro, è l’unica scelta possibile, quella che la farà uscire dal vicolo cieco e le permetterà di continuare la sua vita.

 

Leggere un romanzo di Anne Tyler è come una droga: ne vuoi ancora e si diventa dipendenti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anne

Tyler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tyler Anne


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il disturbo di un corpo

Lei & Lui

Levy Marc

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio

Seymour Levov è alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari. Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l'adorata figlia Merry, decisa a «portare la guerra in casa». Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell'allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull'intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall'adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell'utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell'America.

Pastorale americana

Roth Philip