Classici

Una vita

Svevo Italo

Descrizione: Giovane e romantico ufficiale, da poco inurbato a Trieste, Alfonso Nitti divide le sue giornate fra la monotonia del lavoro d'ufficio e una squallida camera d'affitto, compensando le frustrazioni della routine quotidiana con l'inquieta dolcezza della fantasia, popolata di sogni di grandezza e di rivalsa. Ma quando, insperata, gli si presenta l'occasione di rovesciare la propria sorte conquistando l'amore della ricca Annette Maller, egli si mostra incapace di sfruttare tempestivamente il successo, esitante di fronte a una scelta che nell'intimo lo sconcerta. Dilaziona i tempi, torna al paese nativo in una vana ricerca della propria autenticità, creando, con la sua stessa lontananza, le premesse dello scacco che lo condurrà al suicidio.

Categoria: Classici

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788854119468

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Aron Hector Schmitz nacque a Trieste, nel 1861, da una famiglia ebrea.

Il padre Francesco sognava anche per lui un futuro da commerciante, così Ettore, con altri due fratelli, fu mandato nel collego di Segnitz.

Proprio durante il soggiorno in Baviera, tra il 1873 ed il 1878, grazie alle letture dei classici tedeschi e di Shakespeare, Ettore scoprì la sua passione per la letteratura ma, tornato a Trieste, dovette rinunciare, per volere del padre, al progetto di dedicarsi agli studi letterari a Firenze e si iscrisse all’Istituto Superiore di Commercio “Rivoltella”. A causa del fallimento della ditta paterna, nel 1880, finì poi per lavorare come addetto alla corrispondenza presso la succursale triestina della Banca Union di Vienna.

In banca Ettore lavorò per ben diciotto anni, anni grigi e monotoni, che provò ad allietare frequentando la biblioteca civica e leggendo i classici italiani e i grandi narratori francesi dell’ ‘800.

È a questa esperienza che si ispira fortemente il suo primo romanzo, “Un inetto”, iniziato nel 1887.
L’opera fu rifiutata dall’editore Treves e venne pubblicata nel 1892, col titolo “Una vita”, dal tipografo triestino Vram. In omaggio alla duplice influenza culturale, italiana e tedesca, Ettore scelse di firmare il romanzo con lo pseudonimo con cui tutti noi lo conosciamo: Italo Svevo.

Alfonso Nitti, il protagonista, proviene da una famiglia di piccoli notabili di campagna, non ha sostanze e i suoi studi umanistici certo non possono aiutarlo a far fortuna. Così, per garantirsi una facile e confortante ascesa sociale, decide di sedurre Annetta, la figlia del titolare della banca Maller presso cui è impiegato. Il padre di Annetta, naturalmente, aveva previsto per lei un matrimonio più confacente al suo ceto, per cui la fanciulla si trova a doverne affrontare le ire.

In questo momento tanto delicato, Alfonso acconsente a lasciarla da sola, cogliendo al volo la sua richiesta di allontanarsi per risparmiargli offese inutili, e si reca nel suo villaggio, dove è trattenuto dalla malattia della madre
La verità, però, è che Alfonso semplicemente approfitta della situazione per sottrarsi alle proprie responsabilità.
Quando ritorna in città, dopo la morte della madre, Annetta è promessa al cugino Macario, e lui viene mortificato anche nel lavoro perché retrocesso ad una posizione meno retribuita: la logica sociale ha avuto il sopravvento…

“Una vita” si fonda sul conflitto tra ciò che si è e ciò che si rappresenta.
La stessa Annetta, sulle prime, non piace ad Alfonso, ma è pur sempre la donna più ambita e corteggiata. Così si spiega l’avversione che Alfonso prova nei suoi confronti dopo la notte d’amore: lui non vuole Annetta, ma solo impossessarsi di un ideale, raggiungere quello che per gli altri è il traguardo più alto. Allo stesso tempo, Annetta costituisce un mezzo per colpire Maller: disonorandola, Alfonso intacca l’autorità e il potere di suo padre.

Persino il riscatto morale degli ultimi capitoli è concepito come una riabilitazione di sé agli occhi degli altri: per Alfonso “l’essere” continua a confondersi con ciò che rappresenta nell’opinione altrui. In quest’ottica, la rinuncia ad Annetta in cui si compiace rientra nella linea delle sue condotte fallimentari, e il progresso nella conoscenza di sé non è altro che un auto-inganno: “Ora sapeva perché aveva rinunziato ad Annetta. Non aveva nulla da rimproverarsi perché aveva agito secondo la propria natura ch’egli ancora non aveva conosciuto. Era bene sapere finalmente i moventi direttivi di quell’organismo che ogni giorno gli aveva apportato delle sorprese. Conoscendoli egli ora poteva risparmiarsi altre deviazioni da quella via che la natura gli aveva imposta: una via aggradevole, facile e senza meta“.

Alla fine, dopo il ripiegamento difensivo e l’estraniamento dai fatti e dalla coscienza, Alfonso non potrà che constatare ed ammettere la propria inettitudine, scegliendo una soluzione plausibile sia dal punto di vista umano che narrativo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Italo

Svevo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Svevo Italo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Siamo nel VI secolo d.C.: Artú è morto da qualche tempo ormai e la terra della futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra britanni, romanizzati e cristianizzati, e sassoni, indigeni e pagani, gode ora di relativa pace. Ma uno strano fenomeno interessa entrambe le popolazioni: una nebbia diffusa sovrasta le genti e causa una labilità della memoria di breve e anche di lungo periodo, che impedisce loro di capire le ragioni del presente. Beatrice e Axl, ormai in tarda età, partono alla ricerca del figlio che ricordano vagamente di aver avuto. Per la strada si uniscono a loro un ragazzino morso da un demone, Edwin, un guerriero senza paura, Wistan, e un cavaliere della tavola rotonda, Gawain, ormai vecchissimo e male in arnese, a suo dire incaricato da Artú di uccidere la draghessa Querig, responsabile della nebbia che porta via la memoria. Sotto la veste del romanzo d’avventura, pur ricco d’inventiva e avvincente com’è, Il gigante sepolto nasconde un tema di piú lungo e profondo respiro: il contrasto fra ricordo e perdono, fra il dovere e la peculiarità umana della memoria, da un lato, e l’ostacolo che essa rappresenta all’appianamento dei conflitti, dall’altro. È la memoria il gigante sepolto e semimorto del libro, e la risposta individuale del lettore alle domande che esso pone non può essere né univoca né prevedibile.

Il gigante sepolto

Ishiguro Kazuo

James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d’arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d’altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un’alternativa all’università («Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché»), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite – la lettura e la solitudine –, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio... I puntini di sospensione sono un espediente abusato, ma in questo caso procedere oltre farebbe torto a uno dei pochi scrittori sulla scena che, come sa bene chi ha amato Quella sera dorata, chiedono solo di essere letti. Anticipare le avventure e i pensieri di James rischierebbe di mettere in ombra la singolare grazia che pervade questo libro, e da cui ci si lascia avvolgere molto prima di riconoscere, nella sua ironia inquieta e malinconica, qualcosa che pochi sanno raccontare: l’aria del tempo.

UN GIORNO QUESTO DOLORE TI SARA’ UTILE

Cameron Peter

In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia