Classici

Una vita

Svevo Italo

Descrizione: Giovane e romantico ufficiale, da poco inurbato a Trieste, Alfonso Nitti divide le sue giornate fra la monotonia del lavoro d'ufficio e una squallida camera d'affitto, compensando le frustrazioni della routine quotidiana con l'inquieta dolcezza della fantasia, popolata di sogni di grandezza e di rivalsa. Ma quando, insperata, gli si presenta l'occasione di rovesciare la propria sorte conquistando l'amore della ricca Annette Maller, egli si mostra incapace di sfruttare tempestivamente il successo, esitante di fronte a una scelta che nell'intimo lo sconcerta. Dilaziona i tempi, torna al paese nativo in una vana ricerca della propria autenticità, creando, con la sua stessa lontananza, le premesse dello scacco che lo condurrà al suicidio.

Categoria: Classici

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788854119468

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Aron Hector Schmitz nacque a Trieste, nel 1861, da una famiglia ebrea.

Il padre Francesco sognava anche per lui un futuro da commerciante, così Ettore, con altri due fratelli, fu mandato nel collego di Segnitz.

Proprio durante il soggiorno in Baviera, tra il 1873 ed il 1878, grazie alle letture dei classici tedeschi e di Shakespeare, Ettore scoprì la sua passione per la letteratura ma, tornato a Trieste, dovette rinunciare, per volere del padre, al progetto di dedicarsi agli studi letterari a Firenze e si iscrisse all’Istituto Superiore di Commercio “Rivoltella”. A causa del fallimento della ditta paterna, nel 1880, finì poi per lavorare come addetto alla corrispondenza presso la succursale triestina della Banca Union di Vienna.

In banca Ettore lavorò per ben diciotto anni, anni grigi e monotoni, che provò ad allietare frequentando la biblioteca civica e leggendo i classici italiani e i grandi narratori francesi dell’ ‘800.

È a questa esperienza che si ispira fortemente il suo primo romanzo, “Un inetto”, iniziato nel 1887.
L’opera fu rifiutata dall’editore Treves e venne pubblicata nel 1892, col titolo “Una vita”, dal tipografo triestino Vram. In omaggio alla duplice influenza culturale, italiana e tedesca, Ettore scelse di firmare il romanzo con lo pseudonimo con cui tutti noi lo conosciamo: Italo Svevo.

Alfonso Nitti, il protagonista, proviene da una famiglia di piccoli notabili di campagna, non ha sostanze e i suoi studi umanistici certo non possono aiutarlo a far fortuna. Così, per garantirsi una facile e confortante ascesa sociale, decide di sedurre Annetta, la figlia del titolare della banca Maller presso cui è impiegato. Il padre di Annetta, naturalmente, aveva previsto per lei un matrimonio più confacente al suo ceto, per cui la fanciulla si trova a doverne affrontare le ire.

In questo momento tanto delicato, Alfonso acconsente a lasciarla da sola, cogliendo al volo la sua richiesta di allontanarsi per risparmiargli offese inutili, e si reca nel suo villaggio, dove è trattenuto dalla malattia della madre
La verità, però, è che Alfonso semplicemente approfitta della situazione per sottrarsi alle proprie responsabilità.
Quando ritorna in città, dopo la morte della madre, Annetta è promessa al cugino Macario, e lui viene mortificato anche nel lavoro perché retrocesso ad una posizione meno retribuita: la logica sociale ha avuto il sopravvento…

“Una vita” si fonda sul conflitto tra ciò che si è e ciò che si rappresenta.
La stessa Annetta, sulle prime, non piace ad Alfonso, ma è pur sempre la donna più ambita e corteggiata. Così si spiega l’avversione che Alfonso prova nei suoi confronti dopo la notte d’amore: lui non vuole Annetta, ma solo impossessarsi di un ideale, raggiungere quello che per gli altri è il traguardo più alto. Allo stesso tempo, Annetta costituisce un mezzo per colpire Maller: disonorandola, Alfonso intacca l’autorità e il potere di suo padre.

Persino il riscatto morale degli ultimi capitoli è concepito come una riabilitazione di sé agli occhi degli altri: per Alfonso “l’essere” continua a confondersi con ciò che rappresenta nell’opinione altrui. In quest’ottica, la rinuncia ad Annetta in cui si compiace rientra nella linea delle sue condotte fallimentari, e il progresso nella conoscenza di sé non è altro che un auto-inganno: “Ora sapeva perché aveva rinunziato ad Annetta. Non aveva nulla da rimproverarsi perché aveva agito secondo la propria natura ch’egli ancora non aveva conosciuto. Era bene sapere finalmente i moventi direttivi di quell’organismo che ogni giorno gli aveva apportato delle sorprese. Conoscendoli egli ora poteva risparmiarsi altre deviazioni da quella via che la natura gli aveva imposta: una via aggradevole, facile e senza meta“.

Alla fine, dopo il ripiegamento difensivo e l’estraniamento dai fatti e dalla coscienza, Alfonso non potrà che constatare ed ammettere la propria inettitudine, scegliendo una soluzione plausibile sia dal punto di vista umano che narrativo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Italo

Svevo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Svevo Italo

Premio Andersen 2017 come "miglior libro a fumetti"

La compagnia dei soli

Rinaldi Patrizia, Paci Marco

Uno degli aspetti più straordinari dei disturbi dello spettro autistico è l'elevata frequenza di abilità speciali che in essi si rileva. È frequente che molte delle persone affette da questi disturbi possiedano abilità speciali nel campo della musica, dell'arte, del calcolo o della memoria. Perché soggetti con gravi compromissioni sul piano sociale e comunicativo sembrano predisposti a sviluppare l'orecchio assoluto, una memoria fotografica o la capacità di eseguire calcoli a velocità lampo? Questo libro esplora l'enigma del talento e il suo stretto legame con l'autismo indagando le numerose questioni che esso pone: esistono effetti genetici simili che predispongono al talento e all'autismo? Cosa c'è di speciale nei cervelli delle persone con abilità savant? Qual'è il modo migliore di promuovere i talenti in bambini e adulti con difficoltà comunicative e sociali? Con il contributo di alcune delle maggiori autorità mondiali, il volume cerca di districare il mistero delle abilità savant e di riflettere sul modo molto diverso in cui le persone con autismo vedono e comprendono il mondo. Una lettura stimolante per un pubblico interessato e scienze, arti e discipline umanistiche.

Autismo e talento

Happé Francesca

«Tutti temiamo di vestire i panni della vittima. Viviamo nell'incubo di venire derubati, ingannati, aggrediti, calpestati. Preghiamodi non incontrare sulla nostra strada un assassino. Ma quale ostacolo emotivo dobbiamo superare per immaginare di poter essere noi, un giorno, a vestire i panni del carnefice?» "Le parole di Nicola Lagioia ci portano dentro il caso di cronaca più efferato degli ultimi anni. Un viaggio per le strade buie della città eterna, un'indagine sulla natura umana, sulla responsabilità e la colpa, sull'istinto di sopraffazione e il libero arbitrio. Su chi siamo, o chi potevamo diventare. Nel marzo 2016, in un anonimo appartamento della periferia romana, due ragazzi di buona famiglia di nome Manuel Foffo e Marco Prato seviziano per ore un ragazzo più giovane, Luca Varani, portandolo a una morte lenta e terribile. È un gesto inspiegabile, inimmaginabile anche per loro pochi giorni prima. La notizia calamita immediatamente l'attenzione, sconvolgendo nel profondo l'opinione pubblica. È la natura del delitto a sollevare le domande più inquietanti. È un caso di violenza gratuita? Gli assassini sono dei depravati? Dei cocainomani? Dei disperati? Erano davvero consapevoli di ciò che stavano facendo? Qualcuno inizia a descrivere l'omicidio come un caso di possessione. Quel che è certo è che questo gesto enorme, insensato, segna oltre i colpevoli l'intero mondo che li circonda. Nicola Lagioia segue questa storia sin dall'inizio: intervista i protagonisti della vicenda, raccoglie documenti e testimonianze, incontra i genitori di Luca Varani, intrattiene un carteggio con uno dei due colpevoli. Mettersi sulle tracce del delitto significa anche affrontare una discesa nella notte di Roma, una città invivibile eppure traboccante di vita, presa d'assalto da topi e animali selvatici, stravolta dalla corruzione, dalle droghe, ma al tempo stesso capace di far sentire libero chi ci vive come nessun altro posto al mondo. Una città che in quel momento non ha un sindaco...

La città dei vivi

Lagioia Nicola

Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele