Narrativa

Una volta l’estate

Palomba Ilaria, Annibaldi Luigi

Descrizione: Maya cerca nell'arte un sentire lontano dalle convenzioni. Edoardo parte per una feroce missione in Medio Oriente lasciando sola sua moglie incinta. Mentre una postina ribalta ogni cosa, uno psichiatra lacaniano tenta di ricomporre il caleidoscopio. L'estate dell'umanità scompare. Ma c'è ancora qualcosa che Maya ed Edoardo possono fare per salvarsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Meridiano Zero

Collana: I paralleli

Anno: 2016

ISBN: 9788882374099

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

 

Una volta l’estate di Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi è la storia di due anime che collidono ma non collimano, lo scontro tra razionale ed irrazionale.
Edoardo ha la struttura mentale di un soldatino incline ai riti e alle regole prestabilite dal rigore militare, Maya è disposta a scostare il velo della realtà sensibile, artista immersa nei colori delle sue tele, nelle sinestesie create tra sogni lucidi e psicosi.
L’eventualità di un figlio è esperienza distruttiva per un spirito inquieto ed abituato a generare solo attraverso l’arte. Inoltre certe lontananze amorose non fanno altro che allargare fratture. Il Medio Oriente è luogo di morte e orrore. Edoardo si trova in questi teatri di guerra, tra il tanfo della putrefazione e la marcescenza della carne spappolata, è costretto insieme ai suoi colleghi a compiere l’ingrata mansione di raccogliere corpi e resti umani.
Bianco e rosso sono i colori predominanti, tinte incrostate nella psiche di Maya. Dove bianco è il latte del nutrimento ma anche nuance dello sperma a suggerire la paura del concepimento.

Aprii il frigorifero,cigolava. Presi il barattolo di latte e lo svuotai in un tegame sporcandomi di bianco le dita. Lo scroscio si univa al tuo sguardo, su di me, in basso. Ti guardavo eccitarti. É l’alza bandiera, dicevi mentre ti sentivi fendere i pantaloni del pigiama. Misi il tegame per terra e mi ci sedetti sopra. Poi mi rialzai. Mi annusavi la pelle. La vulva rada grondava gocce bianche. La canottiera in pizzo sdrucita faceva tre pieghe sul fianco sinistro. Mi fissavi i capezzoli gocciolare sulla pelle bianchissima. I piedi nudi, equilibristi, uno sull’altro. Avvicinai il tegame alle labbra e bevvi. Mi venisti incontro, fingevo di non accorgermi di nulla, poi mi voltai, prima che tu riuscissi a toccarmi. Mi guardavi le labbra sporche di latte, me le accarezzavi ma non ti sorridevo. Le bocche a un centimetro di distanza. Non voglio più sentir parlare di bambini, mai più stavo per dirti, ma non lo feci.
E rosso è il colore del fuoco, quello che scalda e trasporta le passioni di un’anima e il suo incendio. Rosso come lo sfondo de l’Urlo del pittore Munch, dove il cielo è macchiato di sangue. E infatti il romanzo si apre con questa citazione del pittore norvegese:
La mia arte ha le sue radici nelle riflessioni sul perchè non sono uguale agli altri, sul perchè ci fu una maledizione sulla mia culla, sul perchè sono stato gettato nel mondo senza poter scegliere.

Un romanzo costruito per frammenti dove inesorabilmente si ricostruisce il puzzle formato dai cocci di due esistenze in frantumi.
Due penne mescolate a mestiere quella di Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi: si passa da incubi, visioni ed infernali vortici ad una narrazione più meditata, asciutta e cinica. Ogni personaggio possiede ed usa il suo registro, ed è questa la peculiarità del romanzo. Voci diverse si mescolano abilmente, personaggi secondari raccontano alternandosi alle visioni di Maya e alle narrazioni piane di Edoardo.
Un libro scritto per ferire e curare, apologia della follia sublimata nell’arte. Ma anche riflessione attenta sul confine sottile tra razionalità e pazzia.
Il finale risulta un po’ sbrigativo, la storia meritava forse un maggiore sviluppo dell’epilogo. Ma come dice Ilaria Palomba: è di certo difficile indugiare sull’amore da un lato salvifico, dall’altro foriero di tutto il dolore possibile.

Buona lettura,

Simone Pozzati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Annibaldi

Ilaria,

Palomba

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palomba Ilaria, Annibaldi Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

La donna di scorta

De Silva Diego

"Circolo chiuso" è il seguito de "La banda dei brocchi" e si snoda lungo un arco ce va dagli anni settanta del primo romanzo ai giorni nostri. Ma, mentre "La banda dei brocchi" è il romanzo dell'innocenza, "Circolo chiuso" è il suo opposto: è il romanzo dell'esperienza. Non più ragazzi, molti dei personaggi devono lottare contro la tristezza, le responsabilità e le ragioni dell'età adulta. Claire Newman, reduce da un matrimonio fallito e da un lungo soggiorno in Italia segnato da un amore difficile, decide di tornare in Inghilterra, nella sua vecchia città di Birmingham. Pensa sia venuto il momento, dopo più di vent'anni, di scoprire cosa sia successo a sua sorella Miriam, scomparsa all'improvviso e misteriosamente nel 1978. Tra i tanti personaggi del passato che rivede, c'è anche Paul Trotter, già membro del Partito conservatore che, pur essendo diventato parlamentare laburista, vota a favore della guerra contro l'Iraq, sebbene sia convinto che ciò sia un errore. Paul è sposato ma è follemente invaghito di Malvina, la sua responsabile per l'immagine. Le sue incertezze morali rispecchiano i conflitti di un paese che vive gli stessi dubbi. Attorno a questi e ad altri personaggi, vecchie conoscenze di chi ha letto "La banda dei brocchi", ruotano eventi privati e pubblici che formano un impasto unico: assistiamo all'ascesa di Tony Blair, alla svolta del Partito Laburista, al dramma del lavoro costretto nella morsa della globalizzazione, alle conseguenze dell'11 settembre fino alla guerra in Iraq. Insomma, la pienezza cui Jonathan Coe ci ha abituati si dispiega in questo romanzo: anzi, sebbene "Circolo chiuso" sia in sé compiuto, preso insieme a "La banda dei brocchi" (anni settanta) e a "La famiglia Winshaw" (anni ottanta), rappresenta la conclusione di un grande affresco dell'Inghilterra degli ultimi trent'anni.

Circolo chiuso

Coe Jonathan