Narrativa

Una volta l’estate

Palomba Ilaria, Annibaldi Luigi

Descrizione: Maya cerca nell'arte un sentire lontano dalle convenzioni. Edoardo parte per una feroce missione in Medio Oriente lasciando sola sua moglie incinta. Mentre una postina ribalta ogni cosa, uno psichiatra lacaniano tenta di ricomporre il caleidoscopio. L'estate dell'umanità scompare. Ma c'è ancora qualcosa che Maya ed Edoardo possono fare per salvarsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Meridiano Zero

Collana: I paralleli

Anno: 2016

ISBN: 9788882374099

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

 

Una volta l’estate di Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi è la storia di due anime che collidono ma non collimano, lo scontro tra razionale ed irrazionale.
Edoardo ha la struttura mentale di un soldatino incline ai riti e alle regole prestabilite dal rigore militare, Maya è disposta a scostare il velo della realtà sensibile, artista immersa nei colori delle sue tele, nelle sinestesie create tra sogni lucidi e psicosi.
L’eventualità di un figlio è esperienza distruttiva per un spirito inquieto ed abituato a generare solo attraverso l’arte. Inoltre certe lontananze amorose non fanno altro che allargare fratture. Il Medio Oriente è luogo di morte e orrore. Edoardo si trova in questi teatri di guerra, tra il tanfo della putrefazione e la marcescenza della carne spappolata, è costretto insieme ai suoi colleghi a compiere l’ingrata mansione di raccogliere corpi e resti umani.
Bianco e rosso sono i colori predominanti, tinte incrostate nella psiche di Maya. Dove bianco è il latte del nutrimento ma anche nuance dello sperma a suggerire la paura del concepimento.

Aprii il frigorifero,cigolava. Presi il barattolo di latte e lo svuotai in un tegame sporcandomi di bianco le dita. Lo scroscio si univa al tuo sguardo, su di me, in basso. Ti guardavo eccitarti. É l’alza bandiera, dicevi mentre ti sentivi fendere i pantaloni del pigiama. Misi il tegame per terra e mi ci sedetti sopra. Poi mi rialzai. Mi annusavi la pelle. La vulva rada grondava gocce bianche. La canottiera in pizzo sdrucita faceva tre pieghe sul fianco sinistro. Mi fissavi i capezzoli gocciolare sulla pelle bianchissima. I piedi nudi, equilibristi, uno sull’altro. Avvicinai il tegame alle labbra e bevvi. Mi venisti incontro, fingevo di non accorgermi di nulla, poi mi voltai, prima che tu riuscissi a toccarmi. Mi guardavi le labbra sporche di latte, me le accarezzavi ma non ti sorridevo. Le bocche a un centimetro di distanza. Non voglio più sentir parlare di bambini, mai più stavo per dirti, ma non lo feci.
E rosso è il colore del fuoco, quello che scalda e trasporta le passioni di un’anima e il suo incendio. Rosso come lo sfondo de l’Urlo del pittore Munch, dove il cielo è macchiato di sangue. E infatti il romanzo si apre con questa citazione del pittore norvegese:
La mia arte ha le sue radici nelle riflessioni sul perchè non sono uguale agli altri, sul perchè ci fu una maledizione sulla mia culla, sul perchè sono stato gettato nel mondo senza poter scegliere.

Un romanzo costruito per frammenti dove inesorabilmente si ricostruisce il puzzle formato dai cocci di due esistenze in frantumi.
Due penne mescolate a mestiere quella di Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi: si passa da incubi, visioni ed infernali vortici ad una narrazione più meditata, asciutta e cinica. Ogni personaggio possiede ed usa il suo registro, ed è questa la peculiarità del romanzo. Voci diverse si mescolano abilmente, personaggi secondari raccontano alternandosi alle visioni di Maya e alle narrazioni piane di Edoardo.
Un libro scritto per ferire e curare, apologia della follia sublimata nell’arte. Ma anche riflessione attenta sul confine sottile tra razionalità e pazzia.
Il finale risulta un po’ sbrigativo, la storia meritava forse un maggiore sviluppo dell’epilogo. Ma come dice Ilaria Palomba: è di certo difficile indugiare sull’amore da un lato salvifico, dall’altro foriero di tutto il dolore possibile.

Buona lettura,

Simone Pozzati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Annibaldi

Ilaria,

Palomba

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palomba Ilaria, Annibaldi Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Scritto nei sassi" raccoglie sessanta brevissimi racconti che non superano le 1000 battute ciascuno. Eppure, quasi fossero sassolini essi stessi, i testi di Diego Fontana riescono ad abbracciare mondi interi, a condensare frammenti di realtà, a vivere di rimandi e citazioni, a raccontare tra le righe, molto più di quanto non si possa scorgere a una lettura superficiale, dando la piacevole sensazione di una scrittura meditata, e di parole selezionate con cura, quasi levigate dal tempo come rocce. Il volume è arricchito dalle tavole illustrate di Stefano Landini.

SCRITTO NEI SASSI

Fontana Diego

Un senatore dell’antica Roma, giunto al termine della vita, decide di intraprendere la sua ultima impresa: il racconto della storia dell’umanità. La sua narrazione si incentra sul popolo delle Cleft, una comunità ormai scomparsa di donne che vivevano in una sorta di paradiso terrestre, procreando senza essere fecondate dagli uomini e mettendo al mondo solo bambine, destinate a perpetuare la loro specie. Ma la nascita inattesa di una creatura strana e sconosciuta, un maschietto, infrange per sempre l’armonia della piccola comunità, mettendone a repentaglio l’esistenza stessa.

Una comunità perduta

Tre viaggi nel corso di un anno. Turchia, Iraq, Siria, per documentare la vita della resistenza curda in una delle zone calde meno spiegate dai media mainstream. Zerocalcare realizza un lungo racconto, a tratti intimo, a tratti corale, nel quale l'esistenza degli abitanti del Rojava (una regione il cui nome non si sente mai ai telegiornali) emerge come un baluardo di estrema speranza per tutta l'umanità.

Kobane calling

Zerocalcare

"La memoria custodisce ciò che sceglie di custodire. Come il sogno, anche la memoria cerca di attribuire agli eventi un qualche significato." Aharon Appelfeld in questo libro autobiografico accetta infine il confronto con la propria memoria. Impresa dolorosa che scortica l'anima perché la sua memoria nasconde l'esperienza di un'infanzia spezzata dall'orrore della Storia, nasconde la solitudine di un bambino costretto a vagare da solo per mesi nei boschi con l'incubo di essere riconosciuto, nasconde il suo peregrinare per mezza Europa fino all'arrivo in Israele e il suo difficile inserimento in una nuova realtà. Appelfeld sfida il dolore e disseppellisce quei ricordi che per poter continuare a vivere aveva spinto nelle zone buie e cieche della propria memoria, ci racconta la lotta di un ragazzo che ricostruisce la propria identità a partire dallo sradicamento degli affetti, della cultura, della lingua.

STORIA DI UNA VITA

Appelfeld Aharon