Narrativa

Uno in diviso

Pierantozzi Alcide

Descrizione: Taiwo e Kehinde sono gemelli siamesi. Il loro corpo dotato di due busti e di un solo paio di gambe ha la forma di una ipsilon, come la lingua di un serpente. È solo la prima di una serie di immagini fulminanti, di una successione di pagine fosche e splendenti. "Uno in diviso": io, l'Italia, due gemelli con il corpo a forma di ipsilon, la Chiesa, l'aborto, i Pacs, l'omicidio, il terrore di uno sfruttamento fisico e intellettuale, il terrore di una spaccatura. Un romanzo che è un presagio, una fulminante premonizione. Una storia, firmata da un autore di vent'anni, che descrive il crollo delle dicotomie contemporanee e ricorda il Pasolini degli ultimi film.

Categoria: Narrativa

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889920794

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Descrizione: Sono due, uno, i protagonisti di questo libro: Taiwo e Kehinde, gemelli siamesi, indivisibili per quel loro corpo dotato di due busti e un solo paio di gambe. Con Uno in diviso, Alcide Pierantozzi ha bruciato le tappe del pubblico riconoscimento, irrompendo con forza nell’immaginario dei lettori. La ipsilon in carne e ossa che Taiwo e Kehinde rappresentano è solo la prima, inquietante immagine in una successione di immagini cupe e allo stesso tempo splendenti. Uno in diviso, dopo aver raccontato il crollo delle dicotomie, è ancora capace di rispecchiare le crepe della realtà presente, provocando terremoti di inquietudine nelle nostre coscienze.

Uno in diviso già dal titolo pone l’accento sulla natura dualistica degli opposti che si completano, raccontando la deformità dell’animo umano attraverso la figura dei gemelli siamesi.  Lo ying e lo yang, l’uroboro dell’eterno ritorno, tatuato peraltro sul collo di uno dei protagonisti. Ma il protagonista uno in diviso ricorda anche la divinità del Giano bifronte da cui sembra derivi – stando a un’ipotesi giudicata inverosimile da storici ed archeologi – il nome della città di Avezzano in Abruzzo, dove tra l’altro il libro è in parte ambientato. “Ave Jane”, un’invocazione posta sul portale di un tempio consacrato al dio.

E comincia proprio così il libro:
Furono i serpenti a rovinarmi la vita. Quelle creature semplici, essenziali, quei corpi guizzanti senza artigli.
La paura dei rettili è imperscrutabile, oscura.
La paura per l’infinito pure.
I suoi primordi nella Genesi, nel cominciamento dell’Universo mondo.
Il diavolo è scempio, il male nitido, senza macchia.
Nel paradiso terrestre, il male ha le fattezze di una lunga serpe, altrove il diavolo è un vecchio sarto che ghigna, un normale viatore che sorride.
Il sorriso è una reazione incontrollata: da sempre – davvero – non c’è nulla di più naturale.
I serpenti non hanno nulla.
Non hanno le braccia, non hanno le unghie: il pelame, un sesso evidente. Il concetto di infinito ostacola le umane capacità intellettive, è l’idea più semplice che ci sia dato avere nella mente.

Kehinde è la parte “buona”, Taiwo la parte “cattiva”, ma i due si compenetrano contaminandosi vicendevolmente. Diventano anche simbolo dei sincretismi della nostra cultura. Mentre uno è propenso a cibarsi di carne umana ed escrementi, l’altro sembra a tratti ossessionato dall’igiene. Ma i due sono uno e due indivisibili. L’ambiguità fusa in un solo essere bino.
Alcide Pierantozzi attraverso la storia affresca una porzione di squallore che si fa bellezza, e lo fa evidenziando le asimmetrie insite nella natura umana.
Lettura insomma in grado di disturbare; infatti, se da una parte c’è il rischio di arrestare la corsa delle pagine per un profondo senso di nausea generato dalle torbide immagini, dall’altra c’è la voglia di affondare nelle spire e nelle spirali degli inferni descritti.
Una scrittura sincera, capace di prendere a calci lo stomaco. Una penna mai scontata, in grado di orientare il lettore anche a occhi chiusi, grazie all’odore di morte che impregna l’interno romanzo.
Una matrice di incubi e succubi, colma di citazioni mai prolisse rispetto la narrazione. Sembra quasi di guardare un film splatter, ma si tratta di una pellicola colma di riflessioni sulla fragile disumanità dell’essere uomini.

Da leggere solo se forti di stomaco.

Copertina a cura di Maurizio Ceccato

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alcide

Pierantozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pierantozzi Alcide


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

E se Michelangelo Merisi da Caravaggio, quel lontano 18 luglio 1610, non fosse morto? Se, ferito e febbricitante, fosse stato trovato sulla sabbia del Tombolo della Feniglia da un'affascinante quanto misteriosa giovinetta in grado di riportarlo in salute? Forse il suo temperamento "maledetto" si sarebbe addolcito di fronte alla disarmante sincerità, all'affetto genuino e alla totale dedizione della sconosciuta. Probabilmente la mutata concezione della vita avrebbe generato altri capolavori assoluti, vibranti di luce diversa, ricchi di una serenità che mai egli stesso avrebbe immaginato di poter vivere e comunicare. Finalmente arriva la grazia, l'agognato ritorno a Roma e una commissione grandiosa e totalmente appagante: un sogno incredibile, una possibilità insperata. Ma ogni sogno è destinato a svanire con la notte: i debiti col passato sono fantasmi mai sconfitti. Il tempo è come un cerchio, chiuso e perfetto e il Caravaggio lo sa bene...

Il sogno di Caravaggio

Montecchi Rossella

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.

Pietro è un bambino autistico. Non riesce a comunicare con il mondo esterno, ma nei suoi disegni rappresenta tutto quello che vede, in ogni dettaglio. Un giorno un gruppo di ragazzi del quartiere lo prende di mira e si accanisce violentemente contro di lui. Lo fa assistere a una scena di masturbazione, lo insulta, lo deride, gli sputa addosso. Quella stessa sera un ragazzo del gruppo scompare sulle rive del fiume. Di lui si perde ogni traccia, e poi, qualche giorno dopo, scompaiono altri due ragazzi, anche il fratello di Pietro, mentre è in sua compagnia. Quando Alice, l'insegnante di Pietro, gli chiede di disegnare quello che è accaduto, nota un particolare inquietante: nel disegno c'è anche un vecchio seduto su una panchina, vestito di nero, con le scarpe bianche e un bastone. Alice conosce bene quel vecchio. È l'uomo degli incubi della sua infanzia. L'uomo dei Sogni. Presentazione di Valerio Evangelisti.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza