Classici

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi

Descrizione: L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806174156

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Uno, nessuno e centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi Pirandello.

Fu pubblicato solo nel 1926, ma in realtà l’autore vi ha lavorato per diversi anni, creando così una sintesi quasi perfetta delle sue riflessioni geniali e della sua straordinaria capacità di analisi psicologica.

È un giorno come tanti per Vitangelo Moscarda, un uomo che potremmo definire mediocre, banale, “normale”.

Conduce un’esistenza pacata e tranquilla, grazie alla banca ereditata dal padre, e nemmeno si cura di gestirla personalmente.

Non ha grilli per la testa, la routine gli dà sicurezza, non ha bisogno di nient’altro.

All’improvviso, però, il suo equilibrio si spezza.

L’evento scatenante è una semplice frase di sua moglie, la quale gli fa notare che ha il naso un po’ storto.

Non se n’era mai accorto…

Da qui, la prima riflessione importante: poiché gli altri hanno di lui una percezione diversa da quella che lui ha di se stesso, forse non esiste una realtà oggettiva, e ciascuno di noi non è Uno, bensì Centomila.

Vitangelo Moscarda è una certa persona per sua moglie, un’altra per i collaboratori che gestiscono la sua banca, un’altra ancora per la gente del paese, e così via.

Il passo che riporto è tratto dal Capitolo X – Due Visite, e credo renda molto bene il concetto.

Pirandello sottopone al lettore (con il quale spesso dialoga direttamente in questo romanzo) una situazione in cui è facile ritrovarsi.

La visita di un amico di vecchia data e quella di un nuovo amico si intrecciano fortuitamente, e noi siamo presi da uno strano imbarazzo, tanto da inventare una scusa per congedare uno dei due.

Il vostro vecchio amico, in sé e per sé, non aveva nessuna ragione d’esser mandato via, sopravvenendo il nuovo. I due, tra loro, non si conoscevano affatto; li avete presentati voi l’uno all’altro; e potevano insieme trattenersi una mezz’oretta nel vostro salotto a chiacchierare del più e del meno. Nessun imbarazzo né per l’uno né per l’altro. L’imbarazzo l’avete provato voi, e tanto più vivo e intollerabile, quanto più, anzi, vedevate quei due a poco a poco acconciarsi tra loro a fare accordo insieme. L’avete subito rotto, quell’accordo. Perché? Ma perché voi (non volete ancora capirlo?) voi, all’improvviso, cioè all’arrivo del vostro nuovo amico, vi siete scoperto due, uno così dall’altro diverso, che per forza a un certo punto, non resistendo più, avete dovuto mandarne via uno. Non il vostro vecchio amico, no; avete mandato via voi stesso, quell’uomo che siete per il vostro vecchio amico, perché lo avete sentito tutt’altro da quello che siete, o volete essere, per il nuovo. Incompatibili non erano quei due, estranei l’uno all’altro, garbatissimi entrambi e fatti fors’anche per intendersi a maraviglia; ma i due voi che all’improvviso avete scoperto in voi stesso. Non avete potuto tollerare che le cose dell’uno fossero mescolate con quelle dell’altro, non avendo esse propriamente nulla di comune tra loro. Nulla, nulla, giacché voi per il vostro vecchio amico avete una realtà e un’altra per il nuovo, così diverse in tutto da avvertire voi stesso,che, rivolgendovi all’uno, l’altro sarebbe rimasto a guardarvi sbalordito; non vi avrebbe più riconosciuto; avrebbe esclamato tra sé: “Ma come? È questo? È così?”

E nell’imbarazzo insostenibile di trovarvi, così, due, contemporaneamente, avete cercato una scusa meschina per liberarvi, non d’uno di loro, ma d’uno dei due che quei due vi costringevano a essere a un tempo.

Sù sù,  tornate a leggere questo mio libretto, senza più sorridere come avete fatto finora.

Credete pure che, se qualche dispiacere ha potuto recarvi l’esperienza or ora fatta, quest’è niente, mio caro, perché voi non siete due soltanto, ma chissà quanti, senza saperlo, e credendovi sempre uno”.

Di fronte alla scoperta sconcertante di non essere Uno, ma centomila, Moscarda reagisce tentando di smantellare i vari personaggi che i suoi conoscenti hanno creato, perché, in verità, nessuno gli corrisponde in toto. A partire dal ridicolo “Gengè”, ossia il Moscarda costruito da sua moglie Dida.

L’obiettivo è di carpire, individuare, sviscerare il suo autentico Io e, per fare ciò, Moscarda decide di compiere una serie di azioni non corrispondenti a ciò che la gente pensa di lui. Azioni che appaiono agli altri sconclusionate, fuori da ogni logica, quasi pericolose, tant’è che la moglie, il suocero ed i gestori della banca addirittura cospireranno per farlo interdire.

Alla fine, non riuscirà a liberarsi delle facce attribuitegli dalla società: questa ne affibbia continuamente di nuove, migliori o peggiori, ma sempre distanti dalla verità. Perché la verità é che siamo nessuno, mutevoli come la vita stessa. Qualsiasi identità assumiamo, o ci venga assegnata, non sarà mai definitiva, mai assoluta.

Così Pirandello/Moscarda giungerà a rifiutare il suo stesso nome, accettando il continuo divenire, il fluire delle cose, senza averne più paura, senza più sentirsi solo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

Come puoi amare qualcuno che non puoi nemmeno sfiorare? A Stella piace avere il controllo su tutto, il che è piuttosto ironico, visto che da quando è bambina è costretta a entrare e uscire dall'ospedale per colpa dei suoi polmoni totalmente fuori controllo. Lei però è determinata a tenere testa alla sua malattia, il che significa stare rigorosamente alla larga da chiunque o qualunque cosa possa passarle un'infezione e vanificare così la possibilità di un trapianto di polmoni. Una sola regola tra lei e il mondo: mantenere la "distanza di sicurezza". Nessuna eccezione. L'unica cosa che Will vorrebbe poter controllare è la possibilità di uscire una volta per tutte dalla gabbia in cui è costretto praticamente da sempre. Non potrebbe essere meno interessato a curarsi o a provare la più recente e innovativa terapia sperimentale. L'importante, per lui, è che presto compirà diciotto anni e a quel punto nessuno potrà più impedirgli di voltare le spalle a quella vita vuota e non vissuta, un viaggio estenuante da una città all'altra, da un ospedale all'altro, e di andare finalmente a conoscerlo, il mondo. Will è esattamente tutto ciò da cui Stella dovrebbe stare alla larga. Se solo lui le si avvicinasse troppo, infatti, lei potrebbe veder sfumare la possibilità di ricevere dei polmoni nuovi. Anzi, potrebbero rischiare la vita entrambi. L'unica soluzione per non correre rischi sarebbe rispettare la regola e stare lontani, troppo lontani, uno dall'altra. Però, più imparano a conoscersi, più quella "distanza di sicurezza" inizia ad assomigliare a "una punizione"...

A un metro da te

Lippincott Rachael

La colpa di vivere

Barbara Goti

Willie Black è un giornalista vecchio stampo: ama il suo lavoro e cerca di svolgerlo nel migliore dei modi, nel rispetto di un codice etico che ormai è retaggio di un'altra epoca. I giornali infatti sono in crisi, i colleghi svogliati e disattenti, e Willie, dopo venticinque anni di carriera nella cronaca politica, viene retrocesso al turno "crimini di notte", l'ultima sponda prima del licenziamento. La predisposizione a ficcarsi nei guai, il vizio dell'alcol e il difetto di dire sempre quello che pensa non gli sono di aiuto. E così, quando il corpo di una diciannovenne viene trovato senza testa nelle acque del South Anna River e la polizia archivia velocemente il caso dopo la confessione sospetta di un uomo, Willie si ritrova solo contro tutti: una crociata solitaria a Oregon Hill, un quartiere storico della città di Richmond, Virginia, dove un clima di razzismo, corruzione e menzogne si mette di traverso nella sua ostinata ricerca della verità per quella ragazza senza vita.

Oregon Hill

Owen Howard