Narrativa

UVA NOIR

Genisi Gabriella

Descrizione: Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

Categoria: Narrativa

Editore: Sonzogno

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788845425257

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Sto leggendo le prime pagine di un nuovo romanzo. Sono sul treno delle Ferrovie Nord che quotidianamente mi porta a Milano. Decisamente divertenti, le prime pagine del libro fresco fresco, al punto che non riesco a trattenere le risate. Il viaggiatore che ho di fronte, anziché schiacciare un pisolino (è il primo treno del mattino, potrebbe anche essere naturale appisolarsi!) mi guarda incuriosito. E allora io sollevo il libro, in modo che il mio dirimpettaio veda che non sto leggendo l’ultimo della Litizzetto: perché la fonte delle mie risate è “Uva Noir” di Gabriella Genisi.

Il motivo della mia ilarità sta nella scena iniziale: Lolita Lobosco, il commissario più erotico della nostra stravagante penisola, inaugura la sua terza avventura (“Uva noir” è il frutto che Gabriella ci offre dopo “La circonferenza delle arance” e “Giallo ciliegia”) con una scenetta da commedia americana rivisitata attraverso personaggi intrisi della migliore italianità.

Sì, perché Lolita – di proposito, “come un teppistello da quattro soldi” – guida la sua auto in modo da schizzare l’acqua di una pozzanghera su Giovanni Panebianco, “il cherubino biondo della Procura”: l’uomo più ambito dalle donne baresi, Lolì compresa e in prima fila.

La scena mi ricorda “Il visone sulla pelle”, film americano che si apre con un inamidato Cary Grant nel ruolo dell’industriale Philip Shayne, la cui Rolls Royce – passando su una pozzanghera – copre di fango Doris Day alias Cathy Timberlake, un’ingenua ragazza di provincia che sta per recarsi a un colloquio di lavoro.

Ovvio, si tratta soltanto di un’assonanza. Cary Grant non inzacchera ‘la fidanzata d’America’ di proposito, mentre Lolita agisce con premeditazione tutta femminile in una scena ove l’auto non è una Rolls bensì “il Maggiolone cabrio bianco latte del ‘71” e il ruolo uomo-donna è invertito, in un’epoca ove “eccoli lì i superuomini italiani. Perennemente inadeguati, davanti a una donna più forte. Forse andrebbero rieducati, ‘sti ragazzi. Bisognerebbe spiegarglielo che tutto cambia, donne comprese.”

Lolita è personaggio composito: ha un cuore grosso così, sensualità da vendere e opera con moderata incoerenza rispetto al ruolo istituzionale che ricopre (per dire: passa con il rosso e subito dopo piglia una bella multa per divieto di sosta. E, interpretando l’immaginario erotico collettivo, consuma il suo primo rapporto amoroso con Giovanni … negli uffici della questura), ma soprattutto si emoziona di fronte allo straziante caso che deve affrontare: l’omicidio del piccolo Morris, figlio dell’arrivista “Uva ‘gnura” (l’uva nera del titolo francesizzato) e di Lorenzo Milone, farmacista dall’instabile equilibrio psichico che si è lasciato catturare in un matrimonio di convenienza da Lorena “Uva ‘gnura”. Una donna che è un incrocio tra una escort e una delinquente dedita a traffici illeciti in combutta con due loschi fratelli.

Perché Lorena non ha denunciato la scomparsa del figlioletto, avvenuta almeno due giorni prima del ritrovamento del cadavere?

A questo e ad altri quesiti deve rispondere Lolì, peraltro impegnata, in parallelo, a risolvere un enigma che la riguarda direttamente: identificare l’autrice delle scritte ingiuriose che compaiono nel parcheggio della questura e che le danno apertamente della ‘pu@@ana’.

Sullo sfondo ci sono: la Bari assediata dal mare e da reati spesso crudeli, la nuova generazione della malavita, la dinastia degli arricchiti e lo stuolo delle intrattenitrici di alto bordo.

Come nelle precedenti avventure, anche in “Uva noir” Lolita interseca altri personaggi celebri della letteratura contemporanea: in una telefonata, il commissario Montalbano le sottopone un’intuizione risolutiva sillabando: “Cherchez la femme”. Mentre ha un sapore cultural-culinario l’incontro tra il bel commissario e Pepe Carvalho.

Con il terzo romanzo di Lolì, in modo lineare e spontaneo, Gabriella Genisi ci regala – senza le complicazioni che spesso caratterizzano la trama di gialli cervellotici o involuti – una piacevolissima lettura, ove umorismo, sensualità e sapori nostrani sono sapientemente combinati in una magica formula, proprio come piace a …

 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriella

Genisi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genisi Gabriella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Un mosaico di amori, litigi, storie di vite ordinarie nella Mosca contemporanea. Uno scrittore privo di ispirazione fissa la pagina bianca del computer: non c’è verso di scrivere una riga del romanzo che gli hanno commissionato, meglio uscire a fare quattro passi. Da quando la moglie Tamara lo ha lasciato per un affarista pragmatico e vincente, il dolore della perdita si è fatto sottofondo dolce e amaro di giornate vuote passate a fumare, pensare, ricordare… ma poi tutto attorno pare risvegliarsi e alla piccola vita triste, sfaccendata bussano storie fino allora invisibili. Un incontro fugace in ascensore, una chiacchierata al parco con una giovane madre, la gita alla dacia, il rito della sigaretta sul balcone, le voci e il baccano del condominio, gli aperitivi a scrocco nei club letterari, la quotidiana passeggiata con il cane e il romanzo, come la vita, si scrive da sé. Un mosaico di incontri, litigi, flirt, coincidenze, vite ordinarie di personaggi usa-e-getta raccontati per un istante e persi nella megalopoli: la Mosca contemporanea, tra quartieri d’élite e casermoni periferici, caotica, sulfurea, e sensuale. Il protagonista sembra adagiarsi in una rassegnazione apparentemente pacata eppure pronta, nel caso, a riprendersi il maltolto: alla fine l’occasione arriva, come un frutto maturo sarà proprio la felicità a cadere dritta fra le mani aperte.

FELICITA’ POSSIBILE

Zajonckovskij Oleg

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt

In tutta la sua carriera, l'ispettore di Polizia Jeanette Kihlberg non ha mai visto niente di simile: il corpo giace seminascosto in un cespuglio in uno squallido quartiere periferico di Stoccolma. Un ragazzo, una vittima di un omicidio brutale, un cadavere perfettamente mummificato. Jeanette capisce che da sola non può farcela, il suo intuito investigativo non basta per capire quali abissi nasconde la mente che ha concepito questa messa in scena. Chiede aiuto a Sofia Zeltelund. psichiatra, esperta di personalità multipla. Al primo omicidio ne seguono altri, tutti con le stesse modalità. Jeanette e Sofia incominciano insieme un viaggio all'inferno, alla ricerca di un serial killer. Tutte e due si pongono le stesse domande: quanto deve soffrire una persona per trasformarsi in un mostro? E quanto stravolgerà la loro vita questa caccia all'uomo, questa guerra contro il tempo e contro la distruzione? Un libro duro e cupo dal ritmo incalzante, un thriller che spicca in un panorama letterario nordico ricco di autori di bestseller come Stieg Larsson e Lars Kepler. Un esordio che è diventato un caso editoriale nel Nord Europa, che ha stupito la critica e che è balzato in vetta alle classifiche. Un romanzo sul male che trasforma la vittima in carnefice, che si insinua nel lettore e che non lo abbandona più...

LA STANZA DEL MALE

Sundquist Hakan Axlander