Narrativa

Vacche amiche

Busi Aldo

Descrizione: Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2015

ISBN: 9788831721684

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aldo Busi pubblica un’autobiografia sui generis, intitolata “Vacche amiche”, nella quale ritroviamo vis polemica e stile che hanno reso celebre uno dei personaggi più originali dello scenario letterario nostrano.

Che al resoconto della sua vita Aldo Busi si accosti con il piglio della dissacrazione è chiaro fin dalle note biografiche in terza di copertina: un’unica frase, “Aldo Busi è nato nel 1948 a Montichiari (Bs), dove mantiene la residenza fiscale”.

Il racconto procede, volubile e umorale, tra qualche ricordo (“In una casamatta isolata dentro un campo di viti dietro l’albergo… quando pioveva la pioggia mi scendeva davanti, restavo a guardarla fino a che smetteva, rabbrividivo più per il languore ticchettante di uno spettacolo cos’ strano inscenato solo per me che per il senso di freddo…”), molte rimostranze ai limiti della voluptas dolendi (Quanto mi piace a me di lamentarmi pur di sentire qualcuno risuonarmi nella glottide”), le inevitabili (così sembrano) autocelebrazioni (“Non mi occupo né mi preoccupo di chi potrà leggermi, se capirà o no e quanto…”), idee potenti (“L’unico sentimento che può competere con l’amore carnale: l’amore intellettuale che non ammette sconti, rimozioni, infingimenti”) e dichiarazioni di principio, il gusto per la provocazione che in questo autore non costituisce più una novità (“Io non ho mai preso un centesimo in nero, a parte un’ottantina di milioni una volta, più di vent’anni fa, per il gusto di autodenunciarmi in uno dei miei Manuali della perfetta umanità”), il senso della solitudine (“Tanti conoscenti, di cui finisci per dimenticarti nome e faccia da un mese all’altro, ma amici no”).

Tra i passaggi più interessanti dell’opera, segnaliamo i ricordi dell’infanzia (“Busi, tanto per cambiare sei andato fuori tema, ma il voto per punizione, poco meno di dieci, mi ha convinto sin dalla più tenera e diabolica età della regola più elementare per cambiare tutte le verità di regola in tasca e metterci la tua firma: scrivere un tema per andare fuori tema senza però andare fuori strada e prendere l’insufficienza”), le riflessioni sulla condizione dello scrittore contemporaneo (“Ah, dimenticavo il colmo dei colmi quanto a vergogna nazionale: Aldo Busi al giorno d’oggi non ha un editore, se li è seminati alle spalle uno dopo l’altro, e non saprei dire quale è stato il più mediocre, il più incapace, il più analfabeta, il più impuro, il più italiano”) e sulla letteratura dei nostri giorni (“Qualsiasi opera di letteratura, la cui sedimentazione è durata magari trent’anni e una decina la sua stesura, non dura più di un tweet, e sarà numericamente infinitamente meno letta e presa in considerazione di un hashtag”).

Lo stile è ricco, concitato, a tratti vaneggiante, a tratti di una lucidità tagliente, originale nel riecheggiare e nel distorcere (“Ognuno sta solo sul cuore delle app, piove che ti trafigge, non è mai sera e è subito oblio”).
Nella parte finale viene abbozzata una proposta esistenziale che si radica nelle tradizioni contadine e nell’autenticità dei rapporti elementari.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Busi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Busi Aldo

Luca Fanti è uno scrittore che ha perso la sua vena artistica, mentre quella di Carlo Baiocco sembra essere inesauribile o forse frutto di un misterioso ghost writer. Silvia Giano gestisce il suo Baretto in modo impeccabile, grazie soprattutto alla sua bellezza che è imbarazzante almeno quanto il caffè che serve. Meravigliosa e inconsistente, secondo le opinioni dei suoi avventori. Ma niente è come sembra e a mano a mano che la storia di Caffè Corretto si dipana, partendo da Roma per approdare a Mindino, una sperduta borgata del basso Piemonte, ogni personaggio riserverà delle sorprese, dimostrando di essere molto diverso da come si presenta. Silvia è davvero superficiale come tutti pensano? Luca non riuscirà mai più a scrivere un romanzo? Carlo Baiocco merita tutta la fama e i consensi che raccoglie? Chi si nasconde dietro il misterioso ghost writer che si cela dietro il nome "Caffè Corretto"?

Caffè corretto

Gula Paola

Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime."

UN UOMO

Fallaci Oriana

Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

1960

Colombati Leonardo

In un paesino sperduto nel cuore di una sperduta regione, c'è un museo davvero strano: ogni notte, in una stanza buia al piano terra, succede qualcosa di molto, molto inquietante... Che fine fanno tutti i visitatori? E perché, nonostante i rumori, il vecchio custode continua a dormire tranquillo al piano di sopra, svegliandosi solo per ingoiare i ragni che gli camminano sul braccio? E chi è Ernst Fröhlicher, l'enigmatico dottore appena arrivato in paese con il suo inseparabile Labrador nero? Tra presenze sinistre, triangoli d'amore, suicidi, cannibalismo, personaggi grotteschi e situazioni al limite dell'assurdo, mostri e mostriciattoli, Il bizzarro museo degli orrori è un libro macabro, fantasioso, avvincente, divertentissimo, e vi terrà col fiato sospeso (e il sorriso sulle labbra) dalla prima all'ultima pagina. Quando la fantasia di Tim Burton incontra la narrativa gotica di Edgar Allan Poe nasce Dan Rhodes!

IL BIZZARRO MUSEO DEGLI ORRORI

Rhodes Dan