Letteratura femminile

La vagabonda

Colette

Descrizione: La storia della rinuncia del sesso maschile. Una giovane donna lascia il marito per scegliere una vita libera, avventurosa, dominata dalla ricerca del rapporto con le donne.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: ES

Collana: Biblioteca dell'eros

Anno: 1910

ISBN: 9788885357792

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Renata Nerè è donna e artista di Parigi. Lavora nei caffè-concerto e nei teatri della città. Una zingara da music hall, una ballerina all’Empyrée -Clichy, divisa tra uno spettacolo serale dopo l’altro e la sua solitudine fuori e dentro la scena.
Dopo il fallimento del suo matrimonio, la fine miserabile di un amore tradito e maltrattato Renata, poco più che trentenne, raccoglie i suoi resti per reinventarsi libera e riscattata.
Non è più disposta a concedersi se non sulla scena e apre le porte della propria casa al solo e unico amico e confidente di sempre, Hamond.
Renata recita la parte della donna affrancata dall’amore, per ritrovarsi però, puntualmente, fragile e patetica davanti allo specchio, spietato nel suo riflettere la disperata solitudine degli anni che passano.

“Eccomi qua dunque, tale quale sono! Non sfuggirò, questa sera, all’incontro con il lungo specchio, al soliloquio cento volte evitato, accettato, fuggito, ripreso e interrotto […]. Eccomi qua dunque, come sono! Sola, sola, e per la vita intera senza dubbio. Già, sola! È troppo presto. Ho passato, senza sentirmene umiliata, la trentina; perché questo viso, il mio, non ha valore che per l’espressione che lo anima, e il colore dello sguardo e il sorriso diffidente che vi appare, quello che Martinetti chiama la mia gaiezza volpina…Volpe senza malizia, […] volpe senza cupidigia, che non si ricorda che della trappola e della gabbia… […] Volpe stanca di aver ballato, prigioniera, al suono della musica…”

Sarà l’incontro con un suo appassionato ammiratore da prima fila, un trentenne ricco e annoiato, a rimettere in discussione la sua vita. Renata si ritrova, suo malgrado, arresa e innamorata tra le braccia del suo corteggiatore, nonostante i rimproveri a se stessa e i ricordi ancora vivi e dolorosi del suo primo amore.
Massimo Dufferein-Chautel è poco più che un pretesto nella storia, un monito a Renata e alle sue false convinzioni, un invito a lasciarsi andare a una delle tante tentazioni. Il giovane e ostinato seduttore, però, dovrà fare i conti con la feroce resistenza della donna.
Leggendo i pensieri di Renata è impossibile non pensare all’autrice, di cui la protagonista ne ricorda senza dubbio l’ironia dissacrante e il profondo senso di ribellione. Come Renata, Sidonie-Gabrielle Colette è stata, oltre che scrittrice e giornalista, attrice di music-hall (anche al Moulin Rouge), e un’artista eclettica spesso al centro di scandali e di relazioni sentimentali discusse e tormentate.

La vagabonda è un inno alla libertà femminile, all’anticonformismo e alla amore sconsiderato fuori da ogni canone o pregiudizio. Un viaggio di sola andata nella Parigi senza veli e antiborghese dei primi del Novecento, tra artisti improvvisati e decadenti, volti tristemente imbellettati e cagnette isteriche. Un dietro le quinte della vita e dei suoi fasti, un luogo che sa di cipria e di passato, dove gli specchi rimandano immagini ormai sbiadite del presente.
Amara e ironica, Colette ci insegna – senza indugi – la vita.

“Due abitudini mi hanno dato la forza di trattenere il pianto: quella di nascondere i miei pensieri e quella di tingere le ciglia con il rimmel…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Colette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’altare dei morti

James Henry

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

"Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Medea

Euripide