Letteratura femminile

La vagabonda

Colette

Descrizione: La storia della rinuncia del sesso maschile. Una giovane donna lascia il marito per scegliere una vita libera, avventurosa, dominata dalla ricerca del rapporto con le donne.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: ES

Collana: Biblioteca dell'eros

Anno: 1910

ISBN: 9788885357792

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Renata Nerè è donna e artista di Parigi. Lavora nei caffè-concerto e nei teatri della città. Una zingara da music hall, una ballerina all’Empyrée -Clichy, divisa tra uno spettacolo serale dopo l’altro e la sua solitudine fuori e dentro la scena.
Dopo il fallimento del suo matrimonio, la fine miserabile di un amore tradito e maltrattato Renata, poco più che trentenne, raccoglie i suoi resti per reinventarsi libera e riscattata.
Non è più disposta a concedersi se non sulla scena e apre le porte della propria casa al solo e unico amico e confidente di sempre, Hamond.
Renata recita la parte della donna affrancata dall’amore, per ritrovarsi però, puntualmente, fragile e patetica davanti allo specchio, spietato nel suo riflettere la disperata solitudine degli anni che passano.

“Eccomi qua dunque, tale quale sono! Non sfuggirò, questa sera, all’incontro con il lungo specchio, al soliloquio cento volte evitato, accettato, fuggito, ripreso e interrotto […]. Eccomi qua dunque, come sono! Sola, sola, e per la vita intera senza dubbio. Già, sola! È troppo presto. Ho passato, senza sentirmene umiliata, la trentina; perché questo viso, il mio, non ha valore che per l’espressione che lo anima, e il colore dello sguardo e il sorriso diffidente che vi appare, quello che Martinetti chiama la mia gaiezza volpina…Volpe senza malizia, […] volpe senza cupidigia, che non si ricorda che della trappola e della gabbia… […] Volpe stanca di aver ballato, prigioniera, al suono della musica…”

Sarà l’incontro con un suo appassionato ammiratore da prima fila, un trentenne ricco e annoiato, a rimettere in discussione la sua vita. Renata si ritrova, suo malgrado, arresa e innamorata tra le braccia del suo corteggiatore, nonostante i rimproveri a se stessa e i ricordi ancora vivi e dolorosi del suo primo amore.
Massimo Dufferein-Chautel è poco più che un pretesto nella storia, un monito a Renata e alle sue false convinzioni, un invito a lasciarsi andare a una delle tante tentazioni. Il giovane e ostinato seduttore, però, dovrà fare i conti con la feroce resistenza della donna.
Leggendo i pensieri di Renata è impossibile non pensare all’autrice, di cui la protagonista ne ricorda senza dubbio l’ironia dissacrante e il profondo senso di ribellione. Come Renata, Sidonie-Gabrielle Colette è stata, oltre che scrittrice e giornalista, attrice di music-hall (anche al Moulin Rouge), e un’artista eclettica spesso al centro di scandali e di relazioni sentimentali discusse e tormentate.

La vagabonda è un inno alla libertà femminile, all’anticonformismo e alla amore sconsiderato fuori da ogni canone o pregiudizio. Un viaggio di sola andata nella Parigi senza veli e antiborghese dei primi del Novecento, tra artisti improvvisati e decadenti, volti tristemente imbellettati e cagnette isteriche. Un dietro le quinte della vita e dei suoi fasti, un luogo che sa di cipria e di passato, dove gli specchi rimandano immagini ormai sbiadite del presente.
Amara e ironica, Colette ci insegna – senza indugi – la vita.

“Due abitudini mi hanno dato la forza di trattenere il pianto: quella di nascondere i miei pensieri e quella di tingere le ciglia con il rimmel…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Colette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

«Quello del musicista è un mestiere che si sceglie per passione, si potrebbe quasi dire che sia una missione: alla continua ricerca di una verità interpretativa, di una irraggiungibile perfezione». Nel suo nuovo libro, Riccardo Muti ci accompagna alla ricerca del mistero della musica attraverso otto lezioni che intrecciano la storia dell’arte dei suoni, la sua grande esperienza di direttore e i ricordi più intimi: i maestri che ha incontrato sulla sua strada; il sogno – realizzato – di creare un’orchestra di giovani musicisti italiani e un’Accademia dell’opera italiana in un Paese che spesso dimentica il ruolo dell’arte nella società. Poi l’inestinguibile passione che lo lega da sempre non solo ai grandissimi, Mozart e Verdi, ma anche ai compositori italiani a lungo dimenticati. Una riflessione affascinante alla scoperta della potenza della musica e dei segreti della partitura, che un gesto può trasformare in un’emozione capace di raggiungere il cuore di tutti.

Incontro con Riccardo Muti

Muti Riccardo

Quando si parla delle leggi razziali si pensa all’infamia subita dagli ebrei italiani costretti all’umiliazione e alla persecuzione, ma non si hanno sempre presenti le tante storie individuali di dolore, paura, tradimento, disperazione; alle migliaia di individui che hanno visto i loro destini deviare tragicamente da un corso tranquillo. La storia raccontata da Lia Levi nella Notte dell’oblio è una di queste “piccole” storie che hanno travolto la serena esistenza di una famiglia qualsiasi. I Vivanti sono una famiglia composta dal padre Giacomo, commerciante a Roma, dalla madre e dalle due figlie ancora bambine ai tempi delle leggi razziali. Giacomo è costretto a cedere il proprio negozio a un prestanome. Gli ebrei non possono più avere attività economiche e quindi i Vivanti cedono il loro negozio a un commesso che formalmente ne diventa il titolare. Scoppia la guerra e i Vivanti possono nascondersi nella zona dei Castelli romani grazie a un amico prete. Tra la paura dei rastrellamenti e delle delazioni e le vivaci e franche discussioni religiose tra il padre e il prete amico, la famiglia trascorre i primi anni di guerra fino al giorno in cui il capofamiglia va in città per una furtiva visita di controllo al negozio e non fa più ritorno. Qualcuno lo ha denunciato ed è stato deportato in un lager in cui troverà la morte. Il resto della famiglia continua, pur nel dolore per la scomparsa, la sua vita, prima nel nascondiglio fuori Roma dove le ragazze crescono tra prime amicizie e amori, mentre la madre tiene per sé il segreto del tradimento di cui è stato vittima il marito. Nel dopoguerra, con il ritorno della vita normale, la madre, pur non riuscendo a farsi restituire il negozio inventa una nuova attività che dà alla famiglia un po’ di agio. Ma il destino le giocherà uno scherzo tremendo. Una delle due ragazze s’innamorerà per caso del figlio del commesso che aveva tradito suo padre.

LA NOTTE DELL’OBLIO

"La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l'uno per l'altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori." (Khaled Hosseini)

E l’eco rispose

Hosseini Khaled