Letteratura femminile

La vagabonda

Colette

Descrizione: La storia della rinuncia del sesso maschile. Una giovane donna lascia il marito per scegliere una vita libera, avventurosa, dominata dalla ricerca del rapporto con le donne.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: ES

Collana: Biblioteca dell'eros

Anno: 1910

ISBN: 9788885357792

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Renata Nerè è donna e artista di Parigi. Lavora nei caffè-concerto e nei teatri della città. Una zingara da music hall, una ballerina all’Empyrée -Clichy, divisa tra uno spettacolo serale dopo l’altro e la sua solitudine fuori e dentro la scena.
Dopo il fallimento del suo matrimonio, la fine miserabile di un amore tradito e maltrattato Renata, poco più che trentenne, raccoglie i suoi resti per reinventarsi libera e riscattata.
Non è più disposta a concedersi se non sulla scena e apre le porte della propria casa al solo e unico amico e confidente di sempre, Hamond.
Renata recita la parte della donna affrancata dall’amore, per ritrovarsi però, puntualmente, fragile e patetica davanti allo specchio, spietato nel suo riflettere la disperata solitudine degli anni che passano.

“Eccomi qua dunque, tale quale sono! Non sfuggirò, questa sera, all’incontro con il lungo specchio, al soliloquio cento volte evitato, accettato, fuggito, ripreso e interrotto […]. Eccomi qua dunque, come sono! Sola, sola, e per la vita intera senza dubbio. Già, sola! È troppo presto. Ho passato, senza sentirmene umiliata, la trentina; perché questo viso, il mio, non ha valore che per l’espressione che lo anima, e il colore dello sguardo e il sorriso diffidente che vi appare, quello che Martinetti chiama la mia gaiezza volpina…Volpe senza malizia, […] volpe senza cupidigia, che non si ricorda che della trappola e della gabbia… […] Volpe stanca di aver ballato, prigioniera, al suono della musica…”

Sarà l’incontro con un suo appassionato ammiratore da prima fila, un trentenne ricco e annoiato, a rimettere in discussione la sua vita. Renata si ritrova, suo malgrado, arresa e innamorata tra le braccia del suo corteggiatore, nonostante i rimproveri a se stessa e i ricordi ancora vivi e dolorosi del suo primo amore.
Massimo Dufferein-Chautel è poco più che un pretesto nella storia, un monito a Renata e alle sue false convinzioni, un invito a lasciarsi andare a una delle tante tentazioni. Il giovane e ostinato seduttore, però, dovrà fare i conti con la feroce resistenza della donna.
Leggendo i pensieri di Renata è impossibile non pensare all’autrice, di cui la protagonista ne ricorda senza dubbio l’ironia dissacrante e il profondo senso di ribellione. Come Renata, Sidonie-Gabrielle Colette è stata, oltre che scrittrice e giornalista, attrice di music-hall (anche al Moulin Rouge), e un’artista eclettica spesso al centro di scandali e di relazioni sentimentali discusse e tormentate.

La vagabonda è un inno alla libertà femminile, all’anticonformismo e alla amore sconsiderato fuori da ogni canone o pregiudizio. Un viaggio di sola andata nella Parigi senza veli e antiborghese dei primi del Novecento, tra artisti improvvisati e decadenti, volti tristemente imbellettati e cagnette isteriche. Un dietro le quinte della vita e dei suoi fasti, un luogo che sa di cipria e di passato, dove gli specchi rimandano immagini ormai sbiadite del presente.
Amara e ironica, Colette ci insegna – senza indugi – la vita.

“Due abitudini mi hanno dato la forza di trattenere il pianto: quella di nascondere i miei pensieri e quella di tingere le ciglia con il rimmel…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Colette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

“Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse”Edipo e Narciso sono due personaggi centrali del teatro freudiano. Il figlio-Edipo è quello che conosce il conflitto con il padre. Il figlio-Narciso resta invece fissato sterilmente alla sua immagine. Abbiamo visto cosa significa l’egemonia del figlio-Narciso: dopo il tramonto dell’autorità simbolica del Nome del Padre, il mito dell’espansione fine a se stessa ha prodotto la tremenda crisi economica ed etica che attraversa l’Occidente. Le nuove generazioni appaiono sperdute tanto quanto i loro genitori. Questi non vogliono smettere di essere giovani, mentre i loro figli annaspano in un tempo senza orizzonte, soli, privi di adulti credibili. Esiste un al di là del figlio-Edipo e del figlio-Narciso? Telemaco, il figlio di Ulisse, attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano è qui una domanda inedita di padre, che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra. Nel nostro tempo nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno, e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede. Il suo è il compito che attende anche i nostri figli: come si diventa eredi giusti? E cosa davvero si eredita se un’eredità non è fatta né di geni né di beni, se non si eredita un regno?

Il complesso di Telemaco

Recalcati Massimo

Anime assassine. I casi dell’Ispettore Quetti

Diego Collaveri