Letteratura femminile

La vagabonda

Colette

Descrizione: La storia della rinuncia del sesso maschile. Una giovane donna lascia il marito per scegliere una vita libera, avventurosa, dominata dalla ricerca del rapporto con le donne.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: ES

Collana: Biblioteca dell'eros

Anno: 1910

ISBN: 9788885357792

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Renata Nerè è donna e artista di Parigi. Lavora nei caffè-concerto e nei teatri della città. Una zingara da music hall, una ballerina all’Empyrée -Clichy, divisa tra uno spettacolo serale dopo l’altro e la sua solitudine fuori e dentro la scena.
Dopo il fallimento del suo matrimonio, la fine miserabile di un amore tradito e maltrattato Renata, poco più che trentenne, raccoglie i suoi resti per reinventarsi libera e riscattata.
Non è più disposta a concedersi se non sulla scena e apre le porte della propria casa al solo e unico amico e confidente di sempre, Hamond.
Renata recita la parte della donna affrancata dall’amore, per ritrovarsi però, puntualmente, fragile e patetica davanti allo specchio, spietato nel suo riflettere la disperata solitudine degli anni che passano.

“Eccomi qua dunque, tale quale sono! Non sfuggirò, questa sera, all’incontro con il lungo specchio, al soliloquio cento volte evitato, accettato, fuggito, ripreso e interrotto […]. Eccomi qua dunque, come sono! Sola, sola, e per la vita intera senza dubbio. Già, sola! È troppo presto. Ho passato, senza sentirmene umiliata, la trentina; perché questo viso, il mio, non ha valore che per l’espressione che lo anima, e il colore dello sguardo e il sorriso diffidente che vi appare, quello che Martinetti chiama la mia gaiezza volpina…Volpe senza malizia, […] volpe senza cupidigia, che non si ricorda che della trappola e della gabbia… […] Volpe stanca di aver ballato, prigioniera, al suono della musica…”

Sarà l’incontro con un suo appassionato ammiratore da prima fila, un trentenne ricco e annoiato, a rimettere in discussione la sua vita. Renata si ritrova, suo malgrado, arresa e innamorata tra le braccia del suo corteggiatore, nonostante i rimproveri a se stessa e i ricordi ancora vivi e dolorosi del suo primo amore.
Massimo Dufferein-Chautel è poco più che un pretesto nella storia, un monito a Renata e alle sue false convinzioni, un invito a lasciarsi andare a una delle tante tentazioni. Il giovane e ostinato seduttore, però, dovrà fare i conti con la feroce resistenza della donna.
Leggendo i pensieri di Renata è impossibile non pensare all’autrice, di cui la protagonista ne ricorda senza dubbio l’ironia dissacrante e il profondo senso di ribellione. Come Renata, Sidonie-Gabrielle Colette è stata, oltre che scrittrice e giornalista, attrice di music-hall (anche al Moulin Rouge), e un’artista eclettica spesso al centro di scandali e di relazioni sentimentali discusse e tormentate.

La vagabonda è un inno alla libertà femminile, all’anticonformismo e alla amore sconsiderato fuori da ogni canone o pregiudizio. Un viaggio di sola andata nella Parigi senza veli e antiborghese dei primi del Novecento, tra artisti improvvisati e decadenti, volti tristemente imbellettati e cagnette isteriche. Un dietro le quinte della vita e dei suoi fasti, un luogo che sa di cipria e di passato, dove gli specchi rimandano immagini ormai sbiadite del presente.
Amara e ironica, Colette ci insegna – senza indugi – la vita.

“Due abitudini mi hanno dato la forza di trattenere il pianto: quella di nascondere i miei pensieri e quella di tingere le ciglia con il rimmel…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Colette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colette

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

Ci sono scrittrici che hanno fatto della propria vita una storia irripetibile. Dacia Maraini è tra queste, come racconta Concita De Gregorio che, con sguardo tanto intimo quanto acuto, riporta alla luce istantanee senza tempo: i genitori ribelli e coraggiosi Fosco e Topazia, gli amici Pasolini, Callas, Visconti, Moravia e le passioni - il femminismo, il teatro, i viaggi - che hanno abitato l’esistenza di Dacia.

Non chiedermi quando

De Gregorio Concita