Narrativa

Vagli a spiegare che è primavera

Cipolat Catherine

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il romanzo, finalista al torneo letterario “Io scrittore”, ha il pregio dell’immediatezza e di un lessico asciutto e talvolta crudo che, tuttavia, non spaventa il lettore, ma anzi sollecita la  voglia di continuare a leggere. Le pagine che si susseguono in un ritmo lento, quasi atemporale; eppure è il tempo, paradossalmente, ad essere protagonista e gli anni, dal 1946 al ’68 ed anche oltre, non sono più distinti. Passato e presente, inizio e fine convergono in un unico punto, nelle parole che affollano lo schermo di un pc, tra la tastiera e le dita di Alice Bravin, friulana DOC, amazzone e protagonista del romanzo.

Cominciare dalla fine: è questo il “difetto” di cui proprio non riesce a liberarsi Alice e non riesce a cambiare neanche in questo  tentativo di ripercorrere i suoi settanta anni di vita, perché comincia dalla fine appunto, concedendo all’impianto narrativo brevi ma intense parentesi sul passato.

Fortunatamente con gli anni mi sono ripulita parecchio, cercando di diventare una persona presentabile e accomodante. Una che s’adegua, che si piega e che si comporta bene“. Poche parole, ad apertura del romanzo, che riecheggeranno nella mente del lettore più attento mentre si renderà progressivamente conto di quanto siano ripetutamente sconfessate.

La storia è semplice. Sullo sfondo del ’68, a Parigi, tra la faccia paffuta di Marx e il manifesto dell’Internazionale, si intrecciano le vite di tre giovani, Jean, Louis e Alice, alla scoperta dell’amore, della ribellione prima, della repressione dopo. Al suono de “la carmagnole”, con l’eco di Tonio Kröger e dei Buddenbrok, Alice vivrà il conflitto generazionale con il padre, la condizione di  straniera/migrante e la perenne sensazione di vivere in un tempo senza consistenza.

La lotta contro il capitalismo e l’imperialismo legherà le vite dei tre giovani protagonisti e, insieme, le spezzerà.  Il trio si dissolverà: Jean  sceglierà la  via della lotta segreta, Louis quella di una tranquilla vita borghese e lei, Alice, si ritroverà estranea al presente, immersa nel passato e nei ricordi, “strati di abitudini, di piccoli successi, di conquiste inaspettate, di silenzi e di parole, di mondi che si incrociano“.

E un dubbio aleggia per il romanzo: ma il tempo, di chi è?

  

button acquista feltrinelli

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Catherine

Cipolat

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cipolat Catherine

Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.