Letteratura russa

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

mare-giovinezza

Dopo aver letto Каменная баба di Il’ia Boiashov (nella traduzione inglese, Stone Woman), ho deciso di tornare ai classici moderni con Andrei Platonov… è sembrato finalmente il tempo di leggere Ювенильное море (Il mare della giovinezza, pubblicato in Italia da E/O). Che meraviglioso e disorientante piacere è stato leggere Platonov: sarebbe valsa la pena leggerlo solo per i suoi ricoveri a forma di grande zucca.


Dove altro può un lettore trovare una storia di produzione – gli obiettivi includono incrementare la produzione del bestiame e trovare fonti alternative di produzione – scritta con un linguaggio variegato che intreccia  poesia con linguaggio sovietico e trasposizioni dal realismo socialista? Credo che la maggiore difficoltà nel leggere Platonov risieda nelle inusuali combinazioni di parole che impressionano a tal punto da dover leggere ogni riga due volte per comprenderne il significato letterale, quello figurativo, e quindi quello della storia nel suo complesso. Spesso due volte non è abbastanza: la scrittura di Platonov è così densa di

странение (che rendono strano) che quasi ogni cosa sembra un po’ fuori, inusuale o grottesca, rendendo la lettura un’esperienza piena. Anche la prefazione ad uno dei miei libri di Platonov inizia così “Кажется, мы уже никогда не узнаем, как читать Андрея Платонова.” – “Sembra che non saremo mai in grado di scoprire come leggere Andrei Platonov.” La chiave di lettura è andata persa nelle pieghe del tempo, spiega Valentin Kurbatov… una frase particolarmente azzeccata per Il mare della giovinezza.

 

 

Senza dubbio preferisco vie alternative e scorciatoie per trovare la chiave persa di lettura, perché non credo vi sia un modo univoco e corretto di leggere un libro di un determinato scrittore. Tutte quelle stratificazioni di parole e significati criptici sono il motivo per cui i lettori ostinati come me amano Platonov. Piuttosto che scrivere della trama, che potrebbe richiedere un mese o due, preferisco menzionare alcune delle stranezze e degli accadimenti che mi hanno coinvolto già dalle prime pagine, per poi elencare alcuni dei temi che sollevano.

Il mare della giovinezza inizia con un ingegnere ed elettricista, Nikolai Vermo, che attraversa a piedi la steppa nelle regioni a sud-est dell’Unione Sovietica, passando le proprie giornate uccidendo la noia nel pensare a se stesso come un macchinista, un pilota o un geologo. Si trova quindi alla casa di Adrian Umrishchev, direttore di una fattoria di stato per la produzione di carne; Vermo presenta dei documenti nei quali gli veniva ordinato di recarsi alla fattoria. Umrishchev sta leggendo un libro antico su Ivan il Terribile. A pagina tre del libro, Umrishchev riferisce di aver risolto una crisi di abitazioni mediante i sopraccitati ricoveri a forma di zucca. Parla poi di come fosse stato messo in una situazione inspiegabile dopo la smobilitazione dell’apparato sovietico. Vermo e Umrishchev parlano fino a notte.
Questa è la frase che indica l’arrivo del mattino: “
Ночь, теряя свой смысл, заканчивалась” – “La notte, perdendo il suo significato/scopo, stava finendo.”

Luce e oscurità. Sono appassita leggendo quella frase sulla notte, ed ho continuato a tornarci leggendo il libro: il sole come fonte di potere è un elemento chiave della storia, così come la lucentezza e l’elettricità sono tipici temi della propaganda sovietica e del realismo socialista, insieme ad altri significati metaforici della luce, così come l’illuminazione.

Il lato oscuro del Sotsrealism. Una terribile tristezza – che inizia con тоска (la chiamerei melanconia) nel cuore di Vermo nella seconda frase – traspira dal libro… insieme all’ottimismo dei personaggi di Platonov. Certamente c’è un gran numero di entusiasti lavoratori nel realismo socialista, ma non hanno in se questo tipo di toska. Vi sono così tanti ratti: i ratti passano sopra uno dei personaggi mentre dorme, anche se non se ne accorge. Si tratta di una stridente combinazione che rende la scrittura di Platonov così meravigliosamente contorta e stranamente reale.

La grande zucca. Le promesse di un brillante futuro tipiche dell’epoca sovietica, il comunismo e anche la incredibile produzione di carne stavano per materializzarsi nella Grande Zucca. La convinzione è alla base della mia attrazione verso le grandi zucche del libro: il mio primo pensiero è stato quello di chiedermi se queste zucche fossero veramente possibili. Mi sono poi ricordata che la vera realtà non è importante, perché stavo leggendo un’opera che corrompeva il realismo socialista, una saga e il suo linguaggio.

 

 

 

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Lizok’s Bookshelf: originale disponibile al link: http://lizoksbooks.blogspot.co.uk/2011/06/seeing-light-platonovs-juvenile-sea.html

 

 

{jcomments on}

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ci incontreremo come se non ci incontrassimo e ci separeremo come se non ci separassimo. Scritti di Ralph Waldo Emerson, pensatore americano, padre del trascendentalismo.

L’anima suprema. L’amore. L’amicizia. La politica

Emerson Ralph Waldo

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia

La pandemia che ha colpito il pianeta e i conseguenti lockdown hanno segnato in modo marcato la vita di molte persone. Per una certa categoria lavorativa, i musicanti della scena indipendente, è stato strano. Si sono trovati a suonare in una specie di gabbia, soli, ripresi dal telefonino. È stato un periodo duro, lontani dai palchi e dal pubblico, con dischi bloccati, spettacoli annullati e solo il web come vetrina. Un cambio radicale, anche se non del tutto nuovo. Nel senso che, da ormai un decennio o forse più, sembra essere il web a dettare le regole. Musica liquida, singoli a getto continuo invece dei vecchi buoni dischi. Spotify, YouTube, Facebook, Instagram, come nuovi padroni del vapore, canali obbligati, ma impoverenti da molti punti di vista. Proprio in questo periodo l'Alligatore, critico rock del web, ha voluto sentire alcuni di loro, musicanti indipendenti con i quali ha da anni una certa confidenza. Ne sono uscite chiacchierate a ruota libera, aneddoti, sfoghi, racconti di come passavano le giornate, tra figli da seguire, chat, dirette online... A fine libro una lunga intervista con Marino Severini dei Gang, che racconta cosa ha fatto in questo periodo. Il più grande degli indipendenti ha costruito il nuovo disco finanziandolo attraverso il crowdfunding, tra l'altro il più ricco crowdfunding della musica italiana di sempre. Segno che quando c'è qualcosa di autentico, genuino, si riescono a raggiungere traguardi importanti. Si riesce a usare il web e non a esserne usati.

Giovani, musicanti e disoccupati

Alligatore Diego

La guarigione, attraverso l'iniziazione sessuale, di un adolescente che non riesce a trovare un equilibrio tra sé e la realtà circostante.

La disubbidienza

Moravia Alberto