Letteratura russa

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

mare-giovinezza

Dopo aver letto Каменная баба di Il’ia Boiashov (nella traduzione inglese, Stone Woman), ho deciso di tornare ai classici moderni con Andrei Platonov… è sembrato finalmente il tempo di leggere Ювенильное море (Il mare della giovinezza, pubblicato in Italia da E/O). Che meraviglioso e disorientante piacere è stato leggere Platonov: sarebbe valsa la pena leggerlo solo per i suoi ricoveri a forma di grande zucca.


Dove altro può un lettore trovare una storia di produzione – gli obiettivi includono incrementare la produzione del bestiame e trovare fonti alternative di produzione – scritta con un linguaggio variegato che intreccia  poesia con linguaggio sovietico e trasposizioni dal realismo socialista? Credo che la maggiore difficoltà nel leggere Platonov risieda nelle inusuali combinazioni di parole che impressionano a tal punto da dover leggere ogni riga due volte per comprenderne il significato letterale, quello figurativo, e quindi quello della storia nel suo complesso. Spesso due volte non è abbastanza: la scrittura di Platonov è così densa di

странение (che rendono strano) che quasi ogni cosa sembra un po’ fuori, inusuale o grottesca, rendendo la lettura un’esperienza piena. Anche la prefazione ad uno dei miei libri di Platonov inizia così “Кажется, мы уже никогда не узнаем, как читать Андрея Платонова.” – “Sembra che non saremo mai in grado di scoprire come leggere Andrei Platonov.” La chiave di lettura è andata persa nelle pieghe del tempo, spiega Valentin Kurbatov… una frase particolarmente azzeccata per Il mare della giovinezza.

 

 

Senza dubbio preferisco vie alternative e scorciatoie per trovare la chiave persa di lettura, perché non credo vi sia un modo univoco e corretto di leggere un libro di un determinato scrittore. Tutte quelle stratificazioni di parole e significati criptici sono il motivo per cui i lettori ostinati come me amano Platonov. Piuttosto che scrivere della trama, che potrebbe richiedere un mese o due, preferisco menzionare alcune delle stranezze e degli accadimenti che mi hanno coinvolto già dalle prime pagine, per poi elencare alcuni dei temi che sollevano.

Il mare della giovinezza inizia con un ingegnere ed elettricista, Nikolai Vermo, che attraversa a piedi la steppa nelle regioni a sud-est dell’Unione Sovietica, passando le proprie giornate uccidendo la noia nel pensare a se stesso come un macchinista, un pilota o un geologo. Si trova quindi alla casa di Adrian Umrishchev, direttore di una fattoria di stato per la produzione di carne; Vermo presenta dei documenti nei quali gli veniva ordinato di recarsi alla fattoria. Umrishchev sta leggendo un libro antico su Ivan il Terribile. A pagina tre del libro, Umrishchev riferisce di aver risolto una crisi di abitazioni mediante i sopraccitati ricoveri a forma di zucca. Parla poi di come fosse stato messo in una situazione inspiegabile dopo la smobilitazione dell’apparato sovietico. Vermo e Umrishchev parlano fino a notte.
Questa è la frase che indica l’arrivo del mattino: “
Ночь, теряя свой смысл, заканчивалась” – “La notte, perdendo il suo significato/scopo, stava finendo.”

Luce e oscurità. Sono appassita leggendo quella frase sulla notte, ed ho continuato a tornarci leggendo il libro: il sole come fonte di potere è un elemento chiave della storia, così come la lucentezza e l’elettricità sono tipici temi della propaganda sovietica e del realismo socialista, insieme ad altri significati metaforici della luce, così come l’illuminazione.

Il lato oscuro del Sotsrealism. Una terribile tristezza – che inizia con тоска (la chiamerei melanconia) nel cuore di Vermo nella seconda frase – traspira dal libro… insieme all’ottimismo dei personaggi di Platonov. Certamente c’è un gran numero di entusiasti lavoratori nel realismo socialista, ma non hanno in se questo tipo di toska. Vi sono così tanti ratti: i ratti passano sopra uno dei personaggi mentre dorme, anche se non se ne accorge. Si tratta di una stridente combinazione che rende la scrittura di Platonov così meravigliosamente contorta e stranamente reale.

La grande zucca. Le promesse di un brillante futuro tipiche dell’epoca sovietica, il comunismo e anche la incredibile produzione di carne stavano per materializzarsi nella Grande Zucca. La convinzione è alla base della mia attrazione verso le grandi zucche del libro: il mio primo pensiero è stato quello di chiedermi se queste zucche fossero veramente possibili. Mi sono poi ricordata che la vera realtà non è importante, perché stavo leggendo un’opera che corrompeva il realismo socialista, una saga e il suo linguaggio.

 

 

 

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Lizok’s Bookshelf: originale disponibile al link: http://lizoksbooks.blogspot.co.uk/2011/06/seeing-light-platonovs-juvenile-sea.html

 

 

{jcomments on}

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Bartleby lo scrivano

In un meraviglioso borgo di mare, dove la bellezza della natura e delle atmosfere del passato non è spenta dalla modernità, giunge Emma. Eva F Dewalker, un’amica di famiglia recentemente scomparsa, le ha lasciato ogni suo avere, a una condizione: che Emma esegua alcune sue volontà. Seguendo le istruzioni contenute negli scritti di Eva e le rivelazioni di un manoscritto ancora inedito, Emma comprenderà il proprio bisogno di cambiamento e scoprirà il seducente mistero che rende magica la spiaggia, sulle tracce del Comandante, leggendario uomo di mare e pittore, che “sapeva dipingere il colore degli istanti” e che ha lasciato al mondo qualcosa di eterno. In un villaggio di riviera in cui ognuno può rivedere il suo mare del cuore, sulla veranda dello stabilimento balneare di Gian e sulla spiaggia, si incontrano la videomaker Emma, la sua ospite Deiva, la bionda traduttrice Aileen, il nuovo medico del paese Radu, il documentarista giramondo Sandro e altri ancora. Una commedia sentimentale romantica, briosa e toccante, sulla magia e sulla forza implacabile dei desideri e dell’amore, al di là del tempo e dello spazio, e persino oltre i confini della vita terrena. Even in English.

Sabbia

Dewalker F Eva

Madame Bovary, apparso a puntare sulla "Revue de Paris" nel 1856 e integralmente un anno dopo, incontrò subito un grande successo di pubblico - dovuto anche al clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto -, imponendosi all'attenzione della critica come il capolavoro assoluto del romanzo moderno. Incentrato sulla superba figura di Madame Bovary - donna inquieta, insoddisfatta, simbolo di un'insanabile frustrazione sentimentale e sociale - e giocato su un antiromanticismo ideologico e formale di fondo, Madame Bovary, come ha scritto Vladimir Nabokov, "dal punto di vista stilistico è prosa che fa ciò che si suppone faccia la poesia. Senza Flaubert non ci sarebbe stato Marcel Proust in Francia, né un James Joyce in Irlanda. In Russia, Cechov non sarebbe stato Checov".

Madame Bovary

Flaubert Gustave

In questo lavoro l'Autore racconta gli anni Ottanta, una stagione magica per la boxe. Un decennio segnato dalle imprese di Marvin Hagler. Protagonista di mitiche sfide con Thomas Hearns, Roberto Duran, John Mugabi, Ray Leonard. Erano gli anni in cui un italiano, il pugliese Vito Antuofermo, riusciva a conquistare il titolo dei medi e Mike Tyson diventava il più giovane campione del mondo nella storia dei massimi. Torromeo ho visto tre indimenticabili riprese tra Hagler ed Hearns, assistito al tragico balletto di Trevor Berbick, messo ko da Mike Tyson. Era a bordo ring quando Hagler ha sofferto contro Juan Domingo Roldan, ma poi l´ha distrutto come solo lui sapeva fare. La battaglia di Marvin contro John Mugabi l´ha guardata davanti alla tv. In quei giorni era a Sanremo prima, e a Montecarlo poi, per raccontare il vittorioso assalto di Patrizio Oliva al mondiale dei superleggeri. Ospite di Roberto Duran nella sua casa di Miami, ho passeggiato nell´inferno di Brownsville, a Brooklyn, dove Mike Tyson è nato. Ha viaggiato con Ray Boom Boom Mancini dopo la tragedia della morte di Duk Koo Kim. Ha parlato con Thomas Hearns nello scenario di una Detroit in piena crisi economica. L'Autore racconto i magici anni Ottanta. La linea guida è la rincorsa di Marvin Hagler e Sugar Ray Leonard verso la grande sfida. Un match, datato 6 aprile 1987, che ha saputo conservare intatto negli anni un alone di mistero. Il libro svela vicende e segreti di quel periodo indimenticabile, quando la boxe era una cosa seria.

Meraviglioso

Torromeo Dario