Letteratura russa

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

mare-giovinezza

Dopo aver letto Каменная баба di Il’ia Boiashov (nella traduzione inglese, Stone Woman), ho deciso di tornare ai classici moderni con Andrei Platonov… è sembrato finalmente il tempo di leggere Ювенильное море (Il mare della giovinezza, pubblicato in Italia da E/O). Che meraviglioso e disorientante piacere è stato leggere Platonov: sarebbe valsa la pena leggerlo solo per i suoi ricoveri a forma di grande zucca.


Dove altro può un lettore trovare una storia di produzione – gli obiettivi includono incrementare la produzione del bestiame e trovare fonti alternative di produzione – scritta con un linguaggio variegato che intreccia  poesia con linguaggio sovietico e trasposizioni dal realismo socialista? Credo che la maggiore difficoltà nel leggere Platonov risieda nelle inusuali combinazioni di parole che impressionano a tal punto da dover leggere ogni riga due volte per comprenderne il significato letterale, quello figurativo, e quindi quello della storia nel suo complesso. Spesso due volte non è abbastanza: la scrittura di Platonov è così densa di

странение (che rendono strano) che quasi ogni cosa sembra un po’ fuori, inusuale o grottesca, rendendo la lettura un’esperienza piena. Anche la prefazione ad uno dei miei libri di Platonov inizia così “Кажется, мы уже никогда не узнаем, как читать Андрея Платонова.” – “Sembra che non saremo mai in grado di scoprire come leggere Andrei Platonov.” La chiave di lettura è andata persa nelle pieghe del tempo, spiega Valentin Kurbatov… una frase particolarmente azzeccata per Il mare della giovinezza.

 

 

Senza dubbio preferisco vie alternative e scorciatoie per trovare la chiave persa di lettura, perché non credo vi sia un modo univoco e corretto di leggere un libro di un determinato scrittore. Tutte quelle stratificazioni di parole e significati criptici sono il motivo per cui i lettori ostinati come me amano Platonov. Piuttosto che scrivere della trama, che potrebbe richiedere un mese o due, preferisco menzionare alcune delle stranezze e degli accadimenti che mi hanno coinvolto già dalle prime pagine, per poi elencare alcuni dei temi che sollevano.

Il mare della giovinezza inizia con un ingegnere ed elettricista, Nikolai Vermo, che attraversa a piedi la steppa nelle regioni a sud-est dell’Unione Sovietica, passando le proprie giornate uccidendo la noia nel pensare a se stesso come un macchinista, un pilota o un geologo. Si trova quindi alla casa di Adrian Umrishchev, direttore di una fattoria di stato per la produzione di carne; Vermo presenta dei documenti nei quali gli veniva ordinato di recarsi alla fattoria. Umrishchev sta leggendo un libro antico su Ivan il Terribile. A pagina tre del libro, Umrishchev riferisce di aver risolto una crisi di abitazioni mediante i sopraccitati ricoveri a forma di zucca. Parla poi di come fosse stato messo in una situazione inspiegabile dopo la smobilitazione dell’apparato sovietico. Vermo e Umrishchev parlano fino a notte.
Questa è la frase che indica l’arrivo del mattino: “
Ночь, теряя свой смысл, заканчивалась” – “La notte, perdendo il suo significato/scopo, stava finendo.”

Luce e oscurità. Sono appassita leggendo quella frase sulla notte, ed ho continuato a tornarci leggendo il libro: il sole come fonte di potere è un elemento chiave della storia, così come la lucentezza e l’elettricità sono tipici temi della propaganda sovietica e del realismo socialista, insieme ad altri significati metaforici della luce, così come l’illuminazione.

Il lato oscuro del Sotsrealism. Una terribile tristezza – che inizia con тоска (la chiamerei melanconia) nel cuore di Vermo nella seconda frase – traspira dal libro… insieme all’ottimismo dei personaggi di Platonov. Certamente c’è un gran numero di entusiasti lavoratori nel realismo socialista, ma non hanno in se questo tipo di toska. Vi sono così tanti ratti: i ratti passano sopra uno dei personaggi mentre dorme, anche se non se ne accorge. Si tratta di una stridente combinazione che rende la scrittura di Platonov così meravigliosamente contorta e stranamente reale.

La grande zucca. Le promesse di un brillante futuro tipiche dell’epoca sovietica, il comunismo e anche la incredibile produzione di carne stavano per materializzarsi nella Grande Zucca. La convinzione è alla base della mia attrazione verso le grandi zucche del libro: il mio primo pensiero è stato quello di chiedermi se queste zucche fossero veramente possibili. Mi sono poi ricordata che la vera realtà non è importante, perché stavo leggendo un’opera che corrompeva il realismo socialista, una saga e il suo linguaggio.

 

 

 

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Lizok’s Bookshelf: originale disponibile al link: http://lizoksbooks.blogspot.co.uk/2011/06/seeing-light-platonovs-juvenile-sea.html

 

 

{jcomments on}

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Avremo mai il coraggio di essere noi stessi? Si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.

Splendore

Mazzantini Margaret

Due poesie di Szymborska Wislawa

La vita sonnolenta di un’isola in mezzo al mare viene turbata dalla scomparsa di Cecilia, diciassette anni, bruna, florida, allegra e senza fantasie, poi ritrovata morta in fondo a un pozzo. Suo padre, grande e grosso come una specie di orco da fiaba, gestisce il negozio di alimentari in alto sulla collina. Improvvisamente tutta l’isola vibra di eccitazione e di curiosità. Un’aria di suspense si addensa a poco a poco. Uno straniero sbarca dalla nave con una valigia in mano e uno strano cappello calato sugli occhi, quasi non volesse farsi riconoscere. Una vecchia racconta di avere udito al calare della sera un grido moribondo, non si sa se umano o animale. Un bambino dice di aver visto un’ombra seguire la ragazza su per la ripida salita verso il paese alto. Un paio di scarpe di vernice nera col tacco fanno il giro del paese non per ordine di un Principe Azzurro ma nelle mani di un giovane e inesperto carabiniere.

L’ETA’ DELL’ARGENTO

Bompiani Ginevra

Quella di Rick è stata una carriera sportiva giocata sotto il segno della mediocrità. Ma quando gli si presenta l'occasione di entrare in campo con la propria squadra in netto vantaggio, riesce a far perdere la partita e a guadagnarsi il licenziamento in tronco. Il suo agente gli troverà un'unica, insolita, seconda occasione: i Parma Panthers. Rick partirà, consapevole di non avere altra scelta, ma ignaro degli incredibili risvolti (e degli esilaranti equivoci) che il nuovo ingaggio riserverà non solo alla sua carriera. L'Audiobook di Grisham esce in libreria in contemporanea con l'edizione cartacea.

Il professionista

Grisham John