Narrativa

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Descrizione: Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2015

ISBN: 9788866326038

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

L’amore che unisce, l’amore che divide. Una storia vecchia quanto il mondo.

Schmitt la racconta attraverso le esperienze di quattro adolescenti, Julia, Anouchka, Colombe e Raphaelle, che frequentano il liceo Marivaux e sono amiche per la pelle, di quelle che si confidano ogni segreto e condividono ogni dispiacere.

Sono i loro diari a farcele conoscere, svelando le più intime paure.

A sedici anni, si sa, si vive nell’assoluto, non si è ancora capaci di riconoscere e apprezzare le sfumature. Ogni affetto si trasforma in passione pura e ogni passione è condotta all’estremo. Bello, bellissimo… ma pericoloso.

Ecco perché l’adolescenza è meravigliosamente tragica: tutte le certezze che essa costruisce sono inesorabilmente destinate a sgretolarsi, a poco a poco o anche con la violenza di un uragano.

Così il tono delle confessioni, all’inizio molto leggero, s’incupisce progressivamente per portare allo scoperto la contraddittorietà che è sempre insita nei rapporti umani, creando un brusco e sorprendente cambio di prospettiva che rappresenta la nota migliore del testo.

Probabilmente la struttura e il registro scelti dall’autore sono da intendersi solo quale pretesto, quale mero espediente narrativo: le pagine dei diari sono uniformate, troppo consapevoli e mature. Non si notano particolarità nel modo di esprimersi delle ragazze né c’è alcun approfondimento psicologico. Semplicemente Schmitt decide di descrivere i fatti usando quattro voci che però formano un coro e cantano la stessa melodia, trasmettendo un unico messaggio malinconico e amaro.

Il risultato? Una lettura gradevolmente drammatica.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Schmitt

Eric-emmanuel

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eric-Emmanuel Schmitt


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella

Giovane e romantico ufficiale, da poco inurbato a Trieste, Alfonso Nitti divide le sue giornate fra la monotonia del lavoro d'ufficio e una squallida camera d'affitto, compensando le frustrazioni della routine quotidiana con l'inquieta dolcezza della fantasia, popolata di sogni di grandezza e di rivalsa. Ma quando, insperata, gli si presenta l'occasione di rovesciare la propria sorte conquistando l'amore della ricca Annette Maller, egli si mostra incapace di sfruttare tempestivamente il successo, esitante di fronte a una scelta che nell'intimo lo sconcerta. Dilaziona i tempi, torna al paese nativo in una vana ricerca della propria autenticità, creando, con la sua stessa lontananza, le premesse dello scacco che lo condurrà al suicidio.

Una vita

Svevo Italo

Il professor David Lurie è allontanato dalla sua professione per aver sedotto una studentessa. Rifugiatosi in campagna dalla figlia, deve affrontare la violenza carnale che tre uomini esercitano sulla ragazza e il pericoloso prezzo che i bianchi devono pagare in cambio del diritto alla terra. Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena la trasformazione del Sud Africa post-apartheid: un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.

Vergogna

Coetzee John Maxwell

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael