Narrativa

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Descrizione: Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2015

ISBN: 9788866326038

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

L’amore che unisce, l’amore che divide. Una storia vecchia quanto il mondo.

Schmitt la racconta attraverso le esperienze di quattro adolescenti, Julia, Anouchka, Colombe e Raphaelle, che frequentano il liceo Marivaux e sono amiche per la pelle, di quelle che si confidano ogni segreto e condividono ogni dispiacere.

Sono i loro diari a farcele conoscere, svelando le più intime paure.

A sedici anni, si sa, si vive nell’assoluto, non si è ancora capaci di riconoscere e apprezzare le sfumature. Ogni affetto si trasforma in passione pura e ogni passione è condotta all’estremo. Bello, bellissimo… ma pericoloso.

Ecco perché l’adolescenza è meravigliosamente tragica: tutte le certezze che essa costruisce sono inesorabilmente destinate a sgretolarsi, a poco a poco o anche con la violenza di un uragano.

Così il tono delle confessioni, all’inizio molto leggero, s’incupisce progressivamente per portare allo scoperto la contraddittorietà che è sempre insita nei rapporti umani, creando un brusco e sorprendente cambio di prospettiva che rappresenta la nota migliore del testo.

Probabilmente la struttura e il registro scelti dall’autore sono da intendersi solo quale pretesto, quale mero espediente narrativo: le pagine dei diari sono uniformate, troppo consapevoli e mature. Non si notano particolarità nel modo di esprimersi delle ragazze né c’è alcun approfondimento psicologico. Semplicemente Schmitt decide di descrivere i fatti usando quattro voci che però formano un coro e cantano la stessa melodia, trasmettendo un unico messaggio malinconico e amaro.

Il risultato? Una lettura gradevolmente drammatica.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Schmitt

Eric-emmanuel

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eric-Emmanuel Schmitt

Nella casa di Pintor, Ruth, Noemi, Ester, discendenti da una famiglia nobile andata in rovina, il servo Efix con grande fatica riesce a conservare il decoro, coltivando l'ultimo podere rimasto. In passato una quarta sorella, Lia, era fuggita in continente e Efix era stato involontariamente causa della morte del padre che cercava di fermarla. Morta anche Lia, torna alla casa materna Giacinto, suo figlio, un giovane dissoluto che manda in rovina le zie. Noemi, legata da un ambiguo sentimento al nipote, rifiuta le nozze con don Predu a cui era stato venduto il podere. Efix che si era allontanato dalla casa da lui creduta maledetta per sua colpa, vi fa ritorno e muore il giorno stesso delle nozze tra Noemi e don Predu, avendo ritrovato la pace.

Canne al vento

Deledda Grazia

Maurizio ha dieci anni e non vede l'ora che comincino le vacanze. Per lui l'estate significa stare dai nonni a Crabas: lì ogni anno ritrova Franco e Giulio, fratelli di biglie, di ginocchia sbucciate e caccia alle libellule, e domina con loro un piccolo universo retto da legami che sembrano destinati a durare per sempre. Ma nell'estate del 1986 qualcosa di imprevedibile incrinerà la loro infanzia e mostrerà a tutti, adulti e ragazzi, quanto possa essere fragile il granito delle identità collettive. Basta un prete venuto da fuori a fondare una nuova parrocchia per portare una scintilla di fanatico antagonismo dove prima c'erano solo fratellanze. In quella crepa della comunità l'estraneo può assumere qualunque volto, persino i capelli rossi di un inseparabile compagno di giochi. In questo racconto insieme comico e profondo, la penna inconfondibile di Michela Murgia ci regala una storia di formazione in cui il protagonista scopre - insieme al lettore - cosa significa dire "oi". "Non era un pronome come negli altri posti, ma la cittadinanza di una patria tacita dove tutto il tempo si declinava così, al presente plurale".

L’incontro

Murgia Michela

Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

RINASCIMENTO PRIVATO

Bellonci Maria